Cerca

Sassuolo-Ausonia Under 15: De Crescenzo ne fa due, Pascarella è da Oscar, colpaccio dei milanesi

sassuolo-ausonia_under_15_2
Dilettanti a chi? Dopo la doppia vittoria di settimana scorsa dell'Alcione sull'Atalanta (Under 15 pari età e Under 14 sotto età), oltre alle innumerevoli sfide regionali-professionisti di Serie C (che hanno visto il più delle volte prevalere i primi), l'impresa questa volta è a tinte neroverdi. Un poker coi fiocchi permette all'Ausonia di Mario Di Benedetto di stravincere contro il Sassuolo nella trasferta emiliana, contro una formazione formata sia da classe 2006 (pari età) che da 2007 (sotto età). La partita è stata pressoché a senso unico, indirizzata dopo appena due minuti e chiusa virtualmente prima dell'intervallo. Ad aprire le danze è stato Pascarella, lesto e micidiale nel ribadire in rete un calcio d'angolo di Del Prete, con il centrale classe 2007 protagonista di una partita pressoché perfetta e caratterizzata da grande attenzione in ogni situazione. Il raddoppio porta la firma di De Crescenzo, che arrotonda anche il risultato nel finale. In mezzo il gran gol di Cristini, arrivato a coronamento di un'azione corale sulla sinistra. Per il Sassuolo da sottolineare la prova di Penta, centravanti tecnico e veloce, nonché l'unico ad impensierire la porta difesa da Scano, subentrato nella ripresa a Lattisi. Show neroverde. Che l'Under 15 dell'Ausonia sia tra le migliori squadre lombarde è risaputo ormai da tempo. Certo è che la sicurezza e il talento con la quale i neroverdi approcciano al test match di lusso è quasi impressionante: la conseguenza? Il gol del vantaggio dopo appena due giri d'orologio. Sul calcio d'angolo battuto perfettamente da Del prete è Pascarella il più lesto ad approfittare della disattenzione della retroguardia neroverde, battendo Mantini sotto misura. Un calcio d'angolo battuto perfettamente, il quale è la normale conseguenza quando hai due piedi - sia il destro che il sinistro - che definire educati è dir poco: parliamo di Del Prete. Il perno dell'undici di Di Benedetto è proprio il regista classe 2006, coadiuvato in mediana da Zanca a destra e De Crescenzo a sinistra. La porta - ben difesa da Lattisi - è protetta da una retroguardia di assoluto talento: Braiotta e Di Brisco sono i terzini, mentre la coppia di centrali è formata da Pascarella e Gualtieri. In avanti spazio alla qualità e al talento: sulle corsie ci sono Di Maio e Cristini, mentre la punta centrale è Colombo. Se il vantaggio è stato firmato da un difensore, il raddoppio e il tris sono affari rispettivamente di un centrocampista (De Crescenzo) e un attaccante esterno (Cristini). Il 2-0 arriva al quarto d'ora, quando un'azione manovrata permette a De Crescenzo di accogliere l'invito al gol dentro l'area di rigore, stoppare il pallone e battere Mantini. Il tris, come detto, porta la firma di Cristini. Assistito da un grande Colombo versione assistman, l'esterno neroverde a tu per tuo con l'estremo difensore emiliano è glaciale e firma il 3-0 con un gran diagonale (27'). Gestione e ruggito. Quando sostituisci uno o più componenti a una macchina che funziona a meraviglia il risultato non può che essere lo stesso, se non addirittura migliore. È questo il caso dell'Ausonia. Di Benedetto a inizio ripresa ne cambia ben sette, mantenendo comunque alta la soglia dell'attenzione, nonostante la vittoria praticamente in tasca. In porta c'è l'avvicendamento Lattisi-Scano, sulle corsie spazio a Petruzzelli e Bombara, mentre in coppia con Pascarella c'è Lugani. In mediana Del prete lascia spazio a Gandini, mentre in avanti cambiano i due esterni: dentro Rezk e La Mantia, fuori Di Maio e Cristini. Sono proprio le due ali a rendersi maggiormente pericolose: se il tentativo di La Mantia - lanciato uno contro uno contro il portiere di casa - si fa ipnotizzare da quest'ultimo, quello di Rezk vede come protagonista ancora il portiere del Sassuolo. Nel mezzo un'occasione di testa per Petruzzelli, oltre ad una per Colombo. Sul tentativo del centravanti neroverde, al quale è mancato letteralmente soltanto il gol, fa ancora una bella figura il portiere di casa. Per il poker bisogna aspettare il 33', quando De Crescenzo firma la personale doppietta ribadendo in rete un assist di Rezk. Nel mezzo il primo, nonché unico, tentativo del Sassuolo: sul tiro di Penta è però bravo e attento Scano, che mantiene così la porta inviolata.

IL TABELLINO

SASSUOLO-AUSONIA 0-4 RETI: 2' Pescarella (A), 15' De Crescenzo (A), 27' Cristini (A), 33' st De Crescenzo (A). SASSUOLO (4-3-3): Mantini, Truglia, Acatullo, Benvenuti, Mazzoni, Piccolo, Beltrami, Pirruccio, Penta, Petito, Del Rio. A disp. Filippini, Guerzoni, Seminari, Lattanzi, Taparelli, Mattioli, Rinaldini, Marchesi. AUSONIA (4-3-3): Lattisi (1' st Scano), Braiotta (1' st Petruzzelli), Di Brisco (1' st Bombara), Del Prete (1' st Gandini), Gualtieri (1' st Lugani), Pascarella, Zanca, De Crescenzo (1' st La Mantia), Colombo, Di Maio (1' st Rezk), Cristini. All. Di Benedetto.
Questo articolo è gratis, non hai dovuto pagare nulla per leggerlo, questo perché c'è chi sostiene il giornale. Fallo anche tu, scopri come puoi contribuire andando a questo link

SCARICA LA NOSTRA APPLICAZIONE

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400