Cerca

Promozione

Lombardina-Cimiano: Crisafulli e Brasca regalano tre punti fondamentali a Lombardi

Due lampi ad inizio primo tempo e ripresa bastano agli arancioneri per domare l'ostica squadra squadra di Raffi, mai doma

Fabio Crisafulli migliore in campo durante Lombardina-Cimiano

Fabio Crisafulli, capitano della Lombardina

Vittoria di misura per la Lombardina di Lombardi sul Cimiano di Raffi, le due squadre appaiate in classifica hanno dimostrato sul campo tutto il loro valore dando vita ad una gran bella partita estremamente equilibrata e decisa dagli episodi. Il parziale di 2-1 è sostanzialmente corretto per quanto riguarda il gioco espresso e le occasioni create, sebbene anche gli ospiti abbiano avuto le loro occasioni per trovare il pari e non sono mai usciti realmente dalla partita, sono pesate per i rossoneri alcune assenze proprio nel reparto d'attacco. Per quanto riguarda la Lombardina la partita è stata affrontata dai padroni di casa in maniera eccellente, con il merito di averla sbloccata subito. Unica nota negativa può essere il gol preso ingenuamente nel primo tempo e il non avere chiuso la partita nel momento centrale del secondo tempo nel quale gli arancioneri hanno avuto due palle gol di fila.

L'arcobaleno di Crisafulli. Inizia alla grande la formazione di casa, che prende subito in mano la gara tramite un buon fraseggio a centrocampo. Un contrasto porta al calcio piazzato che sbloccherà la gara: gli arancioneri conquistano una punizione dai 25 metri, l'incaricato è Crisafulli che lascia partire un perfetto arcobaleno che si infila sotto l'incrocio. Gli ospiti inizialmente restano interdetti e accusano il contraccolpo psicologico. Il 10 ospite Galak si carica la squadra sulle spalle ed inizia a far avanzare il baricentro degli ospiti grazie ai suoi strappi in profondità, al 10' minuto una sua buona iniziativa sulla sinistra viene interrotta dall'arbitro, sulla traiettoria di un traversone certamente insidioso. Di seguito ribatte la Lombardina con una bella azione in velocità: Denuzzo sulla destra va sul fondo e mette in mezzo per Crisafulli che calcia di prima in girata di poco alla destra del portiere. Il pallino del gioco lo mantengono per lo più i padroni di casa e al 22' il centrale ospite Spinelli è costretto ad un gran recupero sul Crisafulli in seguito ad una bella azione in verticale. Poco prima della mezz'ora pareggiano gli ospiti in un modo abbastanza inaspettato: corner in favore della Lombardina intercettato dall'uscita del portiere, che con le mani manda subito Galak in profondità, che fa tutto il campo scaricando sulla destra per D'Alonzo il quale da buona posizione non sbaglia e mette la palla alle spalle del portiere. Trovato il pareggio gli ospiti prendono campo e coraggio: al 35' Viveros va vicino al vantaggio inserendosi perfettamente sugli sviluppi di un fallo laterale, ma la sua conclusione da distanza ravvicinata termina a lato.


L'episodio. Nella ripresa dopo pochi minuti trova il vantaggio nuovamente la squadra di casa approfittando di un episodio: un giocatore arancionero rimane a terra in seguito ad un contrasto, gli avversari sportivamente mettono la palla fuori. I padroni di casa restituiscono la palla, ma nonostante le parole del tecnico in panchina, che esorta i ragazzi a non pressare inizialmente gli avversari, Brasca va in pressione su Panucci che manca l'aggancio, Brasca anticipato l'avversario e trovando il portiere decisamente fuori dai pali deve solo appoggiare in porta. Episodio sicuramente controverso nel quale le due squadre non si sono ben capite: sembra infatti che il direttore di gara abbia detto agli arancioneri di potere andare a pressare, in effetti non c'è regola che lo vieti se non quella del fairplay. Accusano il colpo non poco a questo punto gli ospiti che rischiano di subire il ko: dopo due minuti calcio di punizione per la Lombardina da posizione molto simile a quella del primo gol, sul pallone questa volta va Ghidini che calcia benissimo ma colpisce in pieno la traversa. Continuano a cercare il gol della sicurezza i padroni di casa: al 10' Sculco parte sulla sinistra seminando due avversari, il cross in mezzo per Denuzzo è preciso, ma sulla conclusione a botta sicura si oppone D'Alonzo con il corpo. Al quarto d'ora di gioco è invece il Cimiano ad avere l'occasione del pareggio con Gelmini, pescato ottimamente in verticale da un compagno, il numero 9 però nonostante la buona progressione viene recuperato da difensore che lo disturba non poco al momento del tiro, la conclusione infatti finisce fuori. La gara comunque rimane equilibrata e anche abbastanza frammentata a causa dei diversi falli commessi da entrambe le squadre, il bel gioco visto nel primo tempo inizia a diventare più una battaglia a centrocampo con il tentativo da parte del Cimiano di sfruttare dei calci piazzati. La Lombardina dal canto suo va ancora vicina al tris prima con Denuzzo, servito a centro area da Crisafulli il numero 17 spara alto da ottima posizione. L'ultima occasione del match sarà per il subentrato Palatella, abile ad inserirsi su un pallone in verticale, fermato però da una grande uscita bassa di Delle Foglie. Termina 2-1 una gara bella ed equilibrata.

