Cerca

Under 15

Fossano-Nichelino Hesperia: Gosso e Podio sotterrano i torinesi con una marcatura per tempo, troppo timidi i biancorossi

Vittoria tonda e semplice per la squadra allenata da Giachino, che supera il Nichelino con un doppio vantaggio grazie alle marcature di Gosso e Podio

Gosso e Podio (Fossano)

Gosso (a sinistra) e Podio (a destra) sono stati i mattatori di oggi: il primo ha segnato un gol da cineteca, il secondo è stato bravo nello sfruttare il movimento in area e a concretizzare l'assist

È decisamente convincente la prova del Fossano, che dà continuità al proprio operato superando senza troppi fronzoli il Nichelino Hesperia con il risultato di 2-0: la sfida dell'Angelo Pochissimo è stata sotto il (quasi) totale controllo dei Blues, molto efficaci nel trovare sempre le linee di passaggio e a palleggiare costantemente in maniera diligente. Dall'altra, la formazione torinese ha incominciato abbastanza bene, dimostrandosi battagliera soprattutto in fase di interdizione, ma ben presto si è sciolta, andando in difficoltà in primis nella costruzione delle manovre e successivamente nel contenere le iniziative dei fossanesi, sempre più spregiudicati. Il gol di Gosso nella seconda metà del primo tempo ha mandato in confusione i biancorossi, incapaci nel trovare la reazione, mentre la rete a inizio ripresa di Podio ha definitivamente tagliato le gambe alla squadra di Giangreco, poco fortunata inoltre nel colpire un palo negli ultimi venti minuti dell'incontro. 

Il cigno di Fossano. Moduli speculari ma interpretazioni diametralmente opposte: entrambe le squadre in campo adottano il 4-3-3, con il tridente fossanese Bergese-Podio-Gosso contrapposto a quello nichelinese costituito da Stivala-Lepore-Razak. Nonostante l’iniziale equilibrio che avvolge i primi minuti di gara, la compagine guidata da Giachino si rivela ben presto più aggressiva e intenta a cercare la profondità, ai danni di un Nichelino piuttosto timido ma soprattutto confusionario nella gestione della sfera: la squadra di Giangreco si dimosra efficace in fase di interdizione e nei disimpegni, ma fatica a far circolare il pallone come vorrebbe, contro invece a un Fossano capace di palleggiare anche di prima. La prima occasione capita sui piedi di Brizio, che approfitta di un pasticcio di Commis, ma il suo tiro viene facilmente parato da Frattin; poco dopo, è Lepore ad approfittare di un errore nella difesa dei Blues, anche qui però Monticone non fatica ad annullare la minaccia. Dopo il quarto d’ora, i padroni di casa ingranano la marcia e iniziano a produrre sempre più occasioni, come al 16’, quando Berardo tenta la conclusione di prima da fuori area, che però finisce di poco alta. Il risultato si sblocca al 26’, con la punizione calciata dalla destra proprio da Berardo che pesca in area Gosso, il quale conclude al volo in giravolta insaccando la sfera sul secondo palo: un tiro armonioso e imprendibile che supera il portiere e soprattutto sblocca una situazione complicata. Il Fossano ci prende gusto e qualche minuto dopo Podio appoggia verso Bergese, il cui tentativo dal limite dell’area si spegne di poco a lato. Il Nichelino non riesce a rispondere e rischia ancora poco prima del duplice fischio, quando la conclusione ravvicinata di Brizio viene prontamente parata da Frattin, il quale neutralizza anche la ribattuta di Podio.

