Cerca

Under 14

Ateltico Alcione-Ausonia: i neroverdi vincono lo scontro diretto con i gol di Fornaro, Milan e Nelini

Gli ospiti passano con tre reti nella sfida ad alta quota del girone M: decisivi i cambi vincenti di Cioffi, che pesca due gol dalla panchina

Atletico Alcione-Ausonia Under 14 foto squadra Ausonia

L'undici titolare dell'Ausonia che ha battuto l'Atletico Alcione

La sfida tra le due capoliste del girone M degli under 14 di Milano si conclude con un netto 3-0 dell’Ausonia sull’Atletico Alcione. La formazione ospite vince la quarta partita consecutiva grazie a gol di Fornaro nel primo tempo e a quelli dei subentrati Milan e Nelini, in gol pochi secondi dopo l’ingresso in campo nel finale della ripresa. Tre punti importanti per i neroverdi che si portano a quota 12 in classifica e lasciano a nove punti in proprio l’Atletico Alcione. L’Ausonia, anche in trasferta, conferma la tendenza a realizzare molte reti. Con le tre di oggi, infatti, sono 33 i gol segnati in quattro partite, a fronte di uno solo subito: delle statistiche che certificano uno stato di forma eccellente. I padroni di casa si fermano dopo tre vittorie consecutive e sono superati in classifica dal Romano Banco che, però, ha una partita in più. Per i ragazzi di Forneris, tuttavia, il risultato appare, soprattutto per quanto visto nel secondo tempo, eccessivo nella misura, ma non cancella la buona prestazione fatta.

Traverse. I primi 35 minuti sono a forti tinte neroverdi. L’Ausonia, schierata con un 4-3-3 in cui Frontini gioca davanti alla difesa, crea diversi pericoli alla porta di Ferrazza. Dopo un’iniziale fase di studio, all’ottavo minuto è Fornaro, autore di una grande prestazione, ad andare vicino al gol con un bel colpo di testa su cross calibrato di Gazzoni. È solo l’inizio della sfida personale tra il nove ospite e il numero uno dell’Atletico. Intanto, un minuto dopo, Sorrentino colpisce la prima delle due traverse della sua partita con un bel destro a giro su cui Ferrazza avrebbe potuto ben poco. La partita è in mano all’Ausonia, che grazie all’ottima prestazione dei due centrali di difesa riesce a tenere la linea alta e a pressare con efficacia. Al 17’ arriva la seconda traversa di Sorrentino e, sul prosieguo dell’azione Ferrazza dice ancora no a Fornaro. Che, però, al 20’ trova la rete dell’1-0. L’attaccante parte da sinistra in azione di contropiede, passa in mezzo a due avversari e trova il destro vincente sul primo palo. L’Atletico non riesce a ripartire con convinzione e subisce ancora gli attacchi degli ospiti che, però, non trovano il raddoppio con Pucci, chiuso bene da Ledezma, senza dubbio il più positivo dei padroni di casa.

Panchina. Dopo un primo tempo difficile, l’Atletico Alcino esce bene dagli spogliatoi, deciso a trovare il gol del pareggio. Il pressing dei tre centrocampisti Cimato, Leotta e Croci ora funziona ed è l’Ausonia ad avere difficoltà nell’uscire dalla propria trequarti. La sfuriata dei padroni di casa, però, anche per la capacità degli ospiti, non produce grandi pericoli alla porta di Donato. I ragazzi di Forneris sono bravi a recuperare palla, ma spesso sbagliano l’ultimo passaggio e non riescono a trasformare occasioni potenziali in vere e proprie palle-gol. Così l’Ausonia, passato il momento di maggior difficoltà, va di nuovo vicina al raddoppio, ma sulla strada dei neroverdi c’è sempre Ledezma, che, soprattutto sulla sinistra, tappa ogni falla del sistema difensivo. Sistema che Cioffi riesce a scardinare pescando le armi giuste dalla panchina. Al 27’, su azione da calcio d’angolo Milan, entrato in campo da una decina di minuti, trova la zampata giusta che taglia il morale dei padroni di casa. Quattro minuti dopo tocca a Nelini, entrato forse da dieci secondi, a trovare il gol con l’esterno destro su imbucata perfetta di Mero. Nelini, poi, ha anche l’occasione per la doppietta, ma il suo destro finisce di poco a lato. Il 3-0 finale può risultare pesante per l’Alcione, che paga le distrazioni nel finale, ma può portarsi a casa un secondo tempo giocato all’altezza dell’avversario, ora primo nel girone a pari punti con il Romano Banco.

