Cerca

under 15 A-B

Spettacolo allo Juventus center, a Mazzetti risponde euro-Merola. Qualificazione tutta da decidere

Juventus e Bologna 1-1 d'andata. Da sottolineare il rigore parato da Radu nel primo tempo a Negri sullo 0-0. Discorso qualificazione rimandato

Stefano Merola

Eurogol che gli vale l'MVP

Allo Juventus center di Vinovo va in scena l'andata degli ottavi di finale della categoria under 15, tra Juventus e Bologna. Padroni di casa che scelgono un 4-3-1-2 di stampo offensivo, con un trequartista (Russo) a fare da collante tra centrocampo e attacco, per provare a bucare la difesa rossoblu. Bolognesi che invece optano per un 4-3-3 di contenimento. La Juventus parte leggermente "indietro", data la sua posizione alla fine del campionato (terza) a dispetto del Bologna (secondo). In caso di parità dopo la partita di ritorno, non si andrebbe ai tempi supplementari e nemmeno ad eventuali rigori, ma passerebbe il turno la squadra meglio piazzata in campionato, cioè il Bologna. 

Bologna con gli attributi, Juve a sprazzi Padroni di casa che subito dal calcio di inizio cercano di controllare il gioco con svariati scambi tra attacco e centrocampo, Vianoli è il regista della squadra da lui partono i maggiori pericoli per la difesa rossoblu. Proprio Vianoli al 4' buca il centrocampo Bolognese con una bella giocata ma viene fermato in maniera fallosa all'altezza dei 25 metri circa, guadagnando così una buona punizione. Sul pallone va Merola che calcia potente e angolato di destro all'incrocio dei pali, ma Pessina in due tempi e anche sbattendo la schiena contro il palo para con sicurezza un pallone insidioso. Ospiti che dopo aver sofferto l'avanzata Juventina nei primi 5', riescono ad alzare il baricentro ed a rendersi pericolosi al 7' quando Castaldo ruba una deliziosa palla a Verde e serve Negri in area di rigore, il diez dribbla Vuillermoz che però interviene in scivolata colpendo l'avversario, calcio di rigore per il Bologna dopo soli 7 minuti di gioco. Sul dischetto di presenta lo stesso Negri che calcia angolato ma non troppo potente, Radu intuisce l'angolo e con la punta delle dita sfiora il pallone e lo manda sul palo. Juventus che si salva grazie al suo estremo difensore che mantiene inviolata la sua porta. Dopo l'episodio del rigore il Bologna si schiaccia un po' nella propria metà campo, lasciando avanzare i bianconeri che al 9' si rendono pericolosi con Lontani, l numero 8 Juventino dribbla bene sulla destra Muzzarelli, crossa in mezzo per Merola che di testa anticipa la difesa ma non riesce a trovare la porta per centimetri, ottima occasione per i bianconeri. Merola è ancora pericoloso al 16' sempre di testa, ma palla ancora una volta va fuori di poco. Prima fase di primo tempo quasi esclusivamente della Juve, il Bologna è schiacciato nella propria metà campo e non riesce ad uscire, allo stesso tempo però i padroni di casa fanno molta più fatica a  trovare varchi utili per andare al tiro. La compattezza dei rossoblu aiuta eccome, dopo 20' di sofferenza il Bologna riesce ad uscire dalla pressione avversaria e a giocare il proprio calcio. Rossoblu che ora hanno in mano la gara, ottimo giro palla per scardinare la difesa avversaria. Al 27' il continuo palleggiare dei ragazzi di Juan Solivellas porta a potenziali occasioni da rete. Al 27' Mazzetti dalla destra riceve da Minelli, Mazzetti guarda in mezzo e crossa perfettamente per Negri che anticipa la difesa e svetta di testa ma la palla finisce a lato di un nulla, si dispera il 10 Bolognese per aver mancato l'appuntamento con il gol. Vantaggio rossoblu che arriva comunque pochi minuti più tardi. Una punizione battuta in fretta dalla difesa Bolognese mette in moto Negri, stavolta e lui a crossare al bacio per Mazzetti che sbuca alle spalle di Vuillermoz ed insacca per l'1-0 Bologna al 32', nulla da fare per Radu. Primo tempo che si conclude qua, 1-0 per il Bologna. 

