Cerca

Under 15

Pujanes entra e la sblocca, Lorusso e Fattorusso chiudono il discorso

Può gioire Esposito per tre punti che possono voler dire Regionali

Fattorusso, Pujanes e Lorusso

Fattorusso, Pujanes e Lorusso, gli autori dei gol della Vigor Milano

Si risolve nel secondo tempo grazie ai cambi il match tra Ardor Bollate e Vigor Milano, che ha visto i ragazzi di Esposito trionfare sugli arancioneri per 0-3. Partita molto equilibrata nella prima frazione con poche occasioni, ma con tanto agonismo. Nella ripresa le forze fresche schierate in campo dai biancoblù fanno la differenza e gli ospiti sbloccano il match grazie ad un'incursione di Pujanes. A quel punto l'Ardor si deve leggermente sbilanciare per cercare il pari ed è costretta a concedere qualcosa dietro: i ragazzi di Marazzi sbagliano l'1-1 e dopo pochi minuti subiscono lo 0-2; la dura legge del gol. Il colpo del ko va a gonfiare la vittoria della Vigor, ma gli arancioneri sul doppio svantaggio mollano la presa. Con questa vittoria pesante la squadra di Esposito guadagna tre punti pesantissimi in classifica, che la spingono sempre di più verso la promozione diretta ai Regionali.

EQUILIBRIO

Prima emozione per i padroni di casa con uno splendido lancio in avanti per Frassinelli che corre veloce, cerca di mettere al centro arrivato sul fondo, ma non trova compagni. Dopo otto minuti è Vicentini a provarci direttamente da calcio di punizione, ma manda alto anche se di pochissimo. Non particolarmente vivace l’inizio di gara della Vigor che presenta la prima chance al 9’, con un tiro di destro improvviso al volo da fuori di Naimzada, alto sulla traversa di due metri abbondanti. Lorusso è bravissimo a lanciare De Luca in area qualche minuto più tardi: il numero 10 cerca spazio, ma ottimo è l’intervento su di lui del centrale Lasagna, che riesce ad allontanare. Una punizione al limite dell’area di Quaggia è una cosa a metà tra un tiro in porta ed un assist a centro area per Naimzada; il risultato è un pallone facile tra le braccia di Belotti. Intorno al 20’ il match è in una fase un po’ confusa e la squadra che più riesce ad arrivare dalle parti del portiere avversario è quella arancionera; anche se non ci riesce mai con una manovra pulita, ma spesso con lanci lunghi e palloni lanciati in area. Picca prova a lanciare Grassi al 25’, ma il numero due non riesce ad arrivare su un pallone troppo lungo e che finisce preda facile di Galli. La prima vera grande occasione del match è biancoblù e arriva intorno alla mezz’ora con una grande azione personale di Quaggia sulla destra che punta l’area, va al cross e al centro del box trova un sinistro al volo di De Luca, che termina direttamente tra le braccia di Belotti da ottima posizione. Frassinelli sicuramente il più vivace dei suoi: spesso cercato dai compagni e quando può a all’uno contro uno. Allo scadere una chance gigante per gli arancioneri di chiudere il primo tempo in vantaggio: cross dalla bandierina a pescare al centro dell’area la testa di Banfi che stacca e impatta bene, ma non dà angolo e Galli blocca la sfera.

L'EPISODIO

Prova ad aprire la ripresa con più ritmo la Vigor e dopo pochi minuti ha già la prima occasione con il lancio lungo a cercare De Luca; Pagliato lo segue con attenzione e appena dentro l’area di rigore gli sradica il pallone dai piedi, facendo ripartire i suoi. Anche a causa delle condizioni del campo è davvero difficile costruire l’azione in modo pulito ed entrambe le squadre fanno davvero fatica a farlo. Grandissima azione di Guerra sulla sinistra: il terzino salta Picca e va a terra improvvisamente; il direttore di gara lo ammonisce per simulazione. Azione insistita di Frassinelli sulla sinistra: il centravanti riesce a guadagnarsi lo spazio in area per calciare e va forte sul primo palo di collo, ma è attento Galli che respinge usando i pugni. Pagliato è sempre pulito negli interventi; sta davvero facendo la differenza nella retroguardia arancionera. In nuovo entrato Pujanes si muove bene e cerca più volte di ricevere e farsi vedere davanti, ma non viene mai servito in modo perfetto dai compagni. La palla giusta per il numero 17 però arriva al 27’ con il lancio di Quaggia: il centravanti corre veloce e giunto dentro l’area calcia forte sul secondo palo di collo pieno, trovando l’angolo e battendo Belotti. Alla mezz’ora un’occasione gigantesca per l’Ardor: perfetta la palla dalla sinistra dell’area di Frassinelli per Sedita che è tutto solo; il dieci mette a sedere Galli, si sistema il pallone e calcia a porta vuota trovando sulla linea un salvataggio completamente senza senso di Guerra. Sfiorano addirittura il raddoppio gli ospiti con un tiro dal limite di Broggi, che Belotti devia in angolo. Sugli sviluppi di quel corner è Lorusso sul secondo palo a raccogliere e scagliare in rete il pallone del match point; 0-2. Il discorso viene chiuso definitivamente due minuti più tardi, quando Cattaneo prova il tiro da fuori mettendo alla prova i guantoni del nuovo entrato Cozzi; il portiere non trattiene e sulla respinta è prontissimo Fattorusso a fare 0-3.

I ragazzi della Vigor Milano in festa negli spogliatoi dopo la vittoria

IL TABELLINO

ARDOR BOLLATE-VIGOR MILANO 0-3
RETI: 28' st Pujanes (V), 31' st Lorusso (V), 34' st Fattorusso (V).
ARDOR BOLLATE (4-3-1-2): Belotti 6 (30' st Cozzi sv), Grassi 6, Apolito 6.5, Vicentini 6.5, Pagliato 7, Lasagna 6, Banfi 6 (25' st Quaranta sv), Pandiani 6.5, Frassinelli 7, Torrejon Ochoa 6.5 (3' st Sedita 6), Picca 6. A disp. Grazzi, Paonessa, Del Vecchio, Giudici, Minora, Annoni. All. Marazzi 6. Dir. Belotti.
VIGOR MILANO (4-3-3): Galli 6.5, Currelli 6.5 (25' st Cesino Russo sv), Guerra 7, Cattaneo M. L. 6.5, Broggi 6.5, Tabini 6.5, Lorusso 7, Quaggia 7.5, Naimzada Michele 6.5 (13' st Pujanes 7.5), De Luca Nicolò 7 (30' st Fattorusso 7), Galbiati 6.5 (25' st Piazza sv). A disp. Yaser, Radulescu, Okparaeke. All. Esposito - Broggi 7.
ARBITRO: Giunta di Milano 6.5.
AMMONITI: Guerra (V).

LE INTERVISTE

Esposito è assolutamente felicissimo per la vittoria e per l'atteggiamento della sua squadra: «Loro hanno pareggiato settimana scorsa, perciò sapevamo di arrivare qui con una posizione di vantaggio in termini di classifica, ma ci aspettavamo una squadra forte e che ci avrebbe subito aggrediti alti; così è stato nei primi minuti, poi abbiamo preso le misure e la partita è andata in totale controllo nostro. Occasioni per noi ci sono state anche nel primo tempo. Abbiamo cercato di inserire ragazzi con gamba per creare profondità e la scelta ha ripagato. Noi vogliamo vincere tutte le partite, ma non è facile; oggi abbiamo dimostrato sul campo di essere superiori».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400