Cerca

Venaria-Lucento All Star Under 14: la capoccia di Melano porta i torinesi avanti nel torneo, non basta la tenacia di Brunazzo

Melano Roberto (1)
Finisce 0-1 la sfida tra Venaria e Lucento, sbloccata nella prima frazione dal centroavanti torinese Roberto Melano, che insacca di testa un assist al bacio del collega Marinuzzo, regalando a Ursoleo il passaggio del turno. Venaria che dimostra un ottimo gioco, mantenendo in maniera costante il pallino del gioco, ma che non riesce però a trovare lo specchio della porta, venendo fermato più volte dal portiere Giorgio Losi (a dimostrazione di una prova superlativa). Preferisce un 4-5-1 Ursoleo che consente al Lucento di mantenersi compatto in mezzo al campo, facilitando così i vari recuperi palla, a fronte anche di una squadra mutilata dalle varie assenze. Venaria di Virardi che parte con un 4-4-1-1, interessata al buon gioco e a prendersi tutto lo spazio sul campo, oltre che sperare nelle prodezze della sua punta di diamante Brunazzo. Buona la prima! Parte subito incisivo il Venaria, ma non decisivo, anche per via delle prodezze del portiere torinese. Al 5' si supera subito Losi che con i piedi devia in corner un tiro ravvicinato di Brunazzo, mentre qualche minuto più tardi, lo stesso Losi metterà una pezza sul diagonale destro di Lo Campo con la stessa azione che poi si chiuderà con una conclusione dal limite di Triulcio: di poco alta sopra la traversa. In mezzo ad una sfida tutta vestita di Venaria, si riprende la sua scena il Lucento, in particolare Melano. Il centroavanti torinese sfrutta alla perfezione un assist dalla sinistra di Marinuzzo, insaccando di testa alle spalle di un immobile Barbero. Perde di coraggio qui il Venaria che non dimostra più lo stesso carisma di inizio partita, arrivando nella zona di Losi soltanto a pochi secondi dalla pausa, sempre con Triulcio dal limite (e sempre Losi che risponde presente per i suoi). Venaria alla riscossa. Ripresa che non cambia l'epilogo della prima frazione con un Venaria sempre incisivo sul campo, con il possesso palla dalla sua parte, ma non decisivo (e forse troppo demoralizzato dal gol subito). I ragazzi di Ursoleo, invece, dovranno resistere ancora un tempo e lo fanno buttando nella mischia Mathala (al posto di Deda) che, con la sua giunonica fisicità, mantiene ben lontana la sfera dalla porta di Losi. Di nuovo pericoloso il Venaria all' 11' quando un lancio in profondità dalla sinistra diventa una vera e propria occasione per i ragazzi di Virardi: complice l'uscita a vuoto di Losi, il neo entrato Rasello tenta il tap in a porta vuota che viene ben addomesticato (e salvato da gol sicuro) da Arfawi che, di testa, devia il pallone in corner. Una volta subentrata la stanchezza saranno poche le occasioni nitide della partita a fronte, invece, di un aumento degli interventi troppo aggressivi e dei vari errori in mezzo al campo. Triplice fischio che sancisce la vittoria e il passaggio del turno per il Lucento di Ursoleo. Molta amarezza per i venariesi di Virardi che, nonostante l'ottimo gioco dimostrato, non vanno oltre la sconfitta.

IL TABELLINO

VENARIA-LUCENTO 0-1 RETI: 14' Melano (L). VENARIA (4-4-1-1): Barbero 6.5, Procida 7, Tomiato 6.5, Ichim 7.5, Triulcio 6.5, Ferraris 6.5, Cottone 7 (23' st Quaranta 6), Rrapushi N. 6.5, Lo Campo 6.5 (12' st Militello 6.5), De Liddo 7 (7' st Rasello 7), Brunazzo 8. A disp. Capogna M.. All. Virardi Roberto 7. Dir. Militello. LUCENTO (4-5-1): Losi 8, Gregnanin 6.5, Tusha 6.5, Deda 6 (1' st Mathala 6.5), Arfawi 7.5, Barranca 7, Di Pasquale 6.5, Melano 7.5, Marinuzzo 7.5, Piazzolla 6.5, Galotta 7. A disp. Franco. All. Ursoleo 7. Dir. Galotta. ARBITRO: D'Amelio di Chivasso 6. AMMONITI: 29' st Mathala (L).

