Cerca

Under 14

Orione, sei uno schiacciasassi! E ora anche campione Provinciale

La finale vede un'altra vittoria dei ragazzi di Uggeri e Paglia, che riescono a superare un'altra formazione, dopo il Vighignolo, fin lì perfetta come la Baranzatese

Orione, sei uno schiacciasassi! E ora anche campione Provinciale

L’Orione supera ancora una formazione imbattuta, la Baranzatese, e si aggiudica il Titolo Provinciale Under 14. Una Fase Finale perfetta per i ragazzi della coppia Uggeri-Paglia che termina nel migliore dei modi con un 2-1 che consegna la Coppa dei vincitori. Prima sconfitta, invece, amarissima per la Baranza di Lardera, a cui non basta il solito sigillo di Sudano, che aveva risposto a quello di Imparato. A decidere la finale è il colpo di testa di Balboni in piena area piccola, su cross dalla bandierina di Battaglia. Venuti da Baranzate, i tifosi gialloblù si fanno già sentire ben prima del fischio di inizio della sfida con cori, e anche una coreografia, che recita: «Forza Baranza». Niente coreografia, invece, per i tifosi dell’Orione, che però non sono inferiori per forza vocale nei loro canti.

BATTAGLIA FA IL LEAO, IMPARATO COLPISCE

Se l’inizio in tribuna è caldissimo, quello in campo è all’insegna della freddezza. Entrambe le squadre, infatti, procedono con i piedi di piombo quando sono in possesso, con un giro palla ragionato e volto a colpire, quando c’è la possibilità. Ed è proprio quello che prova a fare Sudano all’8’ sulla sinistra. Il numero 11 di Lardera, innescato da capitan Di Iorio, punta Mercalli, entra in area e mette in mezzo un pallone che Vecchi non riesce a trattenere, ma Bignami non riesce a girare in porta. È comunque è la miccia che infiamma la gara. Prima lo stesso Sudano ci prova con il sinistro, ma la sfera finisce alta, poi è più pericoloso Iasella, che di conclusioni dalla distanza pericolose se ne intende. Poco prima che scocchi il minuto numero 10 sul cronometro, Vecchi deve calare la prima parata importante della gara andando a togliere la conclusione del 4 gialloblù dall’angolino alla sua sinistra. L’Orione si fa vedere dalle parti di Sassano con un tiro da fuori, da circa 25 metri, di Betto, l’estremo difensore non ha problemi con la traiettoria e fa sua la sfera. Ma la gara si è definitivamente stappata: la Baranzatese prende il centro del ring, mentre la formazione di Uggeri è pronta a pungere in ripartenza. E l’occasione arriva al 16’ con una bella fuga alla Gareth Bale di Battaglia sulla sinistra, palla in mezzo per Volpini, ma il sinistro del numero 7 viene deviato, provvidenzialmente, dal muro difensivo. Al 20’ arriva una brutta notizia per Lardera: in uno scontro di gioco Tirloni riporta un problema all’anca sinistra e alza bandiera bianca. Al suo posto Di Bello e Galimberti che passa a destra in difesa nel 4-1-4-1 gialloblù. Ma le connessioni offensive della Baranzatese non ne risentono e al 33’ costringono a un super intervento Vecchi. Il pericolo arriva sempre dal solito Sassano, lanciato sulla sinistra da Iasella. Il numero 11 scappa via sulla fascia e mette in mezzo un cioccolatino in area piccola, dove arriva Bignami a colpo sicuro di piatto destro, ma deve fare i con un super Vecchi. E proprio nell’azione successiva, arriva il vantaggio dell’Orione. Un’azione fotocopia rispetto a quella degli avversari, dove sulla sinistra corre via Tommaso Pirri, palla in mezzo per Imparato: il primo tentativo di destro finisce sul corpo di Sassano, ma il secondo finisce in rete. 1-0 biancazzurro, proprio quando sembrava maturo il tempo per il gol della Baranza. Il vantaggio infiamma il lato della tribuna, dove siedono i tifosi dell’Orione, mentre i supporters gialloblù accusano il colpo, ma solo per un istante. Stessa situazione che succede per i gialloblù in campo, mentre i ragazzi di Uggeri aggiungono ancora più attenzione e agonismo a un inizio a cui certamente non erano mancati questi due ingredienti. Ritmi che si abbassano in attesa del duplice fischio. Poco prima, però, ci prova ancora da lontano Betto. Il suo destro al volo dai 20 metri è ben indirizzato, ma vola alto sopra la traversa di Sassano, anche se per poco. 