Rabbia bianconera, Bologna con la testa La seconda frazione di gioco vede un ribaltamento rispetto alla fine del primo tempo. La Juventus entra in campo con un piglio diverso, i ragazzi di Marcello Benesperi sin dal primo secondo si lanciano in avanti per trovare il gol del pareggio nel minor tempo possibile. Al contrario il Bologna entra in campo un più spento, forse troppo rassicurati dal gol del vantaggio a fine primo tempo. Passano 50'' e i bianconeri sfiorano il pareggio, Russo si mette in proprio al limite dell'area, dribbla due avversari e scarica un destro rasoterra potente e preciso ad incrociare, Pessina di distende più che può ma non ci arriva, il palo però salva il Bologna. Brividi in panchina per Solivellas e il suo staff. I bianconeri fanno la partita, nei primi 10' di gioco gli ospiti non riescono ad uscire dalla morsa Juventina, che vuole a tutti i costi il pareggio. All'8' Merola mette in mezzo da calcio di punizione defilato sulla destra, Bellino ci arriva prima di tutti ma il suo tiro è alto sopra la traversa. Padroni di casa che continuano ad attaccare anche se con meno intensità. Il Bologna riesce ad uscire dalla pressione avversaria dopo 10' di apnea totale, ma i rossoblu faticano a trovare spazi offensivi. Al 17' arriva il pareggio dei bianconeri. Merola riceve da Bellino, l'attaccante Juventino dribbla secco un avversario al limite, rientra su destro e calcia di interno a giro sul secondo palo, la palla si insacca all'incrocio dei pali, gol straordinario del numero 9 bianconero, che va ad esultare con i compagni. 1-1 e tutto da rifare per il Bologna. Solivellas dopo il gol subito mette mano alla formazione e cambia i due esterni d'attacco, fuori Negri e Mazzetti e dentro Gambini e Colosanto, cambi per dare freschezza e qualità alla fase offensiva troppo molle in questa ripresa. Gara che dopo il pareggio entra in una fase di stallo, entrambe le formazioni accusano un po' la fatica ed il caldo ed il ritmo di conseguenza rallenta. Al 27' però Gambini ruba con intelligenza un'ottimo pallone a Zingone, il neo entrato in maglia rossoblu sprinta sulla fascia sinistra, arriva sul fondo e mette in mezzo una splendida palla rasoterra, che attraversa tutta l'area di rigore, sul secondo palo Di Costanzo arriva con un momento d'anticipo e non riesce a calciare a porta vuota, occasione monumentale per gli ospiti. Nella fase finale della partita è il Bologna a comandare il gioco ed ad avere le ultime chanche per vincere la partita. La più pericolosa arriva al 34', quando Gori decide di portare su palla dalla difesa e di scambiare con Castaldo, i due giocatori rossoblu scambiano in paio di volte con precisione e qualità al limite dell'area, per poi andare a concludere con Castaldo che incrocia di destro ma non trova l'angolino basso di un nulla, brivido per Radu e per tutta la panchina bianconera. Finisce qua 1-1 tra Juventus e Bologna. Qualificazione ai quarti ancora tutta da decidere. Il pareggio è un risultato che va stretto ad entrambe le formazioni, anche se le due difese hanno comunque giocato una discreta partita. Tutto si deciderà con il ritorno di mercoledì 18 maggio in Emilia. 

IL TABELLINO

 Juventus-Bologna 1-1

RETI (0-1, 1-1): 32' Mazzetti (B), 17' st Merola (J).

JUVENTUS (4-3-1-2): Radu 7, Zingone 6.5 (29' st Dimitri sv), Contarini 6 (35' st Pallavicini sv), Vianoli 6.5, Vuillermoz 5, Verde 6, Bellino 6.5, Lontani 6, Merola 8, Russo 6.5, Zanaga 6 (1' st Giardino 6.5). A disp. Rossetti, Ceresero, Vallana, Tavola, Becchio, Yamoah. All. Benesperi 6.5.

