Cerca

Airoldi Under 15: grandi ricordi e un futuro roseo, Danilo Gordon e la sua nuova avventura

airoldi u15
Danilo Gordon è il tecnico dell’ Airoldi Under 15, squadra che milita nel girone C dei campionati provinciali di Legnano. In passato il tecnico ha allenato fra le fila di Lombardia Uno e Bollatese, dove è stato per ben sei anni, iniziando un percorso: dai Giovanissimi fino ad arrivare alla Juniores, con la quale ha vinto un campionato provinciale e si è giocato la permanenza nel campionato Regionale fino all’ultima giornata, con squadre di un certo livello. Ora il tecnico, che tiene a raccontare anche il suo passato calcistico, vuole ripetersi, ha i giocatori giusti e una società alle spalle per riuscirci: « Ho iniziato a giocare al Como quando avevo 13 anni, sono sempre rimasto in questa società dalle giovanili fino alla prima squadra, poi ho iniziato ad allenare. Ho allenato alla Lombardia Uno e alla Bollatese, con cui ho vinto un campionato provinciale e abbiamo perso il campionato regionale all’ultima giornata, è stato un percorso incredibile, ho passato degli anni molto belli, e con il gruppo siamo riusciti a creare un legame incredibile». Successivamente Danilo Gordon aggiunge: «Sono molto contento di essere all’Airoldi; all’inizio non conoscevo questa società, poi grazie a conoscenze di amici, ho scoperto una società molto organizzata e composta da brave persone, con progetti validi e tanta voglia di lavorare, oltre che ad con una bella struttura. Quando sono arrivato la prima volta sono rimasto colpito dall’organizzazione e dalla bellezza del centro. Quest’anno mi hanno chiesto se sarei rimasto ancora in società, mi trovo bene ed un bell’ambiente, quindi non potevo dire di no». L’allenatore poi svela quale sistema di gioco preferisce: «Non ho un modulo fisso, anche negli anni mi piace cambiare per non essere monotono; con i ragazzi sto giocando con un 4-4-2 e a volte con un 4-2-3-1, nell’ultimo periodo con il secondo. Quest’anno abbiamo dei rinforzi in più, è un grande gruppo composto da ragazzi che sanno giocare a calcio e hanno la testa sulle spalle. Il capitano della squadra è Stefano Airaghi, scelto con la votazione da parte della squadra, è uno dei leader che ci sono in rosa, un ragazzo con la testa sulle spalle, così come tutti gli altri. Ho la fortuna di avere dei ragazzi tutti allo stesso livello, i sei nuovi innesti si sono ambientati molto bene con il gruppo, tre di questi, sono molto talentuosi e danno una grossa mano alla squadra, sono Dushi, Iennello e Bono, giocatori che ci fanno alzare l’asticella. L’obiettivo di quest’anno è quello di far crescere i ragazzi e allo stesso tempo di giocarsela alla pari con tutti, abbiamo le caratteristiche e le doti giuste; nel nostro girone ci sono grandi squadre che potrebbero far bene e, se per caso dovesse arrivare la vittoria del campionato, saremmo felici del risultato perché vuol dire che stiamo facendo un bel lavoro. Infine il tecnico dell'Under 15 dell'Airoldi presenta le persone con cui lavora: «Il mio staff è composto da Edoardo Castelli, centrocampista e giocatore che ho allenato io personalmente, è il mio vice; il preparatore dei portieri è Gianni Musazzi, e ho tre dirigenti, Sandra Stocco, Claudio Bienati e Massimiliano Pravettoni, sono tutti genitori di ragazzi della rosa, ci danno una grande mano».
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400