Cerca

Monza-Parma Under 15: Ranieri sblocca il match, ma i ragazzi di Palladino non lo chiudono e i ducali calano il tris in rimonta

Ranieri Monza

È un Monza doubleface quello che tra le mura di Monzello chiude il primo tempo in vantaggio di un gol grazie allo stacco di testa di Ranieri, ma che nella ripresa viene rimontato dal Parma, trascinato dalle reti di Mena, Plicco e Nwajei. Un tris difficile da pronosticare dopo la prima frazione di gioco in mano ai biancorossi che, però, in più occasioni mancano l’appuntamento con il raddoppio e non chiudono mai la partita. Un copione che si porta qualche strascico anche nella ripresa, quando, soprattutto nei primi 5 minuti, i ragazzi di Palladino prima sprecano un contropiede due contro uno e poi vengono respinti dalla traversa. Imbaglione, invece, azzecca le mosse all’intervallo e lo spostamento di Mena da terzino ad ala è la chiave per trovare il pareggio alla prima grande occasione. Subito l'1-1, i padroni di casa vanno in bambola nelle retrovie, mentre i ducali aumentano i giri del motore e colpisco proprio lì dove il Monza li aveva feriti nel primo tempo: su calcio d’angolo. Plicco risolve infatti una mischia su corner a dieci minuti dalla fine, aprendo la pista al tris ospite che arriva a tempo scaduto grazie al destro rasoterra di un altro subentrato, Nwajei, che mette la ciliegina sulla torta biancoblù.

 

Ranieri chirurgico, Mascheroni impreciso. Il Monza parte con un 4-4-2 a rombo, con Berretta vertice basso affiancato a sinistra da Capolupo e a destra da Valdese, mentre Scarabelli gioca dietro le due punte Mascheroni e Zini. Una coppia presa in carico da Cabassa e Ukpalyi, colonne del Parma che risponde con un 4-3-3 il cui perno di centrocampo è Lombardo, supportato da Petrolini e Cozzolino. Davanti invece Erasmus, marcato a uomo da Ranieri, guida il tridente completato da Cardinali e Frimpong. E’ proprio del numero 11 ospite il primo squillo del match con un tiro a lato sul primo palo dopo un cross dalla destra respinto corto dalla retroguardia biancorossa. La risposta del Monza arriva al 7’, con Lanzani che porta la sfera sull’out di destra, si appoggia a Mascheroni che per vie orizzontali serve Berretta, il numero 10 di casa si sposta la palla sul mancino e calcia, ma trova la deviazione in fuorigioco di Zini. Il Monza continua ad aggredire spostando il focus dell’azione sul lato sinistro, dove tra le sfuriate di Capolupo e un paio di calci d’angolo i ragazzi di Palladino prima fanno le prove generali per la rete del vantaggio, poi la trovano. Al 17’ Berretta dalla bandierina trova sul secondo palo Mascheroni, che si libera bene, ma di testa conclude di poco sopra la traversa. Un minuto dopo è invece Capolupo a ricevere palla sulla fascia di competenza e puntare dritto l’area di rigore per poi calciare sull’esterno della rete invece che servire un compagno libero nel mezzo. La rete dell’1-0, però, è solo rimandata perché al 19’ Berretta telecomanda un altro calcio d’angolo sul secondo palo, dove questa volta è Ranieri a smarcarsi con i tempi giusti e a battere Moretta da due passi. Il gol del vantaggio giustifica l’ottimo avvio dei ragazzi di Palladino che controllano la partita e rischiano qualcosa solo quando provano a impostare l’azione dalle retrovie, regalando la sfera ai ducali in un paio di occasioni, ma rientrando subito in possesso del pallone. Davanti invece l’offensiva al 22’ si sposta a destra, con una rimessa laterale ben controllata da Scarabelli in area per l’appoggio a Zini, che di mancino a giro conclude fuori portata. Lasciato alle spalle il gol subito, il Parma prova a riaffacciarsi dalle parti di Bifulco, trovando però un Monza ben organizzato nella fase difensiva. Ogni biancorosso, infatti, tiene bene la posizione e, quando sembra esserci uno spiraglio, Beretta e Ranieri alzano il muro. Verso la mezzora è esemplare la chiusura di Beretta che recupera palla a sinistra e fa partire il contropiede biancorosso: Scarabelli riceve palla nella metà campo ducale, alza la testa e premia lo scatto di Mascheroni che salta secco l’uomo e calcia in bocca a Moretta. La scena si ripete quasi identica due minuti più tardi, ma sulla fascia destra: la difesa ospite sbaglia a impostare l’azione, Scarabelli riceve la sfera e premia lo scatto di Mascheroni che tira nuovamente addosso al portiere avversario, bravo a rimanere in piedi fino all’ultimo e a preservare il minimo svantaggio.

