Cerca

Under 14

Accademia Inter-Schiaffino: risolvono Durante e Pitissi, ornano Madon e Giuliani: Corti mette piede sul treno Regionali

I nerazzurri dimostrano di essere una grande squadra, ma la formazione di Letizia dà filo da torcere nel primo tempo

Durante Nicholas Saveri Under 14 Accademia Inter

Nicholas Durante, classe 2008, hombre del partido con un gol e un assist

L'Accademia Inter batte per 6-1 lo Schiaffino e mette un piede sul treno Regionali. Una grande squadra si vede nell’attenzione ai particolari, in quello che crea e nelle occasioni che concede. Oggi i nerazzurri hanno nuovamente dimostrato di appartenere a questa categoria: nonostante l’emozione della grande sfida avesse annebbiato, almeno nella fase iniziale, l'identità della squadra di Corti; una volta rotto il ghiaccio, con il gol dal dischetto di Durante, hanno lasciato le briciole agli avversari, montando le tende nella metà campo della squadra di Letizia e arrivando per primi su ogni pallone conteso. La formazione ospite, invece, spinta dall'acceso fervore del proprio pubblico ha potuto esprimere un’ottima prestazione, che va valutata da un punto di vista di contrasto, al netto della differenza tecnica e fisica dei due schieramenti: cuore e grinta, nel primo tempo, hanno riportato su un piano quasi di equilibrio lo scontro. 

Spirito. L’Accademia Inter parte forte: linea difensiva nella metà campo avversaria e pressing asfissiante sui portatori di palla. I giocatori dello Schiaffino non riescono quasi mai a uscire palla al piede: sebbene ci provino, iniziando palla a terra la manovra, si tratta di una scelta che porta più effetti negativi che altro. Al 2' minuto, è subito impegnato con una parata il portiere rossonero, che deve distendersi per togliere la palla dall’angolino dopo il tiro in mischia di Bucciero. Gli ospiti accettano la supremazia dei padroni di casa e provano ad assumere le vesti di contropiedisti. Mentre i nerazzurri provano a impostare sfruttando la larghezza del campo e i cambi gioco di Durante per muovere la difesa avversaria senza lasciargli prendere le misure. Malgrado dunque l’iniziale predominio della squadra di Corti, la formazione di Letizia resiste e non lascia grandi occasioni ai rivali, solo qualche tiro da fuori area. Ma al minuto 28 cala l'attenzione: Vai scodella in area e Perrotta in uscita travolge Zanin. È calcio di rigore. Dal dischetto va Durante che spiazza il portiere e fa 1-0. Sei minuti dopo Gallo va in dribbling sulla linea di fondo e saltato l'avversario invita Pitissi che con una rasoiata impone il 2-0.

Durante Nicholas Saveri, classe 2008, migliore in campo

Discesa. L'Accademia Inter entra in campo ringalluzzita e consapevole delle proprie forze, riprende in mano le redini del gioco e alza i giri del motore. Nel corso della seconda frazione sono sei i cambi di Corti e dimostrano l'ampiezza e completezza della rosa di casa: i giocatori cambiano, ma l’identità rimane e l’individualità pure. Bastano cinque giri d'orologio ed è già 3-0: Durante porta palla e fa uscire la difesa, che permette di liberare il passaggio per l'appena entrato Conversa che solo davanti al portiere calcia preciso sul secondo palo. Al minuto 20 su tiro di Madon, devia Perrotta che però favorisce Zanin che fa 4-0. Otto minuti dopo arriva il golazo di Madon che su un traversone controlla il pallone alzando la gamba alla Ibrahimovic, lascia rimbalzare e fulmina sotto la traversa Perrotta per il 5-0. A due minuti dallo scadere arriva anche la perla di Giuliani che fa tutto da solo e al limite dell’area calcia sul secondo palo. Non mollano però i ragazzi dello Schiaffino che con un tiro da lontanissimo di Fernando colpiscono la traversa e ribadiscono a rete con Marino per il gol della bandiera.

IL TABELLINO

ACCADEMIA INTER-SCHIAFFINO 6-1
RETI (6-0, 6-1): 28' rig. Durante (A), 34' Pitissi (A), 5' st Conversa (A), 20' st Zanin (A), 28' st Madon (A), 32' st Giuliani (A), 34' st Marino (S).
ACCADEMIA INTER (4-3-1-2): Tommasi 6.5, Calia 7 (1' st Maggini 7), Vai 7, Pitissi 8, Marrone 7.5, Gibelli 7, Crapanzano 7 (19' st Pop sv), Bucciero 7.5 (1' st Conversa 7), Zanin 8 (1' st Madon 8), Durante 9 (29' st Marconi sv), Gallo 8.5 (11' st Giuliani 7.5). A disp. Trezzi , Espinoza Londono, Falappi. All. Corti 7. Dir. Tridico.
SCHIAFFINO (4-3-3): Perrotta 6.5, Muzzolon 6 (3' st Fernando 7), Di Domizio 6.5, Boniardi 6.5 (33' st Ballabio), Scirpoli 6.5, Caprini 7, Mirra 6, Caloi 6.5 (3' st Cherubini), Ciompi 6 (19' st Barresi), Rigamonti 6.5, Corso 6 (3' st Marino 7). A disp. Calati, Maggi, Farchica , Colombo. All. Letizia 6.5. Dir. Caloi.
ARBITRO: Cersosimo di Milano 6.5
AMMONITI: Marino (S), Scirpoli (S), Pitissi (A).

