Cerca

Under 13

Seregno-Renate: Marelli fa volare i padroni di casa, pollice Verde-rio firma la rimonta delle Pantere

I ragazzi di Marzorati cominciano alla grande, poi l'attaccante autore di una doppietta e il tuttofare Marco Valdese guidano il ribaltone che fa sorridere Cappelli

Seregno-Renate Under 13

Stefano Bonanomi (Renate) e Carlo Marelli (Seregno), che battaglia a centrocampo!

Ce ne fossero di partite così. Per l'atteggiamento dei presenti (tanto pubblico e caldo al punto giusto), per l'intenistà delle due squadre (del resto parliamo di club di Serie C) e per la qualità di alcuni singoli che sicuramente faranno parlare di sé: Seregno e Renate danno spettacolo, se la giocano ad armi pari ribattendo colpo su colpo e regalando ai presenti una gara bellissima e mai chiusa. Il tabellino finale recita 5-4 in favore del Renate, ma i padroni di casa sono stati comunque autori di una buonissima prova.

Marelli sembra Lampard. Il centrocampista del Seregno è qualcosa di impressionante. Perché è il principale riferimento in mezzo al campo in tutti e tre i tempi (al fianco di Bevilaqua prima e Leonardi poi), ma soprattutto perché sblocca la partita con una doppietta da urlo. Due pezzi di bravura assoluta: l'1-0 al 9' con un sinistro che termina dritto dritto all'incrocio dei pali, il 2-0 al 13' stavolta con un destro chirurgico sul primo palo. Intorno a lui gira tutta la manovra offensiva della squadra allenata da Davide Marzorati: con Cusenza ottimo centravanti e con gli esterni, Minato e Kritta, bravi a ad appoggiare ogni iniziativa nella metà campo avversaria. Sono proprio questi ultimi due a creare le migliori occasioni per i padroni di casa: Kritta con una conclusione pericolosa che termina alte (6'), Minato azionando lo stesso Kritta che però allarga troppo la conclusione graziando il portiere avversario (18'). Il Renate, dal canto suo, si basa sul dinamismo, sulla qualità e sul piede di Marco Valdese: il primo tentativo della Panterine è suo (sinistro alto al 7'). Ma non solo: a rimettere in gara la formazione di Enrico Cappelli è Vietri, che con un gran destro da fuori fissa il 2-1 a fine primo tempo.

Pollice Verde-rio. Nella ripresa il Renate cresce. Grazie agli ingressi di Mangili e Cicconardi, che danno ancora più ritmo a una squadra che già dirava bene, e grazie al passaggio alla difesa a tre (a due con Scarsi e Vetri all'inizio, nella ripresa invece con il terzetto Piscaglia-Vietri-Scarsi) . Ma soprattutto grazie alla dirompenza offensiva di Leonardo Verderio e ai lampi di Marco Valdese. Il bomber del Renate già al 4' costringe Beqiri al miracolo, poi - dopo un palo di Cicconardi - indovina la punizione al fulmicotone che vale il 2-2. Il Seregno pareggia il conto dei legni con Dennis Minardi (che sbuca sul secondo palo sul bell'assist su punizione di Marelli), ma va sotto al 18' su un altro calcio di punizione: stavolta da posizione laterale, con il mancino letale di Valdese che non perdona per il 3-2 ospite. Sembra il sorpasso definitivo, e invece i padroni di casa reagiscono subito con Manuel Bonvini, il più lesto ad avventarsi su una respinta di Cappuccio e insaccare il 3-3 prima della resa dei conto dell'ultimo tempo. Nella terza frazione si decide tutto e l'arma segreta è Liguori, esterno destro già incisivo nel primo tempo e decisivo adesso: il giovane terzino del Renate al 15' infatti indovina l'inserimento vincente, anticipa il portiere con un tocco di destra e firma il 4-3. Due minuti dopo la partita si chiude virtualmente, con Verderio che corona la sua grande prestazione con il tocco da biliardo del 5-3 prima del gol finale di Cusenza a tempo ormai scaduto. Finisce quindi 5-4 per la Pantere: con tanti complimenti a tutti.

IL TABELLINO

SEREGNO-RENATE 4-5
RETI (2-1, 1-2, 1-2):
9' Marelli (S), 13' Marelli (S), 17' Vietri (R), 12' st Verderio (R), 18' st Valdese (R), 22' st Bovini (S), 15' tt Liguori (R), 17' tt Verderio (R), 20' Cusenza tt (S).
SEREGNO: Ventura 6.5, Brambilla 6.5, Padrin 6.5, Bevilacqua 6.5, Molteni 7, Totorizzo 6.5, Minato 7, Marelli 8, Minardi 6.5, Kritta 6.5, Cusenza 7.5, Beqiri 6.5, Schostak 6.5, Leonardi 6.5, Banfi 6.5, Bovini 7.5. All. Marzorati 7.
RENATE: Redaelli 6.5, Liguori 7.5, Scarsi 7, Bonanomi 7, Piscaglia 6.5, Vietri 7.5, Cutaia 6.5, Valdese 8, Verderio 8, Casati 6.5, Riccio 6.5, Cappuccio 6.5, Mangili 6.5, Cicconardi 6.5, Dozio 6.5. All. Cappelli 7.5.

