Cerca

Under 15 Élite

Cimiano-Enotria: derby da ricordare, nel finale Agnelli e Raschellà regalano il primato a De Laurentis

I padroni di casa due volte in vantaggio e due volte ripresi, nel finale gli ospiti completano la rimonta e portano a casa tre punti fondamentali

Arouna Rossi, Enotria

Arouna Rossi, semplicemente di un livello superiore.

Un vero e proprio spot per il calcio: Cimiano-Enotria è stato tutto quello che ci si aspettava da un derby e anche di più, una partita spettacolare e piena di colpi di scena resa ancora più leggendaria dalla pioggia e dal campo in pessime condizioni, l'ambientazione migliore dove raccontare storie calcistiche che restano negli annali. Una gara che ha detto tutto e il contrario di tutto, con gli uomini di Nicoli in vantaggio due volte e due volte ripresi, e con un'Enotria che nel finale ha sfruttato al meglio una condizione fisica invidiabile per trovare i tre punti che la lanciano in testa alla classifica.

Pioggia, fango e gloria. La gara è fin da subito una lotta senza quartiere: l'agonismo delle due squadre, la pioggia battente, il campo fangoso sempre di più ogni minuto che passa. Difficile giocare di fino in una situazione del genere, ma i 4-4-2 speculari di Nicoli e De Laurentis impostano da subito comunque dei ritmi molto alti. Gli ospiti sono pericolosi con alcuni scatti di un indemoniato Rossi, ma al 13' è il Cimiano a sbloccare il risultato: punizione dal lato sinistro, Zizza batte forte in mezzo e il pallone sembra sparire per mezzo secondo, ma quando ricompare lo fa in rete, beffardo per un Bassi sorpreso e sfortunato. La reazione dell'Enotria è fulminea: Paudice si libera dal limite dell'area e trova un destro quasi perfetto, che non ha però fatto i conti coi riflessi di Sadiku, miracoloso nell'arrivarci e mettere in angolo. La spinta degli ospiti non è continua, ma quando arriva nei pressi dell'area di rigore del Cimiano è sempre pericolosa: al 26' Ferrari pesca Rossi con un gran lancio lungo, il 9 fa un gran controllo a seguire e calcia da pochi metri, solo un altro grande riflesso di Sadiku evita il pareggio. Il numero 1 di casa però non è Superman e al 28' non può fare nulla per evitare l'1-1: Raschellà pesca il taglio di Rossi, che questa davanti al portiere preferisce il tocco per Agogliati, che non sbaglia a porta sguarnita.

Vince chi ne ha di più. La ripresa inizia con un'intensità che non ha nulla da invidiare a un big match di Premier League: con il campo ormai ai limiti del praticabile le due squadre si esaltano ed esaltano tutto il pubblico, alzando il tasso di spettacolarità a livello plus: in situazioni simili il gol è sempre nell'aria, e puntuale arriva al 10' con Girardi, che sfrutta una deviazione fortuita su un cross e si ritrova liberissimo per il tap-in a porta vuota. Anche stavolta la reazione dell'Enotria è fulminea, ma a differenza del primo tempo è subito efficace: al 15' infatti Rossi trova l'ennesimo scatto performante della sua gara e arrivato sulla fascia trova anche il sostegno della dea bendata, con il suo cross sbagliato che diventa un pallonetto imprendibile per Sadiku, beffato per il 2-2. A metà ripresa emerge la stanchezza, è il momento di chi ha la maggiore riserva di energie: è l'Enotria a rivelarsi la proprietaria della scorta di pile Duracell, sospinta dalle corse del solito Rossi e in ottimo Agogliati. E' proprio quest'ultimo al 26' a rubare una palla a metà campo, dando il via a un'azione confusa in cui ci provano prima Rossi e poi Raschellà, fino a quando la palla capita sui piedi di Agnelli, che dal limite dell'area trova il destro all'angolino che regala per la prima volta il vantaggio agli ospiti. Il Cimiano non ci sta, parte l'assedio degli uomini di Nicoli, Girardi sfiora il gol in mischia ma al 35' l'Enotria parte in contropiede: Rossi è in sospetto fuorigioco, ma l'azione prosegue e l'arbitro concede un rigore per fallo di mano di Scaldaferri. Raschellà è chirurgico dal dischetto: finisce così 2-4 una partita semplicemente bellissima, vinta da un'Enotria coraggiosa e che si gode il primato, ma con un Cimiano che ha ricordato a tutti come il campionato è ancora lungo ed apertissimo.

IL TABELLINO

CIMIANO-ENOTRIA 2-4
RETI: 13' Zizza (C), 28' Agogliati (E), 10' st Girardi (C), 15' st Rossi (E), 26' st Agnelli (E), 35' st rig. Raschellà (E).
CIMIANO (4-4-2): Sadiku 7, Casati 6 (30' st Zanotti sv), Scaldaferri 6.5, Girardi 6.5, Castaldo 7 (22' st Mallardo sv), Paduano 6.5, Zizza 6.5, Bonora 6, Urbani 6.5, Ferrante 7 (17' st Romano 6), Passerini 6.5 (11' st Marascio 6). A disp. Delle Foglie, Squicciarini, De Leidi, Brusegan. All. Nicoli 6.5.
ENOTRIA (4-4-2): Bassi 6.5, Fontanesi 6.5, Tretola 6.5 (15' st Lusignani 6), Ferrari 7.5, Maderna 6, Agnelli 7 (28' st Scartinelli sv), Paudice 7 (20' st Bagnoli 6), Raschellà 7, Rossi 8.5, Caputo 5.5 (1' st Lacinej Artjon 6.5), Agogliati 7 (30' st Rossi sv). A disp. Bambara, Boccadoro, Sarkar, Pertegato. All. De Laurentis 7. Dir. Avanzini.
ARBITRO: Barile di Milano 6.
AMMONITI: Maderna (E), Paduano (C), Castaldo (C), Scaldaferri (C).

