Cerca

Under 14

Poker vincente per il Ponte San Pietro: sarà semifinale con l'Accademia Inter

Il capitano Daniele Tironi apre e chiude le marcature di giornata: eliminata l'Accademia Pavese

TIRONI - PONTE SAN PIETRO UNDER 14

Il capitano Daniele Tironi autore di due gol e di una prestazione super

È andata al Ponte San Pietro la sfida dei quarti di finale, conclusasi per 4-0, che ha visto scendere in campo i ragazzi di Scotti contro l’Accademia Pavese di Soresini. I bergamaschi, che in questa stagione hanno sempre centrato gli appuntamenti importanti, continuano la loro avventura che li vedrà protagonisti in semifinale contro l’Accademia Inter. Brusca frenata invece per l’Accademia Pavese, un’altra bella realtà guidata da Soresini e che in questa stagione ha fallito solo due volte l’obiettivo vittoria. Nonostante il passivo pesante, i biancorossi hanno provato a scalfire la corazzata orobica, ma il reparto difensivo, così come il centrocampo, ha reagito bene resistendo ai colpi nemici e permettendo di conseguenza all’attacco di far male e colpire per ben quattro volte. Il punto forte del Ponte San Pietro sta nella duttilità dei suoi ragazzi, capaci di ricoprire più ruoli senza soffrire la posizione in campo e le peculiarità dell’avversario.

INIZIO PRIMO TEMPO BIANCOROSSO, FINALE IN BLU

L’Accademia Pavese deve necessariamente vincere per andare in semifinale e prova fin dai primi minuti a cercare la porta di Azzolari. Già al 2’ è Capizzi che decide di dare una scossa facendo partire un tiro insidioso dalla distanza che finisce a lato. Un altro brivido per i padroni di casa arriva due minuti dopo, quando Vitellaro in ripartenza dalla sinistra duella con Burini, bravo a sbilanciarlo tanto quanto basta per farlo calciare con la palla che finisce alta. Gli ospiti insistono e all’8 è Orlando a guadagnare una punizione dal limite dell’area dove si presenta Vitellaro, ma anche qui i padroni di casa si fanno valere. Locali che al 12’ ottengono un calcio d’angolo dalla destra: dalla bandierina si presenta Adobati che mette in mezzo e trova la testa di Tironi, che sigla l’1-0 per i suoi. Il Ponte San Pietro non vuole fermarsi e al 17’ è già sul 2-0 grazie a un bello scambio tra Capelli e Appiani, con quest’ultimo che passa a Chiesa che trova il pertugio giusto per infilare la palla in rete. A voler partecipare alla festa è proprio Appiani che un minuto dopo, anche lui dalla distanza, tenta di far male ad Angileri, ma la sfera si perde sul fondo per poco. Chi invece riesce nell’intento è Capelli al 34’ che finalizza un’azione repentina dei suoi, bravi a ripartire sfruttando un errore a metà campo dei pavesi.

I BERGAMASCHI CALANO IL POKER

A caratterizzare la seconda frazione ci pensano le girandole di cambi per entrambe le squadre: le sostituzioni, infatti, spezzettano il gioco, rendendo estremamente frammentata la ripresa. A prendere nuovamente l’iniziativa nei primi minuti è ancora una volta Capizzi con i suoi tiri insidiosi dalla distanza, ma Azzolari fa sua la sfera senza problemi. Al 17’ l’Accademia Pavese guadagna un’altra punizione, al tiro va Mamone ma i ragazzi di Scotti respingono l’assalto così come Azzolari sulla successiva conclusione sempre del numero 6. Sul finale c’è tempo per un altro gol, questa volta su rigore: il direttore di gara, il signor Chanchoul della sezione di Monza, concede l’estrema punizione dopo che Malvestiti viene atterrato in area. Dal dischetto si presenta il capitano Tironi che al 33’ non tradisce e batte Salvaneschi, entrato poco prima al posto di Angileri. Compattezza e unità da parte del Ponte San Pietro, che gioca in modo armonico senza che un singolo prevalga sull’altro. L'Accademia Pavese ha avuto il merito di provarci adottando più soluzioni, ma superare il muro blu innalzato dai ragazzi di Scotti non era per niente facile.

