Cerca

Under 14

Tris a tinte bianconere: agganciato il treno playoff

La Folgore Caratese fa una buona partita, trascinata da Grasso, ma Spreafico, Rovelli e Palomba fanno esultare la J.Cusano

Rovelli, Spreafico e Palomba J. Cusano

I tre marcatori della squadra di casa, decisivi per la vittoria contro la Folgore Caratese

La J. Cusano non perde il treno playoff grazie alla vittoria per 3-1 contro la Folgore Caratese. I padroni di casa subiscono l'arrembante avvio della squadra di Saragozza, che all'11' con Grasso è brava ad approfittare di una leggerezza di Benin e a passare in vantaggio. Il pareggio è però quasi immediato, perché al 26' il pressing dei bianconeri porta alla rete di Rovelli, tra i migliori in campo. La partita resta combattuta per larghi tratti della sua parte centrale, quindi da fine primo tempo ed inizio ripresa, anche grazie alla qualità della Folgore. Tuttavia, dopo l'intervallo i ragazzi di Alessandretti acquistano la fiducia necessaria per realizzare due gol nel giro di pochi minuti, ed entrambi da calcio di punizione. Il primo, effettuato da Spreafico, il cross lungo finisce direttamente in fondo al secondo palo ingannando il portiere avversario, mentre sul secondo Palomba è rapido ad anticipare la difesa con un bel colpo di testaTre punti per la formazione di casa che sale così a quota 20 punti, in piena corsa playoff.

FLOGORE INCOMPIUTA

La premessa è che i giocatori mandati in campo da Saragozza sono accomunati da due elementi fondamentali: la qualità e la determinazione. Gli stessi elementi che contro i cusanesi sono sfruttati solo in parte. Infatti, le doti tecniche che mette in mostra il centrocampo degli ospiti sono evidenti. Vertemara, Critelli e Zangari in particolare per tutta la prima frazione fanno girare il pallone con sicurezza, riuscendo a contenere ed in parte limitare la fisicità dei bianconeri. Nella seconda, poi, per diversi minuti permettono ai compagni di proporsi più volte nella metà campo offensiva. Come si è ripetuto altre volte nel corso della gara, però, in molte occasioni sembra mancare la verticalizzazione giusta, l'assist vincente o la conclusione pericolosa. E qui arriva la determinazione. La continuità con la quale i caratesi attaccano gli avversari e cercano la soluzione giusta in zona offensiva. Soluzione che, anche complice la buona fase difensiva dei tre centrali di casa, non arriva come vorrebbero. La stanchezza del finale rende ancora più l'idea che sia un match incompiuto per la Folgore, viste soprattutto le sue due maggiori capacità.

QUALITÀ E QUANTITÀ

Per descrivere la gara disputata dalla J. Cusano si deve obbligatoriamente partire dalla quantità della sua mediana. Per lunghi tratti si gioca a centrocampo, anche per la decisione con la quale gli ospiti vanno a contrasto. La differenza, appunto, si trova proprio in quella zona di campo. La fisicità della squadra di Alessandretti è il punto di partenza di questa vittoria perché è dai contrasti vinti da Cardamone, Carboni e Cecere, che nascono molte opportunità. Ai palloni recuperati anche da Spreafico, comunque, si abbina una qualità collettiva che, conciliata con la quantità appena accennata, premia nel risultato i bianconeri. Infatti, è il gran gol di Rovelli che permette alla squadra di sbloccarsi, anche psicologicamente. Inoltre, non solo le combinazioni tra le due punte e le mezzali Beretta e Spreafico, ma anche il gioco dal basso dei tre centrali porta a condurre le danze per gran parte del secondo tempo. E ancora, nonostante l'errore in costruzione di Benin, la difesa della J. Cusano non rinuncia, con ragione, alla manovra. In conclusione, la qualità dei padroni di casa si riconosce in diverse zone del campo, anche perché è poi le stessa che permette la gestione del risultato sul 3-1 finale.

