Cerca

Under 15 A-B

Il gol di Vinciati ferma il Brescia ai playoff

L'Udinese vola agli ottavi dopo una partita con tanto equilibrio e occasioni da gol

Aliow Badra Fofana

Badra Fofana, l'arma segreta del Brescia

Al termine di una partita equilibrata e giocata a viso aperto, il Brescia perde di misura e non centra l'obiettivo qualificazione agli ottavi. Le occasioni da gol sono state diverse per entrambe le compagini, ma il Brescia, salvato spesso dalle parate del proprio portiere, viene punito da un errore in fase di costruzione al 14' del secondo tempo, che regala a Vinciati lo spazio per andare a siglare lo 0-1 con cui l'Udinese si qualifica agli ottavi.

PARTENZA IN QUARTA

Il pareggio non è un opzione per l’Udinese. La squadra ospite parte subito all’attacco e nei primi minuti si rende già pericolosa, soprattutto sulla fascia sinistra e con le conclusioni degli attaccanti Cosentino-Pejicic-Vinciati. A mantenere le rondinelle sui binari dello 0-0 sono alcuni strepitosi interventi del portiere Kolgekaj. I padroni di casa riescono a dire la loro in alcune occasioni, riuscendosi a portare in avanti lungo le fasce soprattutto col numero 10 Ragazzoni, che al 10’ si trova a tu per tu con Kristancig che è però bravo a chiudergli lo specchio. Dopo appena un minuto è il numero 10 ospite a cercare il vantaggio, ma il suo tiro da fuori trova un’altra grande risposta del portiere. I bianconeri riescono a imporsi nei primi minuti e a mettere paura in ripartenza, soffrendo però il palleggio avversario a centrocampo che innesca Ragazzoni e Coptu là davanti. Sono proprio questi due che, al 19’ costringono la difesa avversaria agli straordinari dopo un contropiede che lancia Coptu verso l’area avversaria. Il portiere prova ad anticipare coi piedi in uscita ma non riesce ad allontanare il pallone che finisce tra i piedi di Ragazzoni, la difesa riesce però a tornare e a evitare il disastro dopo una lotta a bordo area. Dopo lo scampato pericolo, gli ospiti tornano all’assalto dell’area avversaria e sfiorano il vantaggio con due delle occasioni più clamorose della partita. Al 24’ Vinciati si immette in area da destra e serve Cosentino più arretrato, il suo tiro (quasi) a colpo sicuro non è però abbastanza angolato e Kolgecaj in controtempo riesce a deviare in angolo. Il calcio piazzato viene indirizzato sul secondo palo, qui c’è ancora Vinciati che serve di sponda Busolini a pochi passa dalla linea di porta. Il colpo di testa sembra destinato a entrare ma c’è ancora Kolgekaj che in tuffo sposta la sfera dallo specchio della porta. Ma per gli ospiti l’occasione più clamorosa per passare il vantaggio arriva agli sgoccioli del primo tempo: un pasticcio di Bezati regala palla a Pejicic che può dirigersi solo verso la porta, il suo tiro supera l’estremo difensore ma si stampa sulla traversa. Il primo tempo termina a rete inviolate, ma vista la posta in gioco e il numero di occasioni, è lecito aspettarsi che la gara non finisca con questo punteggio.

GOL IMMINENTE

Nella ripresa l’Udinese parte subito all’attacco, e il loro pressing alto toglie al Brescia la fiducia nel proprio possesso palla sul quale aveva spesso puntato nella prima metà di gara. Barcella e Ragazzoni provano a costruire lungo la fascia ma vengono spesso chiusi da Vinciati e Marello che tengono alta la squadra. Alle rondinelle, schiacciate nella propria metà campo, servono nuovi spunti per sorprendere le solide retrovie avversarie, ed ecco che al 12’ entrano Gussago e Badra Fofana. Col loro ingresso, la squadra di casa riesce subito a rendersi protagonista di qualche guizzo nella metà campo avversaria, ma a spegnere l’entusiasmo arriva la rete del vantaggio per i friulani. Polvar chiude una ripartenza dei bresciani e il pallone carambola a centrocampo prima di finire tra i piedi di Vinciati. Il numero 11 si fionda verso l’area avversaria, evita due difensori e fa partire un tiro incrociato sul quale, questa volta, Kolgecai non può nulla. I padroni di casa provano subito a sfondare coi subentrati lungo le fasce alla ricerca del pareggio che basterebbe loro a qualificarsi, ma i bianconeri, approfittando dell’entusiasmo e della difesa avversaria spesso scoperta, vanno vicinissimi al secondo gol dopo una manciata di minuti. Marello recupera palla dopo un calcio d’angolo a sfavore e lancia Pejicic che ha spazio per correre nella metà campo avversaria, dove lo accompagna Landolfo smarcato per vie centrali. Il passaggio è proprio per il numero 8 che si lancia verso la porta, calciando però addosso al portiere. Sulla respinta accorre Cosentino ma Kolgekaj respinge anche il secondo tiro, indirizzando il pallone su Pejicic che, sorpreso, impatta male e non centra lo specchio. Seguono minuti in cui i padroni di casa cercano disperatamente la profondità con lanci lunghi e incursioni lungo le fasce, arrivando a riversarsi nella metà campo avversaria nel finale. Ma la difesa dei bianconeri non si lascia sorprendere e concede pochi spazi oltre la trequarti, mantenendo il prezioso vantaggio che li porta dritti verso gli ottavi.

