Cerca

Under 15

Cheraschese-Monregale: Canavese illude, la premiata ditta Fofana-De Francesco risolve e dilaga: poker nerostellato

I monregalesi partono meglio, rispondono al vantaggio iniziale del diez di casa e rimangono in gara fino al 55': i padroni di casa approfittano degli errori avversari e chiudono un match più duro di quanto pronosticato.

Cheraschese-Monregale: Canavese illude, la premiata ditta Fofana-De Francesco risolve e dilaga: poker nerostellato

Fofana e De Francesco la ribaltano per la Cheraschese

Il calcio è fatto di episodi: a volte basta un centimetro per decidere le sorti di una partita, e alla fine la Cheraschese si impone per 4-1 sul Monregale con le doppiette di Di Francesco e Fofana. Il risultato sembrerebbe parlare d'altro, ma fino a un quarto d'ora dal termine, fissata su un incerto 1-1, la partita si giocava sul filo del rasoio. Aggiungi due chances mancate per un soffio dalla sponda ospite e, una manciata di secondi più tardi, un breve istante per scappare nel buco lasciato dalla difesa e affondare il colpo ed ecco che la partita è improvvisamente un'altra. I nerostellati, partiti in sordina in entrambe le frazioni vengono fuori in crescendo grazie alla tecnica e alla maggiore lucidità, portando a casa tre punti fondamentali dopo il brutto stop di Cuneo, mentre il Monregale di Quinterno non riesce a raccogliere per l'ennesima volta nulla di quanto seminato, come sottolinea il tecnico a fine gara. L'atteggiamento c'è e per la legge dei grandi numeri, fortuna permettendo, arriveranno anche i risultati.

Monregale col piede giusto, poi si svegliano i lupi. Il 3-4-2-1 disegnato da Quinterno e il 4-3-3 di Roldan fin dalle prime battute si fronteggiano specialmente a metà campo: Preite e Kila partono col piglio giusto e riescono a contenere bene la circolazione del pallone avversaria, stroncando sul nascere il palleggio di Verde e Pilutzu; i nerostellati ci provano allora sugli esterni, alternando la visione e il brio di Smecca da una parte alla tenacia di Napoli e alla corsa di De Francesco dall'altra, ma il Monregale risponde a tono con Gerbaudo e Ornato ordinati e bravi a chiudere gli spazi. I ragazzi di Roldan faticano, il Monregale è più pimpante, ma quando si tratta di proiettarsi in avanti a mancare è la lucidità: la fretta, troppo spesso, è cattiva consigliera. I lupi, invece, alla prima occasione utile non si fanno trovare impreparati: De Francesco si guadagna un bel piazzato da posizione defilata, Napoli crossa al bacio per un Fofana liberissimo di incornare là dove Corte non può arrivare. Trovato il vantaggio dopo un avvio più complicato del previsto, la Cheraschese trova coraggio e piglio: la mediana, complice un allentamento dell'intensità da parte degli avversari, ritrova il pallino del gioco, trovando la quadra giusta per penentrare in area. Prima ci prova Napoli con una botta di prima dal limite, a lato di poco, poi Smecca, che trova il pertugio giusto per affondare tra Ornato e Odasso e conclude potente ma centrale, incontrando così la deviazione di Corte sopra la traversa.

Carattere monregalese, lucidità nerostellata. Il copione dopo il vantaggio di casa parrebbe già scritto, ma così com'era avvenuto in avvio di gara, il Monregale entra in campo con più determinazione: questa volta, però, il gol arriva. Dalla bandierina Preite trova coi giri giusti il taglio di Canavese, bravo a smarcarsi da Tibaldi e a impattare per indirizzare a fil di palo: è 1-1. Qualche errore tecnico, tanto in impostazione quanto nelle chiusure persiste da parte ospite, ma in compenso arrivano le chances addirittura per ribaltarla, come al 7', quando Boazzo si avventa su una palla sporca al limite e fa partire un missile terra aria che lambisce la parte alta della traversa. Un moto d'orgoglio, al 15', scuote i padroni di casa, che per poco non ripetono l'identico canovaccio del gol dell'1-0: punizione perfetta di Napoli e stacco imperioso di Fofana, ma la palla stavolta finisce sopra il legno. Si entra nella fase cruciale della partita, con un Monregale per nulla adagiato sugli allori e lanciato a centrare un incredibile sorpasso. Il protagonista è ancora Boazzo, lesto a liberarsi di spalle dalla marcatura di Montà e a concludere in diagonale, ma non abbastanza preciso (per pochissimo) da trovare il palo lontano. La Chersachese, come svegliata dal torpore, si ridesta e trova la chiave per affondare la difesa del Monregale, troppo alta in più di un'occasione: al primo filtrante di Verde su De Francesco, lanciato in profondità, Odasso ci mette una pezza, mentre sul secondo, tradito da un tentativo di anticipo troppo rischioso, Gerbaudo non può fermare la corsa a rete dell'11 di casa, che davanti a Corte non sbaglia. Patita la botta, il Monregale si sfilaccia e lascia ai ragazzi di Roldan la possibilità di chiudere il discorso. L'asse Giachino-Napoli non sbaglia l'affondo né il traversone, su cui Fofana si avventa da rapace, anticipando la lettura di un Corte troppo distratto. La partita è ormai chiusa, ma c'è ancora spazio per la ciliegina dal dischetto di De Francesco, freddo a trasformare sotto l'incrocio. Il punto esclamativo, forse esagerato, su una vittoria sudata e ottenuta con pazienza e carattere, testimonianza più chiara di come ogni partita, in questa categoria, non sia mai da dare per scontata.

