Cerca

Ticinia Under 15, giocatore ed allenatore a Robecchetto: la storia di Angelo Bolognesi

Ticinia Under 15
Angelo Bolognesi, tecnico della Ticinia Robecchetto Under 15, allena in questa società da 20 anni, ha cominciato con i Pulcini, poi gli Esordienti, i Giovanissimi e gli Allievi, oltre che essere stato un grande attaccante per dieci anni, giocando in tutte le categorie e vincendo un campionato di terza categoria con la prima squadra; ora allena nella società dov’è cresciuto come giocatore e come uomo. Dopo la carriera calcistica, Bolognesi ha allenato anche fra le fila di Roncalli e Bienate Magnago, poi ritornò nella Ticinia dove ancora oggi è, come detto, il tecnico dell’Under 15. L’allenatore spiega il rapporto che lo lega alla società: «Sono in questo ambiente da più di 30 anni, sono in grandi rapporti con tutti, principalmente le figure sono rimaste le stesse di quando giocavo io, il presidente attuale è stato il mio allenatore in passato; sono forse l’allenatore con più anni di esperienza in questa società». Successivamente il tecnico parla della sua squadra: «Il mio è un grande gruppo, si lavora molto bene, siamo in 19 e abbiamo la mentalità giusta per crescere insieme. L’anno scorso siamo arrivati al secondo posto, dietro soltanto all’Inveruno, per poco non siamo andati ai Regionali. Quest’anno abbiamo iniziato la preparazione il 24 agosto, abbiamo fatto 17 allenamenti a settembre, e 8 ad ottobre, eravamo pronti e ben preparati per il campionato, abbiamo fatto anche amichevoli con squadre di un certo livello. Sicuramente è stato difficile anche riprendere dopo il primo stop, i ragazzi sono stati colpiti a livello mentale, inoltre sono arrivati nuovi ragazzi, cinque, che sono entrati molto bene nel gruppo. Tra questi c’è un ragazzo in particolare, che si è sacrificato un po’ più degli altri, perché ha giocato in quasi tutti i ruoli, facendo anche molto bene. Si stavano iniziando a vedere i miglioramenti della squadra e dei giocatori singolarmente, quando si potrà riiniziare, riprenderemo tutto da capo, facendo una preparazione ai livelli di quella già fatta. Quest’anno siamo in un girone con squadre importanti, organizzate e forti, l’obiettivo è di giocarsela alla pari con tutte, non siamo secondi a nessuno; l’unico problema è che alla rosa manca un’attaccante di peso, determinante e che segni nel momento decisivo. Ho due portieri molto bravi, giocano entrambi perché se lo meritano. A livello difensivo siamo messi bene, ho giocatori molto tecnici ma fisicamente non prestanti. I centrocampisti e gli esterni sono molto bravi, veloci e tecnici. Sono soddisfatto del gruppo, si lavora molto bene, in allenamento ci si diverte e si gioca allo stesso tempo». Infine, il tecnico conclude l’intervista presentando lo staff che lavora con lui: «Il mio staff è composto da Stefano Carnago, un ragazzo che lavora con me ormai da cinque anni, è molto attivo agli allenamenti, ci dividiamo il gruppo in reparti e li alleniamo a parte con allenamenti differenti, lui cura l’aspetto offensivo e le azioni sulle palle inattive, è molto bravo e preparato. Abbiamo un preparatore dei portieri, Emanuele Garavaglia, allena molto bene i nostri due portieri, e in passato ha giocato come portiere in questa società per molti anni. Infine, i dirigenti, che sono Franco Lopresti e Damiano Mairani, sempre molto presenti e disponibili per tutto».
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400