IL TABELLINO

Ateltico Alcione-Ausonia 0-3
RETI: 20' Fornaro (Au), 27' st Milan (Au), 31' st Nelini (Au)
ATLETICO ALCIONE (4-3-3): Ferrazza 7.5, Longhi 7, Candela 6.5, Cimato 6.5 (28' st Brouzes sv), Ledezma 8, Novelli 7.5, Cortese 6, Leotta 6 (10' st Papagni 6), Barbu 6, Croci 6, Reo 6.5 (14' st Gorla 6). A disp.: Galbiati, Fermin, Di Leo. All.: Forneris 6.5.
AUSONIA (4-3-3): Donato 6, Gazzoni 7.5, Saccone 7, Dell'Olio 7.5, Frontini 7.5, Corrado 7.5 (34' st Bortolotto dv), Pucci 8 (34' st Boccasile sv), Mero 8 (35' st Foti sv), Fornaro 8.5 (31' st Nelini 7), Barros 7 (15' st Milan 7.5), Sorrentino 7.5 (32' st Lucariello sv). A disp.: Lanza, Serra. All.: Cioffi 8.
ARBITRO: Tomi di Milano 8
AMMONITI: Cortese (At)

LE PAGELLE

ATLETICO ALCIONE
Ferrazza 7.5 Nel primo tempo compie due grandi parate su Fornaro. Senza di lui il passivo avrebbe potuto essere anche peggiore. Incolpevole sui gol subiti.
Longhi 7 Sorrentino nel primo tempo è un cliente molto difficile. Lui è bravo a restare concentrato e nel secondo tempo spesso ha la meglio sul numero 11 neroverde. Non molla mai.
Candela 6.5 Pucci è in grande giornata oggi e quando lo punta lo mette in difficoltà. Ha il merito di lottare su ogni pallone e di cercare il gioco d’anticipo, riuscendoci a fasi alterne.
Cimato 6.5 Nel primo tempo soffre molto l’aggressività dell’Ausonia, che non fa respirare il centrocampo arancione. Con il passare dei minuti cresce e diventa prezioso con molti palloni recuperati.
Ledezma 8 Sfrutta il fisico per risultare praticamente impenetrabile. Pucci e Fornaro provano più volte a saltarlo, ma oggi si dimostra praticamente perfetto. Leader difensivo.
Novelli 7.5 Meno in mostra del compagno di reparto, ma altrettanto efficace. Chiude bene gli attacchi, soprattutto nella ripresa, e, quando calano i compagni, non riesce a evitare il terzo gol di Nelini.
Cortese 6 Partita di sofferenza per l'esterno destro arancione, che non ha quasi mai l'occasione giusta per poter fare male. Corre e si sacrifica, ma è più utile in fase difensiva che in quella offensiva.
Leotta 6 Parte male, ma ha il merito di crescere alla distanza. Soffre molto nel primo tempo, per poi emergere nella ripresa. Fino al momento della sostituzione.
10' st Papagni 6 Entra per provare l'assalto negli ultimi 25 minuti. Lotta, ma non riesce ad aiutare i compagni nella rimonta.
Barbu 6 In certe partite giocare come attaccante è difficile. Spesso isolato, non hai mai un pallone da poter trasformare in gol. Corre tanto, ma i compagni non riescono a servirlo come vorrebbe.
Croci 6 Come tutti i compagni migliora nella ripresa, prendendo in mano il centrocampo con una regia pulita.
Reo 6.5 Nel primo tempo è l'unico a pressare con convinzione in attacco. Recupera diversi palloni, ma, al momento giusto, non riesce a concludere. Vivace.
14' st Gorla 6 Venti minuti di grinta, ma con poche occasioni. E' poco preciso nelle giocate, ma ha il merito di provarci.
All. Forneris 6.5 L'Atletico Alcione disputa una partita di grande lotta, provando a giocare, soprattutto nella ripresa, il pallone. I gol nel finale rendono eccessivo il passivo di tre reti.