LE PAGELLE

PAGELLE VENARIA


I tre "gioielli" di casa Venaria Daniel Ichim, Simone Cottone e Andrea Brunazzo

Barbero 6.5 Sul gol rimane impassibile vista la conclusione di testa molto ravvicinata, ma dopo la marcatura subita inizia a ribaltare la propria partita facendosi trovare pronto su ogni conclusione. Sicuro negli interventi di Tusha nel primo e secondo tempo. Procida 7 Intensa velocità per tutta la gara, in particolare nel finale che si fa gli straordinari sulla fascia alla ricerca del pareggio. Capitano coraggioso anche nel momento di maggiore intensità. Tomiato 6.5 Insieme a Rrapushi tengono le redini del centrocampo venariese, peccando un po' di ordine soltanto nei minuti finali. Per il resto si dimostra un ottimo collante tra la difesa e il collega De Liddo. Nel finale subisce un brutto colpo, ma continua a giocare con tenacia. Ichim 7.5 Compagno di reparto ottimale visto la sua spiccata altezza, che lo aiuta nella gestione delle palle alte. Le discese di Marinuzzo spaventano, ma di fronte a lui niente può accadere. Triulcio 6.5 Carisma troppo sotto i piedi quando sbaglia qualcosa: non dovrebbe troppo abbattersi visto il promettente talento che si presenta ai suoi piedi. Per il resto lungo la corsia sinistra riesce a far salire bene la squadra vincendo praticamente ogni duello con Di Pasquale. Ferraris 6.5 Dalla parte opposta a Triulcio si presenta lui dimostrando un ottimo senso di gioco. Essenziale davanti e bravo nelle coperture in fase difensiva. Talvolta tenta un assist in mezzo all'area ma nessuno riesce ad andare a buon fine. Cottone 7 Primo tempo ordinario con una perfetta gestione del duo Marinuzzo-Melano. Ripresa più in difficoltà con con l'ingresso di Mathala vista la sua elevata fisicità. Nonostante l'evidente differenza di altezza ha però dettato lui l'ordine nelle retrovie venariesi. 23' st Quaranta 6 Ingresso a pochi minuti dalla fine con qualche spunto interessante in mezzo al campo, ma senza lasciare troppo il segno. Rrapushi N. 6.5 L'altra faccia del centrocampo. Insieme al collega Tomiato dimostrano un interessante apertura di gioco verso le fasce laterali, sopportandosi a vicenda nei momenti di maggiore difficoltà. I suoi filtranti per Brunazzo fanno tramare la difesa del Lucento. Lo Campo 6.5 Rimane largo a sinistra dimostrando una perfetta sintonia con il collega Triulcio. Davanti si dimostra interessante nelle varie discese al fianco di Brunazzo. 12' st Militello 6.5 Stesso lavoro di Triulcio che con il suo ingresso si sposta più avanti. Tiene saldo il comparto difensivo al fianco di Ichim e Cottone, evitando un possibile raddoppio torinese. De Liddo 7 Sempre a supporto di Brunazzo. Ogni pallone che dalla difesa ripartiva verso il comparto offensivo, passava dai suoi piedi e veniva ben distribuito tra i due esterni e Rrapushi. 7' st Rasello 7 Ingresso difficile vista la poca fisicità, ma con il passare dei minuti inizia a sentirsi sempre più a propio agio. Sua la conclusione più pericolosa della ripresa dove il tap in a porta vuota viene salvato dalla prontezza di Arfawi. Brunazzo 8 Tra i suoi si dimostra il migliore con accelerazioni micidiali, che fanno tremare più volte i difensori avversari. Le conclusioni più pericolose provengono dai suoi piedi, ma sempre fermate da un "troppo in giornata" Losi. All. Virardi Roberto 7 La squadra dimostra un ottima qualità di gioco, in maniera particolare in mezzo al campo, lavorando alla perfezione nella gestione degli spazi. Dopo la marcatura subita (nel momento di maggiore entusiasmo per loro), gli ha troppo demoralizzati, tanto da rallentare tutto ciò che di magico avevano creato. PAGELLE LUCENTO


La festa dei ragazzi dopo l'uscita vittoriosa dal campo.