IL TABELLINO

PONTE SAN PIETRO-ACCADEMIA PAVESE 4-0
RETI: 12’ Tironi (P), 17’ Chiesa (P), 34’ Capelli (P), 33’ st Tironi (P).
PONTE SAN PIETRO (3-5-2): Azzolari 6.5, Capelli 7.5 (33’ st Diallo sv), Percassi 7, Manzinali 7 (33’ st Abbati sv), Burini 7, Adobati 6.5, Locatelli 7.5 (23’ st Mangili 6.5), Tironi 8.5, Chiesa 7.5 (27’ st Malvestiti sv), Bandera 7 (30’ st Galazzi sv), Appiani 8 (15’ st Rreshpja 6.5). A disp. Gavazzeni, Zanchi, Miceli. All. Scotti 8. Dir. Cannella.
ACCADEMIA PAVESE (3-5-2): Angileri 7.5 (30’ st Salvaneschi sv), Zanaria 6 (1’ st Castignani 6), Vitellaro 6 (10’ st Cristallini 7), Capizzi 7 (19’ st Cella 6.5), Bignami 8.5, Mamone 6.5, Maiorano 8, Orlando 6.5 (10’ st Bartoli 6), Burlacu 7.5 (25’ st Spizzi sv), Franchini 6 (1’ st Guzzo 7), Mariani 6.5. A disp. Ricci, Berettini. All. Soresini 7. Dir. Mori. 
ARBITRO: Chanchoul di Monza 7.

LE PAGELLE

PONTE SAN PIETRO

Azzolari 6.5 Poco impegnato nel corso di tutta la gara, ma in quelle poche occasioni in cui deve intervenire è pronto.
Capelli 7.5 Compensa il suo fisico minuto con tanta agilità e con una buona visione di gioco. (33’ st Diallo sv).
Percassi 7 Ieratico, non si scompone ed è costante nel corso dei 70 minuti. Nel complesso si comporta bene.
Manzinali 7 Svetta dall’alto della sua statura rimanendo l’ultimo di difesa e sorvegliando l’intero reparto. (33’ st Abbati sv).
Burini 7 A inizio partita ha un gran bel da fare. Dopo i primi minuti di assestamento riesce a trovare la quadratura.
Adobati 6.5 Qualche volta un po’ troppo precipitoso nel voler far salire la squadra con lanci lunghi, comunque pragmatico.
Locatelli 7.5 Bravo a non farsi ingannare e rubar palla dando filo da torcere; dà una grossa mano anche in fase di copertura.
23’ st Mangili 6.5 Non vuole correre rischi inutili stando sempre attento al nemico e mantenendo alta la guardia.
Tironi 8.5 Apre e chiude le marcature. Usa tanto la testa, anche in senso letterale in occasione del primo gol.
Chiesa 7.5 Rimane il più avanzato di tutti ed è sempre nel vivo delle azioni. Il gol ne è la prova. (27’ st Malvestiti sv).
Bandera 7 Lavora sotto traccia per favorire l’avanzata dei suoi stando sempre vicino alla palla. (30’ st Galazzi sv).
Appiani 8 Ci prova da ogni lato e da ogni posizione sempre adottando più soluzioni sia per sé che per i compagni.
15’ st Rreshpja 6.5 Freschezza e fisicità al servizio dei suoi, non si sottrae al compito facendo bene il suo dovere.
All. Scotti 8 Il suo gruppo non mostra segni di cedimento. Il ricoprire più ruoli e bene da parte dei suoi è un valore aggiunto.

