Cerca

Under 14

Il solito Nourice fa la voce grossa: l'Enotria è in vetta

Il centravanti trascina i rossoblù con una doppietta

Il solito Nourice fa la voce grossa: Enotria in vetta

Alessandro Nourice, bomber e punto fermo dell'Enotria

Non basta un grande primo tempo all'Ausonia per fermare la corsa dell'Enotria che nel secondo tempo prende il largo vince per 5-0. Sull'ostico campo di via Bonfadini, la squadra di Baldissin ha vissuto 35 minuti di adattamento alla gara non riuscendo a superare la pressione dei padroni di casa. Il bomber Alessandro Nourice, però, si conferma attaccante vero e si prende per mano la sua squadra con una doppietta e tante giocate determinanti. Impressiona soprattutto la coralità del gioco dell'Enotria che racconta della bontà del lavoro fatto in questa stagione dai rossoblù. All'Ausonia rimane un risultato un po' troppo severo ma un grande primo tempo in cui ha saputo tenere testa a una delle grandi favorite del campionato. Non è un caso che Cioffi a fine partita, per quanto amareggiato per il risultato, si è dichiarato soddisfatto dell'approccio alla gara dei suoi ragazzi. L'Enotria vola in testa alla classifica, in attesa del risultato dell'Accademia Pavese. I neroverdi rimangono fermi al terzo posto.

A PRESSIONE ALTERNATA

L'inizio della gara non è sicuramente dei più spettacolari. Il motivo va sicuramente individuato nel puntuale piano tattico disegnato per l'occasione da Cioffi, intenzionato a inceppare fin dai primi minuti la manovra solitamente fluida dell'Enotria. Gli ospiti scendono in campo con il solito atteggiamento aggressivo: linea della difesa alta, con il portiere Chierico quasi in posizione di libero e i tre della trequarti a pressare i portatori di palla fin dentro l'area di rigore. L'Ausonia, dunque, non riesce più di tanto a costruire nei primi minuti ma, allo stesso tempo, riesce a reggere alla grande l'urto delle ripartenze avversarie. Se nella prima metà della frazione di gioco è l'Enotria che sembra avere di più il pallino del gioco, nella seconda metà sale in cattedra la squadra di casa rinvigorita dal buon posizionamento mantenuto sul terreno di gioco. Le occasioni, però, latitano. Un primo momento chiave è al 21' quando Chierico, come sempre molto aggressivo nelle uscite fin sulla propria trequarti, si avventura per anticipare Fornaro. Il tempo dell'intervento non è quello giusto e il portiere travolge l'attaccante che era lanciato a rete: il direttore di gara Croci fischia il fallo e grazia l'estremo difensore dell'Enotria estraendo il cartellino giallo. Lo squillo che spacca in due il match arriva poco prima della mezz'ora. Nel momento migliore dell'Ausonia, gli ospiti ripartono veloci sull'out di sinistra con il velocissimo La Gioia. Il pallone, dopo un batti e ribatti, arriva tra i piedi di Favaro che da buona posizione conclude a rete. La risposta di Donato e puntuale ma il portiere dell'Ausonia respinge sui piedi del peggior cliente possibile, Nourice, che insacca senza problemi. La scintilla che serviva all'Enotria per scrollarsi di dosso un po' di ruggine. Prima del duplice fischio di metà partita i rossoblù vanno vicini al raddoppio con un'azione collettiva conclusa da Brugnone: si oppone però molto bene Donato. 

TROPPA ENOTRIA

Il gol segnato allo scadere del primo tempo, come spesso accade in questi casi, provoca differenti conseguenze nelle due squadre. Se da una parte l'Enotria entra in campo ringalluzzita e consapevole dei propri mezzi tecnici, l'Ausonia sembra aver accusato il colpo dello svantaggio e meno convinta. Gli ospiti prendono fin dall'inizio del secondo tempo il comando delle operazioni e lasciano veramente poco respiro agli avversari. Donato è chiamato agli straordinari: prima rimedia a un errore della difesa, chiudendo benissimo Nourice involato verso la porta; poco più tardi risponde presente sempre sul numero 9 rossoblù che aveva colpito di testa a botta sicura da pochi passi. Al 9', però, il portiere dell'Ausonia non può fare proprio nulla sulla bella conclusione da fuori di Lusignani che sancisce il 2-0 dell'Enotria. La rete del terzino ospite segna un po' la fine della gara: i padroni di casa non riescono a uscire con efficacia, nonostante l'inserimento di Nelini riesce a dare quel poco di profondità in più. L'Enotria è scatenata e al 22' si guadagna un calcio di rigore per un intervento scomposto con la mano di Dell'Olio. Dal dischetto si presenta La Gioia che spiazza il portiere e mette a referto il tris per la sua squadra. Dopo appena tre minuti, Croci è costretto a indicare nuovamente il dischetto dell'area di rigore dell'Ausonia: Nourice, dopo una bella azione personale, viene atterrato da Saccone. Lo stesso attaccante si presenta dagli undici metri: Donato è bravissimo a intuire e parare il rigore. Nulla può, però, sulla ribattuta del 9 che sigla la doppietta personale. Gli ultimi minuti sono di assoluta gestione ma lasciano spazio alla cinquina - una punizione forse un po' troppo severa per i padroni di casa - dell'Enotria. Un instancabile Brugnone scende sulla destra e fa partire un traversone che pesca, solissimo sul secondo palo, Novello. Per il numero 20 è un gioco da ragazzi appoggiare il pallone in rete. 

