Cerca

Terza Categoria: il Racco 86 e le sue diverse visioni del calcio

Rosa Racco 86
Il Racco 86, attualmente nel Girone A di Terza Categoria, è pronto a festeggiare i suoi 35 anni di vita all'alba del 2021. Così come tante altre squadre della medesima categoria, anche la società di Racconigi è nata come un gruppo di amatori, che nel tempo si è ingrandito e ha finalizzato l'iscrizione alla FIGC nel 1997: dai 20 amatori dell'inizio è passato tanto tempo e la società biancorossa oggigiorno può contare su ben 250 tesserati, i quali la sostengono grazie alle loro quote (seppur modeste). L'obiettivo del Racco è sempre stato solo uno: dare spazio a tutti, dimodoché chiunque potesse e possa divertirsi e mettersi in mostra. Nonostante sia una società di piccole dimensioni, i biancorossi possono contare su una squadra femminile che milita in Eccellenza, una giovanile tutta femminile che partecipa al campionato Esordienti misti, nonché Juniores e Pulcini, oltre alla precedentemente citata prima squadra. « Non puntiamo alla competizione, rimaniamo nel nostro, siamo quasi tutti volontari (tranne qualche laureato in scienze motorie o alcuni allenatori col patentino)» specifica il presidente Gianpiero Rivoira « In classifica abitiamo spesso le zone basse, ma vado fiero della nostra organizzazione perché diamo spazio a chiunque di poter giocare, anche se questo secondo stop ci strugge: spiacerebbe non riuscire a far calciare di nuovo tutti». Rispetto ad altre società, anche del medesimo girone, c'è una differenza di filosofia: non essendoci grandi fondi per creare una squadra competitiva (non ci sono sponsor, la società tira avanti grazie ai contributi dei tesserati e a un piccolo aiuto da parte del comune), il Racco concepisce il calcio come puro divertimento. « Abbiamo visto società esplodere in dieci anni per poi sparire, mentre noi, nel nostro piccolo, duriamo; vogliono tutti spendere e trovare i grandi campioni, alla fine però rimangono poche società in vita» puntualizza il numero uno biancorosso « Ora che c'è la sospensione dei campionati abbiamo rimborsato un terzo della quota ai tesserati, infatti abbiamo ricevuto i complimenti per questo piccolo gesto, tant'è che alcuni hanno rinunziato al rimborso». [caption id="attachment_244605" align="alignnone" width="960"] L'organico del Racco 86.[/caption] Di avviso leggermente diverso è invece il tecnico Pietro Gonella, al quale l'ultimo piazzamento in classifica sta abbastanza stretto: « La squadra è stata completamente rimaneggiata rispetto alla stagione scorsa, ho dovuto rimpiazzare alcune cessioni con dei juniores; la rosa è discreta e potrebbe fare un campionato sufficiente, tuttavia ci mancano personalità e fame di vittoria, rispetto alle nostre avversarie che scendono sempre in campo con il sangue alla bocca. La tanta amicizia porta ad avere meno cattiveria; io cerco di lavorare tanto sulle motivazioni e sulla voglia di riscatto». Gonella non è nuovo all'esperienza racconigese, perché ha già avuto modo di allenare la Juniores, per poi ereditare (nel 2017) la panchina della prima squadra, rimasta sotto la sua guida per due anni. « Ho ottenuto ottimi risultati in quei due anni ma la società decise di cambiare volto in panchina; quando il nuovo tecnico se ne è andato, mi hanno ricontattato: ho accettato di tornare solo per i ragazzi e alla condizione di poter costruire la rosa come desiderassi, altrimenti la squadra non si sarebbe fatta» precisa l'allenatore biancorosso. L'idea di gioco di Gonella prevede un 4-4-2 che fa grosso affidamento della spinta sulle fasce, poiché, come afferma il coach stesso, si tratta del modulo migliore per quel tipo di campionato. E per esprimere il proprio gioco può fare affidamento su un nutrito gruppo di giovani, i quali, a detta di Gonella, possono intraprendere un cammino decisamente più prospero a partire dall'anno nuovo.

LA ROSA DEL RACCO 86 (TERZA CATEGORIA - CUNEO)

PORTIERI: Tible Matteo (2002), Bello Alessandro (1996), Buffa Enrico (1991). DIFENSORI: Camporelli Filippo (1999), Camisassa Stefano (1992), Sorrentino Fabian (2001), Damilano Luca (1999), Fusero Davide (1999), Caradonna Riccardo (1996), Spalla Denis (1998). CENTROCAMPISTI: Caraccio Loris (1998), Porta Lorenzo (2001), Godano Luca (1996), Parigi Marco (1996), Gerbino Matteo (1999), Piasco Matteo (1997), Teora Diego (1995), Giletta Stefano (2000), Boreanaz Giulio (1996), Quassiri Reda (1999). ATTACCANTI: De Simone Andrea (1998), Karim Abdul (1997), Porta Simone (1996), Gavatorta Luca (1995), Bartalena Marco (2000).
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400