 

Rimonta ducale. Nella ripresa il Parma inizia con qualche cambio nell’undici titolare: Casentini raccoglie il testimone di Moretta tra i pali, Lombardo viene abbassato a difensore centrale per coprire il buco lasciato dalla sostituzione di Cabassa, che lascia il posto a Calzetti, schierato terzino destro per favorire l’avanzamento in attacco di Mena. A centrocampo l’unica conferma è quella di Petrolini, affiancato dai subentrati Nwajei e Luppi, che ricopre la posizione di Cozzolino. Davanti, invece, Cardinali viene spostato prima punta per l’uscente Erasmus, mentre Allinovi va a sinistra per Frimpong. Nel Monza invece Negri difende i pali al posti di Bifulco, mentre Poropat sostituisce Scarabelli. I biancorossi proseguono sulla scia del primo tempo con due buone occasioni nei primi 5 minuti: prima Capolupo guida un rapido contropiede sulla sinistra e appoggia a destra per Mascheroni che calcia per la terza volta centralmente, poi è Berretta a colpire la traversa con un mancino a giro da fuori area. Il Monza è più attivo, ma non chiude la partita e al 13’ ne paga le conseguenze: Cardinali da fermo alza lo sguardo e vede l’inserimento a destra di Mena che si infila tra Bagnaschi e Beretta e supera Negri in uscita con un tocco sotto sul secondo palo. Trovato il pareggio, il Parma cresce e il Monza va in confusione nelle retrovie. Cardinali è il più attivo tra gli ospiti, ma la rete del sorpasso arriva solo dopo un’altra girandola di cambi e porta la firma proprio di uno dei nuovi subentrati, ovvero Plicco, che risolve una mischia frutto di un corner dalla destra con un tiro a incrociare che si insacca nell’angolo alla sinistra di Negri. Subito dopo i padroni di casa protestano per un contatto in area tra Casentini e Nenè, ma il direttore di gara lascia correre. I biancorossi sembrano riorganizzarsi dopo aver accusato il sorpasso, però nel finale arriva il colpo di grazia. Un errore in fase di impostazione permette infatti agli ospiti di passare rapidamente dalla fascia sinistra a quella destra, dove Nwajei supera Negri con un destro rasoterra sul secondo palo che sancisce il risultato finale di 1-3, preservato dal numero 12 del Monza con una bella parata sul tentativo da fuori area di Cardinali all'ultimo atto del match.

 

IL TABELLINO

MONZA-PARMA 1-3 RETI: 19' Ranieri (M), 12' st Mena (P), 27' st Plicco (P), 34' st Nwajei (P). MONZA (4-4-2): Bifulco 6 (1' st Negri 6), Lanzani 6.5 (16' st Mereghetti sv), Capolupo 6.5 (16' st Lamorte sv), Bagnaschi 6.5, Beretta 6 (16' st Brocchi sv), Ranieri 6.5, Scarabelli 6.5 (1' st Poropat 6), Valdese 6.5 (16' st Suatoni sv), Zini 6, Berretta 7, Mascheroni 6 (16' st Nenè sv). All. Palladino 6. PARMA (4-3-3): Moretta 6.5 (1' st Casentini 6), Mena 7 (18' st Plicco 7), Andreotti 6 (23' st De Simone sv), Lombardo 6.5, Cabassa 6 (1' st Calzetti 6.5), Ukpalyi 6.5 (18' st De Simone sv), Cardinali 7, Petrolini 6.5, Erasmus 6 (1' st Nwajei 7), Cozzolino 6 (1' st Luppi 6.5), Frimpong 6 (1' st Allinovi 6.5). A disp. Trabucchi. All. Imbaglione 6.5. ARBITRO: Vismara di Lecco 6.5. ASSISTENTI: Chiaro di Busto Arsizio e Buzani di Busto Arsizio.

LE PAGELLE

 

MONZA Bifulco 6 Praticamente mai impegnato nel primo tempo, si fa comunque sentire richiamando sempre i compagni. 1' st Negri 6 Sui gol subiti non ha grandi responsabilità, anzi nel finale effettua un buon tuffo sul suo palo per negare il poker a Cardinali. Lanzani 6.5 Prende subito le misure su Cardinali, lasciandogli poco spazio per causare problemi. Capolupo 6.5 Molto bene dal punto di vista offensivo, anche se prende la scelta sbagliata sullo 0-0 calciando sull’esterno della rete piuttosto che servendo un compagno al centro, mentre in fase difensiva a volte si lascia alle spalle l’avversario Bagnaschi 6.5 Completa l’out di sinistra tenendo a bada Frimpong dal primo minuto e inizia la ripresa proponendosi subito in attacco, anche se poi perde un po' di lucidità nelle retrovie. Beretta 6 Insieme a Ranieri forma un muro che nella prima frazione di gioco non viene mai valicato, mentre nella ripresa commette qualche errore di troppo. Ranieri 6.5 Meglio negli interventi difensivi che in fase di impostazione, dove si prende qualche rischio, soprattutto nella ripresa. Il bonus è il perfetto stacco di testa per il vantaggio biancorosso, oltre alla lucidità mantenuta fino a fine partita. Scarabelli 6.5 Gli assist per Mascheroni ci sono, ma i suoi filtranti ben calibrati non vengono sfruttati a dovere dal compagno di squadra. 1' st Poropat 6 L'avvio è positivo, però con il passare dei minuti subisce come tutti l'involuzione dei biancorossi. Valdese 6.5 A livello offensivo la sua zona del campo è meno coinvolta dal gioco di squadra, però contribuisce nel giro palla e nel limitare l’impostazione ducale. Come tutta la squadra fatica un po' di più nel secondo tempo. Zini 6 Il tiro a giro fuori misura è l’unica conclusione registrata in un primo tempo che lo vede poco coinvolto nelle iniziative biancorosse. Sul calare dei primi 35 minuti avrebbe una buona chance in contropiede, ma pensa di essere in fuorigioco e non rincorre la sfera. Berretta 7 Il tuttofare del Monza. A centrocampo svolge bene il suo lavoro e spicca soprattutto sui calci piazzati dimostrando di avere il GPS incorporato nei piedi. E’ suo infatti l’assist per l’1-0. Anche nella ripresa parte molto bene, colpendo una traversa, prima di calare un po' come i compagni di squadra. Mascheroni 6 Croce e delizia dei biancorossi. E’ il più coinvolto dei padroni di casa nel primo tempo, ma non sfrutta nessuna delle occasioni a disposizione. Nella ripresa il copione non cambia e sciupa la terza palla gol del match. All. Palladino 6 La squadra gioca davvero un bel calcio. La sfera gira rasoterra ed è sempre in totale gestione dei suoi ragazzi, che sanno anche colpire sulle palle alte. La grossa pecca, però, è che i suoi non chiudono la sfida quando ne hanno l'occasione e meriterebbero di farlo. Nella ripresa questo aspetto risulta determinante per la rimonta del Parma.