ACCADEMIA PAVESE

Angileri 7.5 Piccole ma decisive deviazioni che permettono a lui e ai suoi di evitare grane peggiori. (30’ st Salvaneschi sv).
Zanaria 6 Soffre un pochino le incursioni degli avversari, cerca di arginare come può l’onda bergamasca.
1’ st Castignani 6 Esegue un unico compito: difendere. Non si sposta mai più di tanto dalla sua zona di competenza.
Vitellaro 7.5 Bravo negli strappi così come negli interventi scegliendo il tempo giusto. Anche lui sempre in allerta.
10’ st Cristallini 7 Entra in campo con la giusta mentalità, non si fa trovare impreparato. Desideroso di far bene.
Capizzi 7 Appena l’occasione è propizia non se la lascia sfuggire e calcia. Si propone spesso e volentieri in avanti.
19’ st Cella 6.5 Ci mette la giusta cattiveria agonistica. Sempre e comunque alla ricerca del pallone.
Bignami 8.5 Capitano che prova a impostare l’azione suggerendo anche ai compagni la posizione e le giocate.
Mamone 6.5 Nel primo tempo fa un po’ fatica a prendere le misure agli attaccanti, ma nella ripresa tira fuori la grinta.
Maiorano 8 Corre come un dannato sulla fascia sdoppiandosi sia in difesa che in attacco. Ha il dono dell’ubiquità.
Orlando 6.5 Usa un po’ di malizia servendosi di mani e braccia per cercare di fermare l’avversario. Gara di sostanza.
10’ st Bartoli 6 Prova a farsi valere con il fisico, non ha paura di andare al contrasto. In generale la sua partita è ok.
Burlacu 7.5 Il compito non è dei più facili, quando sa che è circondato prova a fare la sponda per i suoi. (25’ st Spizzi sv).
Franchini 6 Poche le occasioni in cui lo si vede dalle parti dell’area bergamasca. Deve pensare più a difendere che ad attaccare.
1’ st Guzzo 7 Cerca di insidiare gli avversari pressando per indurli all’errore. Non demorde.
Mariani 6.5 Prova a sorprendere la difesa orobica con la sua rapidità, ma non sempre questa è la soluzione migliore.
All. Soresini 7 La brusca frenata di oggi e i quattro gol presi non pregiudicano un percorso che continuerà anche in Élite.

LE INTERVISTE

A fine gara, anche per scaramanzia, è Vincenzo Cannella a parlare per il Ponte San Pietro: «All’inizio abbiamo subìto l’iniziativa degli avversari, com’era prevedibile perché loro avevano a disposizione solo un risultato su tre. Poi abbiamo fatto il primo gol e ci siamo sbloccati. Finire il primo tempo sul 3-0 ci ha messo al riparo da eventuali sorprese. Nel secondo tempo loro volevano riaprirla, ma noi siamo stati bravi a controllarla. Possiamo dire che come staff siamo contenti e abbiamo apprezzato che anche all’intervallo sul 3-0 i ragazzi fossero ancora concentrati sull’obiettivo, e questo è stato importante. Ora ci giochiamo la semifinale, restano solo le migliori e arrivati a questo punto vediamo come va, portando rispetto all’avversario, ma non avendo paura di nessuno».

Matteo Soresini, tecnico dell’Accademia Pavese, sintetizza così la partita giocata: «Sono rammaricato non tanto per i quattro gol, di cui uno su rigore nel finale, ma per come sono arrivati. E andar sotto 3-0 nel primo tempo in un quarto di finale non te lo puoi permettere. Il primo gol l’abbiamo preso su una palla persa nella nostra area e se fai questo tipo di errori poi li paghi. Abbiamo iniziato bene nei primi minuti, poi siamo mancati nei dettagli, che però fanno la differenza. Questo è il calcio, comunque abbiamo giocato contro una squadra forte, sappiamo quello che abbiamo fatto e quello che abbiamo sbagliato. Detto ciò, facciamo i complimenti a loro. Ai ragazzi ho detto, al di là della delusione di oggi, che non è una partita che giudica il nostro percorso. L’annata è stata positiva, sappiamo quello che dobbiamo migliorare e in Élite l’anno prossimo vogliamo provare a essere protagonisti e ripercorrere quello che hanno fatto i nostri 2007».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400