Cerca

Juventus-Bologna Primavera 1: Rocchi e Pagliuca illudono i rossoblù, poi Da Graca mette le cose a posto nel finale

Juventus-Bologna Primavera 1: Rocchi e Pagliuca illudono i rossoblù, poi Da Graca mette le cose a posto nel finale
Partita scoppiettante al Campo “Ale e Ricky” di Vinovo fra Juventus e Bologna, in cui le 2 squadre si sono spartite la partita a metà: il primo tempo ai rossoblù in vantaggio grazie alle 2 reti di Rocchi e Pagliuca e la ripresa invece di marca bianconera con il pareggio firmato dall’immenso Cosimo Da Graca. Si interrompe quindi il magic moment del Bologna che dopo la vittoria netta contro l’Empoli per 4-0 rimediata nell’ultimo weekend va anche ad impattare proprio nel finale sul difficilissimo campo della Juventus, dopo una partita passata avanti nel punteggi per 80 minuti abbondanti. La Juve, seconda in classifica dietro alla Roma anche se ora superata dall’Inter, non era di certo un avversario facile per gli undici di Zauri, che inaspettatamente passano sul sintetico bianconero grazie a 2 guizzi di Rocchi e Pagliuca. Fantastici gli attaccanti emiliani nello sfruttare al meglio le uniche proiezioni offensive dalla squadra nella prima frazione. La Juventus concede troppo dietro e davanti paga il turnover di Da Graca, concedendo quindi un tempo che si rivelerà decisivo nel bilancio della sfida: forse con altre scelte i piemontesi avrebbero potuto battere senza patemi la formazione felsinea. Parte subito forte il Bologna, ordinato e cinico nel suo 4-3-3. Luciano Zauri propone il tridente per scardinare il pacchetto difensivo di casa. La mossa si rivelerà quella giusta, almeno fino al recupero. Il tecnico emiliano infatti propone a Vinovo un funambolico terzetto d’attacco composto da Musa Juwara, Mattia Pagliuca e Matias Rocchi, tutto volto a colpire sfruttando la grande velocità dei suoi interpreti. Ed è proprio Rocchi a portare in apertura in vantaggio i suoi alla prima occasione utile sfruttando al meglio l’incertezza dell’intera retroguardia bianconera che non allontana il pallone e favorisce un flipper in piena area: solo il senso del gol di Rocchi lo risolve, grazie al suo destro poderoso che gli regala anche il quinto sigillo stagionale. Però grande incertezza della retroguardia locale, rea di aver avuto poca lucidità nella fase di disimpegno. Bologna che passa, ci crede e rischia addirittura poco dopo il raddoppio sempre sfondando sulla destra grazie alle scorribande di Rocchi: il cross però arriva a Pagliuca che spara troppo alto. I padroni di casa non ci stanno e provano a guadagnare metri per mettere alle strette i rossoblù ma il gran lavoro in mediana di Barrenechea e Miretti frutta solo una buona punizione calciata alta da quest’ultimo e un clamoroso palo di Soulé dal limite dell’area, poi terminato sui piedi di Turicchia che in corsa e tutto solo manda nel parcheggio dello stadio. Così verso la mezz’ora ecco il Bologna colpire ancora in maniera iper-cinica con Pagliuca, che raccoglie un’altra dormita colossale della retroguardia bianconera e ringrazia spedendo alle spalle di Garofani per il raddoppio bolognese. Il tempo restante prima del tè caldo vede la Juve impostare senza mai trovare l’imbucata vincente. Nel secondo tempo per cercare di risolvere le cose Bonatti manda nella mischia bomber Da Graca al posto di Bonetti per passare al 4-2-4. Una formazione iper-offensiva come richiede il caso. Il doppio svantaggio infatti necessita di una rete subito al rientro per essere colmato, magari favorita dagli uno-contro-uno che si dovrebbero a creare sul fronte offensivo bianconero con l’aggiunta di un giocatore offensivo in più. Il Bologna invece è ben consapevole di dover resistere alle cariche bianconere e rimane tutto dietro la linea della palla. In apertura subito brividi con la traversa colpita da Soulé che salva ancora una volta Molla. La Juve però continua a macinare gioco e, una volta trovato il giusto assetto con gli inserimenti di Leo e Ntenda, accorcia le distanze con il solito Cosimo Da Graca, nella circostanza letale a fulminare Molla con un preciso fendente ad incrociare appena entrato in area. Il gol non scompone però la formazione ospite che rimane compatta anche grazie all’apporto in termini di corsa di Vergani, subentrato ad un altalenante Juwara. Per il 10 bolognese poco spazio per mettersi in luce. La Juventus sfiora ancora il gol con Sekulov al 67’, quando si imbuca in piena area ma viene murato tempestivamente da una grande uscita di Molla. A 10 minuti dalla fine Soulé pesca Da Graca in piena area ma l’incornata dell’attaccante bianconero non è precisa e termina sul fondo. Sono gli ultimi singhiozzi della gara, una gara gestita bene dal Bologna fino al 2-1, quando poi ha ceduto il passo nell’ultima mezz’ora e all’assalto dei padroni di casa. E proprio nel finale quando il Bologna già si pregustava la clamorosa impresa ecco Da Graca e Ntenda mobilitare letteralmente l’intero attacco bianconero con dei continui spunti disperati. Il Bologna prova a resistere stoicamente per conquista lo scalpo della Vecchia Signora ma proprio in pieno recupero deve fare i conti ancora con Da Graca, l’uomo simbolo di questa Juventus, che imbeccato da un passaggio chirurgico di Miretti porta il pari evitando un’altra sconfitta alla Juventus dopo quella rimediata contro la Sampdoria la settimana scorsa.