CHERASCHESE-MONREGALE CALCIO 4-1

RETI (1-0, 1-1, 4-1): 22' Fofana (C), 2' st Canavese (M), 19' st De Francesco (C), 22' st Fofana (C), 33' st rig. De Francesco (C).

CHERASCHESE (4-3-3): Mollo 6, Eandi 6.5 (4' st Didonna 6.5), Napoli 7 (36' st Bruno sv), Montà 6.5, Tibaldi 6.5 (29' st Gastaldi sv), Pilutzu 6.5, Smecca 6.5 (20' st Giachino 6.5), Verde 6.5 (33' st Samonte sv), Chirica 6 (11' st Georgiev 7), Fofana 7.5 (24' st Gili 6.5), De Francesco 7.5. A disp. Bertini, Irimescu. All. Roldan 6.5. Dir. Giachino.

MONREGALE CALCIO (3-4-2-1): Corte 5.5, Ornato 6.5 (25' st Grosso P. 6), Odasso 6.5 (23' st Grosso S. 5.5), Polesel 6.5, Gerbaudo 6, Kila 6.5, Prette 6.5 (35' st El Quariti sv), Boazzo 6.5, Arciuolo 6, Azdod 6 (23' st Beccaria 6), Canavese 7. A disp. Martinengo, Orioli, Campora. All. Quinterno 6.5. Dir. Canavese.

ARBITRO: Aricò di Bra 6.5.

AMMONITI: 32' Fofana (C), 14' st Arciuolo (M), 25' st Giachino (C).

LE PAGELLE DI CHERASCHESE-MONREGALE

CHERASCHESE 

Mollo 6 Quasi mai interpellato dagli attaccanti avversari, le conclusioni degli ospiti non trovano lo specchio ma si spengono a lato per un soffio. Inoperoso.

Eandi 6.5 Buon lavoro in copertura sulla corsia di destra, contiene a modo Boazzo e Azdod: nessuno squillo dalle sue parti.

4'st Di Donna 6 Entrata in sordina, un po' in affanno sui dribbling di Azdod, si riprende strada facendo limando le sbavature.

Napoli 7 Solito lavoro encomiabile sull'esterno, fatto non solo di tanta corsa e grinta, ma anche di qualità: due assist all'attivo per lui oggi, senza dubbio uno dei migliori in campo per rendimento e decisione nei momenti chiave. 35' st Bruno sv

Montà 6.5 Ha un bel da fare con la fisicità di Canavese, ma regge bene all'urto disputando una prova solida e concentrata.

Tibaldi 6.5 Rocciosità da capitano, solita prova maiuscola eccezion fatta per la disattenzione in marcatura sul gol del pareggio; per il resto tanti anticipi chiave e letture accorte. 29' st Gastaldi sv

Pilutzu 6.5 Partenza con qualche difficoltà, poi prende le misure giuste e vengono fuori tecnica e visione di gioco, cosa non scontata vista la fisicità del centrocampo monregalese.

Smecca 6.5 Il più cercato e ispirato del primo tempo nerostellato, si propone, scambia e prova a creare pericoli risultando una delle armi più affilate del repertorio offensivo di Roldan. Si appanna, comprensibilmente, nel secondo tempo.

20'st Giachino 7 Buon impatto in mediana, da lui parte il passaggio chiave che innesca l'azione del gol del 3-1. Mezz'ala di qualità e spinta.

Verde 6.5 Prende le redini del centrocampo a secondo tempo inoltrato, trovando la chiave giusta per spaccare le linee avversarie e spianare la strada della vittoria. Assist determinante per gli esiti della gara. 33'st Samonte sv

Chirica 6 Tanto lavoro a rimorchio e nei movimenti in appoggio, ma troppo poco peso negli ultimi metri.

