Cerca

Superoscar Under 19

I vice-campioni Regionali subito fuori, le Superpotenze non deludono

Il Venaria elimina di misura l'Alpignano, Chieri e Chisola con il pilota automatico, bene il Lascaris

CHIERI-BSR GRUGLIASCO, SUPEROSCAR UNDER 19

L'esultanza di Alfredo Gentileschi e Piergiorgio Re, dopo il primo gol del Chieri nella vittoria contro il BSR (foto Cunazza)

Al via anche il Superoscar per la Under 19, ma con un format differente rispetto alle altre categorie. Invece che i classici gironi di qualificazione, si entra subito nel vivo dell'eliminazione diretta con gli ottavi di finale. Scenario dei primi scontri della stagione è Corso Sicilia, sul rettangolo verde prove generali della stagione agli albori, con già qualche risultato sorprendente.

ALPIGNANO-VENARIA

Apre le danze del Super Oscar Under 19 la grande classica della passata stagione, tra i Cervotti di Ermanni e l’Alpiceleste di Lapiccirella (assente per l’occasione). Assenti anche sei documenti d’identità della distinta alpignanese al fischio d’inizio, con la formazione rimodulata all’ultimo e una panchina molto corta capitanata da Carlo Pesce. L’approccio non sembra essere dei migliori, ma ad aprire la giostra delle occasioni è il terzino sinistro “di casa” Manfrin che centra il palo dalla distanza dopo sei minuti, con la respinta a botta sicura di Ciliberti che viene salvata in extremis da Cella sulla linea. Gol sbagliato e gol subito, il Venaria alla prima occasione passa: sventagliata di Niculaesi, grande giocata di Fabbian sulla sinistra e palla dentro per Di Matteo, che prima trova la parata di Martino e poi imbuca sulla respinta. L’Alpignano prova a rifarsi, ma nemmeno un’uscita a vuoto di Vergnano a fine primo tempo viene ben sfruttata, da un attacco che anche nella ripresa fatica a rendersi pericoloso realmente, con Critelli anestetizzato dalla retroguardia avversaria. Il Venaria gioca in ripartenza sfruttando la freschezza del neo-entrato Di Nunzio, Ciliberti manca il tap-in a porta spalancata allo scadere e senza grosse emozioni la partita va in archivio. Finisce 1-0, passa il Venaria della panchina più lunga, Alpignano cantiere aperto, ma con l'alibi delle troppe defezioni.

Alpignano-Venaria

IL TABELLINO

ALPIGNANO-VENARIA 0-1
RETI: 9' Di Matteo (V).
ALPIGNANO (4-3-3): Martino 6, Novo 6.5, Manfrin 6, Rizzo 6, Girotto 6.5, Ciliberti 5.5, Benestante 5.5 (1' st Giancola 5.5), D'Introno 6 (1' st Hattaki 6.5), Critelli 6, Iacovone 5.5 (1' st Bischi Pietro 5.5), Savino 6. A disp. Bianchi, Franco, Ferrarese. All. Pesce 6. Dir. Balduzzi - Ferrarese.
VENARIA (4-2-3-1): Vergnano 6.5, Cella 7, Cannella 6 (1' st Tinnirello 6), Niculaesi 6.5, Pavanello 6.5, Gerardo 6 (27' Matees V. 6.5), Cocirio 6, Fabbian 7, Nepote 6 (8' st Di Nunzio 7), Lefter 6.5, Di Matteo 7 (31' st Mina sv). A disp. Gusmeroli, Pappalardo, Cesarano. All. Ermanni 7. Dir. Gusmeroli.
ARBITRO: Odasso di Torino 7.
AMMONITI: 21' Novo (A), 24' Fabbian (V), 5' st Girotto (A), 21' st Savino (A).

