Cerca

Under 14

Quincitava-Ivrea: 2-1, derby risolto da uno strepitoso De Stalis e dai "Blues Brothers" Pramotton

De Stalis porta subito avanti i gialloneri ci pensa Mathieu Pramotton a mettere in cassa forte il match

De Stalis con Didier e Mathieu Pramotton, i tre mattatori del derby di Settimo Vittone

De Stalis con Didier e Mathieu Pramotton, i tre mattatori del derby di Settimo Vittone

Finisce con un successo sostanzialmente giusto il derby di Settimo Vittone, tra il Quincitava e l'Ivrea Calcio, con i locali che, alla fine della fiera, pagano dazio nel non essere riusciti a chiudere in tempo, una partita sempre avuta in mano, in quanto non sono riusciti a finalizzare in gol le innumerevoli occasioni create, anche se, bisogna attribuire comunque i meriti agli orange, che, nonostante abbiano patito molto gli attaccanti di casa, sono comunque sempre riusciti a rimanere in partita e, nel finale, sono riusciti a rientrare in gara, anche se ormai era troppo tardi per poter provare a strappare un punto. E' un Quincitava che, con il successo di oggi, in classifica sale a quota 24 punti, avvicinandosi di conseguenza in modo importante alle zone nobili della graduatoria, lasciando contemporaneamente l'Ivrea ferma a quota 16. Locali, che si schierano con un solido 4-4-2, con Tedesco tra i pali, Malci e Dezutti al centro della difesa con Nicod e Marusic sulle corsie esterne, Vallomy e Ruffino al centro del centrocampo con De Stalis e Didier Pramotton larghi sulle fasce, e tandem offensivo formato da De Paola e da Mathieu Pramotton. Ospiti che si schierano a specchio, con Chinea tra i pali, Cena e Mosso sulle corsie esterne con Colombo e Lesca al centro della difesa, Quattrocchi e Scalzi al centro del centrocampo con Condello e Tappero Merlo larghi sulle fasce, e tandem offensivo formato da Garetto e Aresti.

Salgono subito in cattedra i gemelli Pramotton. Pronti, via ed il match già si infiamma, infatti, il cronometro, non fa neanche in tempo a compiere il secondo giro, che i gemelli Pramotton già colpiscono, con Didier che, da posizione defilata, con uno splendido filtrante, mette il fratello Mathieu davanti alla porta, il quale, dopo un'avanzata alla velocità della luce, molto intelligentemente, dal limite dell'area, attende la perfetta sovrapposizione di De Stalis, per poi servire palla all'ex di giornata, che, dopo aver varcato il confine dell'area di rigore, lascia partire una cannonata che fulmina l'incolpevole Chinea con il gol del vantaggio per i locali. Dopo questo inizio scoppiettante, i locali, mettono il turbo, e al 5' vanno vini al raddoppio, con De Paola che, da posizione defilata, crossa per Ruffino, il quale, di prima, senza pensarci due volte, lascia partire una conclusione che però termina alta di poco. Un minuto dopo, Didier Pramotton si travesta da Alberto Tomba, in quanto, durante un'incredibile avanzata, riesce a saltare tutta la difesa orange, proprio come l'ex sciatore bolognese saltava i paletti durante le sue discese e, una volta arrivato nei pressi del limite dell'area, rientra sul destro e lascia partire una conclusione a giro che fa la barba al palo lontano, a portiere battuto. Dopo aver accusato una partenza a fionda dei padroni di casa, all'11', l'Ivrea si fa vedere dalle parti di Tedesco, con Garetto che, da posizione defilata, entra in area e tenta il tiro, ma la sua conclusione é controllata senza troppi problemi dall'estremo di casa. Tre minuti dopo, i "Blues Brothers" Pramotton gelano i caldi tifosi ospiti, con Didier, che, dopo aver fatto il diavolo a quattro sulla fascia, esattamente come i bombardieri della Seconda Guerra Mondiale, entra in area in picchiata, per poi servire il fratello Mathieu, il quale, di prima, lascia partire una conclusione al volo che scheggia la traversa e termina alta. Due minuti dopo, sugli sviluppi di un corner per i locali, la difesa eporediese allontana la sfera di testa, ma al limite dell'area é appostato Ruffino, che, al volo, lascia partire una bomba che si spegne di poco a lato. Al 17', Didier Pramotton, continua a seminare il panico nella difesa arancione, infatti, dopo aver difeso bene il pallone all'interno dell'area di rigore ospite, in un fazzoletto si gira e lascia partire una conclusione che però é ben controllata da Chinea. Orange che, al 19', approfittando di un contropiede, grazie a Garetto riescono a rispondere, infatti dopo un'avanzata alla velocità della luce, l'attaccante eporediese tenta il tiro dal limite dell'area, ma la sua conclusione é alta. Due minuti dopo, arriva la risposta del Quincitava, con De Paola, che, dopo aver difeso ottimamente la palla, sulla trequarti, scarica la sfera per Mathieu Pramotton, il quale, di prima, grazie ad un filtrante per suo fratello Didier, riesce a tagliare in due il centrocampo eporediese, 11 giallonero, che con un dribbling semplicemente letale, riesce ad uccellare in un colpo solo i due centrali ospiti, ma, una volta entrato in area, si allunga troppo il pallone, e non riesce a concludere un'azione che aveva fatto alzare tutti gli spettatori in piedi sulla tribuna. Al 28', però, é l'Ivrea a spaventare i tifosi di casa, in quanto, dopo una splendida triangolazione al limite dell'area, Garetto imbuca per Aresti, ma, l'estremo di casa, grazie ad un'uscita miracolosa, é semplicemente un gatto nell'anticipare la punta ospite. Sul capovolgimento di fronte, Didier Pramotton continua a fare il diavolo a quattro sulla corsia di sinistra, ma, questa volta, da posizione defilata, mette in mezzo un confetto per De Paola, che però, da due passi, scaraventa nel modo più incredibile la sfera sul fondo. L'ultima emozione di un primo tempo giocato ad un ritmo forsennato, giunge al 35', ed é per i locali, sempre con il bombardiere Didier Pramotton, che, dopo l'ennesima volata sulla fascia alla velocità della luce, si accentra e, dopo aver fintato il tiro, non calcia, giocandola corta per Vallomy, mediano giallonero che, dal limite dell'area, dopo essersi sistemato il pallone, tenta subito la conclusione, ma il suo tiro termina a lato di poco. 