IL TABELLINO

AUSONIA-ENOTRIA 0-5
RETI: 27' Nourice (E), 9' st Lusignani (E), 23' st rig. La Gioia (E), 25' st Nourice (E), 34' st Novello (E).
AUSONIA (4-3-3): Donato 7, Gazzoni 6, Dell'Olio 7 (28' st Barros Cabezas sv), Saccone 6.5, Frontini 6.5, Bortolotto 6, Pucci 6 (18' st Sorrentino 6), Mero 6, Fornaro 6.5 (29' st Boccasile sv), Milan 7 (14' st Rosini 6), Corrado 6 (10' st Nelini 6.5). A disp. Lanza. All. Cioffi 6.5. Dir. Saccone.
ENOTRIA (4-3-1-2): Chierico 7, Grotti 6.5, Lusignani 7, Brugnone 7.5, D'Addona 6.5 (10' st Mondini 6.5), Buzzerio 7, Luly Tommaselli 6 (29' st Veneziano sv), La Gioia 7, Nourice 8 (26' st Novello 7), Favaro 6.5, Bertolini 6 (20' st Cirasella sv). A disp. Pirani, Copes, Maruzzelli, Locurcio, Bonaita. All. Baldissin 7. Dir. Rizzo.
ARBITRO: Croci di Cinisello Balsamo 6.
AMMONITI: Chierico (E), Nourice (E), Dell'Olio (A), Saccone (A), Fornaro (A).

La titolare dell'Enotria

LE PAGELLE

AUSONIA

Donato 7 Non è mai bello per un portiere subire cinque reti ma la prestazione del numero 1 è molto positiva, indipendentemente dai gol incassati. Almeno 3 interventi decisivi più un rigore parato, il tutto condito da una personalità forte e decisa.
Gazzoni 6 Per metà gara sono molto difficili da arginare gli inserimenti di La Gioia, lui comunque regge all'urto abbastanza bene.
Dell'Olio 7 Nel primo tempo la sua prestazione è quasi perfetta, riuscendo ad arginare Nourice. Nella ripresa la pressione offensiva avversaria cresce e lui non si abbatte, resistendo finché può (28' st Barros Cabezas sv). 
Saccone 6.5 Anche per lui buona partita per metà tempo, nella ripresa cala un po' di più rispetto al suo compagno di reparto. Finché c'è stata gara è stato autore di una buona prestazione.
Frontini 6.5 Vero e proprio frangiflutti del centrocampo neroverde: resiste indomito nel tempestoso centrocampo dell'Enotria finché ha benzina nel serbatoio.
Bortolotto 6 Serata difficile per il terzino neroverde che rimane ordinato e bloccato in difesa, senza riuscire a spingere come avrebbe voluto.
Pucci 6 Non riesce a farsi vedere nel grande calderone che è la zona mediana del campo. Prova qualche guizzo soprattutto nel primo tempo ma non incide.
18' st Sorrentino 6 Entra nella ripresa per dare man forte a un centrocampo un po' in apnea. Fa quello che può.
Mero Demera 6 Regge per più tempo alla pressione del centrocampo avversario grazie alle sue caratteristiche fisiche. Nella ripresa è più in ombra.
Fornaro 6.5 Per tutta la seconda metà del primo tempo, da buon capitano, si carica il peso dell'attacco sulle sue spalle e cerca di smuovere le acque là davanti. Nella ripresa è molto presto spostato sulla sinistra e non riesce a essere concreto (29' st Boccasile sv).
Milan 7 Nel primo tempo è sicuramente il migliore dei suoi: riesce a reggere bene il confronto fisico con gli avversari e tenta la giocata di qualità. Non riesce però a finalizzare negli ultimi sedici metri.
14' st Rosini Entra per uno sfinito Milan ma non riesce a impattare sul match, nonostante la voglia sia tanta.
Corrado 6 Partita difficile per l'ala dell'Ausonia che non riesce a trovare spazi. Verso la fine del primo tempo tende ad accentrarsi per essere più presente nella manovra dei suoi. 
10' st Nelini 6.5 Entra per dare peso e profondità alla manovra offensiva dell'Ausonia: ci prova e si sbatte come può, con grinta.
All. Cioffi 6.5 La partita è preparata benissimo e per un tempo i suoi ragazzi tengono testa con coraggio e personalità all'Enotria. Il gol subito allo scadere dei primi 35 minuti mina le certezze dei suoi che, nel secondo tempo, non sono gli stessi.

