Cerca

Almè-Lemine Almenno Under 15: Di Leo eroe, colpo di testa che può valere una stagione

Almè-Lemine Almenno Under 15
Un gol segnato nei minuti di recupero del primo tempo e un gol salvato nei minuti di recupero del secondo. La vittoria dell'Almè è tutta qui, nel doppio episodio firmato da Francesco Di Leo in una partita tostissima, condizionata dalle dimensioni ridotte del sintetico di Almè e decisa da questi due episodi. La squadra di Oscar Gritti batte 1-0 il Lemine Almenno e tenta il primo scatto di una stagione che prima di questa partita aveva visto le due squadre solamente vincere. Un doppio "dieci su dieci" pazzesco, che dava a questa sfida un sapore particolare. Una gara giocata box to box, pallone su pallone, tra due formazioni davvero eccellenti: l'Almè di Gritti appunto, miglior difesa del girone, e il Lemine Almenno di Andreetti, miglior attacco. Timori referenziali non ce ne sono, e le due squadre si affrontano a viso aperto nonostante l'altissima posta in palio. Le occasioni nel primo tempo sono tante. Perché da centrocampo in su le due formazioni hanno qualità, e perché per arrivare in area di rigore basta veramente poco. Scaini blocca su Galletti al 6', poi Franchini mette a lato il diagonale all'8'. Palle gol che fanno pensare che il Lemine sia più ispirato, palle gol che svegliano i padroni di casa guidati da Paparo, che tra l'11 e il 12' colpisce due traverse. Un avvio di gara mica male, insomma. Passato il pericolo, il Lemine torna a produrre: Scaini salva tutto in uscita su Franchini (20'), poi lo stesso Franchini allarga il sinistro al 25'. Per sbloccare partite come queste, si dice sempre che serva un episodio. Che arriva, puntuale, al 38', durante il terzo minuto di recupero concesso dal direttore di gara: angolo di Giupponi, Di Leo colpisce di testa e mette la sfera nell'angolino per l'1-0. Il secondo tempo vive sulla falsariga del primo, ma con il Lemine che alza ancora di più i giri del motore e con l'Almè che invece si rintana provando a blindare il vantaggio e ad addormentare la partita. Galletti stuzzica Scaini colpendo un palo esterno di testa dopo 6 minuti, poi la squadra di Gritti trova la chiave giusta per chiudere ogni varco e dormire sonni tranquilli. Fino ai minuti finali, nei quali match si infiamma. Animamia si invola ma mette alto a tu per tu con Scaini al 32' sul contropiede Sala salva tutto su Giuliani, e in pieno recupero arriva la palla della vita che capita sui piedi di Franchini, che salta anche il portiere e conclude con un diagonale basso che sembra dover finire inesorabilmente in rete: sembra, perché arriva in scivolata Di Leo che salva tutto e mette definitivamente in ghiaccio una vittoria importantissima. ALMÈ-LEMINE ALMENNO 1-0 RETE: 38' Di Leo (A). ALMÈ (4-3-3): Scaini, Scandelli, Giuliani, Di Leo, Nozza, Belotti (1' st Zanetti), Falcinelli (27' st Scotti), Pontoglio, Paparo, Giupponi, Previtali. A disp. Galizzi, Locatelli, Ceolaro, Morzenti, Masnada, Manzoni, Turani. All. Gritti. Dir. Mostosi. LEMINE ALMENNO (4-4-2): Sala, Capelli, Ciampone, Nava (27' st Corbetta), Tironi, Capelli, Franchini, Panseri, Animamia, Galletti (14' st Locatelli), Graziano (11' st Cospide). A disp. Agliati, Cisse, Defendi, Lenzi, Clivati. All. Andreetti. Dir. Tironi. ARBITRO: Onaise di Bergamo. PAGELLA ARBITRO Onaise di Bergamo 7 Nel primo tempo lascia giustamente correre su un paio di episodi nell'area del Lemine Almenno, tiene saldamente in mano una partita non semplice viste anche le dimensioni del terreno di gioco. Rende inutile l'utilizzo dei cartellini. [caption id="attachment_176405" align="aligncenter" width="900"] Bright Onaise, sezione di Bergamo[/caption] PAGELLE ALMÈ Scaini 