Cerca

Under 15

SL Pogliano-Upn: Bosotti apre e chiude il sipario affiancato da un Pessina fenomenale, Paleari onnipresente nel gioco di Selmi

I padroni di casa inciampano fermandosi a 6 punti, Calegari e i suoi lanciano la fuga

Giovanni Paleari 2007 SL Pogliano e Nicolò Bosotti  2007 Upn

Giovanni Paleari, classe 2007, capitano gialloblù e Nicolò Bosotti, sempre classe 2007, attaccante Upn

Vince in ribalta l'Upn contro il Pogliano per 4-2. I ragazzi di Re Calegari scendono in campo con un 4-3-3 inedito e offrono una prestazione convincente sotto ogni punto di vista, soprattutto sul piano del gioco. La qualità dei piedi di Pessina consente  di giocare senza problemi palla a terra, permettendo anche la ricerca di cambi gioco che muovono l'intera difesa avversaria disorientandola e mandandola in affanno. Allo stesso tempo, sempre dai piedi del numero 10 arrivano verticalizzazioni visionarie che creano occasioni pericolosissime e il gol dell'iniziale vantaggio. Malgrado la superiorità sul piano dell'azione, paradossalmente, i due gol decisivi sono arrivati da due palle inattive calciate dritte in porta. Selmi, allo stesso tempo, viene costretto a schierare un nuovo modulo a causa della defezione in attacco di Rossini: al posto del solito 3-2-3-2 vediamo dunque un 4-4-1-1 che riesce a dare anche i suoi frutti nel corso della gara, lasciando tuttavia troppo isolato e senza appoggi Vanola, specie nella seconda frazione di gioco che vede troppo stanchi gli esterni d'attacco per riuscire a fare efficacemente le due fasi.

Rovescio. Inizia la partita e l'Upn si rende subito pericoloso con un tiro dalla distanza di Raimondi al 1' minuto. Sul rinvio Pessina riesce ad intercettare e addomesticare il pallone con eleganza, mandando in porta Bosotti che davanti al portiere non sbaglia e la infila nell'angolino. Nonostante la botta psicologica i padroni di casa riescono a trovare la reazione: Chiesa sul lato d'estro riesce a creare più volte difficoltà alla difesa, mettendo in mostra tutti i cavalli del suo motore. Dopo 6' minuti di fatti è proprio quest'ultimo a fare l'assist per il suo capitano Paleari che svettando più in alto di tutti la schiaccia in porta per l'1-1. Calegari probabilmente comprende che per riuscire a contenere la velocità di Chiesa sia necessario un accorgimento tattico, e infatti scambia i due terzini: Gueghi, che ha una corsa più esplosiva, viene scambiato con Cavirri e riesce a domare il numero 7 gialloblù. Al 25' minuto, questa volta dalla fascia sinistra, arriva l'azione che porta in vantaggio i padroni di casa: Frassinelli liscia il pallone regalandolo a Furfaro che mette in mezzo per Vanola che dopo due tentativi murati dal portiere e la difesa riesce finalmente a buttarla in porta e mandare in vantaggio i suoi di 2-1. Il vantaggio però non dura molto perché due minuti dopo l'Upn conquista una punizione sulla quale si presenta Cavirri che calcia dritto in porta nonostante la distanza: Arona prova ad arrivarci, ma inspiegabilmente si lancia con i piedi al posto che metterci le mani. Il rimbalzo del pallone, proprio davanti ai suoi occhi lo inganna e la palla viene a depositarsi in rete. 

Castigo. All'8' minuto della ripresa Pessina riesce finalmente a trovare il gol che incorona la sua bellissima prestazione, che porta il risultato sul 2-3. Passano 3' minuti e gli ospiti conquistano un'altra punizione, questa volta da una distanza ancora più notevole. Bosotti impatta benissimo e riesce a dare forza ed effetto alla sfera: Arona, di nuovo, va in corto circuito e interviene con i piedi. La palla gli passa sotto alle gambe e allarga il risultato di 2-4. Da questo momento in poi la formazione di Selmi diventa sempre più nervosa, lamentandosi in maniera sempre più aggressiva con l'arbitro e si facendosi distrarre nella prestazione in campo. L'effetto sortito non sarà altro che un'espulsione (Contesi 30' st) che lascerà i gialloblù in 10 senza la speranza di poter recuperare. 