IL TABELLINO

Lombardina-Cimiano 2-1
RETI: 5' Crisafulli (L), 27' D'Alonzo (C), 5' st Brasca (L).
LOMBARDINA (4-3-3): Iarinca 6.5, Cisini 6, Sculco Matteo 6.5, Ahmed Hassan 6.5, Canesi 7, Rovelli 6.5, Brasca 6.5, Castello 7 (23' st Azamouz Giad sv), Ghidini 6.5 (15' st Palatella 6.5), Crisafulli 8, Denuzzo 6. A disp. Scaranello, Marinetti, Boskovic. All. Lombardi 7.
CIMIANO (4-3-3): Delle Foglie 6.5, Luzzi 6, D'Alonzo 7.5, Viveros Asprilla 6, Spinelli 6.5 (30' st Bonanni sv), Panucci 6.5 (10' st Marincolo 6), Zanotti 6, Sergio 6.5, Gelmini 6 (18' st Lanzone 6), Galak 7, Sanchez Torres 6. A disp. Liccardo, Ahmed, Moreni, Mollica, Papagni. All. Raffi 6.5. Dir. Sergio.
ARBITRO: Signorelli di Milano 6.

LE PAGELLE 

LOMBARDINA
Iarinca 6.5 Chiamato in causa raramente durante la partita, risponde sempre presente. Importante il suo apporto a livello psicologico: sprona i compagni a dare il meglio specialmente in avvio di gara.
Cisini 6 Preciso e ordinato durante tutto l'arco della gara, dalla sua parte arrivano ben pochi pericoli. Forse avrebbe potuto dare di più in fase offensiva.
Sculco Matteo 6.5 Dopo un primo tempo un po' col freno a mano tirato nella ripresa si mette in mostra con più di una bella discesa sulla fascia sinistra che avrebbero meritato di terminare con un gol, prestazione di sostanza e qualità.
Ahmed Hassan 6.5 Grande lavoro di interdizione e costruzione in mezzo al campo, moto perpetuo per tutto l'arco della gara e fondamentale per gli equilibri della squadra.
Canesi 7 Contro due avversari ostici si batte come un leone, dopo le prime difficoltà prende le misure con il 10 avversario e nel secondo tempo riesce quasi sempre a neutralizzarlo anche con le cattive, ma sempre tramite interventi regolari.
Rovelli 6.5 Come il compagno di reparto inizialmente soffre gli strappi delle punte avversarie ma nella ripresa prende bene le misure e concede pochissimo agli avversari, unica nota negativa il gol subito ingenuamente. 
Brasca 6.5 Segna un gol importante per le sorti della squadra, sebbene non abbia rispettato le regole non scritte del fairplay andando a pressare forte su un pallone restituito agli avversari. Oltre questo episodio controverso la sua è stata una gara di quantità in mezzo al campo, si è sacrificato non poco andando a pressare alto il play avversario impedendo la manovra avversaria.
Castello 7 Il più fisico del centrocampo probabilmente, grazie alla sua gamba spesso salta l'uomo creando superiorità numerica, il migliore del trio in mezzo al campo per l'importanza e la qualità delle giocate proposte.
Ghidini 6.5 Colpisce una traversa su punizione nella ripresa che grida vendetta. Gara non facilissima per lui, spesso si è abbassato molto per ricevere palloni e creare spazi alle sue spalle, grande spirito di sacrificio per la squadra.
15' st Palatella 6.5 Entra col piglio giusto creando grattacapi alla difesa avversaria anche grazie alla sua fisicità imponente, l'uscita perfetta di Delle Foglie gli nega il gol nel finale.
Crisafulli 8 La perla in occasione del primo gol mette subito la gara sui binari giusti, per il resto della gara continua in questo senso regalando giocate funamboliche che mettono in crisi la difesa avversaria più di una volta. Sfiora sia la doppietta che l'assist in un paio di occasioni.
Denuzzo 6 Grazie alla sua velocità e la sua capacità di inserimento crea pericoli non da poco alla retroguardia avversaria, sul voto finale pesano notevolmente le due occasioni da gol sprecate malamente. 
All. Lombardi 7 La squadra disputa una gara quasi perfetta giocando a tratti un calcio esaltante, la strada sembra decisamente quella giusta per togliersi soddisfazioni importanti durante l'anno. Da evidenziare che in occasione del secondo gol aveva detto ai suoi di non pressare gli avversari. 


