Cerca

L'intervista

Liscate, le parole di Morris Brambilla: «I ragazzi stanno rispondendo bene alla preparazione, abbiamo buone possibilità di essere protagonisti»

Dopo l'amichevole con la Pro Sesto il tecnico della squadra Under 15 biancoblù guarda con ottimismo al percorso che la squadra potrà fare in campionato

Liscate Under 15

Rosa e staff del Liscate Under 15, squadra allenata da Morris Brambilla

Amichevole di lusso per la squadra Under 15 del Liscate: i ragazzi classe 2007 allenati da Morris Brambilla sono scesi in campo per giocare un match contro la Pro Sesto. In linea di massima, il precampionato ha abituato a partite sulla carta più semplici, ma i biancoblù hanno deciso di cimentarsi con un gruppo di grossa caratura, visto che i sestesi partecipano ai campionati nazionali. Il risultato, effettivamente, ha dimostrato la differenza tra i due gruppi, con la Pro che ha vinto segnando 11 reti e non subendone nessuna. Tuttavia, in quello che ancora per poco si può definire "calcio estivo" ciò che conta è più quello che si vede in campo, piuttosto che il risultato in sé.

E di questo è fermamente convinto il tecnico Brambilla, che al termine del match si è detto comunque soddisfatto: «È vero, il risultato potrebbe far pensare ad una disfatta completa, ma io invece sono soddisfatto e penso che la partita sia andata bene. Questo perché non ci importava il risultato, anzi. Queste gare sono un po' degli esperimenti e devo dire che la squadra sta rispondendo molto bene alle mie indicazioni, riuscendo a riversare in campo quello che proviamo durante gli allenamenti. Poi è chiaro, il divario tra noi e loro era abbastanza importante, non a caso quello della Pro Sesto è un gruppo che disputa i campionati nazionali. Ma per quel che riguarda i miei ragazzi, hanno fatto bene ciò che avevo chiesto e questo mi fa assolutamente ben sperare per il futuro, perché potremo fare cose molto belle».

E proprio riguardo quella che sarà la stagione 2021/2022 e il cammino che farà il Liscate in campionato, Brambilla non ha usato mezzi termini: «Siamo in crescita e so che possiamo ancora migliorarci. Il nostro obiettivo è quello di fare un bel campionato, di vertice. Vogliamo stare lì in alto e cogliere ogni occasione possibile per dire la nostra. Io so che abbiamo le possibilità per fare bene e proprio per questo abbiamo alzato l'asticella delle nostre aspettative, perché abbiamo tutti i mezzi per fare bene ed essere i protagonisti di una stagione che speriamo possa essere da ricordare».

Il tecnico, inoltre, si è soffermato anche sull'aspetto tattico della squadra, spiegando di essere ancora in fase di valutazione perché alcuni dei nuovi innesti devono ancora inserirsi al meglio nel mosaico tecnico-tattico del gruppo: «Al momento, la squadra scende in campo sulla base di un 4-4-2. Per quello che ho avuto modo di constatare, credo che sia il modulo che meglio si sposa con ciò che la rosa ha a disposizione. I nuovi arrivati chiaramente potranno dare qualcosa in più, ma procederemo con calma. Per adesso il 4-4-2 è una soluzione che ci piace e che mi piace, ma se troveremo nuovi approcci, non ci saranno problemi a cambiare schieramento. La cosa importante è dare la possibilità ai ragazzi di esprimersi nel migliore dei modi, e questo è chiaramente un compito che spetta a noi allenatori».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400