IL TABELLINO

SL Pogliano-Upn 2-4
RETI (0-1, 2-1, 2-4): 2' Bosotti (U), 8' Paleari (S), 25' Vanola (S), 27' Cavirri (U), 8' st Pessina (U), 11' st Bosotti (U).
SL POGLIANO: Arona Raffaele 6, Furfaro 6.5, Viscomi 6 (15' st Dodaj 6), Ferraraccio 6 (2' st Gjeci 6), Contesi 6, Gandolfini 6.5, Chiesa 7, Lucchetti 6.5, Vanola 7, Paleari 7.5, Manai 6.5. A disp. Trerotola. All. Selmi 6.
UPN (4-3-3): Croci 6.5, Guehi 6.5, Cavirri 7.5 (31' st Lonati sv), Frassinelli 7, Bonazza 7, Raimondi 6.5, Stella 6.5 (16' st Pravettoni 6), Bosotti 8, Orlando 6.5 (21' st Fusar Poli 6), Pessina 7.5, Lemrassi 6.5 (8' st Giannini 6). A disp. Raffuzzi, Consonni. All. Re Calegari 7.
ARBITRO: Walid Moussafir 6.5.
ESPULSI: 30' st Contesi (S).
AMMONITI: Raimondi (U), Contesi (S), Contesi (S), Lucchetti (S).

LE PAGELLE 

SL POGLIANO
Arona Raffaele 6 La prestazione nel complesso è sicuramente sufficiente, ma senza ombra di dubbio pesano i due errori nei gol subiti su punizione in cui sceglie di intervenire con i piedi anziché con le mani su due tiri non proprio irresistibili.
Furfaro 6.5 Sulla fascia riesce a dare la spinta necessaria per ripartire velocemente e nell'azione del 2-1 ci mette il suo zampino.
Viscomi 6 È attento su ogni pallone che circola dalle sue parti; riesce a fornire il suo aiuto ai compagni e non rischia mai.
15' st Dodaj 6 Entra deciso in campo ma la partita ormai è andata; avrebbe potuto fare di più in fase offensiva.
Ferraraccio 6 Si mette in mostra più in fase difensiva, sorpassando poche volte la linea di centrocampo.
2' st Gjeci 6 Entra sulla stessa linea d'onda del suo compagno offrendo una prestazione a tratti simile.
Contesi 6 Se ci si dovesse limitare alla sua prestazione offerta in campo è sicuramente più che positiva: bravo nell'intervenire in anticipo, veloce nelle ripartenze ed efficace nella sua comunicazione con i compagni. Il rosso macchia però quello che si è visto in campo, perché aumenta il nervosismo percepito all'interno della gara, lasciando infine in inferiorità numerica i suoi compagni a causa delle proteste esasperate.
Gandolfini 6.5 Rapido e possente. Contiene gli avversari utilizzando il suo fisico e la sua bravura nella difesa uno contro uno.
Chiesa 7 Soprattutto nel primo tempo crea molti problemi alla difesa avversaria sfruttando la sua grande accelerazione. Dai suoi piedi arriva proprio il gol dell'1-1.
Lucchetti 6.5 Mediano completo che si rivela utile soprattutto in fase di contenimento. Quando la sua squadra riparte permette di creare superiorità numerica in attacco.
Vanola 7 Sembra essere sempre lasciato troppo solo in attacco, quando dialoga con Paleari dà vita alle azioni più belle gialloblù. Bravo sia nell'usare il fisico per proteggere palla e far salire i suoi, che nell'azione veloce di contropiede. Trova con determinazione la rete del 2-1. 
Paleari 7.5 Fa la prestazione che ci si aspetta dal capitano e da ogni numero 10. È il punto di riferimento della sua squadra e lo dimostra in ogni palla da lui toccata. 
Manai 6.5 Sarebbe dovuto partire dalla panchina ma invece parte da titolare convincendo tutti.
All. Selmi 6. Si ritrova a dover ripensare il modulo a causa dell'indisponibile Rossini, ma riesce comunque a fare giocare bene la squadra con una prestazione più rivolta al pragmatismo, lasciando spesso il pallino del gioco agli avversari e punendoli in contropiede. 