Podio conclude i giochi. Non occorrono nemmeno dieci minuti alla compagine di casa per trovare la rete del raddoppio: i fossanesi danno vita a una favolosa catena di sinistra, nella quale Gosso scarica su Alfieri, che è bravo a mettere il pallone in mezzo e sui piedi di un solitario Podio, che con il piattone indirizza la sfera alle spalle dell’estremo difensore. 2-0 e partita in totale controllo dei Blues. La squadra di Giachino vuole ampliare il vantaggio e al quarto d’ora il subentrato Lissandro trova l’appoggio su Gosso, che conclude da distanza ravvicinata: solo un grande riflesso con i piedi di Frattin può scongiurare l’ennesima minaccia per la formazione bianco-rossa. Nichelinesi che provano a reagire, approfittando del calo del ritmo dei cuneesi, ma con scarso successo: al 21’ il tiro da lontano di Stivala viene facilmente bloccato dal portiere, mentre sull’assist su punizione di Pislor, D’Agostino non approfitta e calcia male. L’ultima ghiotta opportunità per i torinesi avviene al 28’, quando sugli sviluppi di un calcio d’angolo Asembe svetta su tutti ma per sua sfortuna trova solamente l’esterno del secondo palo. Nemmeno la sorte sorride a Giangreco e ai suoi ragazzi, che subiscono le ulteriori arrembate del Fossano, con grande protagonista Moise, il quale ingaggia un avvincente duello con Frattin, senza mai vincerlo. Sul finale, i Blues trovano addirittura due traverse, con Pellegrino prima (su punizione) e con Berardo poi.
Altri tre punti in saccoccia per Giachino, che dopo il successo di Bra confeziona una vittoria facile facile su un Nichelino Hesperia da recuperare sul piano psicologico. 

IL TABELLINO

FOSSANO – NICHELINO HESPERIA 2-0 
RETI (2-0): 26’ Gosso (F), 9’ st Podio (F). 
FOSSANO (4-3-3): Monticone 6, Brizio 6.5 (34’ st Grassi sv), Pellegrino 6.5, Ujka 6 (20’ st Shita 6), Lika 6.5, Dolcetti 6 (12’ st Ghiso 6), Alfieri 7 (26’ st Dinaj sv), Berardo 7, Podio 7.5 (16’ st Demo 6), Bergese 6.5 (12’ st Lissandro 6), Gosso 8 (20’ st Moise 6). All. Giachino 7.5. A disposizione: Vinai, Scavone. 
NICHELINO HESPERIA (4-3-3): Frattin 6.5, Diamescu 6.5, Commis 6 (3’ st Campolongo 5.5), Peduto 6, Zago 6.5, D’Agostino 6, Razak 5.5 (32’ Pislor 5.5) (25’ st Asembe 6), Portelli 5.5, Lepore 6, Carvelli 6, Stivala 6. All. Giangreco 5.5. A disposizione: Porretta, Fornaciari, Pasinato, David. 
AMMONIZIONI: 6’ st Gosso (F), 19’ st Stivala (N), 36’ st Ghiso. 
ARBITRO: Cerrato di Bra 6: Arbitraggio senza particolari intoppi, buona la gestione degli umori durante i 70’. 

LE PAGELLE

FOSSANO 
Monticone 6 Poco impegnato, si fa trovare pronto nelle rare volte in cui viene interpellato. 
Brizio 6.5 Il motorino del centrocampo Blues: palla al piede è quasi inarrestabile e dà vita a un numero infinito di ripartenze. (34' st Grassi sv). 
Pellegrino 6.5 Partita in crescendo per il terzino sinistro, che diventa sempre più solido e bravo ad arginare le minacce che passano dalle sue parti. 
Ujka 6 Attento nelle chiusure e completare il lavoro difensivo al fianco di Lika. 
20’ st Shita 6 Entra bene, dando una mano alla squadra nel mantenere le misure. 
Lika 6.5 Insormontabile, gioca benissimo di anticipo annullando anzitempo le poche palle offensive dei nichelinesi. 
Dolcetti 6 Fa il proprio dovere sulla corsia di destra senza mettersi particolarmente in mostra. 
12’ st Ghiso 6 Effettua un buon lavoro di contenimento, leggendo con netto anticipo i palloni lanciati dai biancorossi. 
Alfieri 7 Sforna l'assist per il secondo gol fossanese e si rivela sempre nel vivo del gioco grazie alla sua rapidità e alla sua tenacia. (26' st Dinaj sv). 
Berardo 7 Uno dei protagonisti assoluti della gara, detta i ritmi e recupera un ingente numero di palloni, sfortunatamente per lui colpisce la traversa sul finale, che avrebbe potuto coronare la sua prestazione. 
Podio 7.5 Punto di riferimento dell'attacco cuneese, trova un gol da centravanti vero inserendosi coi tempi giusti e rivelandosi una grossa spina nel fianco. 
16’ st Demo 6 Dà il proprio apporto alla causa per far rifiatare i suoi compagni: nel poco tempo a disposizione si muove bene fra le linee e fa ciò che il tecnico gli ha chiesto. 
Bergese 6.5 Solido e caparbio, macina i kilometri sulla fascia destra e impensierisce Commis più di una volta. 
12’ st Lissandro 6 Apporta nuove energie a centrocampo e dialoga bene coi compagni. 
Gosso 8 Il talento del Fossano escogita un modo pazzesco per andare a segno: per il resto, diventa imprendibile palla al piede e trova sempre la via giusta per servire i compagni. 
20’ st Moise 6 Si imtestardisce e cerca di andare a segno in tutti i modi possibili, creando un bel duello con Frattin. 
All. Giachino 7.5 Prestazione pressoché perfetta, non va mai in difficoltà e il palleggio a terra dà degli ottimi frutti: ci sono delle preziose bani per fare bene in campionato. 

