Cerca

Under 14

Una tripletta che fa sognare: Gashi fa volare il Caravaggio

Non c'è stata partita tra i biancorossi di Ravasi e il Breno, a cui non bastano i gol di Diop e Baisotti

BEKIM GASHI - CARAVAGGIO UNDER 14

Man of the match, Bekim Gashi che mette a segno una tripletta e dà spettacolo con le sue reti

C’è poco da dire sulla sfida tra Caravaggio e Breno, che vede i biancorossi vincere con un netto 7-2 sui bresciani, poco incisivi e con qualche difficoltà soprattutto nella fase difensiva. I ragazzi di Marco Ravasi non hanno mancato l’appuntamento con il gol, arrivato non solo dagli e con gli attaccanti ma anche da difensori come Cristian Baban, autore di una personale doppietta, attaccante aggiunto con il killer instinct quando si tratta di segnare. A dare spettacolo però è stato anche Bekim Gashi, che ne realizza tre portandosi a casa il pallone della vittoria e mostrando come precisione e fantasia possano andare di pari passo siglando tre reti una più bella dell’altra, con i suoi gol che non sono frutto del caso, quanto piuttosto della ricerca della porta da più parti e adottando più soluzioni.

GASHI SPETTACOLARE

Il Caravaggio non ci mette molto a trovare la giusta combinazione per scassinare la difesa ospite e al 4’ si porta già in vantaggio con Baban, che apre le danze sfruttando al meglio un corner dalla destra di Riboni, il Breno respinge ma il difensore biancorosso è pronto e lesto a insaccare la porta di Tedeschi. Tedeschi che dopo cinque minuti è costretto nuovamente a raccogliere la palla nel sacco dopo la rete di Gashi dalla sinistra che raddoppia per i suoi siglando il 2-0. La squadra di Mazzoli tenta di impensierire i padroni di casa con un bello scambio tra Diop, Vitali e Fiaccoli, che si portano a ridosso dell’area di rigore riuscendo anche a guadagnare una punizione dalla sinistra. Sempre il Breno due minuti dopo, questa volta dalla destra, ottiene un altro calcio piazzato: alla battuta va Comensoli, che favorisce il colpo di testa di Thiam, bravo a girarsi e a trovare il gol accorciando le distanze tra loro e i bergamaschi. L’illusione e la gioia della rete durano meno di un minuto perché Riboni sfruttando la difesa granata sbilanciata arriva dalla destra direttamente a tu per tu con Tedeschi riuscendo a segnare sul suo palo e ristabilendo la doppia distanza. A entrare in scena negli ultimi minuti di gioco è però Gashi che al 31’ e al 33’ sfoggia due perle, una più bella dell’altra. La prima rete è una parabola arcobaleno dalla sinistra, con la palla che a scendere va a infilarsi alle spalle di Tedeschi sul palo più lontano, mentre due minuti dopo il numero 10 biancorosso con un tiro di precisione da poco fuori l’area sigla la quinta rete con la sfera che va a centrare la base del palo e poi finisce direttamente in porta.

Thiam del Breno

BIANCOROSSI INSAZIABILI

Nel secondo tempo sono ancora i ragazzi di Ravasi ad andare vicino al gol prima con Baban che fa le prove generali per la sua seconda rete centrando però la traversa all’8’ e poi con Zucchetti al 15', ma Tedeschi con un colpo di reni sventa la minaccia. Al 20’ è ancora Baban a esultare, sfruttando al meglio il corner di di Zucchetti dalla destra che permette al Caravaggio di andare a quota sei. Al 27’ è però Baisotti per i bresciani a rendere meno amara la sconfitta mettendo a segno la seconda rete per i suoi grazie a un’incomprensione tra Rota e Tagliabue, che favorisce il gol avversario. A mettere definitivamente il sigillo alla partita ci pensa un minuto dopo Castellini, che sull’ennesima traversa, questa volta di Toti, segna di tap-in dopo la parata di Tedeschi, che però non trattiene la sfera e non può far altro che raccogliere un’altra volta il pallone in porta. Bene Caravaggio che si dimostra squadra compatta e con buone soluzioni di gioco. Breno da rivedere, poco palpabile e un po’ sfiduciato in queste ultime sue uscite.

