Cerca

Under 14

Il grandissimo poker dell'attaccante lancia i neroverdi verso la vittoria

Tarsia e La Viola trascinatori assoluti: prestazione di livello assoluto per lo Schuster

Tarsia

Tarsia dello Schuster, protagonista assoluto della partita

Lo Schuster e il Superga si sono sfidati nella penultima gara del girone D del campionato regionale e la gara se la aggiudicano i padroni di casa per 6-0. Il campo racconta una partita con una pioggia di gol: il Superga si batte molto e resiste per tutto il primo tempo, non riuscendo ad arginare la foga dei padroni di casa nei secondi 35 minuti. Il mattatore della sfida è il numero nove Tarsia, autore di un memorabile poker. Tra le fila dei comaschi non sfigura Cordone che, nonostante i 5 gol subiti (il sesto arriva dopo la sua sostituzione) ne evita almeno tre, specie nel primo tempo. Una gara che dà fiducia allo Schuster in vista della prossima partita, l'ultima, ma soprattutto in ottica futura.

A VISO APERTO

La partita si apre subito con un ritmo molto vivace. Le due squadre non hanno tensioni legate alla classifica da smaltire e giocano a viso aperto fin dal primissimo minuto, anche accettando di alzare molto il proprio baricentro. Lo fa soprattutto il Superga che tiene molto alta la linea dei quattro difensori nel tentativo di rubare il pallone in attacco agli avversari e colpirli in contropiede. Questo però non funziona come avrebbe voluto l'allenatore Masella, tanto che gran parte dei pericoli creati dallo Schuster - sia a inizio partita che in generale per tutto il prosieguo della gara - arrivano da verticalizzazioni veloci a sorprendere la difesa sbilanciata. Tarsia inizia la sua giornata molto presto e dopo pochi minuti, cinque per l'esattezza, va subito vicino al gol: il pallone gli arriva bene e lui ha tutto il tempo di calciare da ottima posizione ma l'ultimo rimbalzo della sfera è difettoso e ne esce fuori un tiro svirgolato. Il bomber neroverde avrà modo di rifarsi con gli interessi più avanti. Poco dopo Romano ha una grossissima occasione. Il nove del Superga viene servito molto bene in profondità e si presenta davanti a Campedelli: anche a lui, però, al momento del tiro, il pallone non si alza bene e calcia fuori. Dopo questo uno-due iniziale, la parte centrale del primo tempo è tutta di marca neroverde: Bullaro e Saluzzi vanno vicini al gol ma entrambi sono fermati sulla linea da Gambaro e Mugheddu rispettivamente. Poco dopo Tarsia fa nuovamente le prove con il gol: solo davanti al portiere calcia debolmente e centrale. Il gol, per il numero nove, arriva finalmente alla mezz'ora: Tarsia scatta ancora sul filo del fuorigioco e questa volta è freddo davanti a Cordone, battendolo per il gol del vantaggio. Prima del duplice fischio Tarsia ha un'altra grande occasione a tu per tu con il numero uno avversario: Cordone in uscita compie un miracolo con il piede. Questo l'ultimo highlight di una prima frazione scoppiettante.

CICLONE TARSIA

Il secondo tempo si riapre con gli stessi ventidue in campo e, nuovamente, con Tarsia protagonista, prima in negativo e poi in positivo. Dopo un paio di minuti, infatti, La Viola alza i giri del suo motore e parte in percussione sulla destra: con una grande reazione anticipa un difensore e mette il pallone in mezzo per il nueve che a pochi passi calcia incredibilmente alto. Al netto del gol segnato, gli errori sotto porta per Tarsia iniziano a diventare troppi e quindi il cannoniere dello Schuster decide di non sbagliare più: i tre palloni che tocca successivamente, in cinque minuti tra il 9' e il 14', finiscono tutti in fondo al sacco e chiudono di fatto la partita. La doppietta è un gol molto simile al primo: La Viola imbuca centralmente e Tarsia batte Cordone in uscita. Anche il terzo gol arriva in coppia con La Viola: il 10 scende sulla sinistra e un rimpallo favorisce Tarsia in mezzo all'area che, indisturbato, segna. Il poker, infine, è tutto farina del sacco del centravanti dello Schuster che lavora bene il pallone spalle alla porta e poi conclude da fuori area: la sfera rimbalza davanti a Cordone e si infila nell'angolino. Prima della quarta rete il Superga si era fatto rivedere dalle parti di Campedelli con una conclusione improvvisa di Becci che sorprende tutti, anche l'estremo difensore dello Schuster che in qualche modo riesce a deviare sul palo. Con il risultato in ghiaccio e la girandola dei cambi che spezza il ritmo, i padroni di casa fanno comunque in tempo ad arrotondare il risultato. Dopo svariati tentativi e assist, arriva il gol anche per La Viola che fulmina il portiere avversario. Il 10 poco dopo gonfia di nuovo la rete ma il signor Mancini annulla per fuorigioco. Al 31' arriva il grandissimo gol di Mocchi, entrato una decina di minuti prima, che tira una sassata dal limite e non lascia scampo a Ponsanu, portiere appena entrato per gli ospiti. La partita finisce così 6-0.