IL TABELLINO

BRESCIA-UDINESE 0-1
RETI: 14' st Vinciati (U).
BRESCIA (4-3-3): Kolgekaj 8.5, Barcella 6.5, Policardo 6 (12' st Badra Fofana 6.5), Bezati 6, Bicelli 6.5, Gauli 6.5, Albutiu 6.5 (23' st Saccone 6.5), Di Jeva 6.5 (18' st Leandri 6.5), Tagliabue 6.5 (12' st Gussago 7), Ragazzoni 7 (23' st Ragnoli 6.5), Coptu 7. A disp. Manenti, Facchini, Barbieri, Di Cintio. All. Coltrini 7.
UDINESE (4-3-1-2): Kristancig 7, Baiutti 7, Shpuza 6.5, Toffolo 7, Polvar 6.5, Busolini 6.5, Ruggiero 6 (1' st Marello 7), Landolfo 7, Cosentino 6.5 (25' st El Bouradi sv), Pejicic 7.5 (34' st Mardero sv), Vinciati 8. A disp. Mutavic, Tavian, Acampora, Vesca, Rossi, Taiarol. All. Giatti 7.5.
ARBITRO: Tricarico di Verona 6.5
AMMONITI: Busolini (U), Barcella (B).

LE PAGELLE

BRESCIA
Kolgekaj 8.5
Si perde il conto dei suoi interventi in extremis che hanno tenuto in partita la sua squadra.
Barcella 6.5 Chiude gli spazi lungo la fascia e, coi palloni recuperati, si rende protagonista di qualche ripartenza promettente.
Policardo 6 Costretto a fare gli straordinari, riesce a neutralizzare qualche incursione avversaria.
12' st Badra Fofana 6.5 Con la sua presenza in campo il Brescia riesce a imporsi in avanti, ma le sue giocate non riescono a essere incisive.
Bezati 6 Al netto di qualche sbavatura, si fa trovare sempre al posto giusto in marcatura.
Bicelli 6.5 Dà una mano sia in difesa che in fase di manovra offensiva, fungendo da baricentro per tutta la squadra.
Gauli 6.5 Buono il suo fraseggio coi compagni. Contribuisce a rendere fluida la manovra di possesso palla.
Albutiu 6.5 Qualche buon guizzo in ripartenza, dove si fa trovare al posto giusto e verticalizza con lucidità.
23' st Saccone 6.5 Fa il suo per mantenere la sua squadra in zona offensiva, sbagliando pochissimo in fase di manovra.
Di Jeva 6.5 Smista con ordine e rapidità, organizzando bene il possesso palla anche quando gli spazi scarseggiano.
18' st Leandri 6.5 Dà corpo alla manovra offensiva e cerca costantemente la profondità, creando azioni promettenti in diverse occasioni.
Tagliabue 6.5 Si fa trovare al posto giusto in attacco, rendendosi pericoloso con qualche palla gol.
12' st Gussago 7 Chiude bene gli spazi lungo la fascia, riuscendo a recuperare palloni con cui prova a costruire dal basso.
Ragazzoni 7 Molte azioni offensive vedono lui come protagonista. Una buona prestazione in cui è mancato solo il gol.
23' st Ragnoli 6.5 Trova subito il suo posto in campo e comunica bene coi compagni di attacco.
Coptu 7 Presente in tutte le azioni d'attacco, sfiora il gol in diverse occasioni.
All. Coltrini 7 La sua squadra si è dimostrata all'altezza dell'impegno, mostrando un possesso palla ordinato e ispirato impreziosito da diverse azioni offensive promettenti. Da rivedere la fase difensiva, ma qualche rischio è immancabile in una partita giocata da una parte all'altra del campo.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400