BALBONI USA LA TESTA E SCOPPIA LA FESTA

Nessun cambio rispetto ai 22 che hanno terminato il primo tempo e neanche nel clima presente in tribuna. E anche lo spartito tattico in campo non è mutato, anche in virtù del risultato: Baranza in controllo del possesso e Orione pronto a colpire appena lo spazio si apre. Al 7’, però, ad avere la possibilità di andare in porta in contropiede guidato da Sudano. Corsa a perdifiato sulla sinistra, palla dall’altra parte, ma né Barberio né Degiorgi riescono a calciare in porta prima della chiusura corale della difesa di Uggeri. Il tecnico dei biancazzurri, a quel punto, sceglie di lanciare nella mischia Todini, al posto del momentaneo match winner Imparato. Il numero 20 dell’Orione viene accolto dal coro in stile Maradona ‘O mama o mama’. Chili e centimetri per l’Orione in previsione di una ripresa, dove bisognerà appoggiarsi all’attaccante. Ma appena dopo la Baranzatese colpisce e lo fa con un lancio panoramico, dalla propria trequarti, di Di Iorio per la corsa di Sudano, che riesce a mantenere il vantaggio sui difensori e indovinare il pallonetto su cui Vecchi questa volta non può nulla. Entusiasmo alle stelle e tribuna che trema all’urlo di gioia dei tifosi gialloblù e anche un fumogeno giallo che oscura la visuale per qualche secondo. Appena in tempo per vedere la punizione dai 25 metri di Pirotta, bloccata in due tempi da Sassano. Una serie di cambi spezza il ritmo del secondo tempo, ma certamente non il pathos, che con il passare dei minuti non fa altro che crescere. E per antonomasia, per sbloccare una gara sul filo del rasoio, è un calcio piazzato. Al 26’ dalla destra va Battaglia. Il suo destro a rientrare pesca la testa di Balboni che, senza staccare, insacca a pochi passi da Sassano, Ritorna in vantaggio l’Orione con uno dei tanti subentrati nelle due squadre. Lardera, allora, prova la carta Alchieri, al posto di Iasella, e passa a una formazione decisamente a trazione anteriore. Ma ad andare vicinissimo al gol è ancora l’Orione. Una punizione, a tre minuti dalla fine, di Pirotta, sulla trequarti offensiva, diventa una palombella velenosa che termina sulla faccia alta della traversa. 

IL TABELLINO

ORIONE-BARANZATESE 2-1
RETI: 34’ Imparato (O), 12’ st Sudano (B), 26’ st Balboni (O).
ORIONE (4-2-3-1): Vecchi 7.5, Mercalli 7, Pirri R. 6.5, Del Vacchio 6.5, Giulini 6.5, Betto 6.5 (13’ st Balboni 8), Volpini 7 (19’ st Foglio sv), Lanfranchi 6.5, Imparato 8 (7’ st Todini 6.5), Pirri T. 7 (13’ st Pirotta 6.5), Battaglia 8. A disp. Ortenzi, Paracchino, Darecchio, Luoni, Rimoldi. All. Uggeri 8. Dir. Tolusso.
BARANZATESE (4-1-4-1): Sassano 6.5, Galimberti 6.5, Tirloni 6 (20’ Di Bello 6, 27’ st Zarantoniello sv), Iasella 7 (28’ st Alchieri sv), Cuzmin 6.5, Livelli 6, Bignami 7 (32’ st Boniardi sv), Barberio 6.5, Degiorgi 6.5 (21’ st Spadone 6), Di Iorio 7, Sudano 7.5. A disp. Vasta, Bornago, Modolo. All. Lardera 6.5. Dir. Zarantoniello.
ARBITRO: Chiappa di Milano 7.
ASSISTENTI: Curiello di Milano e Jezong di Milano.
AMMONITI: Degiorgi (B), Giulini (O).

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400