Moro riesce a dare le giuste indicazioni. Nella seconda frazione di gioco, i ritmi sono sempre altissimi, infatti, la prima emozione giunge al 9', ed é per gli ospiti, con Aresti, che, dopo un'avanzata alla velocità della luce, una volta entrato in area, riesce a liberarsi dai difensori di casa, e una volta giunto di fronte all'estremo di casa tenta il tiro, ma Tedesco, con un grande riflesso, riesce a tenere a galla i suoi, rifugiandosi in corner. Passano a malapena due minuti, che il Quincitava risponde subito, con Nicod che, dopo essere andato a supporto di Didier Pramotton, si fa scaricare il pallone e da posizione defilata, lascia partire un cross che é un invito a cena per Ruffino, il quale, sale in cielo, ma incorna la sfera a lato. Natale, che dopo aver notato le mosse dell'allenatore eporediese per cercare di contenere Didier Pramotton, rimescola anche lui le carte nel mazzo, assestando De Stalis in mediana, allargando Ruffino sulla fascia. A testimonianza di questo, al 15', si vedono i frutti di questa mossa, con Ruffino che, dopo un'ottima avanzata, mette in mezzo un autentico "Ferrero Rocher" per i compagni, con Didier Pramotton, nel tentativo di scaraventare la sfera in rete, viene atterrato da un difensore ospite e, il direttore di gara, non può fare altro che assegnare l'indiscutibile rigore, dal dischetto si presenta l'altro ex, De Paola, che, avvertendo comprensibilmente la tensione, getta al vento il possibile 2-0 sparando la palla alta. Eporediesi che, grazie al tentativo del mister Moro di mettere il raddoppio di marcatura su Didier Pramotton, riescono a contenere un po' di più l'esterno giallonero, ma, quest'oggi, esattamente come recita il proverbio: "Ognuno ha la sua croce", se Didier fa un pochino di fatica a salire in cattedra, a creare i problemi alla difesa ospite, ci pensa il fratello Mathieu, infatti, al 17' Mathieu Pramotton, in mezzo a due difensori orange, dopo aver ricevuto palla a rimorchio di De Paola, grazie ad un imbucata di pregevolissima fattura, riesce a servire la sfera a Ruffino, che di prima, tenta il tiro, ma la sua conclusione é ben controllata da dall'estremo eporediese. Sessanta secondi dopo, da una punizione dalla trequarti, da posizione defilata, De Stalis pennella una traiettoria con il contagiri che é un'autentico invito a nozze per i suoi, il più lesto a salire sull'altare é Mathieu Pramotton, che, grazie ad una zampata da vero e proprio attaccante, riesce a scaraventare la sfera in rete per il gol del 2-0 che manda in visibilio i tifosi di casa. Al 24' minuto, i gialloneri vanno vicini al tris, con Mathieu Pramotton che, dal limite dell'area, dopo essersi liberato dai difensori ospiti, lascia partire una conclusione che mette a dura prova i riflessi di Chinea, ma, l'estremo orange, grazie ad un bell'intervento, riesce ad evitare la terza capitolazione. In un match che ha regalato pochissimi attimi di pausa, le ultime due emozioni che incendiano un già infuocato pubblico sono per l'Ivrea: la prima giunge al 32', con il neo entrato Praz, che, dalla trequarti, riesce ad imbucare la sfera per Aresti, ma Tedesco, grazie ad un'altra uscita miracolosa, riesce a togliere la palla dai piedi del numero 11 orange, prima che lo stesso attaccante eporiedese riesca a calciare. La seconda, ed ultima emozione del match, giunge al 36', sempre con Aresti che, nel bel mezzo del recupero, grazie ad un'altra avanzata a velocità da censura, dopo essere entrato in area, riesce a saltare Dezutti e, una volta giunto di fronte a Tedesco, riesce a fulminarlo sul palo lontano, dove l'estremo di casa non ci può proprio arrivare. Dopo quest'emozione che riapre il match, i locali, riescono a tenere la sfera lontano dall'area di rigore fino al triplice fischio finale.