BOLOGNA (4-3-3): Pessina 7, Muzzarelli 6, El Archi 6, Boni 6, De Luca 6.5, Gori 6.5, Mazzetti 8 (17' st Gambini 6.5), Minelli 6.5 (26' st Sermenghi 6), Castaldo 7 (35' st Toni sv), Negri 6.5 (17' st Colasanto 6), Di Costanzo 6. A disp. Cacciamani, Carrieri, Bettarini, Stendardi, Vassallo. All. Solivellas 7.

ARBITRO: El Ella di Milano 6.5.

ASSISTENTI: Hosni di Torino e Santoro di Torino.

LE PAGELLE

JUVENTUS

Radu 7 Decisivo nel primo tempo dove con la punta delle dita para il rigore di Negri salvando il risultato, sul gol subito poteva fare poco o nulla. Buone parate anche nella ripresa, ma nulla di esagerato, ottima prestazione. 

Zingone 6.5 Nel primo tempo gioca più dietro anche se qualche sovrapposizione la effettua, crossa poche volte e si preoccupa più delle avanzate di Negri. Nella ripresa invece è molto più offensivo, fa da padrone sulla fascia destra, crossa spesso e crea per i compagni. 

Contarini 6 Rispetto a Zingone nel primo tempo è più offensivo, anche se non riesce quasi mai a sfondare sulla sinistra. Nella ripresa è più conservativo e rimane più basso in fase offensiva. 

Vianoli 6.5 Lui è il regista della squadra, porta sempre lui palla a centrocampo ed è lui principalmente ad inventare per i compagni. Gioca sempre a testa alta per cercare il buco giusto per mandare in porta gli attaccanti, qualche volta però si addormenta e si fa scippare la palla dagli avversari. 

Vuillermoz 5 Oggi non era la sua giornata. Causa il rigore per il Bologna (poi parato da Radu), si fa anticipare da Mazzetti sull'1-0 per gli ospiti e fatica abbastanza sulle incursioni di Castaldo. 

Verde 6 Anche per lui giornata non al top, primo tempo dove fatica abbastanza sulle incursioni avversarie. Nella ripresa invece prende le misure agli avversari e gioca con più sicurezza. 

Bellino 6.5 Centrocampista di qualità e di spessore, recupera buoni palloni che fanno ripartire la Juve, è suo l'assist al gol di Merola. Bene nella ripresa dove fa vedere le sue qualità, nel primo tempo invece ha sofferto un po' la pressione Bolognese al centrocampo. 

Lontani 6 Centrocampista più difensivo, aiuta maggiormente in fase di ripiego, tiene bene la posizione e fa girare in modo intelligente la palla. 

Merola 8 Flirta con il gol nel primo tempo, senza però trovare mai la rete. Nella ripresa invece segna un eurogol pazzesco che porta in parità la Juve. Tira svariate volte in porta, serve bene i compagni liberi quando deve far salire la squadra, giocatore che fa reparto da solo, MVP.

Russo 6.5 Primo tempo giocato tra la morsa della difesa avversaria che lo marca ad uomo, trova pochi spazi e non conclude mai a rete. Nella ripresa escono le sue qualità, colpisce un palo dopo soli 50'' del secondo tempo, imbuca bene più volte per i due attaccanti, aiuta in fase di non possesso tornando in difesa. Qualità e quantità.

Zanaga 6 Gioca un tempo, ed in 35' non riesce sostanzialmente mai a rendersi pericoloso in fase offensiva, aiuta tanto però a centrocampo pressando gli avversari. 

1'st Giardino 6.5 Entra ad inizio ripresa, attaccante fisico ma anche tecnico, sfrutta il suo fisico per portare su la squadra, lotta e difende bene svariati palloni. 

All.Marcello Benesperi 6.5 Squadra ben messa in campo, un 4-3-1-2 a trazione offensiva e si vede. I suoi fanno la partita per metà primo tempo, poi vanno sotto e devono soffrire. Nella ripresa la musica cambia e anche grazie ai cambi, i suoi ragazzi trovano il meritato pareggio. 

