Cerca

Albano-Celadina Under 19 Torneo Bonacina: Andrea Mancin e Nicola Fedele decisivi per la vittoria biancazzurra

Albano Under 19
L' Albano Under 19, allenato da Stefano Cogliati, ha vinto quest'edizione del Torneo Bonacina imponendosi in finale per 2-1 sulla Juniores del Celadina, guidata dal tecnico Alessandro Gamba, per merito delle reti siglate dai due centrocampisti Andrea Mancin su rigore, e Nicola Fedele, che ha realizzato con un gran diagonale destro, scagliato dall'interno area. A segno il capitano Matteo Arrigo dal dischetto allo scadere del match, in favore della formazione di Gamba. La gara decisiva si è svolta giovedì sera, sul campo del centro sportivo parrocchiale di Stezzano (partita inizialmente fissata per martedì sera a Gorlago ma spostata in seguito a un guasto all'impianto di illuminazione). L'episodio che ha condotto al vantaggio biancazzurro dagli undici metri è stato favorito dall'attaccante Nicola Sala, che ha subito un'azione irregolare in area avversaria, da parte di un difensore del Celadina. Il reparto difensivo dell'Albano ha giocato molto bene, dimostrandosi reattivo anche dinnanzi alle palle alte, e anche la prestazione dei due mediani biancocelesti è stata notevole. Cogliati, molto soddisfatto, racconta: «I ragazzi si sono impegnati molto e hanno dimostrato vigore, creando molte occasioni per concludere nonostante il campo di piccole dimensioni abbia condizionato il gioco. Ho adottato il 4-2-3-1, e abbiamo condotto un buon primo tempo: nella ripresa i miei giocatori erano un po' affaticati e abbastanza stanchi, anche a causa del caldo, ma alla fine ce l'hanno fatta». Durante il secondo tempo sono entrati in campo la validissima ala Emil Varzaru, il laterale basso Luca Maver e il centrale Marco Ciuffrini, titolari del Celadina, che in generale impostava le azioni di gioco partendo da dietro. Il centrocampo biancoblù ha iniziato a giocare a due tocchi, e la difesa era solida. Il rigore realizzato dalla squadra di Gamba, è stato favorito da Alexander Merelli. Tra i biancoblù anche il mediano duttile Samuele Murolo ha giocato una buona finale adattato a centravanti, fornendo molti assist ai compagni. Il tecnico analizza la gara con molto senso critico, ma cogliendone anche aspetti notevoli: «I nostri avversari hanno giocato una partita molto fisica. In generale nel primo tempo noi eravamo poco concentrati e meno grintosi, e abbiamo subito un gol a causa di un errore nel fraseggio della nostra difesa, in cui loro hanno intercettato un nostro passaggio, approfittandone per concludere. Nel primo parziale, in cui ho impostato il 4-3-3, abbiamo perso un'occasione d'oro da gol colpendo la traversa. Il nostro reparto difensivo avrebbe dovuto velocizzare il gioco, ed essere molto più vigoroso. Nel secondo tempo, in cui ho optato per il 4-4-2, abbiamo dimostrato una prestazione evidentemente migliore, impostando delle azioni di gioco interessanti. Ogni volta che una squadra di cui sono al timone arriva in una finale di Coppa, ricordo con molta soddisfazione quando nel 1982 da giocatore in Prima Squadra del Leffe, all'epoca militante in Serie D, vinsi la Coppa Italia Dilettanti». In seguito alla finale, durante la cerimonia di premiazione, all'Albano e al Celadina è stata consegnata una Coppa, e ai due allenatori invece, una targhetta con incise le congratulazioni di partecipazione al Torneo Bonacina da parte dell' Unione Nazionale Veterani dello Sport.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400