L'Ausonia al gran completo prima del fischio d'inizio

ENOTRIA

Chierico 7 Non solo un portiere ma un vero e proprio libero vecchio stampo. Capita svariate volte che l'estremo difensore rossoblù anticipi l'attaccante avversario lanciato in profondità.
Grotti 6.5 Buona personalità in fase difensiva e ottima prontezza nel cercare subito di capovolgere il fronte verticalizzando in avanti.
Lusignani 7 Nel primo tempo soffre un po' la manovra incancrenita della sua squadra. Durante la ripresa torna il motorino che tutti conosciamo: trova un gran gol e si sovrappone con continuità.
Brugnone 7.5 Partita di assoluto spessore del cervello dell'Enotria. Elegante e serafico nella gestione del pallone, arrembante e instancabile in fase di non possesso. Tanti passaggi chiave, tante palle recuperate. Un assist. Gara enorme.
D'Addona 6.5 Il vero lavoro c'è solo nel primo tempo, quando ingaggia un bel duello con Fornaro. Nella ripresa gli attacchi dell'Ausonia sono radi e vive 35 minuti più sereni.
10' st Mondini 6.5 Entra e si sistema sulla fascia dove gioca con personalità tentando sempre la giocata e la sovrapposizione.
Buzzerio 7 Invalicabile. Tutte le ondate degli attacchi dell'Ausonia sbattono sul difensore centrale col numero 6 sempre puntuale negli anticipi e aggressivo nei contrasti. Anche nel secondo tempo mantiene alta l'attenzione della sua difesa.
Luly Tommaselli 6 Del centrocampo rossoblù è quello meno appariscente dei suoi: partecipa comunque in maniera attiva alla manovra offensiva (29' st Veneziano sv).
La Gioia 7 Prestazione generosa e di livello. Nei primi 35 minuti macina chilometri sulla fascia sinistra, instancabile. Nella ripresa si sistema addirittura come difensore centrale e amministra la situazione di vantaggio. Freddo nel realizzare il rigore dello 0-3.
Nourice 8 Solita qualità devastante del numero 9 che anche nella serata di mercoledì aggiunge due perle al suo bottino personale. Non solo finalizzatore ma anche un vero e proprio ingranaggio della macchina offensiva dell'Enotria che, nella ripresa, funziona alla perfezione anche grazie al suo lavoro.
26' st Novello 7 Poco meno di 10 minuti in campo, un gol. Cosa chiedere di più a un giocatore che entra dalla panchina?
Favaro 6.5 Nel primo tempo è sicuramente uno dei più attivi della sua squadra, tanto che propizia il gol del vantaggio. Nella seconda frazione di gioco è meno appariscente ma rimane comunque dentro alla circolazione di palla.
Bertolini 6 Tra gli uomini offensivi di Baldissin è quello che si fa vedere di meno. L'intesa coi suoi compagni di reparto comunque c'è tutta (20' st Cirasella sv).
All. Baldissin 7 La sua squadra è lucida e matura. Non si scompone dopo un primo tempo ruvido, difficile e torna in campo nella ripresa con la consapevolezza di poter alzare i ritmi. Il secondo tempo è giocato a memoria.

ARBITRO

Croci di Cinisello Balsamo 6 Sempre vicino al gioco. L'episodio del rosso mancato rimane un grosso interrogativo, comunque cerca sempre di motivare le sue scelte dialogando con giocatori e panchine.

LE INTERVISTE

Cioffi, allenatore Ausonia: «Abbiamo fatto un ottimo primo tempo in cui abbiamo preso il gol a pochi minuti dalla fine per un nostro errore. Un peccato l'episodio del rosso mancato: loro sono una squadra molto forte e sarebbe stato difficile batterli anche in 10, ma forse sarebbero cambiate le cose a livello psicologico. Stiamo lavorando per migliorare il gruppo e renderlo sempre più forte: scendiamo in campo sempre per fare la partita».

Baldissin, allenatore Enotria: «Nel primo tempo l'atteggiamento è stato quello giusto ma ci abbiamo messo un po' di tempo ad adattarci alle misure del campo e a trovare delle contromisure. L'Ausonia oggi era molto presente e aggressiva e ci ha messo in difficoltà. Siamo una squadra che ha tante belle individualità che, però, prese singolarmente non ci porterebbero da nessuna parte: cerchiamo sempre di fare emergere le qualità di ognuno con una costruzione corale».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400