IL TABELLINO

JUVENTUS- BOLOGNA 2-2 RETI: 8’ Rocchi (B), 28’ Pagliuca (B), 14’ st Da Graca (J), 46’ st Da Graca (J). JUVENTUS (4-2-3-1): Garofani, Mulazzi (13’ st Leo), Turicchia (13’ st Ntenda), Barrenechea (13' st Omic), De Winter, Fumanò (22’ st Nzouango), Sekulov, Miretti, Cerri, Soulè, Bonetti (1’ st Da Graca). A disp. Senko, Verducci, Pisapia, Iling-Junior, Cotter, Galante, Sekularac. All. Bonatti. BOLOGNA (4-3-3): Molla, Arnofoli, Montebugnoli, Milani, Grieco, Khailoti (30’ st Cossalter), Viviani, Farinelli, Pagliuca (30’ st Roma), Juwara (18’ st Vergani), Rocchi (40’ st Annan). A disp. Prisco, Montolese, Maresca, Cavina, Pietrelli A., Paananen, Di Dio, Fabretti. All. Zauri. ARBITRO: Nicolò Marini di Trieste 6 Gestisce bene la gara, rimanendo lucido nelle decisione più difficili soprattuto negli episodi avvenuti in area di rigore. AMMONITO: 8′ Grieco 8 (B), 24′ Sekulov (J), 35′ Milani (B), 54′ Barrenechea (J), 93′ Viviani (B).