LE PAGELLE

CIMIANO

Sadiku 7 Superlativo un paio di volte su Rossi e Paudice, si arrende solo sui gol, tutti imparabili.
Casati 6 Gara di grande lotta sulla fascia, soffre contro Agogliati e compagni ma non molla mai il colpo. (30' st Zanotti sv)
Scaldaferri 6.5 Prova soprattutto difensiva di grande abnegazione e presenza, sempre nel posto giusto.
Girardi 6.5 Cresce nella ripresa dopo un primo tempo opaco, bravo e fortunato a trovarsi dove serve sul gol.
Castaldo 7 Un vero muro là dietro, non passa nulla fino al suo infortunio: da lì in poi la squadra soffre molto di più. (22' st Mallardo sv)
Paduano 6.5 Un paio di incertezze nel finale, la stanchezza lo tradisce ma non cancella un'ottima prestazione.
Zizza 6.5 Ha il merito di sbloccare la gara con una magata su punizione, sulla fascia però l'energie finiscono presto.
Bonora 6 Nella bagarre di centrocampo non riesce ad essere sempre efficace, prestazione a singhiozzo.
Urbani 6.5 Lavoro importante per la squadra, svaria su tutto il fronte d'attacco ma ha poche occasioni in zona gol.
Ferrante 7 Dalla trequarti in su è un bel grattacapo per i difensori ospiti, dribbling e giocate sempre pronte.
17' st Romano 6 Dentro per rigenerare il centrocampo, fa il suo anche senza brillare.
Passerini 6.5 Va a tutta nel primo tempo, nella ripresa accusa un calo fisiologico ed esce un po' dalla gara.
11' st Mirascio 6 Cerca più volte lo spunto, ben controllato dalla difesa ospite.
All.Nicoli 6.5 Esce sconfitto ma con mille indicazioni positive: la squadra c'è, sono mancate solo le gambe nel finale.

ENOTRIA

Bassi 6.5 Sorpreso dalla traiettoria beffarda di Zizza, si riscatta nel finale con un mezzo miracolo su Girardi.
Fontanesi 6.5 All'inizio soffre Zizza, poi gli prende le misure e lo cancella piano piano dalla partita.
Tretola 6.5 Sacrificio in difesa e poco spazio per affondare, accetta volentieri il compito e lo svolge come deve.
15' st Lusignani 6 Dentro per puntellare la difesa, svolge bene il suo lavoro.
Ferrari 7.5 Leader assoluto della difesa, non sbaglia una diagonale nè una chiusura, gara magistrale.
Maderna 6 Malgrado qualche indecisione, fa sentire la sua presenza e non crolla mai.
Agnelli 7 Chilometri macinati in mezzo al campo, gol alla Tardelli nell'82 che indirizza davvero la partita. (28' st Scartinelli sv)
Paudice 7 Energia e polmoni da vendere, sfiora il gol a più riprese.
20' st Bagnoli 6 Energia pronta dalla panchina, importante nel finale.
Raschellà 7 Prestazione di una completezza disarmante, avvia l'azione dell'1-1 e mette in ghiacco la gara col rigore.
Rossi 8.5 Una stella che svetta in mezzo a tutti: quando parte è un'altra cosa, gol e assist sono solo la cartina di tornasole di una prestazione indimenticabile.
Caputo 5.5 Vaga sulla trequarti senza trovare spunti pericolosi, fuori subito a inizio ripresa.
1' st Lacinej 6.5 Si fa sentire là davanti, sfiora un paio di volte il gol.
Agogliati 7 Ala pura, corre dall'inizio alla fine senza sosta e con buona qualità, suo il recupero palla che porta al 2-3, oltre al gol del momentaneo 1-1. (30' st Rossi sv)
All.De Laurentis 7 I suoi reagiscono alle difficoltà e ne hanno di più nel finale, vittoria e primato in classifica meritatissimi.

LE INTERVISTE

Nicoli e De Laurentis ci regalano a fine gara una specie di intervista doppia, concordando in un bellissimo momento di sportività sulle chiavi che hanno deciso la gara: "Partita davvero tosta, su un campo molto difficile contro una grande squadra" dicono i due tecnici praticamente all'unisono complimentandosi a vicenda. "Hanno deciso gli episodi, soprattutto, quello del 2-2, che ha dato molto entusiasmo a loro e ne ha tolto altrettanto a noi" aggiunge poi per il Cimiano Nicoli, mentre per l'Enotria De Laurentis fa i complimenti ai ragazzi: "Bravi a non mollare quando sono andati sotto e a trovare nel finale le energie per portare a casa la vittoria."

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400