LASCARIS-NICHELINO HESPERIA

Nel secondo appuntamento della giornata, parte forte un aggressivo Nichelino di Bonasera con rapide accelerazioni in verticale che impensieriscono la retroguardia del Lascaris di Pepe. Con il cronometro che scorre i bianconeri prendono il controllo, macinando gioco sulle corsie esterne e schiacciando i biancorossoblú nella loro metacampo e al quarto d'ora Gentile sfiora il vantaggio. Il Lascaris alza i giri del motore e al 29' passa in vantaggio sfruttando al massimo un ingenuità di Scalambra che tocca di braccio in area sullo spiovente di Costa: dagli 11 metri un glaciale Bollacchino trasforma. Nonostante lo svantaggio l'Hesperia non si abbatte e risponde subito con D'Agostino, che dal limite dell'area rientra sul destro e cerca l'incrocio dei pali opposto, non trovandolo di un soffio. Nella ripresa Bonasera prova a dare più sostanza al centrocampo, arretrando Lando sulla linea dei centrocampisti con licenza di offendere ed è lo stesso numero 10 ad andare vicino al pari su un recupero nato da un pressing alto, ma ancora un superbo Rio s'invola sulla traiettoria e salva i bianconeri. È un secondo tempo targato biancorossoblú, più aggressivi e padroni del campo grazie anche alle forze fresche lanciate dalla panchina, il Lascaris però alza il muro e regge l'urto avversario senza particolare affanno; la maggior qualità ed esperienza dei pianezzesi alla lunga paga e alla mezz'ora il Lascaris trova il raddoppio con una staffilata mancina da posizione defilata del classe 2003 Andrioli che chiude i giochi in un finale caratterizzato da qualche scintilla di troppo. 2-0 finale, Lascaris ai quarti.

Lascaris-Nichelino Hesperia

IL TABELLINO

LASCARIS-N.HESPERIA 2-0
RETI: 29' rig. Ballacchino (L), 32' st Andrioli (L).
LASCARIS (4-3-3): Colamartino 6, Adamo 6, Costa 6 (26' st Cannizzaro sv), Ballacchino 7, Rio 7, Carastro 6, Carta 6 (18' st Germano 6), Regis 7, Tietto 6 (8' st Andrioli 7), Gentile 6.5 (18' st Maida 6), Cipullo 6.5 (31' st Risso sv). A disp. Mallamace. All. Pepe 7.
N.HESPERIA (4-2-3-1): Gettapietra 6 (5' st Maraffino 6), Bottazzi 6, Mossino 6, Vessitti 6.5, Marino 6, Sanna 6, D'Agostino 6.5, Fassone 6, Masso 6.5 (8' st Leva 5.5), Lando 6.5 (13' st Riccio 5.5), Scalambra 6. A disp. Tomasulo. All. Bonasera 6.
ARBITRO: Carissimi di Torino 6.
AMMONITI: 25' Lando (N), 13' st Costa (L), 16' st Rio (L).

CHIERI-BSR GRUGLIASCO

Cala la sera e arriva l'ottavo di finale con il pronostico forse più scontato e che nella realtà dei fatti non si smentisce minimamente. Il Chieri va' con il pilota automatico, il BSR non può far altro che stare a guardare. Il 4-2-3-1 di Loria è champagne e la pratica è chiusa già nel primo tempo: apre le danze Gentileschi su servizio a porta spalancata di Re, raddoppia Dumani con un piattone da fuori apparecchiato da Ciampolillo e cala il tris Maniscalco anticipando tutti sul primo palo con l'esterno. I biancorossi di Gianni Tempo provano a costruire qualcosa sull'asse Ghione-Garino, ma la supremazia chierese è totale e persino D'Angelo si traveste da superman per levare un bolide del nove avversario da sotto l'incrocio dei pali a metà ripresa. Ad appesantire il passivo è il poker siglato dal neoentrato Castagna con un siluro di mancino sotto la traversa. Il finale dice 4-0 Chieri e passaggio ai quarti in cassaforte, persino riduttivo per le palle gol create dai collinari; per il BSR rimane da leccarsi le ferite, pur considerando di aver affrontato una formazione di due livelli superiore alla media. Poco male dunque, l'obiettivo vittoria provinciale rimane altamente alla portata.

Chieri-BSR Grugliasco

IL TABELLINO

CHIERI-BSR GRUGLIASCO 4-0
RETI:
15' Gentileschi (C), 26' Dumani (C), 29' Maniscalco (C), 18' st Castagna (C).
CHIERI (4-2-3-1):
D'Angelo 6.5, Ciociola 6.5, Biondo 7 (24' st Luzzati 6.5), Barbero 7.5, Gallone 6.5, Bianco 6.5, Maniscalco 7 (17' st Castagna 7), Dumani 7 (8' st Sussetto 6.5), Gentileschi 7.5, Ciampolillo 7.5 (23' st Bonelli 6.5), Re 6.5 (17' st Desopo 6.5). A disp. Ciquera, David, Patruno, Peretto. All. Loria 7. Dir. Siviero.
BSR GRUGLIASCO (4-3-1-2):
Vello 6.5, Isnardi 6 (1' st Pirulli 6), Facchini 6, Galati 6, Zini 6, Corvasce 6, Coello 6 (22' Fanduzza 6), Papagno 6, Ghione 6.5 (13' st Conca 6), Sanfilippo 6, Garino 6.5. A disp. Cavallo, Zecchi, Marando, Crepaldi. All. Tempo 6.
ARBITRO:
Cutaia di Torino 6.5.

