Cerca

Under 15 A-B

Sogna di incontrare Tonali e adesso lo può studiare da vicino: Gregorio Angelè, l'ultima scommessa del Milan

Classe 2008, arriva dall'Accademia Varese e farà parte della rosa a disposizione di Roberto Bertuzzo

Gregorio Angelè

Gregorio Angelè premiato come miglior giocatore del torneo CFT 2022 a Castel di Sangro: il Milan è rimasto stregato dalle sue qualità

La firma sul tesseramento è arrivata settimana scorsa, quindi l'ufficialità già c'è: Gregorio Angelè è un giocatore del Milan. Classe 2008, arriva dall'Accademia Varese e di ruolo fa il centrocampista. Lo scouting rossonero se l'è aggiudicato vincendo la concorrenza del Como e rischiando anche di perderlo, visto che la chiusura con il club lariano sembrava imminente. L'inserimento finale del Milan, che comunque lo aveva tenuto sotto osservazione per tutto l'anno facendogli disputare una decina di allenamenti al Vismara, è stato però decisivo: a vincere su tutto è stata la voglia di Gregorio - milanista da sempre - di vestire la maglia rossonera. Un sogno che si avvera.

L'IDENTIKIT DI GREGORIO ANGELE' 

Gregorio è nato il 28 marzo 2008, gioca come centrocampista e ha già una fisicità importante visto che è alto 180 centimetri a soli 14 anni. Destro di piede, può ricoprire tutti i ruoli della mediana - che sia schierata "a due" o "a tre" - anche se predilige giocare da mezzala viste le caratteristiche da incursore. È un giocatore di grande potenza e ha anche una spiccata vocazione per il gol (nell'ultima stagione ne ha segnati 15): i suoi colpi preferiti per andare a segno sono il colpo di testa e la conclusione dalla distanza. Bravissimo a scegliere i tempi degli inserimenti in zona offensiva, ha anche grandi capacità di interdizione e fa della "gamba" uno dei suoi migliori punti di forza. Un'altra dote importante che ha stregato il Milan arriva dal suo lato caratteriale: mentalmente ha già la "cattiveria agonistica" giusta, ed è anche grazie a questo aspetto che per gli avversari portargli via il pallone è diventata un'impresa.

Gregorio Angelè: a sinistra con la maglia della Rappresentativa, a destra nel momento in cui realizza il sogno di firmare il tesseramento per il Milan

TALENTO ITALIANO, SANGUE SUDAMERICANO

La mamma di Gregorio è colombiana, il papà ha uno studio di osteopatia e ha un passato da calciatore nelle giovanili dell'Inter, anche se tutta la famiglia è milanista. È un sanguigno, e lo fa vedere anche in campo giocando con grande "garra": ha firmato per il Milan mercoledì 6 luglio e ora può studiare da vicino quello che è il suo idolo, ovvero Sandro Tonali per il quale ha una vera e propria ossessione. Nella prossima stagione farà parte della rosa dell'Under 15 e avrà l'onore di giocare con lo Scudetto sulla maglia, visto che i 2007 allenati da Roberto Bertuzzo - che sarà confermato sulla categoria - nemmeno un mese fa hanno vinto il Tricolore. Angelè abita a Casciago, in provincia di Varese, e a settembre si iscriverà al primo anno di Liceo Scientifico Sportivo: prima dell'Accademia Varese ha giocato con gli Esordienti della Varesina e prima ancora nel Lugano, in Svizzera. Calcisticamente nasce però nel "vecchio" Varese, e nella sua prossima avventura in maglia rossonera ritroverà un vecchio compagno di quei tempi e cioè Simon La Mantia, di ruolo difensore. Gregorio ha una sorella e tre fratelli, e due di questi sono anch'essi innamorati del calcio: Pietro, classe 2009 dell'Accademia Varese, e Riccardo, classe 2013 che gioca nel San Michele come punta. A tavola adora il sushi, ma quel che più gli piace è giocare a calcio. Ora lo può fare con addosso la maglia della squadra del cuore. La maglia del Milan.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400