BOLOGNA

Pessina 7 Dopo soli 4' deve salvare sulla punizione ben calciata di Merola sbattendo anche contro il palo con la schiena durante la parata. Leader vero carica la squadra per tutti i 70' dando indicazioni dalla porta. Ad inizio ripresa deve ringraziare il palo per averlo salvato sul tiro di Russo. Sul gol vola ma non ci può arrivare, ottima prestazione la sua oggi. 

Muzzarelli 6 Terzino difensivo, si sovrappone poche volte, ma fa buona guardia in difesa, si fa superare solo un paio di volte dai centrocampisti avversari. Partita solida senza sbavature. 

El Archi Lui invece è più propenso all'attacco, si sovrappone spesso, ma non riesce mai ad incidere offensivamente. In fase di ripiego invece fa meglio, coprendo e facendo ripartire i suoi. 

Boni 6 Centrocampista di spessore, lotta in mezzo al campo per 70' nel tentativo di rubare palla e servirla agli esterni, ciò gli riesce bene nella ripresa, nel primo tempo invece è schiacciato come tutto il Bologna nella propria metà campo. 

De Luca 6.5 Prestazione discreta per lui oggi. Fa a sportellate con Giardino nella ripresa, vincendo spesso i duelli. Nel primo tempo fa buona guardia comunque anche se soffre la velocità di Merola. 

Gori 6.5 Solido e sicuro, tiene bene la linea difensiva, vince ogni contrasto che lo coinvolge. Ha anche doti da palleggiatore, nel finale di secondo tempo, assieme a Castaldo scambiano al limite con qualità e precisione. 

Mazzetti 8 Un primo tempo da incorniciare il suo. Esterno sinistro d'attacco, crossa più volte in mezzo in maniera perfetta, ma i suoi compagni non riescono a sfruttare i suoi traversoni. Segna il gol dell'1-0 momentaneo anticipando nettamente la difesa bianconera. Inoltre aiuta spesso in fase di copertura ed è il primo ad andare a pressare. 

17'st Gambini 6.5 Ottimo il suo ingresso in campo. Da freschezza e corsa alla fascia sinistra. Ruba buoni palloni e per poco non serve l'assist per il 2-1 del Bologna. Atteggiamento fantastico. 

Minelli 6.5 Partita giocata con la testa, fa sempre la cosa giusta al momento giusto. Chiede spesso il pallone, gli piace averlo tra i piedi, nessuno squillo importante, ma gara giocata senza errori e con tanto agonismo. 

Castaldo 7 Primo tempo molto difficile per lui, viene stretto nella morsa della difesa avversaria. Perde qualche pallone e non è lucidissimo nelle scelte. Nella ripresa, l'allenatore gli da fiducia e lui la ripaga con una prestazione fantastica, non segna ma ci va vicino più volte, ma aiuta a portare su la squadra e serve sempre cin precisione i compagni, inoltre recupera svariati palloni. 

Negri 6.5 La sua gara poteva prendere una via oscura dopo aver fallito il calcio di rigore ( da lui guadagnato) nel primo tempo. Ma non demorde e sfiora il gol altre due volte. Gioca sempre e comunque con testa e qualità, serve l'assist del gol a Mazzetti con un cross pennellato alla perfezione. Ha dimostrato una testa che non si fa condizionare dagli errori se pur importanti. 

17'st Colasanto 6 Non brilla per le sue qualità offensive, ma da una mano in fase di pressing e di difesa. 

Di Costanzo 6 Partita di sacrificio per lui, deve fare le due fasi per dare equilibrio alla squadra. Ha la chanche di segnare il 2-1, ma arriva leggermente in anticipo sul cross di Gambini e non può spingere in rete la sfera. 

All. Juan Solivellas 7 La sua squadra gioca un calcio moderno, pochi tocchi e palla in avanti. I suoi ragazzi sanno soffrire quando serve, ma hanno anche la capacità di ribaltare le forze in campo in pochi minuti. Grande mossa cambiare gli esterni dopo il gol subito, i subentrati hanno dato parecchi grattacapi alla difesa avversaria ( Gambini su tutti). Rammaricato per il rigore sbagliato ma è ancora tutto da decidere. 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400