AUSONIA
Donato 6 L'Alcione, nonostante una buona ripresa, non crea veri pericoli alla sua porta. Lui si limita ad amministrare e a tenere sempre sulla corda i compagni facendosi sentire dalla porta.
Gazzoni 7.5 Ottimo piede e grande falcata. Si propone spesso in attacco, tagliando anche il campo palla al piede. Sulla fascia destra è un'ottima risorsa per la manovra offensiva.
Saccone 7 Partita ordinata del centrale neroverde. Fa tremare il suo allenatore con qualche errore in impostazione, ma riesce sempre a rimediare.
Dell'Olio 7.5 Più preciso del compagno di reparto. Molto bravo nell'anticipo: riesce sempre a trovare il temo giusto per togliere palla all'avversario. Comanda la difesa.
Frontini 7.5 Pulisce e recupera molti palloni, distribuendoli con grande qualità. Meglio nel primo tempo che nella ripresa, ma non perde mai la lucidità.
Corrado 7.5 Spinge tanto a sinistra e le sue rimesse laterali lunghe portano sempre sviluppi interessanti. In fase difensiva non sbaglia praticamente mai, chiudendo bene su Cortese. 
Pucci 8 Spinge tantissimo, risultando una spina nel fianco della difesa dell'Alcione. Solo Ledezma, aiutandosi con il fisico, riesce a fermarlo, ma quando parte è incontenibile. 
Mero 8 Qualità e quantità per tutta la partita. Corona una grande gara con l'imbucata per Nelini, che certifica la sua abilità con il pallone tra i piedi. 
Fornaro 8.5 Migliore in campo dell'Ausonia. Corre per due e va due volte vicino al gol prima di sbloccare il match con un gran destro sotto l'incrocio. Il tecnico lo sprona e lui va sempre su tutti i palloni.
31' st Nelini 7 Entra e segna con un tiro pregevole, decretando la fine della gara.
Barros 7 Meglio in fase difensiva che in quella offensiva. Recupera diversi palloni, ma è spesso impreciso nell'impostazione.
15' st Milan 7.5 Non inizia benissimo, ma la sua zampata del 2-0 chiude la partita.
Sorrentino 7.5 Meriterebbe molta più fortuna, ma i suoi due bellissimi tiri si stampano sulla traversa. Dopo un grande primo tempo, paga un po' di stanchezza nel finale.
All. Cioffi 8 Grande partita dei suoi ragazzi, che si confermano a punteggio pieno nel girone.

ARBITRO
Tomi di Milano 8 Amministra bene una partita senza grandi interruzioni.

LE INTERVISTE

A fine partita ha commentato la sconfitta il tecnico dell'Atletico Alcione Forneris: «Nel primo tempo è stata un partita nervosa, con poco gioco e molti palloni alti. Nel secondo tempo ci siamo sbloccati, ma abbiamo commesso troppi errori e non abbiamo creato occasioni pulite. Loro hanno giocato meno, ma sono stati più concreti. Non ho nulla da rimproverare ai miei ragazzi». Anche Cioffi ha commentato la gara, elogiando i suoi ragazzi per la bella vittoria: «Abbiamo preparato bene la partita. Meritavamo anche di più. Nel secondo tempo siamo stati bravi a colpire dopo aver passato indenni la loro sfuriata».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400