IL TABELLINO

QUINCITAVA-IVREA CALCIO: 2-1

RETI(2-0,2-1): 2' De Stalis (Q), 18' st Pramotton M (Q), 36' st Aresti (I).

QUINCITAVA(4-4-2): Tedesco 6.5, Marusic 7, Nicod 7, Vallomy 6.5(1' st Chieregato 6.5), Malci 6.5(32' st Ardissone sv), Dezutti 6.5, Ruffino 7(37' st Fasciotto sv), De Stalis 8, De Paola 5.5(32' st Buracco sv), Pramotton M 8, Pramotton D 7.5(26' st Gili 6.5). A disp Perenchio, Prelle. All Natale 7.

IVREA CALCIO(4-4-2): Chinea 6, Cena 5.5, Mosso 5.5, Scalzi 6, Colombo 6, Lesca 6, Condello 5.5(18' st Praz 6.5), Quattrocchi 5.5, Tappero Merlo 6 (32' st Tinetti sv), Garetto 6, Aresti 7. A disp Ferri, Mhaj.  All Moro 6.

AMMONIZIONI: Pramotton D (Q).

Arbitro: Goxhoj della sezione di Ivrea 6.5.

LE PAGELLE

QUINCITAVA

Tedesco 6.5 Quand'é chiamato in causa risponde sempre presente, riesce a tenere a galla i suoi con due uscite basse che sono semplicemente decisive, ad inizio ripresa risponde con un buon riflesso sulla conclusione di Aresti, non può nulla nel gol subito.

Marusic 7 Gioca veramente una grande partita, é molto utile quando deve dare un appoggio a De Stalis prima, e Ruffino poi, in fase difensiva é sempre ben posizionato e riesce sempre a bloccare le avanzate ospiti.

Nicod 7 Per lui bisogna fare sostanzialmente lo stesso discorso fatto per Marusic, ci impiega 10 minuti per carburare ma quando entra in partita poi é devastante, nella ripresa riesce a murare una conclusione che per Tedesco poteva rappresentare un grosso problema.

Vallomy 6.5 In mediana gioca una partita di sostanza, molto utile sia in fase offensiva sia in fase difensiva, peccato perché sul finire del primo tempo sfiora il gol con un gran tiro.

1' st Chieregato 6.5 Anche lui gioca una partita di sostanza, molto utile per far uscire la squadra dal pressing degli ospiti, e bravo nel rubare palla agli avversari quando li aggredisce alti.

Malci 6.5 In fase difensiva gioca una grande partita, tolta qualche piccola sbavatura, riesce sempre a fare la giocata giusta e ad essere posizionato nel posto più corretto rispetto ad ogni dinamica dell'azione (32' st Ardissone sv).

Dezutti 6.5 Per lui bisogna fare sostanzialmente lo stesso discorso fatto per Malci, ottima partita, riesce a dividersi equamente il lavoro con il partner difensivo nel neutralizzare gli attaccanti eporediesi. 

Ruffino 7 Gioca veramente una bella partita, riesce ad essere efficace sia quando gioca da mediano e deve difendere, sia quando viene spostato in fasce e può spingere (37' st Fasciotto sv).

De Stalis 8 Se per De Paola giocare contro la sua ex squadra non ha portato benissimo, alla sua prestazione non si può fare altro che battergli le mani, é una minaccia continua, sia quando attacca sia quando frega palla agli avversari, il suo gol é di vitale importanza per i suoi in quanto incanala la partita nella giusta direzione per il Quincitava. 

De Paola 5.5 Purtroppo oggi ha beccato la giornata no, ma ci può stare, tolto il discorso del rigore sbagliato sbaglia anche un gol da due passi che solitamente fa, ciò nonostante si sbatte a destra ed a sinistra per aiutare la squadra, diverse volte i suoi gol hanno tolto le "castagne dal fuoco ai suoi" e, senza dubbio continuerà ad essere così (32' st Buracco sv).

