Cerca

Under 15 Élite

Le probabili formazioni delle favorite per il titolo Regionale: sarà dominio Alcione?

Cinque squadre, cinque schieramenti diversi: questi ad oggi i possibili protagonisti

Chioetto e Crapanzano

Chioetto e Crapanzano: il primo punto fermo dell'Alcione, il secondo neoacquisto del Seguro

QUESTO ARTICOLO È PREMIUM. PER LEGGERLO DEVI AVERE UN ABBONAMENTO ATTIVO. IN ALTERNATIVA LO TROVI SUL GIORNALE IN EDICOLA DA LUNEDÌ 25 LUGLIO (QUI L'EDICOLA DIGITALE)

A meno di due mesi dal semaforo verde, è doveroso iniziare a dare uno sguardo a quelle che potrebbero essere le formazioni del prossimo campionato. Nella fattispecie, abbiamo dato uno sguardo a quelle che prenderanno parte all'Under 15 Élite e non potevamo che partire dalle big: Alcione, Ausonia, Masseroni, Seguro e Lombardia Uno? Come giocheranno? Che modulo useranno? Chi potrebbe partire titolare e chi dalla panchina? Queste, ad oggi, le nostre previsioni.

ALCIONE

La titolarità non è mai qualcosa di assicurato al 100% e infatti questa stagione Beniamino "Benny" Calderoli avrà le sue belle gatte da pelare in termini di scelte, perché per i classe 2008 sul mercato è stato fatto un lavoro a dir poco egregio, mettendo a disposizione del tecnico una rosa incredibilmente profonda. Insomma, Calderoli sicuramente spererà di essere messo in difficoltà dai suoi ragazzi al fine di scegliere i giocatori che scenderanno in campo ogni weekend sin dal fischio d'inizio. E con tutti gli acquisti fatti dagli orange, diventa imperativo un cambio di modulo, per riuscire a sfruttare al meglio con la tattica l'arsenale tecnico dell'Alcione. Si passa ad un 4-2-3-1 di marca pioliana - per dirla alla milanese e da campioni - con la conferma di Morazzoni tra i pali e l'inserimento di Jin nel parco portieri. Cambiamenti anche in difesa, in cui sulle fasce ci saranno Garcia e Chioetto da un lato con Holovko e Cicchinelli dall'altro. Batteria di centrali invece formata da Ganci e i nuovi arrivi Calia, Soragna e Garofalo. Linea di mediana a due con quattro giocatori che hanno tutte le carte in regola per essere titolari: l'innesto Volpi e Rizzo, Voceri e Covelli. Capitolo trequarti, sono tanti i rinforzi, perché è uscito Jeon ma rientra Bismuti dopo il prestito al Como e adesso pronto a fare il trequartista, in staffetta con la possibile sorpresa Anzalone. Sulle fasce Madon e De Ruvo da un lato, Villanueva e Prodomi dall'altro; unica punta la staffetta Fardin-Fumagalli per capitalizzare il gioco orange.

AUSONIA

Idee chiare nel mondo Ausonia: tornare protagonisti e farlo in grande stile. Per l'Under 15, che giocherà in Élite nel 2022/2023, il direttore sportivo Manuel Gasparro ha operato bene sul mercato, in modo da mettere a disposizione di Michele Cioffi, il tecnico confermato con i 2008, una grande rosa. E dunque, in campo con un 4-3-3 al fischio d'inizio, con il neo-arrivato Costa tra i pali, pronto a giocarsi il posto con Donato. Linea di difesa a quattro con Gazzoni e Corrado idealmente come terzini - la titolarità la si costruisce e la si guadagna nel corso della stagione - e Saccone (già in rosa), Coceban e Mocanasu a giocarsi due maglie da titolari. Cabina di regia? Ci pensa Frontini, che sarà in staffetta con il rinforzo dal mercato Ge. Slot delle mezzali occupati da Mero e Pucci da un lato e Moratti, innesto interessante arrivato dal Pozzuolo e che ha già assaggiato il palcoscenico regionale, e Sorrentino dall'altro. Tridente offensivo che vede l'ovvia presenza di Fornaro, mattatore e trascinatore dei neroverdi in Under 14, che si accomoderà sulla sinistra. A destra Zubani (ex Macallesi) e al centro Leggio (dal Verbania). Ma la profondità di rosa permette anche il possibile tridente Pontonio, Bellino e Abbundance, totalmente inedito. Ovviamente, questi sei giocatori potranno poi essere combinati come meglio crederà il tecnico. Insomma, Cioffi ha una rosa costruita nel nome della qualità e della funzionalità: l'Ausonia, per i prossimi campionati d'Élite, c'è. C'è assolutamente.