LE PAGELLE

SEREGNO
Ventura 6.5 Il tiro di Vietri per il primo gol è imprendibile, in generale non ha colpe sulle reti subite. Anzi, si fa notare per diverse prese sicure.
Brambilla 6.5 Puntella la difesa nel secondo e nel terzo tempo, si dimostra sempre sul pezzo.
Padrin 6.5
Buona presenza sulla linea difensiva, si fa valere con anticipi e marcature sull'uomo efficaci.
Bevilacqua 6.5
Spalleggia Marelli dandogli la giusta copertura.
Molteni 7
Riferimento difensivo imprescindibile, guida dal centro con la tranquillità di un veterano. Anche pericoloso in zona gol grazie al suo destro potente.
Totorizzo 6.5
Bene sul centro-sinistra, soprattutto nella prima frazione dove si fa notare per alcune chiusure interessanti.
Minato 7
Esterno destro bravo in entrambe le fasi: difende ma allo stesso tempo appoggia la manovra offensiva.
Marelli 8
Giocatore totale: a centrocampo la battaglia con Valdese è qualcosa di fantastico. Impostazione fisica già importante, capacità di giocare con entrambi i piedi e ottime qualità da incursore. Se serve altro, ci sono pure i due gol pazzeschi che stappano la sfida. Sontuoso.
Minardi 6.5
Dà il cambio a Cusenza là davanti, cambiano le caratteristiche ma le qualità ci sono. Sfortunatissimo quando colpisce il palo a inizio ripresa.
Kritta 6.5
Spreca forse un paio di occasioni, ma il suo apporto in attacco è fondamentale. Parte da sinistra ma viene dentro al campo creando non pochi problemi alla difesa del Renate.
Cusenza 7.5
Proprio un bel giocatorino. Punta atipica a cui piace svariare, bene anche spalle alla porta: apre spazi importanti per i compagni e segna il 5-4 finale.
Beqiri 6.5
Entra nel momento di massimo sforzo del Renate e sul 2-1 fa due parate importanti (la seconda è fantastica, in volo d'angelo) su Verderio. Sulla punizione del 2-2 la palla gli sbuca davanti all'ultimo, e anche la parabola di Valdese è difficile da leggere.
Schostak 6.5
Buon apporto sulla fascia sinistra nella ripresa.
Leonardi 6.5
In mezzo al campo con voglia, qualità e quantità.
Banfi 6.5
Compito arduo sul centro-destra della difesa, lo svolge nel migliore dei modi.
Bovini 7.5 Un po' esterno destro e un po' punta, l'area di rigore sembra il suo habitat naturale: bravo e lesto nell'avventarsi su una palla vagante firmando il momentaneo 3-3.
All. Marzorati 7
Primo tempo molto buono, ma in generale la squadra gira bene. Importantissimo, non si abbatte quando subisce la prima rimonta, e anche sul 5-3 continua a provare a riaprirla.

RENATE
Redaelli 6.5
Marelli spara due bombe imprendibili, non può avere colpe su conclusioni del genere. Bravo su tutto il resto: uscite e prese basse ok.
Liguori 7.5 Nel primo tempo già fa intuire che può fare male, nel terzo si trasforma in goleador realizzando il fondamentale gol del 4-3. Ara la fascia destra come il Maicon dei bei tempi.
Scarsi 7 Ottimo in difesa, sia a due che a tre sul centro-sinistra. Chiusure decisive, anche con le cattive quando serve.
Bonanomi 7 Un toro in mezzo al campo, corre ovunque e tappa falle: bene anche quando c'è da costruire gioco.
Piscaglia 6.5 Puntella la difesa e con lui in campo la squadra sembra più solida.
Vietri 7.5 Perno imprescindibile della retroguardia, in più ha un destro al fulmicotone che a questa età può già fare la differenza: tant'è che con un destro a mezza altezza da lontano segna il 2-1 che apre la rimonta.
Cutaia 6.5 Buon apporto sulla fascia destra, crea diverse situazioni interessanti.
Valdese 8 Fa-vo-lo-so. Comincia un po' in sordina, sorpreso da Marelli, poi è show-time allo stato puro. Si toglie la ruggine con un sinistro alto, poi piano piano prende possesso della mediana regalando giocate di altissimo livello tra cui la punizione del 3-2. Grandissima prova la sua.
Verderio 8 Due gol in momenti cruciali della gara e un grande lavoro per la squadra. È lui che dà la scossa nella ripresa, prima con due conclusioni sulle quali Beqiri risponde presente, poi con la punizione bassa che gira la partita. Nel terzo tempo firma pure gol della sicurezza.
Casati 6.5 Di incoraggiamento, rimane in campo troppo poco.
Ricco 6.5 Esterno che si fa valere soprattutto quando punta l'uomo.
Cappuccio 6.5 Sul terzo gol del Seregno respinge con una grande parata un tiro da lontano che poi diventa il tap-in vincente di Bonvini. Zero colpe, e altre buone cose.
Mangili 6.5 Dà vivacità alla corsia mancina.
Cicconardi 6.5 Buona presenza nel cuore della mediana.
Dozio 6.5 Un po' seconda punta ma anche esterno, si fa vedere e fa sempre qualcosa di utile.
All. Cappelli 7.5 Nel primo tempo viene punito da due capolavori di Marelli, poi la squadra prende quota e scappa fino alla vittoria finale. La svolta arriva nella ripresa con il cambio di sistema di gioco. Vittoria meritata.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400