UPN
Croci 6.5 Non viene spesso chiamato in causa nelle parate, ma risulta utilissimo in disimpegno e nei rilanci che sono sempre precisi.
Guehi 6.5 Quando viene messo in marcatura di Chiesa riesce nella missione di contenerlo, tuttavia non riesce a spingere molto sulla fascia.
Cavirri 7.5
 Ottima prestazione sotto ogni punto di vista. Incita i compagni e li aiuta a prendere le decisioni. Segna il gol del pareggio da una distanza che lo faceva sembrare quasi impossibile(31' st Lonati sv)
Frassinelli 7 Insieme al suo compagno di difesa formano una coppia quasi insuperabile.
Bonazza 7 Centrale leader della difesa che regala una prestazione sontuosa alla sua squadra non facendo passare nessuno.
Raimondi 6.5 Fondamentale in mezzo al campo, si dimostra anche pericoloso con qualche conclusione dalla distanza.
Stella 6.5 Riesce nell'operazione di schermare i centrocampisti ospiti e amministra bene il pallone.
16' st Pravettoni 6 Entra sicuro in campo e continua con l'operazione di intercettazione dei palloni.
Bosotti 8 Segna una doppietta pesantissima; giocatore versatile che permette di ricoprire più ruoli all'interno del campo. Decide la partita. 
Orlando 6.5 Le sue caratteristiche forse sono più da punta centrale, ma riesce a lavorare benissimo anche come esterno d'attacco a sinistra.
21' st Fusar Poli 6 Riesce ad entrare bene nei meccanismi di gioco di Calegari ma sbaglia qualcosa di troppo in fase realizzativa.
Pessina 7.5 La manovra passa sempre dai suoi piedi e quando prende il pallone la sua squadra mette palla in banca. Una garanzia che riesce a trovare anche il gol della ribalta.
Lemrassi 6.5 Offre una prestazione che si rivela determinante all'interno della sfida.
8' st Giannini 6 Mette al servizio della squadra la sua velocità che lo rende un perfetto contropiedista, ma avrebbe potuto sfruttare meglio le due occasioni capitategli davanti al portiere.
All. Re Calegari 7. Riesce a far dare il massimo ai suoi giocatori, mettendoli in campo con un modulo inedito che però permette di esprimere al meglio la loro capacità tecnica. 

ARBITRO
Walid Moussafir 6.5 Non è mai facile arbitrare delle partite così nervose, ma riesce a farlo bene. Legge con chiarezza gli episodi decisivi della partita dimostrandosi sempre autorevole.

LE INTERVISTE 

Il tecnico ospite Fulvio Re Calegari a seguito della vittoria dichiara: «Sono convinto della prestazione della mia squadra. Il problema è che dobbiamo imparare a diventare più decisivi sotto porta. Ho un gruppo di 28 ragazzi fantastici e purtroppo sono costretto a lasciarne a casa qualcuno ma il merito è di tutti. Non mancano mai all'allenamento e so che a volte è difficile non poter entrare. Ho la fortuna di avere un bel gruppo e due collaboratori sempre presenti che mi aiutano tantissimo. Sulle punizioni siamo così pericolosi anche perché vengono 1 ora prima all'allenamento per poter imparare a sfruttare le palle inattive».

Mentre la guida gialloblù Giorgio Selmi afferma: «Eravamo 2-2 e di colpo è degenerata da un punto di vista caratteriale. Ci siamo fatti sconcentrare negli episodi decisivi. Siamo una squadra che ha fatto 3 risultati utili ma abbiamo notevoli difficoltà. Siamo pochi e dobbiamo chiamare alcuni ragazzi 2008 che ci danno una mano nel caso del bisogno. Mi dispiace per la reazione di qualcuno, saremmo dovuti rimane più calmi e concentrati sulla gara».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400