IL TABELLINO

SCHUSTER-SUPERGA 6-0
RETI: 29' Tarsia (Sc), 9' st Tarsia (Sc), 12' st Tarsia (Sc), 14' st Tarsia (Sc), 17' st La Viola (Sc), 31' st Mocchi (Sc).
SCHUSTER (4-3-1-2): Campedelli 6.5, Villagran Sanabria 6.5 (25' st Vanzini sv), Fabi 6.5 (18' st Mocchi 7), Riccio 6.5, Saluzzi 7 (25' st Battista sv), Pastore 6.5, Fontana Luca 6.5, Carabelli 6.5 (12' st Spadoni 6), Tarsia 9 (18' st Caserta 6), La Viola 7.5 (25' st Pertusini sv), Bullaro 6.5 (18' st Gotti 6.5). All. Villa 7. Dir. Campedelli - Tarsia.
SUPERGA (4-3-3): Cordone 6.5 (18' st Ponsanu sv), De Carli 6, Mugheddu 6 (15' st Perez 6.5), Gambaro 7, Biscaldi 6 (15' st Averna 6), Becci 6.5, Bolognino 6 (6' st Pultrone 6), Terrani 6.5 (17' st De Pinto sv), Romano 6, Vicino 6.5 (16' st Crepaldi 6), Bellone 6 (18' st Fagnani sv). A disp. Morgana, Ottoboni. All. Masella 6. Dir. De Carli - Bellone.
ARBITRO: Mancini di Milano 6.
AMMONITO: Mugheddu (Su).

LE PAGELLE

SCHUSTER

Campedelli 6.5 Per gran parte della gara non è impegnato, ma quando lo è risponde da grande portiere: come nell'occasione della conclusione di Becci dalla distanza a metà secondo tempo. Riflesso e palla sul palo.
Villagran Sanabria 6.5 Bravo a limitare le offensive che il Superga crea sulla fascia sinistra. Spinge poco, ma non ce ne è reale bisogno. (25' st Vanzini sv).
Fabi 6.5 Anche per il terzino sinistro i compiti sono più difensivi che offensivi: sempre attento e ordinato. Si fa notare soprattutto per gli anticipi su Bolognino.
18' st Mocchi 7 Entra e va a fare il riferimento offensivo. Con la sua stazza riesce a farsi valere in mezzo ai difensori avversari. I suoi sforzi vengono premiati da un grande gol di destro da fuori area che fissa il risultato finale.
Riccio 6.5 Partita di grande sostanza del mediano neroverde che è molto attivo in fase di impostazione e, specie nel primo tempo, trova tanti recuperi. Spesso cerca l'inserimento tra le linee senza palla, poco premiato.
Saluzzi 7 Grande prova del capitano dello Schuster, un vero leader anche negli atteggiamenti. Non lascia spazi ai suoi diretti avversari: una delle poche volte che gli scappa Romano, riesce a disturbarlo per farlo calciare mano. Va vicino anche alla rete. (25' st Battista sv).
Pastore 6.5 Gara ordinata e attenta dell'altro difensore centrale neroverde che forma un'ottima coppia con il capitano. Meno appariscente del compagno di reparto ma l'efficienza è la stessa.
Fontana Luca 6.5 Tanta corsa e legna in mezzo al campo, che è ciò che fa la differenza del match. Il Superga non riesce a costruire e il centrocampo dello Schuster fa ripartire veloce il gioco, anche grazie al numero 7.
Carabelli 6.5 Nei primissimi minuti è molto attivo. Rispetto a Tarsia che è compagno di reparto, svaria molto di più su tutto il fronte offensivo. Con il passare dei minuti si vede sempre meno ma la prova è più che sufficiente.
12' st Spadoni 6 Entra quando la partita è ormai chiusa. In ogni caso rimane fedele alla sua posizione e si porta a casa la sufficienza. 
Tarsia 9 La prova del 9 è la conferma di una tesi. Da sabato pomeriggio è anche sinonimo di attaccante che domina la partita. Il bomber neroverde crea almeno 8-9 palle gol nitide e ne segna quattro, tutte diverse ma di eguale bellezza. Sempre in movimento, soprattutto nella profondità che viene attaccata a ripetizione. Peccato per i gol sbagliati ma nessuno è perfetto.
18' st Caserta 6 Entra quando Tarsia ha fatto di tutto: il risultato è acquisito e lo Schuster pensa soprattutto ad amministrare il tempo restante. Aiuta in questo compito con determinazione.
La Viola 7.5 Nel primo tempo è nel vivo del gioco ma fa fatica a concretizzare in gol o assist. Nella ripresa entra con altro piglio e sfrutta tutta la sua superiorità tecnica e fisica. Nei 4 gol della ripresa: ne segna uno e ne propizia due. Meglio di così? (25' st Pertusini sv).
Bullaro 6.5 Gran primo tempo del numero 11 che si spende tantissimo sulla fascia sinistra e crea tantissime situazioni pericolose. Nel secondo tempo cala e viene sostituito ma la prova rimane.
18' st Gotti 6.5 Entra e si piazza in mezzo al campo. Nonostante la fisicità ridotta rispetto agli avversari, si mette a battagliare in mezzo al campo con personalità e recupera molti palloni. Sfiora il gol ma il suo tiro vola alto.
All. Villa 7 A parte a inizio primo tempo e con il tiro di Becci sul palo del secondo, lo Schuster non soffre mai e impone i suoi ritmi. Il primo tempo poteva finire con un parziale più pesante, nel secondo i neroverdi sono più cinici e portano a casa la gar con merito.

