Cerca

Terza Categoria

4 espulsi, 5 gol e pioggia di fuochi d'artificio: la Terza Categoria di Pinerolo garantisce spettacolo ed emozioni

Tra Piscinese Riva e San Luigi Santena l'assoluto protagonista è Lorenzo Arena, calciatore santenese autore di una tripletta decisiva

4 espulsi, 5 gol e pioggia di fuochi d'artificio: la Terza Categoria di Pinerolo garantisce spettacolo emozioni

Lorenzo Arena del San Luigi Santena segna il movimentato match di Piscina realizzando una tripletta

Il San Luigi Santena passa per 1-4 in trasferta contro la SA Piscinese Riva al culmine di una partita nell'arco della quale succede di tutto. Primo tempo movimentato, ma nessuna rete. Ripresa pirotecnica: Tarantino porta in vantaggio i biancoviola, Rossi ristabilisce la parità ma successivamente sale in cattedra Arena che realizza un tripletta a sigillare il poker esterno della formazione di Gola.

Sfida d'alta quota quella tra SA Piscinese Riva e San Luigi Santena. I padroni di casa occupano la quarta posizione in classifica a cinque lunghezze di distanza dalla capolista Lenci Poirino. La formazione di Caronna ha colto tre successi di tappa consecutivi e vogliono calare il poker di vittorie consecutive per accorciare il distacco dalle posizioni di vertice. La formazione casalinga può contare sulla seconda difesa del campionato per il minor numero di gol subiti per fronteggiare il secondo attacco più prolifico della stagione. Gli ospiti dispongono del capocannoniere del campionato Bollattino, autore di 19 reti stagionali, sul quale affidare il peso del reparto avanzato. Così come gli avversari, anche la rosa guidata da Gola ha una striscia aperta di tre vittorie consecutive e cercano il poker per rimanere in scia al Lenci Poirino o approfittare di un eventuale passo falso dei primi della classe per balzare al comando della graduatoria. La prima frazione di gioco è molto combattuta, ma le squadre non trovano lo spunto decisivo, soprattutto i padroni di casa si rendono più pericolosi in fase avanzata, e si conclude a reti bianche. La ripresa regala spettacolo. Il San Luigi Santena passa in vantaggio grazie al colpo di testa di Tarantino, ma un minuto dopo Rossi ristabilisce la parità fino a quando non sale in cattedra Arena, che realizza una tripletta che sancisce il poker esterno dei biancoviola ai danni della SA Piscinese Riva. Il finale è avverso con il direttore di gara che espelle Sartore e Caruso per presunte proteste ed ambedue gli allenatori per il medesimo motivo.

PRIMA FRAZIONE FRIZZANTE

Avvio del match contraddistinto dalla spiccata intensità, con ambedue le squadre molto propositive in fase offensiva alla ricerca della rete che sblocchi subito il risultato. Frequenti capovolgimenti di fronte e verticalizzazioni rendono le battute iniziali della partita molto avvincente. Il primo spunto offensivo è della SA Piscinese Riva, con Petrone molto agile nel destreggiarsi a centrocampo e servire Santoro sulla fascia mancina, che a sua volta imbuca per Rossi, ma il filtrante è leggermente lungo e l'azione svanisce in nulla di fatto. I padroni di casa si rendono minacciosi al 9': Rossi lancia in profondità Bertarelli che, sul filo del fuorigioco, si porta in area a tu per tu con Besusso, protagonista di un'uscita dal tempismo perfetto che neutralizza il destro a mezza altezza del centravanti azzurro. La formazione di casa prova ad alzare il pressing offensivo, con il centrocampo che verticalizza maggiormente per massimizzare la profondità con il duo d'attacco Rossi-Bertarelli molto dinamico sul fronte offensivo e in grado di non offrire punti di riferimento interscambiandosi le posizioni. Al 14' arriva il primo squillo degli ospiti, con un'azione personale di Tarantino sulla corsia mancina, che prima si accentra dopo aver dribblato tre avversari, e successivamente serve sulla destra Manenti che, però, non riesce a stoppare il pallone. Al 16' i biancoviola sfiorano il vantaggio: Arena imbuca al limite dell'area di rigore per Bollattino sulla sinistra, il quale si incunea in area di rigore rigore e di sinistro calcia appena fuori da posizione favorevole. Gli azzurri, successivamente al pericolo corso, si ripropongono in fase avanzata sfruttando la corsia destra con Pastore che prima si libera drlla marcatura e in seguito lancia in profondità Bertarelli, ma il direttore di gara fischia il fuorigioco. Al 21' Bertarelli conquista un calcio di punizione dai venti metri, sul quale si propone Bonino che di destro a incrociare non manca di molto lo specchio della porta. Gli azzurri ci provano nuovamente dagli sviluppi di un calcio piazzato un minuto dopo, ma la punizione di destro di Sartore sorvola la traversa. La partita è decisamente combattuta, contrasti e tackle denotano la cattiveria agonistica che caratterizza ambedue le squadre, portando il direttore di gara a fischiare in più di una circostanza per placare gli animi. Al 29' gli ospiti non sfruttano una punizione dal limite dell'area di rigore, con Alessio Maddalena che calcia direttamente sulla barriera. Sul successivo cambio di fronte, l'ispirato Rossi serve sulla corsa Pastore, che prova subito il cross verso l'area dalla destra ma Arnaudo chiude in scivolata. La SA Piscinese Riva forza il ritmo per porre maggiormente sotto pressione la retroguardia difensiva avversaria per trovare uno spiraglio che consenta di abbattere il muro biancoviola e concretizzare la manovra offensiva. Il San Luigi Santena si rivede in attacco con Sanzo che imbuca per Bollattino, ma Caruso legge bene l'azione e chiude di testa. Poco dopo, Manenti è autore di una discesa sulla fascia destra al culmine della quale serve rasoterra Bollattino, che non riesce a eseguire la sponda non stoppando adeguatamente il pallone complice anche la marcatura stretta di Marrone. Al 40' Demaria è protagonista di una notevole progressione in velocità sull'out mancino che lo porta a un tiro-cross che per poco non trova Pastore sul lato opposto. Sul finale della prima frazione di gioco, Arena lancia in profondità Sanzo con un sopraffino colpo di tacco e subisce fallo, ma il direttore di gara fischia il calcio di punizione non concedendo la regola del vantaggio. I primi quarantacinque minuti si concludono a rete bianche, ma le emozioni non mancano e la ripresa si preannuncia nuovamente spumeggiante.