 

PARMA Moretta 6.5 Sul gol forse potrebbe uscire dai pali, però può davvero poco sullo stacco di Ranieri. E’ invece bravo a opporsi per due volte su Mascheroni. 1' st Casentini 6 È decisamente meno impegnato del suo compagno di reparto. Nei primi minuti la traversa lo salva sul mancino di Berretta. Mena 7 A metà primo tempo blocca un contropiede potenzialmente pericolosissimo intervenendo con il giusto tempismo su Mascheroni, mentre nella ripresa viene spostato in attacco e si dimostra la mossa vincente siglando la rete che rilancia i ducali. 18' st Plicco 7 Il suo gol è decisivo per svoltare il match nella direzione degli ospiti ed è pure una bella conclusione nell'angolino. Andreotti 6 In grossa difficoltà nella prima frazione di gioco, migliora nella ripresa come il resto della squadra. Lombardo 6.5 A centrocampo si districa a fatica davanti alla retroguardia ospite, spostato in difesa nel secondo tempo contribuisce ad arginare le iniziative di un Monza meno pericoloso rispetto ai primi 35 minuti. Cabassa 6 Costretto ad arginare soprattutto gli attacchi provenienti dall'esterno, ci riesce solo in parte prima di lasciare in campo all'intervallo. 1' st Calzetti 6.5 Prende il posto di un difensore centrale, ma nello scacchiere ducale stravolto nella ripresa ricopre il ruolo di terzino destro. L'inizio è un po' in affanno, poi però prende le misure e cresce come i compagni. Ukpalyi 6.5 Anche lui nel primo tempo ha qualche difficoltà ad arginare i biancorossi, ma nella ripresa guida da leader il reparto. Cardinali 7 Uno dei pochi a restare in campo fino alla fine, ha così modo di mettersi in mostra dopo un primo tempo in cui i compagni lo cercano spesso, ma Lanzani lo chiude bene. Spostato in mezzo all'attacco del Parma serve l'assist per il gol del pareggio e nel finale prova anche la soluzione personale. Petrolini 6.5 Anche lui non viene sostituito e cresce con il passare dei minuti. Nel primo tempo a volte si sposta centralmente scambiandosi con Lombardo, mentre nei secondi 35 minuti dà un buon contributo alla manovra ospite. Erasmus 6 Ingabbiato da Beretta e Ranieri, non riesce a trovare lo spazio per colpire i biancorossi. 1' st Nwajei 7 Si accende nel finale cercando il gol prima con un diagonale destro di poco a lato, poi lo trova con un rasoterra bel calcolato che chiude definitivamente i giochi. Cozzolino 6 Chiude il primo tempo e la sua partita senza grandi lampi, soffrendo come il resto del centrocampo una prima frazione a tinte biancorosse. Frimpong 6 Come molti compagni ha a disposizione solo 35 minuti per lasciare il segno, ma l'unica occasione che gli capita è un tiro fuori sul primo palo. 1' st Allinovi 6.5 Molto abile nello sfruttare gli errori della retroguardia avversaria e nel far ripartire rapidamente gli ospiti. All. Imbaglione 6.5 Ha il merito di indovinare le mosse giuste nel secondo tempo per ribaltare una sfida iniziata non per il verso giusto. Segnato il pareggio i suoi ragazzi cambiano passo e sfruttano al massimo le occasioni a disposizione.

 

ARBITRO: Vismara di Lecco 6.5 Dirige senza grandi sviste una partita tranquilla, che ha solo qualche accenno di surriscaldamento nella ripresa, ma è bravo a dialogare con i giocatori.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400