IL TABELLINO

CARAVAGGIO-BRENO 7-2
RETI: 4' Baban (C), 9' Gashi (C), 16' Diop (B), 17' Riboni (C), 31' Gashi (C), 33' Gashi (C), 20' st Baban (C), 27' st Baisotti (B), 28' st Castellini (C).
CARAVAGGIO (4-3-3): Rota 6.5, Qabili 7 (23' st Tagliabue 6.5), Martinetti 6.5, Tabaku 7 (13' st Haddioui 6.5), Baban 8, Galletta 6.5, Zucchetti 6.5 (20' st Bignone 6.5), Ciavirella 6.5 (20' st Castellini 6.5), Vezzoli 7 (3' st Toti 6.5), Gashi 8.5 (23' st Magni 6.5), Riboni 7.5 (13' st Zani 6.5). A disp. Rovida. All. Ravasi 7.5.
BRENO (4-3-3): Tedeschi 6, Comensoli 6 (1' st Bersani 6), Lazar 6 (1' st Omerovic 6.5), Garatti 6.5, Romele 6.5, Castellanelli 6 (13' st Amighetti), Faccoli 7 (1' st Pasune 7), El Massnaoui 6, Diop 7, Thiam 7.5 (1' st Gualeni 6.5), Vitali 6 (1' st Baisotti 6.5). A disp. Suardelli. All. Mazzoli 6.
ARBITRO: Njonou Tchagna di Treviglio 6.5.
AMMONITI: Vezzoli (C), Bignone (C), Vitali (B).

LE PAGELLE

CARAVAGGIO

Rota 6.5 Le sue leve non sono particolarmente lunghe, ma ha tanta potenza nelle gambe e compensa con scatti da felino.
Qabili 7 Marca come un’ombra il suo uomo anche a risultato già ampiamente acquisito. Fa il suo dovere fino in fondo.
23’ st Tagliabue 6.5 Bene nello scegliere i tempi giusti d’intervento e di passaggio della palla. Unico neo l’incertezza con Rota. 
Martinetti 6.5 Nella prima fase di gara bada più a difendere che ad attaccare, ma nel corso della ripresa dà più spinta in avanti.
Tabaku 7 La sua prestazione è più che buona, sbaglia poco ed è sempre allerta sia sull’uomo che sul pallone.
13’ st Haddioui 6.5 Si comporta bene e svolge il suo lavoro. Fa tutto il necessario senza esagerare.
Baban 8 Apre le marcature, non si fa problemi a tirare e a segnare realizzando una personale doppietta. Bene pure in difesa.
Galletta 6.5 Gestisce con calma e sicurezza le diverse situazioni di gioco, dai palloni più innocui a quelli più insidiosi.
Zucchetti 6.5 Scatenato sulla sua fascia, con lui la squadra si alza e soprattutto avanza. Non disdegna il tiro.
20’ st Bignone 6.5 Solo nel finale eccede un po’, ma nel complesso nei minuti giocati è ok. 
Ciavirella 6.5 Recupera bene palla, sempre nel vivo delle azioni, sia quando si trova in fase avanzata sia quando retrocede. 
20’ st Castellini 7 Entra e segna facendosi trovare pronto e trasformando in rete il tiro sulla traversa di Toti.
Vezzoli 7 Vuole e cerca la porta, ma non la trova. Comunque mette gli altri in condizione di segnare. Ugualmente efficace.
3’ st Toti 6.5 Anche lui ha lo stesso “vizio”: cercare di andare in porta. Ci prova e ci va vicino incontrando la traversa.
Gashi 8.5 The one man show. Realizza una tripletta e si porta virtualmente a casa il pallone. I suoi gol uno più bello dell’altro.
23’ st Magni 6.5 Anche lui non particolarmente alto, ma fa affidamento sulla sua velocità, uno dei suoi punti forti.
Riboni 7.5 Ha una buona mira ed è quel che serve per segnare e vincere le partite. Ha il mirino incorporato nei piedi.
13’ st Zani 6.5 È bravo a farsi largo tra i difensori avversari non dando alcune segno di timore o preoccupazione.
All. Ravasi 7.5 Ha un gruppo in grado di segnare e anche tanto sia tra gli attaccanti che tra i difensori. L’obiettivo è plasmare giocatori completi.