LE PAGELLE 

ACCADEMIA INTER
Tommasi 6.5 Viene impegnato pochissimo ma è sempre sicuro nella presa. Nell'occasione del gol non può veramente farci nulla: la palla carambola tra la traversa e la sua schiena per finire infine sui piedi di Marino.
Calia 7 Avanti e indietro per il campo senza mai stancarsi; con le sue sovrapposizioni consente a Gallo di avere maggiori soluzioni (1' st Maggini 7) 
Vai 7 Dà l'input per l'1-0; i suoi traversoni sono sempre pericolosi; attento anche in fase di interdizione.
Pitissi 8 Centro del gioco nerazzurro: da lui partono tutte le iniziative. Dà pulizia alla manovra palloni e fa da filtro alla difesa. 
Marrone 7.5 Muro difensivo. Non permette mai agli avversari di accentrarsi per il tiro e li lascia andare sempre sul fondo dove alla fine riesce a chiuderli. Mai saltato.
Gibelli 7 Fornisce sostanza alla difesa: velocità, fisico e qualità lo rendono fondamentale per ogni fase della transizione.
Crapanzano 7 La forza della squadra di Corti è soprattutto in mezzo al campo e lui è uno degli uomini chiave (19' st Pop sv).
Bucciero 7.5 È il primo ad essere pericoloso sfiorando il vantaggio su schema da calcio d'angolo. Prestazione di qualità e quantità a centrocampo (1' st Conversa 7).
Zanin 8 Permette alla squadra di cercare la profondità; bravo anche nel gioco aereo. Segna da vero numero 9 (1' st Madon 8).
Durante 9 Hombre del partido: irradia brillantemente la manovra dei padroni di casa. Si presenta senza paura sul dischetto e fa l'assist del 3-0. (29' st Marconi sv)
Gallo 8.5 Si muove in tutto il campo senza mai dare riferimenti: quando punta salta sempre l'avversario; prezioso l'assist del 2-0 (11' st Giuliani 7.5).
All. Corti 7 Nel corso della stagione ha saputo dare un'impostazione vincente alla sua squadra: ora viaggiano quasi con il pilota automatico.

SCHIAFFINO
Perrotta 6.5 Tiene viva la partita con delle bellissime parate: una su tutte quella al 20' del secondo tempo dove mura a due passi il tiro dell'accattante avversario. 
Muzzolon 6 Ha dalla sua parte i giocatori più veloci dei nerazzurri; esperto però nelle letture (3' st Fernando 7).
Di Domizio 6.5 Con la squadra schiacciata non può mai salire: viene limitato alla fase difensiva.
Boniardi 6.5 Si trova contro un reparto molto più folto, ma è sempre energico in ogni contrasto e determinato in fase di interdizione (33' st Ballabio).
Scirpoli 6.5 Riesce ad andare spesso in anticipo sull'avversario: ottimo anche di testa.
Caprini 7 Attento in ogni lettura difensiva; bravo a murare i tiri dalla distanza nel primo tempo.
Mirra 6 Prova il contropiede in velocità ma si trova di fronte il muro difensivo nerazzurro.
Caloi 6.5 Soffre molto la differenza fisica, ma mette comunque grinta e sostanza alla sua prestazione (3' st Cherubini 6.5).
Ciompi 6 Prova a sgusciare via un paio di volte e non viene trovato spesso (19' st Barresi sv).
Rigamonti 6.5 Partita di sofferenza della sua squadra che lo costringe a toccare pochi palloni.
Corso 6 Si batte su ogni pallone; ma quando ha l'occasione di ripartite non riesce mai a sfuggire alla difesa  (3' st Marino 7).
All. Letizia 6.5 Fa fare ai suoi una prestazione di cuore e grinta: da sottolineare l'atteggiamento e lo spirito della sua squadra.

ARBITRO
Cersosimo di Milano 6.5 Controlla con autorevolezza la partita e non si lascia sfuggire nulla.

L'INTERVISTA

Comincia subito con il piede giusto l'Accademia Inter di Andrea Corti, che commenta: «Nel primo tempo forse la partita era un pochino tesa e abbiamo accusato la pressione andando in difficoltà. Ma alla lunga siamo usciti fuori e abbiamo dimostrato di meritare il risultato scaturito. Ho fatto sei cambi perché meritavano di giocare tutti: ho a disposizione una rosa completa dove sono tanti i giocatori interessanti e con qualità notevoli. Sono contento della prestazione: abbiamo posto l'attenzione non tanto sui minuti giocati da ciascun giocatore ma sulla qualità del tempo giocato da ogni ragazzo. Chi è entrato si è fatto trovare pronto e hanno dimostrato tutti voglia e cattiveria. Questa è la strada giusta».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400