Cerca

Monza, il mega-punto sulle Finali dei Giovanissimi 2003

bellusco

Bellusco 2003

Dopo una stagione lunga ed intensa le migliori squadre dei Giovanissimi 2003 hanno iniziato mercoledì sera, sotto una pioggia leggera, le fasi finali Monza per decretare la campionessa provinciale. Con il Biassono già in semifinale, in virtù del primo posto nel Girone A, i quarti hanno riservato sfide decisamente interessanti e ricche di emozioni e gol. Cavenago-Bellusco 1-3 RETI: 13’ Stucchi (B), 22’ Corti (B), 3’ st Corti (B), 15’ st Saccani (C). CAVENAGO (4-1-2-3): Balconi, Zocco (9’ st Kraus), Selvaggio, Mauri, Minoli (1’ st Birnat), Carrieri, Stetcu (24’ st Brambilla), Marini (29’ Galbiati), Guzzetto, Talarico (35’ st Tresoldi), Saccani. All. Alvino. BELLUSCO: Iannarelli T, Grigoli, Carminati, Adamo, Sartini, Cornia, Stucchi, Airoldi (14’ st Ruggirello), Corti, Iannarelli D (26’ st Leoni), Faiz (14’ st Butti). All. Scianò. A disp. Tresoldi, Pirovano, Elalami. ARBITRO: Cavalleri di Treviglio. Partita sulla carta equlibrata e molto combattuta quella che vedeva affrontarsi, al “Gaetano Scirea”, il Cavenago di Alvino, quarto classificato nel girone A, ed il Bellusco di Scianò, vincitore in extremis del girone B. Fin dalle prime battute il match è molto frizzante: entrambe le squadre provano a giocare aggressivo cercando di aggredire tutti gli spazi disponibili. Al 6’ è il Bellusco a portarsi in vantaggio grazie al solito Stucchi, che si ritrova con il pallone tra i piedi dopo un errore di comunicazione della difesa di casa, e a porta libera ha vita facile a segnare. Il Cavenago prova a reagire, ma il tandem Talarico-Saccani viene agevolmente fermato dalla coppia di centrali rossoblù. Al 22’ i ragazzi di Scianò trovano il raddoppio grazie a Corti che ribadisce in rete una bellissima combinazione fra Faiz e Iannarelli. Nella ripresa il Cavenago entra subito aggressivo e voglioso di rimettere sui binari giusti il risultato. Ma dopo apenna 26’’ Corti si fa ipnotizzare da Balconi, dopo che Iannarelli lo aveva messo in porta con una magia. Ma il tris per il Bellusco è vicino. Al 3’ Corti svetta di testa e supera Balconi con una torsione bellissima, dopo una punizione molto tagliata di Stucchi. Con il risultato al sicuro il Bellusco prova a gestire il match. Al contrario il Cavenago si riversa in avanti alla ricerca del gol. Questo però arriva tardi, al 16’ e lo trova Saccani, ma conta solo per le statistiche: in semifinale ci va il Bellusco. Cgb-Vignareal 2-1 RETI: 5’ Valerio (C), 24’ Busnari (V), 18’ st Piroddi CGB BRUGHERIO (4-3-3): Assenza, Teruzzi (27’ st Montingelli), Leonini, Marcolini, Alonge, Bisconti, Colotta, Massimo, Valerio (1’ st Caccia), Gottardi, Piroddi. All.Penta. A disp. Raffaeli, Mazzarisi, Moorut, Picone, Lavacca. VIGNAREAL (4-3-3): Santo (15’ st Lippolis), Facalet, Zanotta, Caseara, Elli, Paglino, Viera, Pitaglieri (19’ st Vialati), Bragalanti, Giordano, Busnari. All. Gaiati. A disp. Sarcina, Gariboldi, Castellazzi. ARBITRO: Khater di Monza Dopo una stagione con pochissimi passi falsi, a Brugherio il CGB di Penta è di scena nei quarti di finale contro il Vignareal dei terribili due: Busnari e Bragalanti. La partita è da subito a ritmi altissimi con un dominio, almeno nella prima parte di gara, da parte dei padroni di casa. La supremazia territoriale del CGB viene premiata dopo appena 5’ grazie alla rete del bomber, Valerio. Ma il Vignareal è duro a morire ed al 24’ trova il pari con Busnari. Al 29’ ci sarebbe l’occasione per invertire completamente le sorti del match, ma Busnari dal dischetto non è freddo e spara alto. Passato lo spavento, nella ripresa il Cgb, prova a giocare più ordinato e con maggiore equilibrio. Il match perde un pochino d’intensità rispetto al primo tempo, ma questo non permette ai padroni di casa di siglare il gol vittoria con Piroddi al 18’. La partita termina dunque 2-1 in favore dei padroni di casa, dopo un match bello e combattuto dove a farla da padrone è stato il tifo sano andato in scena sugli spalti da parte dei supporters di entrambe le squadre. Cosov-Albiatese 5-0 RETI: 8’ Panico (C), 3’ st Panico (C), 10’ st Raimondi (C). 20’ st Panico (C), 30’ st Tutu (C). COSOV (4-3-3): Chiereghini (30’ st Zucca), Villa, Bertilorenzi (12’ st Frigerio), Radaelli (12’ st Lietti), Portaro, Ferlito (21’ st Maisano), Panico (22’ st Prezioso), Raimondi, Romano, Nicoletti (28’ st Bertanozzi), Tutu. All. Romano. A disp Terlizzi. ALBIATESE (4-4-2): Saini, Mandelli, Zotti, Giacosia (17’ st Viganò), Ronchi, Giovanardi, Licata (14’ st Zangirolami), Borrello, Mantovani, Mariani, Del Papa. All. Rossi. ARBITRO: Brasca di Seregno. Sfida sulla carta proibitiva quella che vedeva l’Albatese, prima del girone C, affrontare i terribili aquilotti della Cosov, secondi nel girone A. Dopo 8’ la partita subito si sblocca grazie a Panico, che porta in vantaggio i suoi. L’Albiatese però, almeno nella prima frazione di gara, prova a opporre un’ottima resistenza. Al 29’ i biancorossi avrebbero anche la palla del pari, con Mantovani, ma la sua torsione da corner si stampa sulla traversa. Oltre che la palla, sulla trasversa si stampano anche i sogni di semifinale, visto che nella ripresa la Cosov dilaga. Protagonista assoluto è Panico, autore di una tripletta. Partecipano alla sagra del gol anche Raimondi e il bomber di casa, la pantera nera Erik Tutu, pericolo numero 1 per tutte le difese in questo campionato. Ora In semifinale ci saranno scintille, il tabellone ha decretato Cosov-Cgb, due tra le squadre più in forma del momento e che propongono entrambe un calcio bello e propositivo. La strada che porta alle finali di Carugate è entrata nel vivo. In semifinale gli incroci saranno: Biassono-Bellusco e Cosov-Cgb: una di queste quattro indosserà per una stagione intera la corona ferrea! Valerio Amati
Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400