IL TABELLINO 

J.CUSANO FOLGORE CARATESE 3-1
RETI (0-1, 3-1): 11' Grasso (F), 26' Rovelli (J), 17' st Spreafico (J), 19' st Palomba (J).
J.CUSANO (3-5-2): Benin 6.5, Saccani 7, Barbieri 6 (17' st Marchini 6), Cardamone 7 (17' st Sanna 6), Carraro 6, Carboni 7, Spreafico 7.5, Cecere 6.5, Palomba 7.5, Beretta 6, Rovelli 7.5 (31' st Mastrippolito sv). A disp. Poli, Sigillo, Rojas Diaz, Chiametti, Guagliardi, Belli. All. Alessandretti 7. Dir. Fallilotti.
FOLGORE CARATESE (4-3-3): Cagnes 6, De Marco 6.5, San Martin 7 (17' st Stirpe 6.5), Vertemara 6, Milenkov 6.5 (1' st Valerin 6), Sironi 6.5, Impoco 7 (17' st Aveni Cirino 6), Critelli 6, Bianchi 6.5 (12' st Mango 6), Zangari 6 (1' st Corapi 6.5), Grasso 7 (20' st Moscatelli sv). All. Saragozza 6.5. Dir. Critelli.
ARBITRO: Fittipaldi di Monza  6.5.
ESPULSO: Valerin (F).
AMMONITO: Valerin (F).

LE PAGELLE

J. CUSANO


Benin 6.5 Sbaglia il passaggio che porta all'unica rete degli ospiti, ma si riprende con personalità e sicurezza. Compie una gran parata nella ripresa, salvando il risultato.
Saccani 7 Corre sulla fascia instancabilmente, cerca spesso la triangolazione e guadagna anche qualche fallo. Nonostante la spiccata predisposizione offensiva, è attento in fase difensiva. 
Barbieri 6 Svolge i suoi compiti, fa girare palla e chiude in diagonale quando serve. Viene poco sollecitato dagli avversari. 
17' st Marchini 6 Si posiziona a centrocampo, svolgendo i suoi compiti diligentemente. È importante per la gestione del risultato sul finale.
Cardamone 7 La sua fisicità gli permette di conquistare molti palloni, rivelandosi fondamentale per le ripartenze in avanti. È deciso nei contrasti e anche pulito nelle entrate.
19' st Sanna 6 Vuole mettere la sua firma sulla gara, infatti cerca in un paio di occasioni la conclusione. Non ci riesce, ma lo spirito è quello giusto, e dal quale ripartire.
Carraro 6 Quando è necessario, non si fa problemi a spazzare il pallone. Ecco perché dalla sua parte soffre poco, salvo il gol subito.
Carboni 7 È il giocatore che vince più duelli aerei tra quelli in campo. Le sue abilità di copertura e marcatura non gli impediscono di prendere iniziativa palla al piede e guardare in avanti. Tra i migliori in campo.
Spreafico 7.5 La grande qualità la abbina a tanti palloni recuperati. Batte i corner e trasforma un calcio di punizione in gol con una bella traiettoria sul secondo palo. Offre qualche assist non sfruttato dai compagni, ma risulta certamente decisivo nel match.
Cecere 6.5 Gioca sulla fascia ma in realtà si fa trovare dove c'è più bisogno. Offre copertura a Barbieri e allo stesso tempo supporto a Spreafico. Anche per lui, i palloni riconquistati sono molti di più rispetto alla media.
Palomba 7.5 Nel primo tempo sacrifica maggiormente le sue doti per aiutare la squadra, ma nella ripresa vuol prendersi la scena. Spreca un gol da dentro l'area al 10', però mette a segno il definitivo 3-1, chiudendo il match. I suoi scambi con i compagni sono sempre precisi. 
Beretta 6 Nel corso della prima frazione appare il più vivace, ma a lungo andare è costretto a sacrificare le sue doti tecniche in favore del supporto in fase di non possesso. Questo lo porta a perdere energie importanti, ma può comunque ritenersi soddisfatto per il suo contributo.
Rovelli 7.5 Prova qualche conclusione da fuori, ma sono solo le prove per la prima marcatura della J. Cusano. Il suo dribbling spesso permette la superiorità numerica a ridosso dell'area, come in occasione della rete. Anche per lui, fondamentali nella sua prestazione gli scambi e le verticalizzazioni per i compagni. (31' st Mastrippolito sv).
All. Alessandretti 7 La sua costanza nell'insistere sui suoi principi è ammirevole, perché sa che è la strada giusta per portare la squadra alla vittoria. Sprona i suoi dal primo all'ultimo ed effettua i cambi corretti.