PAGELLE

JUVENTUS Garofani 6 Non può fare molto in occasione della prima rete, in occasione del secondo gol invece sembrerebbe in ritardo nello sdraiarsi. Una semplice giornata sfortunata. Mulazzi 5.5 Si propone con continuità sulla corsia di destra: meglio l’impostazione che la fase di non possesso, in difesa a volte concede qualche metro al dirimpettaio (13’ st Leo sv). Turicchia 5.5 Spinge bene sulla corsia di sinistra ma manca l’occasionissima col portiere a terra quando Soulé centra il palo e gli offre un assist involontario (13’ st Ntenda sv). Barrenechea 6.5 Recupera tantissimi palloni sulla mediana e gioca sempre con una personalità fuori dal comune, dà la giusta carica ai compagni nel momento più difficile (13' st Omic sv). De Winter 5 In entrambe le occasioni dei gol non sembra guidare al meglio il reparto arretrato, agevolando così il compito degli attaccanti emiliani. Fumanò 5 Stesso discorso del compagno, l’intero reparto ha sulla coscienza 2 gol clamorosi che hanno complicato enormemente le cose alla squadra (22’ st Nzouango sv). Sekulov 6 Non ancora al meglio, ma almeno recupera tantissimi palloni e offre una copertura importante ai compagni: potrebbe dare molto di più. Miretti 7 Sfiora il gol su punizione, mette dentro dei palloni interessanti e lotta nel mezzo per dare quella giusta “garra” che non guasta mai per un centrocampista. Nel finale trova l’imbucata per Da Graca, grande assist. Cerri 6 Si vede poco, i compagni fanno un buon possesso ma non riescono mai a metterlo nella posizione idonea per andare al gol. Ha poche occasioni ma buono qualche movimento. Soulè 6.5 Poteva gestire meglio alcune situazioni: in chiusura di primo tempo avrebbe potuto accorciare ma liscia un buon pallone transitato nella sua zona, poi un palo e una traversa, sfortunato. Bonetti 5.5 Si è visto poco nella prima frazione, non riesce mai a trovare spunti interessanti per aprire la cerniera difensiva bolognese, da salvare comunque l’apporto chilometrico. 1’ st Da Graca 7.5 Entra e tempo un quarto d’ora accorcia subito le distanze con un preciso diagonale mancino: imprendibile e nel finale porta il pari con un bolide che lo porta anche sul trono dei bomber. All. Andrea Bonatti 6 La Juventus gestisce bene l’iniziativa e il possesso palla, soprattuto impostando da dietro fino alla trequarti, ma pecca di lucidità in fase di finalizzazione e regala due svarioni difensivi che complicano enormemente la partita. Forse serviva Da Graca dall’inizio. BOLOGNA Molla 7 Molto fortunato sul palo e sulla traversa, però c’è sempre quando occorre e nelle prese aeree è sempre sicuro e concentrato: nel secondo miracolo su Sekulov. Arnofoli 6 Mette dentro la palla che vale il primo vantaggio e per il resto continua a chiudere bene tutte le discese di Sekulov nella sua zona, prova di grande spessore. Montebugnoli 6.5 Grande lavoro sulla sinistra, con tanti contrasti visti e un’ottima assistenza per i compagni. Milani 6.5 Stoico nel chiudere tutte le falle e nell’annullare prima Cerri e poi Da Graca, prestazione superlativa del centrale felsineo, peccato per il finale dove alza bandiera bianca. Khailoti 6 Partita immensa dietro, sempre attento e puntuale sull’uomo, Cerri a vita davvero difficile e il merito è prevalentemente suo (30’ st Cossalter sv). Viviani 6 Gran movimento nel mezzo, contrasta e recupera tantissimi palloni, impedendo così dalla Juventus di sfonda per vie centrali. Greco 6.5 Grande partita in mezzo al campo, tanta fatica e corsa per chiudere tutte le linee di passaggio bianconere: meglio di così non poteva fare. Farinelli 6.5 Partita di sacrificio, non era facile su questo campo ma lui con una prestazione di tutto rispetto aiuta tantissimo la squadra nella fase di non possesso: inoltre propizia il primo gol lottando come un leone tra le zebre bianconere. Pagliuca 7 Ottima giocata in occasione del 2-0: non l'avrebbe presa nemmeno il padre. Il figlio d’arte si fa rispettare e con questa terza rete stagionale schianta la formazione bianconera. Gran lavoro anche per la squadra (30’ st Roma sv). Juwara 5.5 Mette la sua grande velocità al servizio della squadra e con diversi strappi prova a creare apprensione ma non sembra particolarmente ispirato; buoni i tentativi dalla distanza (18’ st Vergani sv). Rocchi 7 Lestissimo nel leggere la situazione e portare in vantaggio i suoi, fa quello che gli viene chiesto ed è sempre una spina nel fianco della retroguardia bianconera (40’ st Annan sv). All. Luciano Zauri 6.5 La squadra si presenta col tridente a Vinovo e riesce a mettere la sfida sul binario desiderato: gran cinismo sottoposta e difesa ad oltranza. L’obiettivo sfugge nel finale quando è raggiunto dalla doppietta di da Graca ma il Bologna si merita i quartieri nobili della classifica.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400