Cerca

Under 14

Demartini la ribalta, la Don Bosco si apre le porte del paradiso

Il Dertona si conferma avversario più che tosto ma gli ospiti superano un altro ostacolo verso la vetta

Demartini nella ripresa insperatamente ribalta un risultato che sembrava segnato.

Demartini decide la sfida in favore della Don Bosco Alessandria

Partita avvincente e ricca di emozioni, con spunti tecnico tattici da sottolineare. Pochi minuti di studio e in un minuto il Dertona stende con il classico uno-due l'esterrefatta Don Bosco, ma al count down gli ospiti si rialzano, barcollano, ma resistono nel rettangolo. Non ne approfittano i leoncelli che forse pensano: è fatta! Ma si sbagliano, perché la Don Bosco nel secondo tempo si riprende e ribalta il risultato. Al pronti via la pressione molto alta dei bianconeri sui portatori di palla lascia perplessi i ragazzi in casacca verde oro che faticano a trovare il bandolo della matassa e commettono qualche errore difensivo di troppo dai quali poi scaturiranno i due gol iniziali.

Sinistro destro al mento Sono trascorsi solo nove minuti e su un retropassaggio troppo forte Ndokaj fa fatica a controllare il pallone che resta a terra davanti a lui, arriva di corsa Casasco che glielo ruba e insacca. Passa solo un minuto e su un pallone ballonzolante in area ancora Casasco tocca indietro per Torti, che di piatto destro, nemmeno tanto forte insacca sotto il corpo di  Ndokaj. Cala il gelo in campo e sugli spalti si  fa fatica a digerire il doppio svantaggio subìto in un baleno. Non insistono più di tanto i padroni di casa, che invece dovrebbero attaccare in massa come nei primi minuti. Lasciano così il tempo agli avversari di riprendersi e di organizzare prima una difesa più attenta ed in seguito anche attacchi che cominciano a farsi pericolosi. Per almeno venti minuti non vi sono  più tiri in porta su entrambi i fronti, ma la Don Bosco comincia a prendere possesso della palla e del campo. Al 32' c'è una punizione dal limite: Iaculli si aggiusta la palla e con una pennellata di destro infila il pallone tra palo e portiere in tuffo.

Ribaltamento Nella ripresa i tortonesi, avendo speso molto nel primo tempo e quasi paghi del risultato pensano solo a difendersi. E la Don Bosco non è squadra che si lascia pregare, se è prima in classifica ci sarà anche un perché. Le sostituzioni di mister Granaglia, sicuramente indovinate, si fanno sentire, soprattutto quando ad essere servito sulla fascia è il veloce Demartini. Al 1' l'esterno alto se ne va palla al piede fin sulla linea del fondo, da dove mette un bel pallone davanti alla porta: Taffurelli  controlla e porge a Bordini che insacca. Un paio di minuti e ancora Demartini sguscia via tutto  solo in diagonale in area, ma il suo tiro viene murato da Armano. Al 9'  sempre l'esterno destro scatenato mette a centro un succulento pallone per Bordini che con un pallonetto non sorprende Barbieri che para sulla linea. Al 10' Demartini affonda ancora sulla fascia, si accentra e di destro tenta ancora un mezzo cucchiaio che Barbieri in volo plastico devia in angolo. Al 15' arriva il gol capolavoro di Demartini che, servito lungo da Taffurelli sul palo lontano, in acrobazia di destro mette sotto la traversa uno spettacolare pallone. Insomma in questo secondo tempo sulla fascia destra a comandare c'è sempre lui, Demartini. Che al 23' serve ancora Bordini il quale mette fuori di poco col suo piatto destro. Il Dertona purtroppo è scomparso e quello, Casasco, che a inizio gara era diventato un castigatore, nella ripresa rimasto troppo solo in avanti non riesce più a rendersi minimamente pericoloso, chiuso com'è tra almeno tre avversari. Alla mezz'ora Barbieri si rende protagonista con un doppia parata su altrettanti tiri degli attaccanti gialloverdi. Prima del fischio finale c'è il tempo per il poker che confeziona Dejan, dopo averi ricevuto a centro area un delizioso pallone da Rodriguez. Da sottolineare la buona direzione della gara dell'arbitro Carletto di Alessandria che, benché quindicenne, non si è fatto intimorire dagli improperi, per usare un eufemismo, ricevuti dal pubblico sugli spalti.

IL TABELLINO

DERTONA-DON BOSCO AL 2-4

RETI (2-0, 2-4): 9' Casasco (De), 10' Torti A. (De), 32' Iaculli (Do), 2' st Bordini (Do), 15' st De Martini (Do), 33' st Dejan (Do).

DERTONA (4-4-2): Barbieri 7, Di Vito 6, Armano 6.5, Maioli 6.5, Rosso 6, Gueorguiev 6, Cassano 6.5, Cossu G. 6, Casasco 7, Torti A. 7, Sampietro 6. A disp. Quaranta, Falbo, Lutete, Quattrone Ludovico, Bennaceur, Tepedino, Spataro, Mantero, Tila. All. Torrigia 6.5. Dir. Casanova.