SUCCEDE DI TUTTO NELLA RIPRESA

Nessun cambio effettuato all'intervallo, ambedue le formazioni si presentano con i medesimi undici titolari. La seconda frazione riprende con gli azzurri nuovamente aggressivi e intraprendenti. Al 1' Santoro tenta la conclusione in porta con un sinistro a giro senza né precisione né forza che si spegne sul fondo. Sul seguente capovolgimento di fronte Arena-Bollattino triangolano in area di rigore ma Marrone riesce a spazzare via il pallone intercettando il passaggio decisivo. Al 5' Girbo è autore di una parata straordinaria: Arena crossa rasoterra dalla destra verso il limite dell'area di rigore servendo Sanzo, che calcia un sinistro potente neutralizzato dall'estremo difensore avversario. In seguito, su un pallone vagante in area di rigore, Bollattino non riesce a centrare lo specchio della porta da pochi metri, ma a sua discolpa va precisato che il pallone è capitato in modo fortuito sui suoi piedi. Al 10' il San Luigi Santena sblocca il risultato: dagli sviluppi di una punizione dalla sinistra, Sanzo crossa al centro e trova il colpo di testa vincente di Tarantino. La gioia biancoviola dura un minuto: Rossi viene lanciato in profondità, riesce a liberarsi della marcatura dei centrali difensivi e batte l'estremo difensore avversario con un destro preciso a incrocio in area di rigore. Il botta e risposta tra le due formazioni anima il match. Al 17' il San Luigi Santena passa nuovamente in vantaggio: su un pallone vagante in area di rigore avversaria, Arena riesce ad anticipare tutti battendo con un sinistro chirurgico Garbo. Al 22' Rossi si invola in campo in aperto e viene atterrato da Besusso nel tentativo di dribblarlo, il direttore indica il dischetto: Demetrio calcia a incrocio di destro, ma l'estremo difensore avversario si supera neutralizzando dagli undici metri l'attaccante azzurro e salvando il risultato. Al 26' gli ospiti sfiorano il tris: cross rasoterra di Arena, Bollattino devia di destro ma Garbo ha riflessi di un felino e para in uscita. Poco prima della mezz'ora, la SA Piscinese Riva sfiora il pareggio: cross dalla sinistra verso l'area di rigore di Demetrio che trova lo stacco di testa di testa di Bonino, ma la traversa nega il pari agli azzurri. Il match è frizzante, senza esclusoni di colpi che portano l'arbitro a estrarre il cartellino giallo in più di una circostanza. Al 39' il San Luigi Santena cala il tris con una pennellata su punizione di sinistro a giro di Arena, rete sensazionale. Successivamente i padroni di casa casa rimangono in nove per la doppia espulsione per proteste da parte di Sartore e Caruso. Al 41' arriva il poker dei biancoviola con Arena che firma la tripletta personale sfruttando il contropiede per attaccare la profondità e battendo di destro l'estremo difensore avversario. Il triplice fischio del direttore di gara giunge al 42:58, con poco più di due minuti di anticipo, un episodio che lascia di stucco tutti. Un paradosso, dato il doppio cartellino rosso e l'espulsione di ambedue gli allenatori, avrebbe dovuto esserci un cospicuo recupero. Il match si conclude col poker esterno del San Luigi Santena che grazie all'1-4 odierno rimane in scia alla capolista Lenci Poirino per una volata finale che vede le due formazioni separate da appena una lunghezza di distanza. Per la SA Piscinese Riva un brusco stop che l'allontana dai piani alti della classifica.

