Cerca

SuperOscar Under 19

Granata zampata finale, stradominio Tucci: in finale ci vanno le due favorite al titolo Regionale

Ermanni e Scanavino compiono il loro dovere, nell'ultimo atto sarà duello tra grandi attaccanti

GABRIELE TUCCI, LUCENTO UNDER 19

Gabriele Tucci firma la doppietta e spedisce il Lucento in finale del Superoscar (foto Cunazza)

VENARIA-VANCHIGLIA 1-0

Venaria trazione anteriore: 4-3-1-2 con Fabbian e Lefter molto larghi in fase di possesso che lasciano spazio di giocata a Cocirio in mediana; Di Matteo e Cesarano svariano sul fronte offensivo. Vanchiglia con un 4-3-3 atipico, con Arcudi più bloccato e Bonanno pronto a ricevere tra le linee e a duettare con l’Mvp di giovedì sera Cesano. Dopo dieci minuti di lotta in mezzo al campo, la prima scintilla la innesca Di Sparti con una discesa sulla sinistra, poi conclusa in area da Cesano e bloccata dalle gambe di Orso. Il Venaria fatica a inventarsi qualcosa in avanti e Nepote è contenuto perfettamente dalla coppia Diaec-Ferroni, i granata ci provano ancora al 15’ con il bolide di Di Sparti da fuori. Intorno al 20’ doppia occasione clamorosa per i Cervotti: su corner di Cesarano, Pavanello schiaccia di testa e trova la smanacciata in angolo di Martino; sul secondo corner di fila si accende un mucchio selvaggio in area e la sfera finisce sui piedi di Lefter, che calcia a botta sicura trovando un’eroica respinta del blocco granata posizionato sulla linea di porta. Il Venaria è ufficialmente entrato in partita, Di Matteo al 22’ scarica un collo-esterno destro da fuori che sibila a centimetri dal montante ospite. Ma senza ulteriori squilli si chiude la prima frazione.

Cambia qualcosa Cuccarese nell’intervallo, ma non cambia il copione: il più pericoloso è sempre Di Sparti, questa volta con una punizione potente conclusa a lato dopo un paio di giri d’orologio. I granata sono in palla e al 6’ st, su calcio d’angolo di Torre, Cesano sponda per Abas che di testa mette alto cogliendo Orso in controtempo. Predominio del campo se lo prendono i torelli, la superiorità a metà campo si fa sentire, Cantone e Amrhar entrano bene nelle trame del match e il baricentro si alza notevolmente, con più piazzati battuti intorno all’area di Orso in pochi minuti. Orso che al 19’ st è prodigioso sull’inzuccata a palombella di Dieac destinata all’incrocio dei pali e, poco dopo, sul missile sul primo palo di mancino di Amrhar. Cocirio prova a dare verve alla squadra anche con qualche serpentina fuori dalla sua zona di comfort, ma la precisione offensiva verdearancio stenta a trovare la propria quadra. Poi il finale regala l’incredibile. Ad un paio di minuti dalla fine, Cantone si gira sul mancino e incrocia, sfiorando il gol per millimetri. Sul ribaltamento di fronte, un lancio in avanti coglie Granata inspiegabilmente solo, il numero 20 neoentrato con una zampata scava il pallone e lo deposita alle spalle di Martino, per l’1-0 che fa esplodere panchina e tribuna. Gli ultimi istanti di fuoco sono fatti di contropiedi continui e Mina sfiora addirittura il raddoppio con una bella incursione. Poi il triplice fischio, è finita. Il Venaria è in finale.

IL TABELLINO

VENARIA-VANCHIGLIA 1-0
RETE: 36’ st Granata (VE).
VENARIA (4-3-1-2): Orso 7, Cella 6.5, Gusmeroli 6, Niculaesi 6, Pavanello 6.5 (29’ st Cannella sv), Cocirio 7.5, Lefter 6, Fabbian 6.5 (34’ st Gerardo sv), Nepote 6.5 (22’ st Granata 7), Cesarano 6 (24’ st Mina 6.5), Di Matteo 6 (7’ st Di Nunzio 6). A disp. Vergnano, Pappalardo, Matees, Tinnirello. All. Ermanni 6.5. Dir. Lanzafame-Cella.
VANCHIGLIA (4-3-3): Martino 6, Fagnone 5.5 (1’ st Crisafulli 6), Di Sparti 7, Ledda 6.5, Diaec 6, Ferroni 6, Torre 5.5 (11’ st Amrhar 6.5), Arcudi 7, Cesano 6.5, Bonanno 5.5 (1’ st Cantone 6.5), Abas 6 (24’ st Loria 6). A disp. Gagliardi, Iannelli, Calabrese, Di Fuccia. All. Cuccarese 6.5. Dir. Fiusco-De Chirico.
ARBITRO: Fiore di Torino 6.
AMMONIZIONI: 24’ Fagnone (VA), 16’ st Cella (VE), 32’ st Cantone (VA), 34’ st Dieac (VA).