DON BOSCO AL (4-4-2): Ndokaj 6, Sandu 6.5, Iaculli 7, Rodriguez 6.5 (26' Aceto 6.5), Abbattista 6.5, Amantia 6.5, Haka 6 (5' st Dejan 7), Bordini 7, Lucano 6.5 (30' st Konda sv), Taffurelli 6.5 (18' st Rossi 6), De Martini 7.5. A disp. Alves, Ferraris, Nouini, Savino. All. Granaglia 7. Dir. Aceto.

ARBITRO: Carletto di Alessandria 7.

AMMONITI: 32' st Maioli (De).

LE PAGELLE

DERTONA

Barbieri 7 Si rende protagonista di numerosi e risolutivi interventi che limitano i danni. 

De Vito 6 nella ripresa non ha avuto vita facile in marcatura su un funambolo come Dejan.

Armano 6.5 Nel primo tempo con più benzina nel motore ha controllato Demartini poco servito , ma nella ripresa, non è riuscito a contenerlo.

Maioli 6.5 Nella prima mezz'ora ha saputo mettersi al servizio dei compagni sulla fascia sinistra.

Rosso 6 Nella ripresa messo sotto pressione si è concesso qualche distrazione di troppo.

Georguie 6 Non sempre è riuscito a chiudere centralmente sui cross da destra di Demartini.

Cassano 6.5 Nel primo tempo il suo apporto sulla fascia destra è stato prolifico di palloni.

Cossu 6 Nella prima frazione di gioco è stato intraprendente e deciso poi nella ripresa solo fase difensiva.

Casasco 7 Da solo fa reparto, ma spende troppo nel primo tempo anche in fase di raccordo a centro campo. Nel secondo troppo solo non poteva fare di più.  Apre le danze  danze al 9'.

Torti 7 Il suo raddoppio porta in alto i cuoi dei leoncelli che pensavano di avere già il gatto nel sacco.

Sampietro 6 Come la maggior parte dei suoi compagni il rendimento miglior è stato quello del primo tempo.

Torriggia 6.5 I suoi ragazzi riescono a giocare al meglio solo per un tempo.

DON BOSCO ALESSANDRIA

Ndokaj 6 Qualche responsabilità sui due gol, può capitare, ciò non toglie niente al suo valore.

Sandu 6.5 Nella ripresa si proietta spesso sulla fascia destra in appoggio all'attacco.

Iaculli 7 Riapre la gara alla fine del primo tempo con una punizione chirurgica e letale.

Rodriguez 6.5 Poco efficace nel ruolo di tornante viene sostituito con aceto più efficace in mezzo al campo, assist per il quarto gol di Dejan.

Abbattista 6.5 Qualche responsabilità sul primo gol, ma nel prosieguo è quasi perfetto in fase di interdizione di marcamento su Casasco.

Amantia 6.5 Raddoppi e chiusure su Casasco sia in nei contrasti a terra che sui palloni aerei.

Haka 6 In giornata non molto positiva da lui ci si aspettava di più in fase di ripartenza. 26'  Aceto 6.5 Le sue aperture sulle fasce danno spinta al gioco.

5' st Dejan 7 Segna la svolta della gara in fase di costruzione e  si concede anche il quarto gol a fine gara.

Bordini 7 Ha il grande merito di aver pareggiato i conti subito al primo minuto del secondo tempo. ne sfiora un altro al 9'.

Lucano 6.5 Grande collaborazione in avanti coi suoi movimenti crea gli spazi giusti. 30' st Konda sv

Taffurelli 6.5 S'infortuna nella ripresa non prima di aver servito la palla del 3 a 2 a Demartini. 20' st Rossi 6 Dà un bella mano nel finale.

Demartini 7.5 Quasi in ombra nel primo tempo, perché poco servito, ma nella ripresa con le sue sgroppate sulla fascia e i suo servizi a centro area cambia il volto ed il risultato della gara.

All. Granaglia 7 Squadra compatta e volitiva. Con molti pregi sia tecnici che tattici.

                                                                 Intervista

 Mister Granaglia:<<Purtroppo abbiamo patito le condizioni del campo, alquanto precarie, che non ci hanno permesso di esprimere le nostre potenzialità. Difficile il controllo della palla e ciò rende ancora più difficoltoso impostare azioni veloci palla terra. Quindi prima di  adattarci è trascorso un po' di tempo, durante il quale abbiamo subito le iniziative degli avversari abituati  a giocare sul loro terreno. Poi siamo venuti  fuori  ed i ragazzi hanno dimostrato le loro capacità nel gestire la palla arrivando a segnare tre reti nella ripresa. Sono soddisfatto della loro prestazione e dell'ulteriore passo che abbiamo fatto ancora avanti per il rush finale>>.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400