Cerca

Chiesanuova Under 15, Daniele Bianco e la filosofia dell'insegnamento: «I ragazzi devono ragionare come gruppo»

Chiesanuova Under 15

Chiesanuova Under 15

Dopo essere passato per i settori giovanili del Sant’Eufemia e del Rondinelle, per un totale di 10 anni, Daniele Bianco da quest'anno allena il Chiesanuova Under 15. Con un passato nel ruolo di portiere ed uno stop a causa di impegni lavorativi, Bianco ha deciso nel 2010 di dedicarsi ad allenare giovani ragazzi con la sua stessa passione. Parlando proprio della formazione e del lavoro che svolgendo con il suo team, l’allenatore ha dichiarato: « Con i ragazzi lavoro molto sia sulla parte tecnica che atletica perché penso, per l'età, che sia molto importante. Sto cercando di fargli capire come "stare" in campo, come muoversi nei vari reparti, in modo tale da abituarli a capire e sapere come comportarsi nelle varie fasi della partita. Tra i valori che cerco di trasmettere, c’è sicuramente il fatto che nel calcio, così come negli altri sport, ci sono  delle semplici regole da rispettare; ad esempio, fare gruppo, aiutarsi l’uno con l'altro, specie con chi è meno bravo. Se riescono a capirle e metterle in pratica, faranno grandi cose non solo nel calcio ma anche nella vita». Allenatore, quindi, che vuole riuscire a trasmettere ai suoi come tanti valori non si debbano dimostrare solo ed esclusivamente sul campo, ma anche fuori, nella vita di tutti i giorni. Il Chiesanuova Under 15 conta, per la maggior parte, di ragazzi classe 2007, con solo cinque ragazzi 2006. L’allenatore ha un’idea molto particolare riguardo il ruolo come capitano, cosa che ricorda sin da subito: « Il ruolo del capitano per me deve essere uno dei tanti traguardi da raggiungere. Per adesso è uno dei centrali di difesa, perché lo vedo un po' più maturo rispetto ad altri, ma questo non esclude il fatto che durante l'anno non faccia delle rotazioni in base al miglioramento ed al progresso». A difendere tra i pali la squadra, invece, il portiere è solo uno: Maurius Turanu. Su questa situazione un po’ scomoda, Bianchi spiega: « Sto cercando di coinvolgere un altro ragazzo nel ruolo, con buoni risultati». Il Chiesanuova Under 15, durante questa stagione non ha avuto un’ottima partenza. « Purtroppo, quest'anno è un anno anomalo – ha raccontato l’allenatore - non siamo riusciti a fare amichevoli ed il nostro obiettivo è, come dovrebbe essere, il miglioramento dei ragazzi». La squadra ha iniziato, quindi, questa stagione con tante difficoltà. Forse, gli effetti di tutto ciò si sono visti proprio nella prima gara contro la Leonessa, con una sconfitta molto pesante di 15-2. « Nella prima partita abbiamo incontrato una squadra molto forte – ha ricordato Bianchi - messa molto bene in campo, con dei ragazzi molto avanti sia tecnicamente che fisicamente. Sicuramente secondo me è una pretendente alla vittoria finale del girone. I miei ragazzi a tratti sono riusciti a dargli fastidio, come ad esempio con i due gol, però per adesso, ripeto, di più non si poteva fare». A siglare questi due gol, è stata proprio la doppietta del giovane Enock Baidoo, centrocampista della squadra. Nonostante questo inizio sfavorevole, l’allenatore e la squadra non si sono abbattuti, ma hanno tirato su le maniche e cominciato a lavorare. « Il punto di forza che ho visto nei ragazzi – ha proprio dichiarato Bianchi - è la voglia d’imparare di sacrificarsi senza mai lamentarsi. Come ho già detto, hanno bisogno di lavorare molto sulla tecnica, anche perché essendo molti loro dei 2007, parlare tanto di tattica e di moduli è un po' presto, magari più avanti». Con un occhio più speranzoso al futuro, l’allenatore ha poi concluso: « Speriamo di riprendere a febbraio, anche se penso che con tutte le precauzioni che le società hanno messo in campo si potrebbe iniziare a fare qualcosina anche prima».
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400