IL TABELLINO

SA PISCINESE RIVA-SAN LUIGI SANTENA 1-4 RETI (0-1, 1-1, 1-4): 10' st Tarantino (San), 11' st Rossi (SA ), 17' st Arena (San), 39' st Arena (San), 41' st Arena (San).
SA PISCINESE RIVA (4-4-2): Garbo N. 7, Bonino 6.5, De Maria 7, Sartore 6.5, Caruso 6, Marrone 6, Pastore 7 (23' st Gerardi 6), Petrone 6.5, Bertarelli 6.5 (35' st Paira sv), Rossi 7.5, Santoro 7 (19' st Demetrio 6). A disp. La Spina, Pintori, Sardone, Di Modica, Daddio, Molinero. All. Caronna 6.5.
SAN LUIGI SANTENA (4-3-1-2): Besusso 7.5, Manenti 7.5, Arnaudo 7 (30' st Caccherano 6.5), Bergagio 7, Nano 7, Novero 7, Maddalena Alessio 7.5, Tarantino 7.5 (21' st Maddalena Alessandro 6.5), Arena 8.5, Sanzo 7 (28' st Romano 6.5), Bollattino 7. A disp. Mazzanti, Iula, Fasano, Tosco, Navarra, Mulasso. All. Gola 7.5.
ARBITRO: Balzano di Pinerolo 5.
AMMONITI: 13' st Tarantino (SL), 29' st Arnaudo (San), 34' st Demetrio (SL).
ESPULSI: 40' st Sartore (SA), 41' st Caruso (SA).

LE PAGELLE

SA PISCINESE RIVA
Garbo 7 Si rende protagonista con alcune parate che evitano un passivo peggiore, mostrando la sua prontezza e i suoi riflessi. Su tutti e quattro le reti subite non ha responsabilità. Sul colpo di testa di Tarantino rimane spiazzato dall'anticipo dell'esterno che non viene contrastato da nessuno e sulla punizione di Arena semplicemente non ci sarebbe arrivato nessuno data le precisione del tiro sotto il sette.
Bonino 6.5 Sulla corsia destra gestisce ambedue le fasi in modo ordinato senza calcare eccessivamente la mano in fase offensiva, si concentra più che altro sulla fase difensiva coprendo gli spazi in copertura.
Demaria 7 Sull'out mancino lo si denota per le sue progressioni e le sue improvvise accelerazioni che colgono di sorpresa la retroguardia difensiva avversaria, purtroppo i suoi cross non trovano nessun compagno pronto a ribattere in rete.
Sartore 6.5 Viene espulso nel finale per presunte proteste rivolte al direttore di gara, cartellino rosso a parte a centrocampo non demorde mai lottando su ogni pallone.
Caruso 6 Anche lui è costretto ad abbandonare il terreno di gioco anzitempo per il medesimo motivo del compagno di squadra. Nella prima frazione di gioco contiene bene le ripartenze avversarie, nella ripresa non mantiene lo stesso ritmo e soffre la velocità e il dinamismo del reparto avanzato biancoviola.
Marrone 6 Discorso simile al suo compagno di reparto. Nell'arco della prima frazione di gioco amministra bene le ripartenze avversarie, mentre nella seconda frazione subisce i contropiedi del San Luigi Santena.
Pastore 7 Abbandona il rettangolo verde a metà della ripresa, compessivamente la sua prestazione è positiva. Sulla fascia destra cerca sovente di attaccare la profondità per accelerare la manovra offensiva cercando ogni minimo pertugio per attaccare la difesa biancoviola.
23' Gerardi 6 Subentra per gli ultimi venti minuti, non si rende protagonista con qualche spunto offensivo o azione personale.
Petrone 6.5 Sulla linea di centrocampo disputa un'ottima prima frazione di gioco nell'arco della quale coniuga qualità e quantità, nel secondo tempo il suo raggio d'azione si riduce complice il fatto che il San Luigi Santena alza il baricentro intesificando il pressing.
Bertarelli 6.5 Vive sul filo del fuorigioco, aspetto tecnico dal doppio risvolto: quando riesce a beffare la retroguardia avversaria con tempismo si invola verso la porta, ma spesso sono più le volte nelle quali viene stoppato in off-side. L'unica occasione gli capita nel primo tempo dove, a tu per tu con l'estremo difensore avversario, si fa intercettare la conclusione. (35' st Paira sv)
Rossi 7.5 Ristabilisce la provvisoria parità con una rete da vero centravanti: attacca la profondità, si libera della marcatura e conclude in modo preciso non lasciando scampo Besusso. Oltre al sigillo personale disputa una partita straordinaria nell'arco dei novanta minuti: tecnica, dribbling e velocità.
Santoro 7 Sulla fascia mancina mette in difficoltà gli avversari con le sue progressioni, aprendo anche gli spazi alle sovrapposizioni di Demaria, non trova lo spunto offensivo decisivo ma dal punto di vista tecnico mostra la sua qualità sino al momento della sostituzione.
19' st Demetrio 6 Sfortunatamente fallisce dagli undici metri il calcio di rigore che avrebbe ristabilito la parità.
All. Caronna 6.5