CIMIANO
Delle Foglie 6.5 Non compie grandi parate ma nel finale si esalta con un'uscita bassa bella quanto provvidenziale, sul secondo gol ha da rimproverarsi l'aver servito male il compagno che poi si è fatto soffiare la palla ma è l'unica pecca nella sua partita. 
Luzzi 6 Fatica a limitare l'abile punta avversaria, nonostante questo la sua dedizione alla causa e l'aiuto nella manovra gli fanno guadagnare ugualmente la sufficienza.
D'Alonzo 7.5 Sulla fascia sinistra è un motorino. In fase difensiva concede ogni tanto qualcosa di troppo, da tenere in conto la bravura dell'uomo da marcare, ma in quella offensiva si scatena con cavalcate che spesso lo portano sul fondo. Il gol del pareggio è il suo, sintesi delle sue qualità vista la corsa di 50 metri sulla fascia opposta ed il gol segnato con freddezza e precisione.
Viveros Asprilla 6 Fatica a trovare i giusti tempi di gioco, ad un primo tempo difficile ma tutto sommato ordinato segue una ripresa che lo vede essere troppo spesso poco sereno il che lo porta a sbagliare palloni alla portata. Non la sua migliore partita probabilmente ma le qualità sono evidenti.
Spinelli 6.5 Solido e deciso per tutta la partita, gli si può imputare ben poco se non di essere uno degli ultimi ad arrendersi, nota negativa i calci piazzati che potevano essere sfruttati meglio.
Panucci 6.5 Ha sulla coscienza quella palla persa al limite dell'area che vale il gol dei tre punti per gli avversari, ma la colpa non è solo sua. Oltre all'errore una partita coraggiosa, si prende la responsabilità di venire ad impostare al livello dei centrali e gli riesce anche discretamente bene a tratti.
10' st Marincolo 6 Qualità e quantità in mezzo al campo, si presenta con uno slalom speciale quasi perfettamente riuscito, dà tutto per riacciuffare il pareggio ma senza risultati.
Zanotti 6 Cambia posizione diverse volte nell'arco della partita, da terzino a esterno d'attacco. Si accende a tratti durante la gara mostrando cose pregevoli ma visto il fisico ci si sarebbe aspettati di più in fase offensiva.
Sergio 6.5 Prova in tutti i modi a farsi valere in mezzo al campo interrompendo il preciso fraseggio avversario, uno degli ultimi ad arrendersi nella ripresa nonostante tutto.
Gelmini 6 Fallisce una buona occasione per trovare il pareggio a metà ripresa, gara complicata per lui in special modo finché deve fare da riferimento centrale, sull'esterno va leggermente meglio.
18' st Lanzone 6 Fa il suo senza infamia e senza lode, entra in un momento certo non semplice per la squadra e questo ha certamente influito.
Galak 7 Il migliore per distacco del reparto offensivo, anche se spesso è lasciato un po' a sé stesso riesce a mettere in difficoltà la retroguardia offensiva grazie alle sue grandi doti fisiche. Il gol del pareggio è frutto di una sua cavalcata e di un servizio perfetto per il compagno.
Sanchez Torres 6 Poco innescato nel primo tempo viene poi spostato a terzino, gara condita da tanta corsa e impegno nonostante abbia giocato fuori ruolo.
All. Raffi 6.5 Nonostante le defezioni importanti la squadra non sfigura. Un peccato aver perso una gara importante come questa su due episodi sfavorevoli.

ARBITRO:
Signorelli di Milano 6 Dopo un primo tempo tutto sommato ben arbitrato nella ripresa perde a tratti il controllo della gara. Dubbio il metro con il quale sono stati assegnati i falli, un mistero il perché non abbia mai estratto un cartellino nonostante i molti interventi ruvidi. 

 LE INTERVISTE


Molto soddisfatto al termine della gara il tecnico arancionero Lombardi:«Direi che è stata proprio una bella partita, equilibrata e ben giocata da entrambe le squadre proprio come mi aspettavo. Abbiamo concesso qualcosa di troppo oggi, soprattutto in occasione del primo gol ma ci sta nel corso di una partita come questa. Dispiace per l'episodio del secondo gol, ma io avevo detto ai miei di non pressare in quel caso».
Raffi dal canto suo la vede in maniera decisamente diversa: «Non mi è piaciuto ovviamente l'episodio del secondo gol, ma capisco l'incomprensione e va bene così non può essere una scusa. Bisogna ammettere che sul piano del gioco oggi loro sono stati più bravi di noi sebbene la gara sia rimasta equilibrata, hanno avuto il merito di creare di più. C'è da dire anche che siamo stati un po' sfortunati a subire così presto il primo gol, ci ha tagliato le gambe a livello mentale. Perdere una partita così importante su due episodi lascia certamente l'amaro in bocca».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400