Cerca

Tornei

La Vis Nova domina il Genoa per un tempo, poi entra Bellone e la decide

Il Grifone passa 3-0 e si assicura la semifinale

La Vis Nova domina il Genoa per un tempo, poi entra Bellone e la decide

Mario Riva, Tommaso Riva e D'Amato, punti fermi della Vis Nova

La Vis Nova gioca e a tratti domina, il Genoa soffre ma segna. Una sfortunata autorete di Villadoro e una doppietta del solito Bellone fanno volare il Grifone in semifinale, dove affronterà l'Inter dopo il netto 2-0 ai danni del Monza: una prova dai due volti quella della squadra di Cipani, in totale balìa dei lombardi nei primi trenta minuti ma capace di indirizzarla nel momento più importante della partita come solo le grandi squadre sanno fare. Masticano invece amaro i neroverdi di De Luca, protagonisti di un primo tempo a tratti dominato e giocato da grandissima squadra: alle baby lucertole è mancato effettivamente solo il gol, vista l'enorme mole di gioco creata grazie alle qualità dei due Riva sulle corsie, di D'Amato in mediana e di Brambilla dietro. Da sottolineare anche l'atteggiamento nel secondo tempo, il che racconta della tenuta mentale dei brianzoli anche a fronte di una partita ormai compromessa. Il che non può fare altro che ben sperare per il proseguo della stagione, che vede i neroverdi in lotta per le posizioni di vertice nel girone B di Under 14 Regionale.

MONOLOGO NEROVERDE

Il coraggio di chi non ha niente da perdere, la consapevolezza dei propri mezzi e la voglia di poter ambire alla semifinale. Aggiungiamoci poi un 4-3-3 quadrato e capace di coprire bene gli spazi, un parco giocatori da fare invidia, una mentalità vincente e il gioco è fatto. O meglio quasi, visto che nei primi trenta minuti di gara alla Vis Nova manca solamente il gol. Il primo a sfiorare il vantaggio è Mario Riva, che dopo sette minuti fa capire al Genoa che le baby lucertole hanno intenzioni decisamente serie: servito in profondità da un ottimo Villadoro, l'esterno neroverde non trova la porta per questione di centimetri a Carnovale battuto (7'). Tempo cinque minuti e la Vis Nova sfiora nuovamente il gol, questa volta sfruttando la corsia di destra dove Tommaso Riva prima si fa beffa di Toscano, poi impegna Carnovale - quasi miracoloso nel mantenere in partita il Grifone - con un mancino da ottima posizione (10'). A fare la differenza è il centrocampo, visto che il reparto capitanato da D'Amato e completato da Balestra e Villadoro fa vivere un proprio incubo al tris genoano formato dai due Massa (Daniele e Simone) e Giangreco. I frutti si vedono in avanti - come dimostrato dalla duplice occasione per i due Riva e dall'ottimo lavoro in fase di costruzione di Colombi - ma anche dietro, laddove la coppia Brambilla-Caserta giganteggia sulle teste del duo Brighenti-Zenati. 

TRIS

I due unici sussulti del Grifone a opera di Castelli (tiro alto al 25' e punizione fuori misura al 28') sono decisamente un campanello d'allarme per Cipani, che manda in campo da subito bomber Bellone - nove gol in altrettante gare in campionato - al posto di uno spento Brighenti. Passano giusto tre minuti e il Genoa passa, non tanto per meriti propri quanto per demeriti della Vis Nova visto che la squadra di De Luca si fa gol a tutti gli effetti da sola. La manovra dal basso parte dai piedi di Annoni e finisce tra quelli di Villadoro, che calcola male la forza e con un retropassaggio beffa lo stesso Annoni regalando al Genoa il vantaggio. I frutti della mossa di Cipani si intravedono al 6' e al 15', quando Bellone dà inizio lo show personale: prima non si lascia pregare e raddoppia dopo aver approfittato di un liscio difensivo della retroguardia neroverde, poi cala il tris dal dischetto dopo un intervento in ritardo di D'Amato su Toscano. Quella del secondo tempo è comunque una Vis Nova propositiva, nella manovra ma soprattutto nell'atteggiamento: il tris lampo del Grifone non abbatte affatto le baby lucertole, che anzi trovano ancor più motivazioni anche grazie alle numerose sostituzioni operate da De Luca. L'occasione per il gol della bandiera arriva al 26', quando una discesa di Boccardo favorisce l'inserimento di Ranesi, che dopo un rinvio corto della difesa genoana spedisce alto da ottima posizione.

CLICCA QUI PER LE FORMAZIONI

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400