11' st Georgiev 6.5 Si propone con piglio davanti, scombinando le carte in area nel finale.

Fofana 7.5 Senso dell'inserimento impeccabile e abilità nel gioco aereo, due skills cruciali per un attaccante completo: gara da applausi per il 10 nerostellato, fondamentale nei momenti decisivi.

24'st Gili 6.5 Sfiora il gol nel finale trovando il palo tra lui e la quarta rete, impatto notevole sul match.

De Francesco 7.5 Quando ha campo aperto è semplicemente devastante. In quanto a freddezza, poi, non è certo da meno: fa 2 su 2, incrociando con maestria, davanti al portiere.

All. Roldan 6.5 Riesce a trovare la chiave per svoltare una partita complicata, riscattando così il brutto passo falso di Cuneo e arrivando al big match di Vinovo col morale risollevato.

MONREGALE CALCIO 

Corte 5.5 Un po' approssimativo negli interventi, sbaglia inoltre i tempi d'uscita lasciando vita facile all'inserimento di Fofana.

Ornato 6.5 Gara d'intensità e impegno costellata da buone e puntuali chiusure. Finché c'è benzina la tenuta dura, poi, viste anche le forze fresche dei padroni di casa, è costretto al cambio.

25' st Grosso P. 6 Contiene come può le folate avversarie, ma la corsia mancina nerostellata è un osso più duro di lui.
Odasso 6 Colto in fallo in due delle quattro situazioni da gol, ma nella sostanza la gara è sufficiente: sforna diversi anticipi decisivi nel primo tempo, contenendo con buoni risultati Chirica.

23' st Grosso S. 5.5 Poco lucido negli interventi e nei posizionamenti, causa il rigore finale con un fallo evitabile da posizione innocua per la difesa.

Polesel 6.5 Uno dei pochi, con Canavese, a sfruttare bene la sua stazza nei calci piazzati; partita difensiva buona, senza troppi fronzoli.

Gerbaudo 6 Commette l'errore più vistoso nel gol del 2-1, ma fino ad allora la sua partita era stata decisamente buona, tanto per l'apporto nelle chiusure quanto per la grande intensità mostrata in campo.

Kila 6.5 Sostanza e quantità in mezzo al campo, contributo decisivo alla marcia in più dei due avvii di frazione; da raffinare in fase d'impostazione, ma i margini di miglioramento sono evidenti.

Preite 6.5 Intercetta le linee di passaggio e anticipa coi tempi giusti le iniziative della mediana avversaria, confezionando inoltre l'assist del pareggio. 35' st El Quariti sv

Boazzo 6.5 Gara in crescendo, sublimata dalle due nitide chances mancate per un niente nella ripresa. Con un po' di fortuna in più sarebbe stato l'eroe di giornata.

Arciuolo 6 Impressionante negli spazi aperti, ma poco concreto quando deve arrivare al dunque. Parte a razzo, poi si spegne progressivamente nel corso della gara.

Azdod 6 Si propone con intelligenza e mostra buon dribbling e rapidità, ma al momento dell'ultimo passaggio talvolta pecca di lucidità.

23' st Beccaria 6 Impatto poco incisivo sulla partita, il fulcro del gioco si sposta da un'altra parte e lui non riesce a imporsi.

Canavese 7 A parte il gol, davvero encomiabile al netto dell'ottima difesa del Cherasco, sforna un'ottima prestazione, fatta di sponde, sacrificio e sportellate.

All. Quinterno 6.5 In un primo momento riesce a trovare la chiave per mettere alle strette la Cheraschese, non riuscendo però, complici alcuni errori decisivi ed un pizzico di sfortuna, a portare a casa l'obiettivo.

Aricò di Bra 7 Direzione oculata, senza sbavature. Giusto il rigore e giusta l'espulsione per proteste a Quinterno, fuorigioco sempre azzeccati.

LE INTERVISTE DI CHERASCHESE-MONREGALE CALCIO UNDER 15

«È stata una partita difficile, se nel primo tempo loro avessero chiuso in vantaggio non ci sarebbe stato nulla da recriminare - commenta Emilio Roldan, allenatore della Cheraschese - Siamo stati bravi a prendere le misure e a trovare una vittoria dopo la brutta sconfitta della scorsa settimana. Loro sono una buona squadra, mi stupisce che abbiano fatto così pochi punti rispetto a quanto hanno fatto vedere oggi».

«Non riusciamo a raccogliere niente di ciò che seminiamo, il copione è sempre questo - osserva laconico Danilo Quinterno, tecnico del Monregale - il risultato è un po' ingeneroso, purtroppo non siamo riusciti a capitalizzare le occasioni create».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400