SAN LUIGI SANTENA
Besusso 7.5 Provoca il rigore nel tentativo di fermare Rossi, anche se sembrerebbe toccare il pallone, ma tempo un minuti si rifà neutralizzando dagli undici metri Demetrio intuendo la traiettoria del tiro ed evitando il provvisorio 2-2.
Tarantino 7.5 Segna la rete che sblocca il risultato con un colpo di testa perfetto, preciso e con grande tempismo grazie al quale anticipa tutti. La gioia personale del gol è la ciliegina finale di una prestazione notevole sotto tutti i punti di vista: corsa, dedizione e qualità nelle giocate.
21' st Alessandro Maddalena 6.5 Entra a metà della ripresa e svolge in modo impeccabile il ruolo.
Arnaudo 7 Viene sostituito un minuto dopo aver rimediato l'ammonizione, il mister vuole evitare un secondo giallo date anche le controverse decisioni arbitrali che contraddistinguono il match odierno. Fino a quel momento la sua prova era stata positive, forse sul gol degli avversari poteva essere più accorto in chiusura, ma vanno riconosciuti i grandi meriti nel movimento da grande attaccante di Rossi.
30' st Caccheranno 6.5 Non fa rimpiangere il compagno sostituito, una prova accorta nell'ultimo quarto d'ora.
Manenti 7 Molto propositivo sulla corsia destra, offre una prova di grande solidità. Nei primi quarantinque minuti si focalizza prevalentemente sulla fase di copertura per arginare la manovra offensiva degli azzurri, nella seconda frazione, invece, complice i maggiori spazi a disposizione, attacca sovente la profondità creando superiorità numerica e dando supporto al reparto avanzato.
Alessio Maddalena 7.5 E' il regista della formazione di Gola, imposta l'azione anche dal basso cercando di abbassarsi sulla mediana per ricevere prima il pallone e dare sfogo alla sua creatività. Spesso cerca di verticalizzare, sia per vie centrali sia sulle corsie centrali.
Arena 8.5 Nel primo tempo non lo si denota molto, nella ripresa sale in cattedra e vince la partita da solo firmando una tripletta straordinaria. La sua perla su punizione di sinistro all'incrocio è di pregevole fattura.
Bergagio 7 Nell'arco della prima frazione di gioco va leggermente in difficoltà quando il duo offensivo avversario attacca la profondità, nella ripresa corre molti meno rischi grazie anche a uno spiccato senso tattico e a un ottimo posizionamento.
Novero 7 La sua partita è caratterizzata da sacrificio, cattiveria agonistica e dedizione. E' il perfetto esempio dello spirito di squadra rappresentato dal San Luigi Santena.
Bollattino 6.5 Non trova il 20° sigillo stagionale ma nonostante questo fornisce un prezioso aiuto all'economia di gioco della sua squadra, si abbassa, esegue sponde e smista verso le fasce.
Sanzo 7 Lascia rettangolo verde verso la mezz'ora della ripresa, l'assist su punizione per la rete di Tarantino che apre le marcature denota il suo piede raffinato.
28' st Romano 6.5 Un quarto d'ora finale di totale abnegazione e sacrificio nell'aiutare i propri compagni nel fondamentale successo odierno.
Nano 7 Gestisce con grande acume tattico entrambe le fasi, dimostra la sua intelligenza calcistica dato che sa quando può spingere maggiormente in profondità e quando concentrarsi maggiormente in difesa.
All. Gola 7.5

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400