Cerca

Terza Categoria

Il Paderno Dugnano rilancia con Buonagura

Massimo Rondelli, CdA: «Il nostro è un programma pluriennale, i risultati arriveranno nel medio periodo»

Il Paderno Dugnano rilancia con Buonagura

Carmine Buonagura, confermato alla guida della prima squadra

Il tecnico Carmine Buonagura prosegue con il progetto avviato lo scorso anno anche se i risultati della passata stagione sono stati altalenanti. «Sono molto contento e soddisfatto del lavoro fatto negli ultimi mesi - conferma Buonagura - anche se i risultati sul campo nell’anno passato si sono rivelati al di sotto delle attese, sia per seri infortuni occorsi ad alcuni importanti giocatori, sia per sfortuna e/o per errori di inesperienza di alcuni atleti. Questo perché la società ha confermato totalmente il progetto avviato lo scorso anno, rinforzando ulteriormente la rosa degli atleti».

Sull’argomento anche i Dirigenti della società confermano l’impegno assunto lo scorso anno su un progetto pluriennale, nello specifico Massimo Rondelli dirigente e componente del CdA della FC Paderno Dugnano precisa: «Eravamo coscienti del fatto che un progetto improntato su una rosa di atleti molto giovane avrebbe comportato qualche rischio sul piano dei risultati nel breve periodo, ma con la consapevolezza che nel medio periodo i risultati arriveranno». Ed ancora lo stesso Rondelli evidenzia come «ci ha fatto molto piacere vedere che il progetto è stato compreso favorevolmente dagli atleti presenti e dai nuovi arrivati, tanto è vero che alcuni atleti in prestito provenienti da altre realtà hanno chiesto di essere riconfermati a titolo definitivo, rinunciando alla possibilità di disputare campionati in categorie superiori».

D’altro canto nella scorsa stagione le parole hanno dato seguito a fatti concreti. Non è un caso che la FC Paderno Dugnano ssd arl avesse la rosa con l’età media più bassa del campionato, dove nella rosa titolare spesso erano presenti ragazzi da 17 a 20 anni. L’idea di dare spazio ai giovani non vuol dire dare spazio a prescindere, poiché il merito, la competenza e l’impegno vengono sempre al primo posto; ma vuol dire dare spazio a quegli atleti che in prospettiva possono fornire un contributo importante in termini di risultato ed in termini di supporto all’ambiente, in quanto i bravi atleti di oggi possono continuare a fornire la loro esperienza nell’ambiente anche quando appenderanno le scarpe al chiodo.

È palese l’entusiasmo presente nelle fila della prima squadra del FC Paderno Dugnano, dove Buonagura rileva: «Mi ha fatto veramente piacere essere stato contattato da molti ragazzi che avevano voglia di giocare a Paderno, tanto è vero che abbiamo dovuto fare una piccola selezione, poiché non vi era la possibilità di rispondere a tutte le richieste e, nonostante ciò, oggi abbiamo una rosa di oltre 30 giocatori, la quale non solo ha un valore numerico ma anche un importante valore tecnico, vista la presenza di atleti che potrebbero giocare in categorie superiori, questo a dimostrazione del reale impegno profuso dalla società».

A questo punto è doveroso dare il giusto spazio alla rosa degli atleti indicandoli per nome: Amateesei Irinel Gabriel, Belliboni Andrea, Caffi Nicolò, Camarè Diego, Coroforte Marco, Coroforte Davide, Ferrario David, Fracchiolla Daniele, Franciosa Nicholas, Gaggio Andrea, Gallo Vincenzo, Gjata Alessio, Gomez Hector, Indelicato Massimiliano, Mangione Giorgio, Manuelli Andrea, Marigliano Antonio, Marino Raffaele, Mattia Sigillò, Nava Mark, , Nokry Lorenzo Anas, Ortolani Francesco, Rahous Ayoub, Raimondo Emanuele, Rinarelli Antonio, Sala Riccardo, Senatore Marco, Vegetti Alessandro, Verticale Armando, Vimercati Stefano, Viscogni Erik, Viscogni Alex, Vurchio Nicholas Il progetto prosegue.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400