Pramotton M 8 Se l'altra volta che ero andato a vederlo aveva "lavorato dietro le quinte", oggi si é preso totalmente la scena, fa un gol da attaccante vero che é di vitale importanza per i suoi, perché dopo un rigore sbagliato una squadra perde sicurezza, invece lui é riuscito a riconsegnare alla squadra la fiducia necessaria per portare a casa i tre punti, sia con il gol, sia con la sua ottima prestazione. 

Pramotton D 7.5 Ormai chi ha il compito di marcarlo deve sperare che non sia in giornata, nel primo tempo senza ombra di dubbio é il più pericoloso tra i suoi, quando ha palla tra i piedi sembra di vedere un panettiere che impasta il pane, nella ripresa fino a quando rimane in campo anche se non riesce a pungere con la facilità con cui colpiva nel primo tempo gioca una partita egregia. 

26' st Gili 6.5 Dà tutto quello che ha sia in fase offensiva, sia in fase difensiva, cerca di dare il suo contributo alla squadra per gestire il match nel migliore dei modi.

All Natale 7 Ha preparato la partita nel migliore dei modi, oggi i suoi hanno ampliamente meritato i tre punti, però la sua squadra deve cercare di fare gol quando ha delle occasioni, perché specialmente nella prima frazione di gioco, oltre al gol si é creata almeno altre 2/3 palle gol nitidissime e poi deve cercare di curare la gestione del match perché é ancora correggibile. Oltre a questo, bisogna marcare però il fatto che anche un cieco vedrebbe che la strada intrapresa é quella giusta.

IVREA CALCIO

Chinea 6 Sui gol subiti non può farci nulla, quand'é chiamato in causa risponde sempre presente, quando ha palla cerca sempre di giocarla bassa, e riesce ad evitare un passivo ulteriormente pesante grazie a due interventi importanti.

Cena 5.5 Si é preso il cliente peggiore che gli potesse capitare, nel primo tempo fa molta fatica a tenerlo, ma con un Didier Pramotton in questa forma c'é poco da fare, un po' meglio nella ripresa. 

Mosso 5.5 Nel primo tempo fa fatica a tenere De Stalis, e nella ripresa fa anche fatica a tenere Ruffino, nonostante ciò riesce cerca di fare tutto quello che può per aiutare la squadra.

Scalzi 6 In mediana cerca di creare una diga anche se a tratti non ci riesce, cerca sempre di dare una mano alla difesa nell'uscire palla al piede perché il pressing dei locali é tremendamente efficace.

Colombo 6 Dà tutto quello che ha per aiutare la squadra, anche se fa molta fatica a tenere a bada Mathieu Pramotton perché l'attaccante di casa viene spesso a prendere palla bassa e quindi viene attratto fuori posizione.

Lesca 6 Con De Paola fa una vera e propria guerra, loro due fanno a sportellate dal primo minuto fino a quando il 9 giallonero viene sostituto, in alcuni tratti della partita lo tiene bene mentre in altri fa fatica a marcarlo.

Condello 5.5 Sulla fascia non riesce ad essere pericoloso anche perché Nicod lo tiene molto bene, nella ripresa cerca di dare una mano a Cena nel marcare Didier Pramotton.

18' st Praz 6.5 Quando entra riesce a dare più vivacità all'attacco, riesce a creare un occasione importante per gli orange che solo una meravigliosa uscita di Tedesco gli nega la gioia dell'assist. 

Quattrocchi 5.5 In mediana é preso di mezzo dal continuo pressing dei locali, si abbassa molto spesso per aiutare i suoi ad uscire dal pressing forsennato dei padroni dicasa.

Tappero Merlo 6 Dà tutto quello che ha per essere di supporto alla squadra, anche se riesce ad essere più incisivo in fase difensiva rispetto alla fase offensiva (32' st Tinetti sv).

Garetto 6 Insieme al partner d'attacco é l'unico che riesce a causare problemi alla difesa del Quincitava, anche se oggi, tra i due attaccanti é quello che fa le imbucate, tutto sommato gioca un match in cui riesce a fare il suo.  

Aresti 7 Senza ombra di dubbio é il migliore tra i suoi, con le sue avanzate alla velocità della luce é il più pericoloso per la difesa di casa, fa un gol da attaccante vero che ridà speranza ai suoi.

All Moro 6 Nel primo tempo i suoi patiscono molto i locali, tra primo e secondo tempo riesce a dare le giuste direttive alla squadra, e con i cambi cerca di cambiare il match in ogni modo, senza ombra di dubbio i suoi ci hanno provato in tutte le maniere.

Arbitro: Goxhoj della sezione di Ivrea 6.5 Tolto qualche errore le decisioni chiave le azzecca tutte, riesce ad avere sempre in mano una partita che ha arbitrato all'inglese.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400