SUPERGA

Cordone 6.5 Prendere 5 gol fa sempre male, ma l'estremo difensore del Superga esce al 18' della ripresa con l'onore delle armi. Soprattutto nella prima frazione di gioco ci mette molto del suo per mantenere il passivo sull'1-0 (18' st Ponsanu sv).
De Carli 6 Cliente difficile Bullaro nei primi 35 minuti, cerca di contenerlo come può e nella ripresa aggiusta il tiro: tanto che nessuna situazione pericolosa nasce dai piedi dell'11 avversario.
Mugheddu 6 Si fa notare per un grande salvataggio sulla linea nel primo tempo. La gara è però molto faticosa e condizionata dal cartellino giallo che rimedia verso la fine del primo tempo.
15' st Perez 6.5 Nonostante il risultato sia perentorio quando fa il suo ingresso in campo, non se ne cura e gioca con grande personalità, senza paura. Cerca di rianimare la squadra con qualche giocata: non sempre gli riesce ma almeno ci prova.
Gambaro 7 Baluardo della difesa del Superga che barcolla per tutto il primo tempo ma non molla. Salva con un'acrobazia sulla linea il pallone calciato con un pallonetto da Bullaro. Prestazione positiva, nonostante i 6 gol incassati.
Biscaldi 6 Il numero 5 fa più fatica del compagno di reparto e deve avere a che fare con Tarsia più frequentemente, cliente molto molto scomodo. Non mancano impegno e tenacia.
15' st Averna 6 Anche lui entra in una situazione compromessa: si mette dietro in difesa e comincia a fare sportellate con gli attaccanti avversari con buona dose di coraggio.
Becci 6.5 I 70 minuti a centrocampo sono molto faticosi, perché la pressione dello Schuster è difficile da contenere. Va però vicinissimo al gol con una botta a sorpresa da trenta metri che si stampa sul palo dopo essere stata sfiorata da Campedelli.
Bolognino 6 Molto largo sulla destra non riesce a incidere in attacco anche per la buona guardia dei difensori avversari. Prova sempre a venire incontro al pallone e a verticalizzare ma non riesce a incidere come vorrebbe.
6' st Pultrone 6 Entra e sul Superga si abbatte l'uragano Tarsia. Il 15 si mette in mezzo al campo e tenta di invertire la sorta della gara con un buon piglio.
Terrani 6.5 Soprattutto nelle battute iniziali si fa valere largo sulla sinistra e cerca anche qualche combinazione con Romano. Non arriva però a essere pericoloso. (17' st De Pinto sv).
Romano 6 All'inizio si sbatte molto e cerca di muoversi sul filo del fuorigioco per essere pescato in profondità. Arriva anche alla conclusione ma è storta. In definitiva, viene lasciato troppo solo in balia dei suoi mastini che lo tallonano ovunque.
Vicino 6.5 Riesce a reggere la forza del centrocampo avversario nel primo tempo, facendo bene da frangiflutti. In fase di impostazione però non riesce a emergere.
16' st Crepaldi 6 Prova a smuovere le acque in attacco ma anche lui, come in suoi compagni prima di lui, è un po' abbandonato nella tana degli avversari che non gli concedono nulla.
Bellone 6 Tanta lotta in mezzo al campo e tanta volontà di recuperare il pallone e far ripartire il gioco. Predica però un po' da solo nel deserto. (18' st Fagnani sv).
All. Masella 6 Difficile capire perché la difesa viene lasciata così alta, anche dopo il gol subito e un primo tempo difficile. Alla squadra comunque non manca il coraggio e l'impegno fino all'ultimo minuto, anche solo nel tentativo di trovare il gol della bandiera.

ARBITRO

Mancini 6 Partita tutto sommato semplice come dimostrano i pochi falli fischiati e un solo giallo - inevitabile - sventolato a Mugheddu. Posizionato sempre bene.

L'INTERVISTA

Villa, all. Schuster: «Nel primo tempo potevamo fare sicuramente meglio: abbiamo sbagliato troppi gol, e questo è un po' il nostro tallone d'Achille da tutto il girone. Nel secondo tempo abbiamo finalizzato meglio e il risultato ci ha dato ragione. Da quest'anno ci portiamo dietro tanta esperienza: iniziare a giocare subito con avversari forti è importante».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400