7.5 Comincia bloccando facile su Galletti, continua con un'uscita bassa provvidenziale su Franchini e chiude con un secondo tempo di grande attenzione. E quando sembra che ormai non ci sia più niente da fare, ci pensa Di Leo a salvarlo. Scandelli 7.5 Dall'altra parte Giuliani spinge, quindi a lui toccano i compiti più difensivi. Prestazione solida, blinda la difesa usando il fisico e la capacità di muoversi di reparto. Giuliani 7 È lui l'uomo adibito all'azione di raccordo tra difesa e centrocampo. Soprattutto nel secondo tempo spinge tantissimo, anche troppo forse: va anche vicino al gol del raddoppio (bravo Sala in uscita bassa), ma da quella parte arrivano le due palle gol più clamorose per il Lemine Almenno. Di Leo 9 Partita. Semplicemente. Pazzesca. Vero è che la difesa si basa principalmente sugli interventi di Nozza, ma vero è anche che lui entra nella partita con i due interventi che decidono il risultato finale. Il primo, fondamentale, nei minuti di recupero del primo tempo: angolo di Giupponi e colpo di testa vincente che sblocca la partita. Il secondo, ancora più importante, nei minuti di recupero della ripresa quando salva il risultato e i tre punti. Santo subito. Nozza 8 Monumentale. Interventi risolutivi, uno dietro l'altro. Marcatura efficace su Franchini e Animamia, che per trovare qualche varco sono costretto a girare alla larga. Quando passano dalle sue grinfie, ne escono con le ossa rotte. Belotti 6.5 Ha un compito ben preciso, e cioè quello di coprire le spalle a Giupponi che invece è libero di muoversi a suo completo piacimento. Partita di sostanza la sua, sta attento a non sbagliare nulla e porta a casa la pagnotta. 1' st Zanetti 7 Mettere il pallone nei suoi piedi è come infilarlo in una cassetta di sicurezza della Banca Centrale e buttare via tutte le possibilità di accesso. Innesto prezioso sul centro-sinistra, sa addormentare la manovra e velocizzarla quando serve. Fisico, classe e tocco di palla sublime. Falcinelli 7.5 Martellante come un tamburo di black-metal, aggraziato come un pezzo di musica classica. Fa tutto, e lo fa bene: parte da sinistra ma svaria su tutto il fronte, accentrandosi e aprendo spazi per i compagni. Pontoglio 7.5 I suoi strappi in mezzo al campo rendono al vita impossibile ai centrocampisti del Lemine, spesso costretti a rincorrerlo. Usa il fisico per sfondare, usa la testa per gestire giocate e movimenti, usa i piedi per pescare i compagni in attacco. Piparo 8 Capitano a tutto tondo. Carica i compagni, li stuzzica quando serve e li carica minuto dopo minuto. Non solo carattere ovviamente, ma anche potenza e qualità. Un "nueve" atipico a cui piace fare tutto: giocare di sponda, andare negli spazi, calciare da posizione impossibile. Il saldo con la fortuna è negativo, viste le due traverse colpite. Incontenibile. Giupponi 8 L'equilibratore di ogni cosa. Gioca basso per prendere il pallone e dare ritmo, gioca alto per imbeccare gli attaccanti con le sue idee. Mancino educato e tagliente, sempre pericoloso sui calci piazzati. Proprio su uno di questi arriva il gol della vittoria. Previtali 6.5 Mette il silenziatore e prova a scardinare la difesa avversaria senza dare punti di riferimento. Stuzzica Sala nel primo tempo, lavora bene nella sua zona di campo e i suoi ragionamenti servono per tenere bassi i terzini avversari. (27' st Scotti sv). All. Gritti 8 La partita perfetta. Perché la sua squadra dimostra carattere, qualità, intensità e spirito di gruppo. Perché gli episodi girano a favore (il gol a tempo scaduto e le due occasioni sprecate dal Lemine nel finale). E perché "indovina" ogni mossa nella partita più importante dell'anno. Capolavoro assoluto. [caption