La J.Cusano di Alessandretti

FOLGORE CARATESE

Cagnes 6 Forse può far di più sul gol del 2-1, ma è indubbiamente incolpevole sugli altri due. Dà sicurezza alla squadra, specie nelle uscite, effettuate sempre senza paura.
De Marco 6.5 La sua decisione nei contrasti lo porta a conquistare diversi palloni importanti. Offre anche la qualità giusta in fase di possesso.
San Martin 7 È molto aggressivo, specie nella prima metà di gara, ma allo stesso tempo è sempre attento in copertura. Sfrutta il fisico per difendere il pallone ed effettua cambi di gioco sempre precisi.
17' st Stirpe 6.5 Dà diverse soluzioni alla manovra offensiva, si propone spesso in avanti e cerca la combinazione giusta per creare superiorità. Il migliore dei subentrati.
Vertemara 6 Mostra ottime visione di gioco e difesa della palla ma, complice la stanchezza, cala di rendimento con il passare dei minuti.
Milenkov 6.5 È bravo negli anticipi e dimostra grande personalità. È sfortunato perché l'unica volta che si fa saltare subisce gol.
1' st Valerin 6 Dà sicurezza ai compagni per i diversi anticipi che effettua personalità, ma poi si fa espellere ingenuamente. La classica situazione utile alla crescita.
Sironi 6.5 Anche lui dimostra aggressività in marcatura, spingendosi anche oltre la metà campo. Le sue chiusure in un paio di situazioni risultano provvidenziali.
Impoco 7 Nel primo tempo gioca con i piedi sulla linea di destra, offre qualche spunto interessante e cerca delle imbucate. Quando passa al centro, però, riesce a toccare la sfera più volte e ad incidere maggiormente.
17' st Aveni 6 Entra con il giusto spirito per provare la rimonta, ma non riesce ad incidere sulla partita.
Critelli 6 Rappresenta il motore del centrocampo per il grosso dispendio di energie. Ciononostante, non fa esaltare al meglio le sue indubbie qualità.
Bianchi 6.5 Soprattutto nel primo tempo, i suoi dribbling impegnano la difesa della J. Cusano e si rende pericoloso. Gioca molto spalle alla porta per aiutare la squadra ma cala di rendimento nel corso della ripresa.
12' st Mango 6 Non ha paura di chiedere il pallone sui piedi, lo difende con personalità e gioca molto con la squadra, spalle alla porta. Non riesce ad incidere perché entra quando la direzione del match sta andando dalla parte opposta.
Zangari 6 Rapido e bravo nello stretto, cerca con continuità scambi vincenti a ridosso dell'area avversaria. Vuole rendersi protagonista delle azioni ma non sempre riesce nell'intento. 
1' st Corapi 6.5 Mette a disposizione la sua duttilità giocando prima a destra e poi a sinistra. Offre diverse soluzioni all'attacco e la sua vivacità crea scompiglio alla difesa di casa.
Grasso 7 Autore della rete della Folgore, dimostra astuzia quando anticipa il difensore e deposita in porta il passaggio errato di Benin. Da lì in poi tanta corsa sulla corsia di sinistra, qualche passaggio filtrante e molta qualità. (31' st Moscatelli sv).
All. Saragozza 6.5 Prepara bene la partita, la sua squadra la aggredisce nel modo corretto e anche al rientro dall'intervallo. Paga l'imprecisione negli ultimi venti metri e la stanchezza del finale.

La rosa della Folgore Caratese

ARBITRO

Fittipaldi di Monza 6.5 Gestisce con decisione ogni situazione dubbia. Fischia il giusto, permettendo una partita fisica ma corretta. Si confronta solo una volta con Alessandretti, ma con professionalità e sicurezza.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400