Cerca

Under 14 B

Seconde squadre a chi? Il Mirafiori di Giuseppe Albanese

Come dimostrano le promozioni in primo gruppo di Antonicelli e Saviano, i gialloblù puntano molto sull'integrazione delle due rose per assicurare miglioramenti e competività

Seconde squadre a chi? Il Mirafiori di Giuseppe Albanese

Il Mirafiori di Albanese

Torna la rubrica dedicata ai secondi gruppi dell'under 14 regionale con un approfondimento sul Mirafiori di Giuseppe Albanese, squadra che fluttua nella metà della classifica del girone B. Dopo un inizio di campionato segnato da risultati altalenanti, in conseguenza anche dei continui mutamenti in rosa per l'interscambio di giocatori con il primo gruppo, i gialloblù sperano di stabilizzarsi e di ottenere presto i risultati sperati.

«Questa prima parte di stagione ci ha già regalato grosse soddisfazioni - spiega Albanese - perchè da quando siamo partiti ad agosto, la mia squadra è migliorata e dimostra di saper giocare a calcio. Soprattutto nelle ultime partite abbiamo raccolto poco rispetto a quanto avremmo meritato, lasciando qualche punto per strada che ci avrebbe fatto molto comodo. Spesso paghiamo qualcosa in fatto di furbizia e malizia: siamo ingenui e nei momenti clou della partita o ci spegniamo o non riusciamo a chiudere i conti. L'obiettivo del mio lavoro è comunque quello di far migliorare i ragazzi, per aprire loro le porte del primo gruppo, come già capitato ad AntonicelliSaviano, che si allenano ormai in pianta stabile con Federico Calò. La mia filosofia è di far sentire coinvolti tutti i ragazzi, e proprio per questo non c'è una vera e propria formazione titolare, perchè tutti girano e giocano lo stesso quantitativo di minuti. Le caratteristiche che apprezzo di più di questo gruppo sono l'impegno e la dedizione che i ragazzi dimostrano ogni settimana: tutti si presentano agli allenamenti e tutti danno sempre il massimo. Spero che con un po' di stabilità in più riusciremo anche ad aggiustare la nostra classifica».

In questo avvio di stagione la squadra spesso si è presentata in campo con un 4-4-2 alternato a un 4-2-3-1 a seconda degli uomini a disposizione. Francesco Grigio difende i pali della porta gialloblù in alternanza con Alessio Luciano, mentre Alessandro Nobile Andrea Messina compongono il duetto centrale di difesa, abbianando qualità complementari: il primo infatti è dotato di fisico e sicurezza, il secondo sfrutta la grande grinta per affrontare col piglio giusto gli avversari, specialmente nell'uno contro uno. Stessa cosa si può dire per gli esterni bassi, con Samuele Fusaro sulla sinistra e Gabriele Di Leva sulla sinistra, che garantiscono cattiveria e senso della posizione. A centrocampo la padrona è Laura Minieri, capitana della squadra, dotata di grande intelligenza tattica e leadership all'interno del gruppo. Accanto a lei trova spesso spazio Federico Musaico, centrocampista molto tecnico che ha già più volte fornito le sue prestazioni al primo gruppo. Sugli esterni di centrocampo Edoardo Fagni, detto "flash", Lorenzo Aducato e Marco Squillaro si alternano nei due posti a disposizione per tre uomini in un pacchetto ben assortito, formato sia da velocisti che da giocatori di buona tecnica. Davanti il bomber è Owens Yadnom, capocannoniere del girone che fa della grande velocità e del killer instinct le sue doti di spicco, mentre Maurizio Cutrì è finalemente pronto per sfruttare il posto lasciato da Antonicelli, ormai fisso con il primo gruppo. 

Degni di menzione sono sicuramente anche Elia Casale Lorenzo Ignelsi, ragazzi ai box da inizio anno ma che scalpitano per il rientro, Gabriel Ferrero, terzino spesso impiegato dal suo allenatore a partita in corso, Lorenzo Angilletta, che occupa la zona centrale del campo e Gabriele Cutuli, terzino dotato di tecnica interessante. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400