id="attachment_176407" align="aligncenter" width="900"] La formazione dell'Almè[/caption] PAGELLE LEMINE ALMENNO Sala 7 Nel primo tempo sbarra la strada a Giupponi prima e Previtali poi, nel secondo tempo salva capra e cavoli con una tempestiva uscita bassa su Giuliani. Se i compagni poi non sprecassero l'1-1 nel recupero, quella sarebbe una parata più che decisiva. Capelli L. 6.5 Dalla sua parte non è esattamente come vivere in un resort a cinque stelle, perché Falcinelli impazza e gli spazi per salire non ci sono. Proprio per questo merita una nota di merito: riesce a distinguersi e a rispondere colpo su colpo. Ciampone 6.5 Possente, la battaglia quando sulle sue zolle arriva Paparo è qualcosa di epico. Non ne esce sconfitto, anche se all'appello manca un po' di spinta propulsiva. Nava 6.5 Prova a tappare tutte gli spazi che si creano andando a raddoppiare su chiunque. (27' st Corbetta sv). Tironi 6.5 Partita di sofferenza, affrontata con "animus pugnandi" e senza mai andare nel panico, anche se gli attaccanti dell'Almè creano sempre situazioni spinose. Capelli M. 7 Nel secondo tempo, da buon capitano, guida la ribalta del Lemine Almenno. Cresce esponenzialmente rispetto a un primo tempo più scolastico, mette benzina nel motore della squadra di Andreetti e prova in tutti i modi a trovare la chiave di volta in mediana. Franchini 7 Nel primo tempo fa vedere tutte le sue qualità fisiche e tecniche. Lavora bene con i compagni d'attacco, difende palla e imbuca palloni preziosi che però non vengono sfruttati. È il più pericoloso: con un diagonale a lato all'8', con un'incursione rasoterra al 20' e con un sinistro largo al 25'. Mezzo voto in meno perché su quella palla in pieno recupero sarebbe dovuto andare con più cattiveria, ma ha l'attenuante di esserci arrivato stremato dopo una partita di grande generosità. Panseri 7 Grazie alla sua prontezza il centrocampo del Lemine non affonda. Lavora col fisico e sfrutta centimetri e capacità di stacco sulle palle alte. Animamia 6.5 Fa un po' di tutto là davanti, ma gli manca solamente l'ultimo step. Assiste perfettamente Franchini che beneficia dei suoi movimenti, punge quando ha la palla buona per andare alla conclusione. Avrebbe l'occasione giusta per il pareggio ma spara alto. Galletti 6.5 Stappa la partita con la prima conclusione, seppur velleitaria, del match. Poi si normalizza e viene un po' risucchiato dalla difesa dell'Almè, che se ha subito due gol in tutta la stagione un motivo ci sarà. (14' st Locatelli 6.5). Graziano 6.5 Non entra nelle azioni più importanti della partita, ma la sua è una presenza tattica importante nello scacchiere del Lemine. Parte da sinistra e prova a trovare le coordinate giuste per sfondare, ma stavolta gli manca il guizzo vincente. La prestazione comunque rimane importante: si sbatte e aiuta in fase difensiva. All. Andreetti 6.5 La squadra stecca nella giornata più importante, ma gli episodi girano al contrario. Il gol che vale la sconfitta arriva al terzo minuto di recupero (?) del primo tempo, e nel finale i suoi sprecano due palle gol importanti. La stagione è ancora lunga e nulla è perduto, anche se il nervosismo nel finale fa pensare che l'Almè in questo momento sia un filino avanti. [caption id="attachment_176408" align="aligncenter" width="900"] I titolari del Lemine Almenno[/caption]

Almè-Lemine Almenno Under 15: le interviste

ASCOLTA OSCAR GRITTI (ALMÈ)

SCARICA L'APP PER I RISULTATI LIVE


Sprint e Sport lo trovi in tutte le edicole di Piemonte, Valle d’Aosta e Lombardia il lunedì mattina e sullo store digitale. Abbiamo attivato la sezione PREMIUM, un servizio riservato agli abbonati.
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400