CHISOLA-CASELLE

Quarto e ultimo incontro del sabato fra il Chisola, pronta ad affrontare il campionato nazionale per la prima volta nella sua storia, e lo stoico Caselle di Mimmo Delli Santi. Pallino del gioco subito in mano ai vinovesi del neotecnico Gnan che premono forte sull'acceleratore forti di un fitto possesso palla nella trequarti rossonera. Muro rossonero che trema al quarto d'ora su un contropiede fulminante dei biancoblú condotto da Fregnan, che lancia col contagiri Ansari a tu per tu con Granata, bravo a respingere di corpo con la parata a croce accorciando veloce sull'attaccante avversario. Tanto equilibrio nel proseguimento dei primi 35 minuti col Caselle che non rischia più nulla e riesce a mettere la testa fuori in un paio di occasioni. Pronti via e la ripresa è un assolo biancoblú che passa dopo 240'' con un rigore procurato da Cena e infilato all' angolino da Tomatis che porta sul 1-0 la squadra di Gnan che amministra il vantaggio muovendo bene il pallone in velocità e con verticalità sbattendo contro un muro di nome Granata che tiene in vita il Caselle. Il numero uno non può nulla invece sull'azione corale dei vinovesi iniziata e conclusa da Masciandaro con un mancino chirurgico che vale il raddoppio. Non esce di partita il Caselle che al 35'st dimezza lo svantaggio con bel gol di Parisi dalla distanza, che da' un bacino al palo lontano. Nei minuti finali, il secondo penalty concesso in favore del Chisola porta sul dischetto Tommaso Trimarchi (positivo il suo rientro dopo dieci mesi lontano dai campi per infortunio), che spiazza Granata e chiude il sipario sul sabato di SuperOscar. Chisola 3, Caselle 1, titoli di coda della giornata.

Chisola-Caselle Superoscar

IL TABELLINO

CHISOLA-CASELLE 3-1
RETI (2-0, 2-1, 3-1): 4' st rig. Tomatis (Ch), 33' st Masciandaro (Ch), 35' st Parisi (Ca), 38' st rig. Trimarchi (Ch).
CHISOLA (4-3-3): Curreli 6, Sparascio 6.5, Satta 6.5, Tomatis 7 (10' st D'Anna 6.5), D'Alessandro L. 6, Bagnulo 6, Fregnan 7, De Fazio 6.5 (10' st D'Avolio 6), Cena Kevin 6 (15' st Masciandaro 7), Luxardo E. 6.5 (10' st Trimarchi 6.5), Ansari 6 (15' st Finocchiaro 6). A disp. Dora F., Rotella, Gramuglia, Caschetto. All. Gnan 7.
CASELLE (4-3-3): Granata 6.5, Zorzan 6, Di Giovanni 6, Capra 6, Merolla 6, Nica 6 (18' st Parisi 6.5), Cane 6 (5' st Diop 6), Bertolotti 6 (12' st Ursoleo 6), Carlicchi 6.5, Pomero 5.5, Delli Carri. A disp. Ardizzone, Puzzutiello. All. Dellisanti 6.
ARBITRO: Ammirante di Torino 6.
AMMONITI: 23' Merolla (Ca), 27' st Ursoleo (Ca), 30' st Masciandaro (Ch).

OTTAVI DI FINALE, IL PROGRAMMA DEL 4 SETTEMBRE

ORE 10.00: Gassino SR - Pro Eureka (la vincente affronterà il Venaria)
ORE 11.30: Volpiano Pianese - Borgaro (la vincente affronterà il Lascaris)
ORE 17:00: CBS - Vanchiglia (la vincente affronterà il Chieri)
ORE 18.30: Lucento - Mirafiori (la vincente affronterà il

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • kamelot1971

    04 Settembre 2022 - 09:37

    Nella partita chisola - caselle il terzo gol non è di Gramuglia (che non è mai entrato) ma di Trimarchi che è entrato in campo nel secondo tempo.

    Report

    Rispondi