NICHELINO HESPERIA 
Frattin 6.5 Il migliore dei suoi grazie all'incredibile numero di parate che tiene a galla il più possibile il risultato. 
Diamescu 6.5 In crescita, mette sempre una toppa al momento più opportuno e i suoi contrasti si rivelano indispensabili. 
Commis 6 Contiene quanto può, anche se in alcuni frangenti finisce per andare in stato confusionale. 
3’ st Campolongo 5.5 Patisce troppo le incursioni dalle sue parti, non riuscendo a garantire l'equilibrio voluto dall'allenatore. 
Peduto 6 Indispensabile il suo lavoro di interdizione davanti alla linea di difesa, decisamente meno bene quando deve impostare e fare ripartire l'azione. 
Zago 6.5 Si rivela solido nonostante le varie offensive del Fossano, bravo a tenere a bada Podio il più possibile. 
D’Agostino 6 Esce bene palla al piede, ma viene sempre accompagnato da alcune insicurezze nella scelta degli interventi. 
Razak 5.5 Non garantisce quell'apporto voluto dal tecnico, che difatti non aspetta l'intervallo per sostituirlo. 
32’ Pislor 5.5 A parte il tentativo di assist su punizione, si vede poco e sparisce nel momento di maggior bisogno. 
25’ st Asembe 6 Entra e "rischia" di mettere la propria firma dopo poco, ma solo il legno può spezzare i sogni di rimonta. 
Portelli 5.5 Va in difficoltà con la stessa facilità con cui "annega" nel centrocampo Blues: non riesce a emergere e risulta limitato. 
Lepore 6 Il più attivo e in forma dei suoi, ma si ritrova dinanzi un Pellegrino in forma smagliante che non lo lascia agire. 
Carvelli 6 Svolge il proprio dovere, specialmente nella pulizia dei palloni in mezzo al campo, ma sul piano del palleggio latita. 
Stivala 6 Punto di riferimento assoluto in avanti, bravo a smistare palloni per i propri compagni agendo spalle alla porta, fatica comunque ad andare alla conclusione. 
All. Giangreco 5.5 La squadra manca di mordente e soprattutto fatica parecchio a far circolare la sfera, costretta fra le maglie fossanesi: c'è da maturare sul piano psicologico, ci si può lavorare col tempo. 

LE INTERVISTE

«Non ci siamo comportati bene, facendo male in fase di impostazione e restando troppo lunghi, faticando così a lavorare fra centrocampo e attacco e ad accorciare palla - ha ammesso Domenico Giangreco (Nichelino Hesperia) - Il Fossano ha pochi punti rispetto alle qualità del collettivo; noi invece abbiamo fatto confusione e abbiamo giocato in malo modo la palla. Nel secondo tempo abbiamo accorciato le distanze ma la loro seconda rete ci ha tagliato le gambe. Infine, siamo stati sfortunati a colpire il palo negli ultimi venti minuti; fatto sta che loro hanno meritato ampiamente». 

«La squadra si è preparata benissimo, si impegna e gioca molto bene il pallone a terra, oggi abbiamo trovato diverse soluzioni e anch un paio di traverse sul finale- ha affermato Stefano Giachino (Fossano) - Penso che ci sarà una svolta d'ora in poi, stiamo accumulando punti e trovando continuità in un campionato piuttosto equilibrato: ai ragazzi dico sempre che i dettagli fan la differenza». 

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400