Cerca

Santenese Under 14: Enrico Petruzzelli, la ripartenza come punto di svolta

Under 14 Santenese
Squadra ricca di talento, la Santenese del tecnico Enrico Petruzzelli non vede l’ora di riprendere la stagione per invertire la rotta e scalare nuove posizioni in classifica; infatti la squadra collinare ha perso sì le prime due partite nel Girone C Under 14 di Torino, ma contro due mostri sacri come la Sisport e il Pecetto, e l’undicesimo posto nel campionato provinciale non si addice per nulla a una realtà ricca di così tanti gioiellini, come sottolinea anche il mister Petruzzelli: «Ho iniziato a giocare all’età di 5 anni U.P. Santenese, e ci sono rimasto fino a 16 anni; poi mi chiamato il Moncalieri dove ho fatto la Juniores per 1 anno; dopo questa esperienza ho girato varie squadre: sono tornato per una stagione alla Santenese, ho fatto Prima Categoria al Cambiano, Seconda Categoria al Villastellone e infine Terza Categoria al San Luigi Santena dove ho concluso la mia carriera vincendo tra l’altro il campionato. La mia avventura da allenatore è iniziata con i bambini dei Primi Calci durante il mio ultimo anno da calciatore. Successivamente ho avuto per due anni alla Santenese i Piccoli Amici 2008, un anno i ragazzi del 2006 e infine i 2007, che alleno tuttora. Non mi ispiro a nessun tecnico in particolare, ciò che voglio è un calcio fluido, un po’ come il Barcellona di Guardiola e Messi. Mi reputo un allenatore vecchia scuola, quindi non apprezzo tanto la giocata del singolo o il dribbling inutile, ma adoro il gioco palla a terra. Come moduli preferisco il 4-3-3 o il 4-4-2, ma ovviamente dipende tanto dalle caratteristiche dei giocatori che uno ha a disposizione. Il mio desiderio più grande per questa stagione è sicuramente ripartire il prima possibile, anche se la vedo molto dura, viste le condizioni del nostro paese a livello sanitario; noi, come squadra siamo tuttora fermi, non facciamo neanche gli allenamenti, perché lo troviamo inadatto, sia per i ragazzi sia per le con dizioni climatiche, non delle migliori. Noi infatti siamo convinti che a quest’età i ragazzi si devono divertire e non vedere questo sport come un loro futuro lavoro. In rosa posso contare su vari giocatori affidabili, come il nostro portiere-capitano Matteo Vartolo, un talento cristallino allenato tra l’altro da suo padre, un uomo davvero in gamba; oltre alla nostra saracinesca, abbiamo anche il centrocampista Alessio Tebaldo, molto tecnico e valido, il terzino sinistro Fabio Perruccio, molto bravo con però qualche difficoltà dovute a un fisico ancora mingherlino, e infine il centrocampista Guido Gyasi, fratello di Emmanuel giocatore dello Spezia. Nella mia vita posso dire di aver avuto solo un rimpianto (se vogliamo chiamarlo così), ovvero quello di aver smesso troppo presto di giocare a pallone, infatti io ho appeso gli scarpini al chiodo all’età di 26 anni, e quindi, se potessi tornare indietro, non terminerei per nulla al mondo la mia carriera da calciatore e continuerei a giocare con più serietà fino alla Prima Categoria, se non oltre».

LA ROSA DELLA SANTENESE UNDER 14

PORTIERE: Matteo Vartolo. DIFENSORI: Fabio Perruccio, Matteo Palermo, Leonardo Cascella, Nicolò Leschiera, Davide Erario, Riccardo Appendino. CENTROCAMPISTI: Alessio Tebaldo, Guido Gyasi, Diego Donetto, Tommaso Pilotto, Daniele D'Alessandro, Manuel Noto, Aldo Nigro. ATTACCANTI: Lorenzo Marforio, William Lezzi.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400