Losi 8 Le sue mani sono miracolose e tutta la squadra si salva grazie a lui. Nel primo tempo viene messo subito alla prova da Brunazzo prima e Triulcio dopo. Ripresa più ordinaria se non per un'uscita avventata che ha quasi portato al gol Rasello. Per il resto se il Lucento ha vinto questa partita lo deve in buona parte alla sua prestazione. Gregnanin 6.5 Partita ordinaria ben gestita lungo la corsia destra. Di fronte alle accelerazioni di Lo Campo fatica a rimanere sul pezzo, ma non combina troppi guai. Tusha 6.5 Si occupa della corsia sinistra, mettendo in gioco un ottimo feeling con il collega Piazzolla. Interessanti anche i suoi tiri dalla distanza che centrano sempre lo specchio della porta. Deda 6 Parte al fianco di Melano per poi amalgamarsi con tutto il centrocampo torinese. Nel primo tempo lavora di gambe con Piazzolla nelle varie ripartenze in avanti, ma fatica troppo di fronte alla fisicità di Ichim. 1' st Mathala 6.5 La sua fisicità spaventa tutto il comparto difensivo venariese che impara conoscerlo con il passare dei minuti. Piazzato sulla corsia di sinistra, fa spostare Piazzolla più in centro e collabora con stile con Tuscha. Si fa ammonire nel finale in un momento di poca lucidità di tutta la partita. Arfawi 7.5 Chiusure nitide e fondamentali su Brunazzo che mette a ferro e fuoco tutta la difesa, ma lui un po' meno. Ottimo pilastro difensivo sul quale tutta la squadra può contare. Miracoloso il suo doppio intervento di testa su Rasello che salva la porta del Lucento dopo l'uscita azzardata di Losi. Barranca 7 Collega di Arfawi nel comparto difensivo, fatica molto sulle discese di Brunazzo. Con il passare dei minuti si riprende il suo posto in partita, mantenendo insieme ai suoi la porta inviolata. Di Pasquale 6.5 Esterno destro che cerca di partecipare alle azioni di squadra, ma non sempre ci riesce. Il collega Gregnanin tenta di inserirlo in qualche azione, ma solo poche volte riesce a trovare i suoi piedi. Si dimostra, però, ottimale nel gioco stretto. Melano 7.5 Marcatura che incide pesantemente sull'entusiasmo degli avversari dato che li colpisce nel loro momento migliore. La sua collaborazione con Marinuzzo si dimostra un perfetto asso nella manica per Ursoleo. Marinuzzo 7.5 Il fraseggio davanti non è dei più semplici (vista la fisicità di Ichim), ma lui lo fa sembrare super semplice. Il dialogo con Melano si dimostra essenziale, come lo dimostra l'azione del gol (suo l'assist al bacio per il compagno). Ripresa da guerriero viste le sue continue sfide solitarie tra i difensori venariesi. Piazzolla 6.5 Tocco morbido con il pallone che gli permette di controllare al meglio la sfera. Si amalgama bene al gioco creato dal duo Melano-Marinuzzo e mette in campo una perfetta sintonia con Tusha. Galotta 7 In mezzo al campo fa gli straordinari soprattutto nella ripresa viste le continue discese avversarie in cerca di un pareggio. Buono a smistare i palloni tra i vari colleghi in avanti, anche se non sempre troppo precisi. All. Ursoleo 7 Si presenta al campo con poco più di 11 giocatori che, in una partita dove sono costretti a soffrire, lo fanno nel migliore dei modi, portando a casa il risultato più importante. Individualità che fanno la differenza, in alcuni momenti anche ben amalgamati tra di loro. PAGELLE ARBITRO


Il direttore di gara Matteo D'Amelio di Chivasso

D'Amelio di Chivasso 6 Nel complesso non combina troppi guai, ma fa troppo di testa propria senza seguire i vari guardalinee che continuano a sbandierare quando la palla supera la linea laterale. Nei fuorigioco risulta poco lucido, non tanto sulla loro presunta validità, quanto che tende a fischiarli troppo tardi.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400