Il Caravaggio al gran completo

BRENO

Tedeschi 6 Pecca sulla terza rete subita, era il suo palo. Cerca di fornire anche lui indicazioni ai suoi. Vice in campo.
Comensoli 6 Un po’ in penombra, dal suo piede comunque scaturisce la punizione che ha portato al gol di Thiam.
1’ st Bersani 6 Non riesce a dare la spinta necessaria sulla fascia che servirebbe per portare i suoi in avanti.
Lazar 6 Fa il minimo indispensabile, ma al contempo soffre anche le avanzate dei biancorossi. Si può fare di più.
1’ st Omerovic 6.5 Se la cava, il compito non è dei più facili, ma lui ci prova lo stesso e riesce a frenare gli assalti.
Garatti 6.5 Bravo nel girarsi e nel tenere testa agli avversari non dandogli riferimenti nel momento in cui va palla al piede.
Romele 6.5 Deve ricorrere alle maniere forti per fermare Riboni sulla destra. Non precisissimo ma pragmatico.
Castellanelli 6 Ce la mette tutta, tiene a bada come può gli attaccanti del Caravaggio. Le energie però poi finiscono.
13’ st Amighetti 6 Lavora in sordina, ma la sua prestazione è un po’ altalenante. Bene ma non benissimo.
Faccoli 7 Si fa vedere in più frangenti per ricevere e dare palla a sua volta. Bravo negli scambi coi compagni.
1’ st Pasune 7 Deve fare gli straordinari e ci mette più di una volta la pezza per evitare grane peggiori.
El Massnaoui 6 Prestazione un po’ incolore, senza infamia e senza lode. Non riesce a emergere a centrocampo.
Diop 7 Bravo a crederci e a lottare contro i difensori bergamaschi. Ha grinta da vendere, ma non basta.
Thiam 7.5 La sua partita è più che buona, segna di testa, ma la sua rete illude per meno di un minuto.
1’ st Gualeni 6.5 Segue bene le azioni di gioco e non molla un colpo nonostante gli avversari ostici.
Vitali 6 Rimane il più avanzato, ma non riesce a incidere come vorrebbe. Imbrigliato nelle maglie difensive.
1’ st Baisotti 6.5 Trova la gioia personale. Anche lui non si perde ed è attento allo sviluppo del gioco.
All. Mazzoli 6 Da rivedere difesa e centrocampo. Undici gol in due partite sono davvero troppi.

Il Breno al gran completo

ARBITRO

Njonou Tchagna di Treviglio 6.5 Direzione senza particolari sbavature. Ligio al regolamento.

LE INTERVISTE

Le dichiarazioni di Marco Ravasi, tecnico del Caravaggio, a fine gara: «Sono arrabbiato per i due gol presi perché erano evitabili. A differenza di altre volte però siamo stati più cinici e determinati con tutte le occasioni create e trasformate. Oggi i ragazzi mi sono piaciuti per il cinismo che hanno avuto. Secondo me la nostra forza sta nella fase di non possesso e qui ci abbiamo messo tanta voglia e attenzione».

Di poche parole invece l’allenatore ospite Diego Mazzoli: «Loro sono stati più forti di noi, ci hanno surclassato su tutti gli spazi del campo. L’approccio è stato sbagliato».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400