Cerca

Rovato Calcio Under 14, l'allenatore Giacomo Pagani: «Voglio essere un esempio per i miei ragazzi»

Pagani, allenatore Under 14 Rovato

Giacome Pagani, allenatore degli Under 14 del Rovato calcio

Fare della propria passione il proprio lavoro non è facile. Eppure l'allenatore degli Under 14 del Rovato Pagani con tanta fatica e costanza è riuscito in questa impresa: «Inizialmente non ero convinto di voler diventare un allenatore ma con il tempo mi sono accorto di saper trasmettere qualcosa alla mia squadra sia a livello tecnico che a livello educativo. Sicuramente ciò che mi ha spinto maggiormente a intraprendere questo percorso sono state le mie esperienze calcistiche passate: ho avuto sempre allenatori che a livello di gioco mi hanno lasciato ben poco. Io voglio essere per i miei ragazzi l'esempio opposto». Ed effettivamente il lavoro di Pagani va ben oltre al semplice insegnamento del calcio: «Per dare sempre il massimo in campo i miei devono imparare a riconoscere le proprie emozioni ed successivamente a controllarle. In più per me è molto importante che sappiano relazionarsi tra di loro e che rispettino le regole». L'allenatore è però consapevole di quanto questa sia un'età difficile dove a volte il volersi divertire prevale sugli impegni quotidiani: «La mia squadra è formata da 23 ragazzi. Il mio obiettivo per quest'anno è arrivare a fine stagione con tutti i miei giocatori. Essendo questo il primo anno di calcio a 11 non c'è più l'obbligo di far giocare tutti. Quindi è capitato che alcuni di loro non venissero convocati e sicuramente questa decisione li ha scoraggiati. Ed è proprio per questa ragione che a inizio anno ho chiesto ai singoli calciatori di porsi degli obiettivi individuali che potessero raggiungere. Il calcio è anche saper superare i propri limiti». L'amore di Pagani per il calcio nasce in tenera età e lo spinge a scendere in campo ogni weekend fino a 3 anni fa quando, a causa della rottura del crociato, deve smettere. Finisce così la sua carriera di calciatore ma da lì a poco intraprende una nuova avventura: arriva al Rovato 8 anni fa e inizia ad allenare i Pulcini. Ed è proprio pensando a quell'incarico che si ricorda una partita che gli è rimasta nel cuore: « Quattro anni fa i classe 2010 hanno giocato e vinto 2-0 una partita contro la FeralpiSalò. Al di là dell'aspetto tecnico ciò che mi ricordo con più piacere è stata l'esultanza a fine partita dei miei ragazzi. Avevamo lavorato duramente e quella vittoria è stata una grossa soddisfazione». Dopo 5 anni e altre soddisfazioni la società decide di affidargli l'Under 14. Quindi questo allenatore ha avuto l'opportunità di seguire la sua odierna squadra in maniera costante per tre anni avendo quindi la possibilità di variare il suo sistema di gioco: « Non ho un modulo predefinito ma cerco sempre di alternarli ogni due mesi. A quest'età e a questo livello secondo me i ragazzi devono sperimentare e conoscere più sistemi di gioco possibili». E a proposito dei suoi afferma: « Si tratta di una squadra che è sempre stata predisposta all'impegno. I ragazzi si conoscono da ben cinque anni e sicuramente questo è un punto a nostro favore. Infatti sono disposti a sacrificarsi per la squadra ed ad aiutarsi tra compagni. Tra di loro spicca Enrico Ismaili che, oltre a dare sempre il massimo in campo, ha la stoffa del leader». 
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400