Cerca

Under 14

La partita più pazza della stagione: all'Alcione lo scontro diretto

Le premesse per una gran big match tra gli orange e l'Accademia Pavese c'erano tutte e le aspettative non sono state tradite

La partita più pazza della stagione: all'Alcione il big match!

Joseph Jeon: suo il gol che ha portato in vantaggio gli orange

Doveva essere un match spettacolare e ricco di colpi di scena. Così effettivamente è stato, perché il 4-2 tra Alcione e Accademia Pavese, valido per la testa della classifica del girone D è stato un turbinio di emozioni. Turbinio che ha permesso agli orange di volare ad un +4 in classifica proprio su Accademia Pavese ed Enotria, in attesa del finale di stagione e dei recuperi della partita mancante a entrambe le squadre, che sono quindi potenzialmente a -1. Il campo, però, ha parlato ed ha sancito una vittoria in rimonta per l'Alcione, sotto 2-0 a fine primo tempo e che si è ripreso tutto nella seconda frazione.

ARTISTI BIANCOROSSI

Ad andare in vantaggio, dunque, sono proprio gli ospiti dell'Accademia Pavese che, prima con Burlacu e poi con Vitellaro, passa con due splendidi calci di punizioni infilati alle spalle di Morazzoni, che non ha potuto evitare al pallone di finire in rete. Non è la prima volta in questa stagione che i biancorossi colpiscono direttamente da calcio piazzato: in particolare, ha il vizio del gol su punizione Davide Vitellaro, che ha già colpito così nell'arco della stagione e con il gol segnato all'Alcione mette a segno il personale record di aver segnato nello stesso modo alle tre big milanesi del girone: Enotria, Ausonia e adesso anche gli orange. La squadra di Calderoli fa comunque il suo gioco nella prima frazione, ma all'intervallo il risultato dice 2-0 per l'Accademia Pavese.

REMUNTADA

L'Alcione che scende in campo nel secondo tempo è una squadra più compatta e più determinata a fare la differenza. L'ingresso di Garcia, poi, risulta subito determinante, perché serve l'assist per il gol di Covelli che dimezza così le distanze. Passano i minuti e i padroni di casa macinano sempre più gioco e manovrano in maniera via via più fitta, tant'è che arriva il gol del 2-2 con il solito Villanueva che con un tiro-cross colpisce il palo e mette così in rete. Tutto da rifare per l'Accademia Pavese, che vede così vanificare gli sforzi fatti nel primo tempo. La gara è apertissima: l'Alcione vuole la vittoria per consolidare il primato, gli ospiti vogliono continuare ad essere imbattuti. L'episodio chiave poco dopo la metà del secondo tempo: palla verticale, Fumagalli salta il portiere, viene steso proprio da Angileri e calcio di punizione dal limite dell'area. Si presenta alla battuta Jeon, che vuole dimostrare di non essere da meno a Burlacu e Vitellaro: rincorsa, tiro e gol. Adesso è 3-2 per gli orange ed entusiasmo incontenibile. L'euforia non fa che caricare i locali, che prima del triplice fischio trovano anche il quarto gol con Lavezzari, il quale a tu per tu col portiere non sbaglia. Finale di gara, 4-2 per l'Alcione e primato confermato per la squadra di Calderoli e Saccani.

QUI ALCIONE

Contento della prestazione dei suoi, Beniamino Calderoli ha spiegato di aver basato la gara sulla calma e sulla concentrazione«Nel pre-gara avevo avvertito i ragazzi di fare attenzione ai calci di punizione e di non commettere falli ingenui. Purtroppo non ci siamo riusciti e loro ci hanno castigati con la migliore arma che hanno. Vitellaro ha fatto un grandissimo gol. Ma nel primo tempo, nonostante il risultato, abbiamo fatto bene. Potevamo fare certamente meglio, ma abbiamo comunque provato a giocare».

Nell'intervallo, poi, il tecnico ha rasserenato i propri ragazzi, perché «eravamo comunque ben messi in campo. Ho tranquillizzato la squadra, spiegando che avevamo bisogno solo di un gol, per sbloccarci. Così e stato e nel secondo tempo siamo stati pienamente in controllo della partita, segnando quattro reti e non rischiando nulla». Il pensiero, ora, va subito ai prossimi impegni«Contava fare bene in questa gara, perché siamo arrivati al finale di stagione e vogliamo chiudere nel migliore dei modi. Era un big match, è vero, ma anche le prossime due partite saranno importanti. Non dobbiamo stravolgere nulla e continuare a fare come sappiamo, in modo tale da restare sopra».

QUI ACCADEMIA PAVESE

Rammaricato ma anche fiducioso nel finale di campionato della sua squadra il tecnico Matteo Soresini: «Gli scontri diretti son così, partite dure e in cui non si può sbagliare. Abbiamo chiuso il primo tempo in vantaggio di due gol, ma loro comunque spingevano. Nella ripresa il pareggio ci ha un po' tagliato le gambe e sull'episodio dell'espulsione la partita è finita. L'Alcione però ha fatto una grandissima partita e sono più i loro meriti che i nostri demeriti. Dispiace per i ragazzi, che hanno fatto un grandissimo percorso: questa è infatti la prima sconfitta».

L'obiettivo, da qui a fine campionato, è vincerle tutte, in modo tale da «fare i 9 punti che abbiamo a disposizione, come è nelle nostre corde. Così potremo chiudere al secondo e andarci a giocare le finali. Questa partita non ridimensiona noi e non ridimensiona il nostro percorso».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400