 

ALBERTO COCIRIO, VENARIA U19Alberto Cocirio, mediano del Venaria, è il migliore in campo nella semifinale vinta contro il Vanchiglia (foto Cunazza)

 

 

BORGARO-LUCENTO 1-3

 

La sorpresa Borgaro "ospita" la semifinalista regionale della passata stagione, quel Lucento di Scanavino trainato da capitan Tucci e da Fabozzi. È proprio quest'ultimo che impegna dopo 5 giri d'orologio Di Maio, che vola salvando i gialloblù. Gialloblù partiti forti nelle primissime battute di gioco, ma che col passare dei minuti lasciano campo ai rossoblù e al quarto d'ora mettono la freccia con Borgotallo, dopo una serie di batti e ribatti nell'area piccola di Di Maio. Un 1-0 Lucento che rischia di durare pochissimo per via di un errore in fase di costruzione di Borracino, che presenta a tu per tu Merlin con Cuniberti, tiro a botta sicura del 9 gialloblù, ma sbuca dal nulla un provvidenziale Rigatto: chiusura pulita del centrale e match saldo sullo 0-1. L'occasione scuote la squadra di Oranges che inizia ad affacciarsi con pericolosità dalle parti di Cuniberti, ma ci pensa il solito Gabriele Tucci ad ampliare le distanze fra le due compagini. E' il 22' di gioco, il capitano biancorossoblú prima si mette in proprio girandosi al limite e battendo di mancino senza trovate l'incrocio di pochissimo; passano una manciata di secondi e riceve sulla trequarti, progressione palla al piede e dai 20 metri scarica una botta sul primo palo che fulmina Di Maio. Il Borgaro soffre e rischia di subire il terzo, ma alla mezz'ora tira fuori la testa dalla sua metà campo con un'azione corale sulla destra che porta al calcio di rigore per fallo di Borgotallo su Montenegro. Dal dischetto si presenta capitan Moscogiuri che firma il suo terzo gol personale nel torneo. 1-2 che però dura solo 3 minuti: il Lucento non si abbatte e riparte all'impazzata e su una palla vagante in area Borgaro, Occhiogrosso colpisce di testa anticipando Sirbu e servendo un assist a Tucci che non manca l'appuntamento col gol e punisce l'immobile retroguardia.

Nella ripresa Oranges prova a scuotere i suoi lanciando Puttinati al posto di Montenegro, mettendo la trazione anteriore al suo Borgaro: subito vedere dalla distanza conBalmasseda che lascia partire un mancino insidioso, parata plastica di Cuniberti. Il buon avvio dei gialloblù trova però un intoppo sul suo cammino: al 6' st Merlin perde la testa e tira una manata ad un avversario. Frattolillo è a due passi e lo ammonisce. Merlin non la prende bene e dice qualche parolina di troppo al direttore di gara, che gli sventola in faccia il secondo giallo. Borgaro in 10 dunque e strada più che in salita contro un Lucento che sembra in controllo della partita. L'unico succesivo rischio arriva dagli sviluppi di palla inattiva, con Moscogiuri, che su assist di D'Alise, schiaccia di testa impegnando Cuniberti. Primo vero squillo del Lucento al 17' con Fabozzi che riceve sulla trequarti, il 10 conta i rimbalzi della sfera, carica il destro e spara dalla distanza, Di Maio si distende a destra para. Il duello fra Fabozzi e Di Maio si ripete al 22' col 10 biancorossoblú che riparte in progressione arrivando al destro da posizione defilata, ma il diagonale trova la smanacciata dell'estremo difensore di Oranges. I ritmi calano e Scanavino comincia le rotazioni togliendo Tucci e Fabozzi e buttando nella mischia Totaro e il nuovo acquisto Cumpat da DB Rivoli. É proprio quest'ultimo, a neanche 5 minuti dal suo ingresso in campo, a procurarsi un calcio di rigore: con personalità s'incarica della battuta e con altrettanta freddezza trasforma dagli spiazzando Di Maio per l'1-4 finale. Ultimo atto domani alle 11:30. Saranno Lucento e Venaria a giocarsi il titolo del SuperOscar.

IL TABELLINO

BORGARO-LUCENTO 1-4
RETI (0-2; 1-2; 1-4):
13’ Borgotallo (LU), 22’ Tucci (LU), 32’ Moscogiuri rig. (BO), 35’ Tucci (LU), 34’ st Cumpat rig. (LU).
BORGARO (4-3-3):
Di Maio Pescada 6, Montenegro A. 6.5 (1’ st Puttinati 6), Sirbu 5.5, Manisera 5.5 (16’ st Natale 6), Moscogiuri 6.5, Cassetta 5.5, D’Alise 6, Balmasseda 6.5 (21’ st Guasti 6), Merlin 5, Canfora 6 (8’ st Giannini 6), Rossi 6 (27’ st Centurelli 6). A disp. Maggio, Lo Russo, Marchetti, Ndiaye. All. Catellani 6. Dir. Migliorini-Quaceci.
LUCENTO (4-4-2):
Cuniberti 6.5, Sofian 6.5, Virelli 6, Borgotallo 6.5 (14’ st Igbinakenzua 6.5), Rigatto 7, Borracino 6.5, Occhiogrosso 6.5 (26’ st Bianchi 6), Buffone 6.5, Tucci 7.5 (29’ st Cumpat 7), Fabozzi 7 (29’ st Totaro 6.5), Merlo 6 (32’ st Burei sv). A disp. Perrone, Palermo, Novello, Rivera Caicedo. All. Scanavino 7. Dir. Maione.
ARBITRO:
Frattolillo di Torino 6.
AMMONIZIONI:
31’ Borgotallo (LU), 37’ Canfora (BO), 6’ st Merlin (BO), 20’ st Sofian (LU).
ESPULSIONI:
6’ st Merlin (BO).

Alecsandru Cumpat, Lucento Under 19Alecsandru Cumpat, dai provinciali al gol in semifinale SuperOscar (foto Cunazza)
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400