LOMBARDIA UNO

Ai nastri di partenza, Massimiliano Gagliardi per il suo Lombardia Uno e per i suoi 2008 potrebbe proporre un 4-3-3 che vedrebbe ampia possibilità di scelta per quanto riguarda i giocatori schierabili in campo, a partire dalla linea di porta, alla cui difesa penseranno Greceanu, Ndoka e Delicato. Davanti all'estremo difensore, i due centrali di difesa che potrebbero essere Balan e Inzoli, D'Orto o Brambilla oppure ovviamente altre combinazioni di questi quattro nomi. A destra i terzini a disposizione del tecnico sono Solano e Lucchini, con Tsaran pronto a giocarsi il posto sulla sinistra con Guirreri, esterno di difesa appena arrivato dal Seguro. Un nome nuovo anche per il vertice basso, perché ci sarà sì Cattaneo, ma anche Penza, in entrata dalla Casatese e pronto a dare geometrie per i rossoneri. Gli interni di centrocampo sono tutti giocatori già presenti in rosa dalla passata stagione: Bellali e Leone da un lato, Bonanno e Bullita da l'altro. Le grandi novità per i 2008 arrivano però ora, per il reparto offensivo. Punta centrale, tre nomi, di cui due nuovi: il solito Tinazzi, ma anche Mineo dall'Alcione campione di Lombardia e Cristiano dalla Barona; esterno destro che potrà essere uno tra Di Nella e Savatteri (già in rosa) ma anche Barbu, anche lui in arrivo dagli orange. Chiude la rosa di Gagliardi il ruolo di esterno sinistro Liuzzo, che si giocherà il posto con Sousa, giocatore in arrivo dall'Accademia Pavese che nasce come trequartista e capace di giocare tra le linee.

MASSERONI

Lavoro di fino per la Masseroni di Vittorio Villa, che dopo l'ottima stagione fatta nel 2021/2022 vuole confermarsi su questi livelli - semifinale playoff regionale - e ovviamente alzare l'asticella. Per questo motivo la società bianconera si è mossa in maniera quasi chirurgica per rinforzare la squadra dei 2008, che andrà a disputare il campionato Élite a partire dal prossimo 18 settembre. Sono tre dunque gli innesti che la Masseroni ha portato dentro per l'Under 15. Piccola particolarità, le operazioni di mercato arrivano tutte dalla linea mediana in su, senza andare a toccare la difesa. Il motivo potrebbe stare nella linea a tre messa a punto da Villa: nel mondo delle giovanili è raro vedere tridenti difensivi che riescano a riscuotere lo stesso successo del tris Zirilli-Balliano-Mangiarotti e per questo motivo probabilmente la società ha deciso di non toccare nulla in quel reparto. Nella linea di centrocampo a 4, invece, arrivano Vitali e Boccotti in posizione centrale, in alternanza con i già presenti Rossi e Lavatelli. Sulle fasce i soliti Bonfiglio e Sala, con il jolly Iacometti arrivato dal Leone XIII: corsa, fisico, gol e possibilità di giocare su entrambe le catene. Sempre Ferrario dietro le punte, che potrà alternarsi anche con Vitali se questo non sarà in mediana. Terminali offensivi sempre Infrano e Fiore, con il primo pronto a far valere la sua corsa e la sua predisposizione al sacrificio, facendo di lui una sorta di seconda/mezza punta fondamentale per gli equilibri della Masseroni.

SEGURO

Classico 4-3-3 per il Seguro, che per la sua potenza di fuoco ha deciso di affidarsi a Nicholas Cusumano, profilo che arriva dai provinciali di Milano e che nella passata stagione ha indossato la maglia del Sedriano: il classe 2008 è all'esordio nei Regionali, ma ha già dimostrato di avere tanti gol nelle sue giocate. A suoi fianchi ci saranno Riboldi e Varriale per una maglia da un lato e Crapanzano dall'altro, dopo aver giocato con il nerazzurro dell'Accademia Inter nel 2021/2022. Scendendo per il campo, in posizione di mezzali ci saranno Pitissi a sinistra, arrivato anche lui dall'Accademia Inter, e la staffetta Scarfato-Nardulli a destra. Cabina di regia occupata a turno da Stelluti e Brouzes, quest'ultimo ora blues dopo l'esperienza all'Atletico Alcione dell'ultimo anno. Linea di difesa a quattro, dunque: due maglie al centro della difesa che saranno contese Falappi, Salomone, Manzo e Valsecchi, con i primi due neo acquisti arrivati dall'Accademia Inter e dalla Triestina (Francesco ha giocato l'ultimo anno sotto età in Under 15). A presidiare le corsie esterne come terzini c'è una sola novità, ossia l'arrivo di Lippo a destra in staffetta con Specchia; dall'altro lato, a sinistra, Prisco-Locatelli. Tra i pali, infine, Angileri arriva dall'Accademia Pavese e si giocherà il posto con Pititto. I blues di Roberto Silipo, dunque, possono contare su una rosa ben strutturata e con tante alternative per il modulo scelto dal tecnico, potendo così ben figurare nella categoria principe dei Giovanissimi.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400