Cerca

Under 15

La Dominante-Ac Leon: tris nerazzurro formato da Maione, Montan e Liaci, Gentile ci prova ma esce da Monza con un ko

Brambilla e Germinara illudono gli ospiti, che si arrendono alla squadra di Dionisio dopo una partita tirata fino all'ultimo

La Dominante Under 15

La Dominante Under 15 di Dionisio al gran completo prima del fischio d'inizio

Continua imperterrito il cammino dei ragazzi di Dionisio che dopo lo strappo vincente contro i Leoni di Lesmo della Football Leon, superano anche i cugini di Vimercate tra le mura di casa per 3-2. Una gara che, prendendo solamente il risultato, dice di una sfida tirata dove però lo score è dettato principalmente sia in negativo che in positivo dalla formazione di casa. Sul piano del gioco e delle palle gol è decisamente più importante l’apporto de La Dominante che crea tante palle gol, mancando però di precisione e cinismo. La Leon di Gentile, al contrario, cerca di contenere e giocare sul carattere di chi non vuole mollare mai: una determinazione vista in pieno sul rigore conquistato da Penati e dal pari di Brambilla che sembrava poter portare ad un punto d’oro. Alla fine sono decisivi i cambi: Dionisio può godersi un Pellittieri che dalla panchina è nuovamente determinante, cosi come Liaci che nel finale trova il colpo vincente. Altri tre punti, imbattibilità in casa rimasta intatta e vetta mantenuta in solitaria con la terza vittoria consecutiva dopo l’univo pari stagionale ottenuto sul campo della Casatese.

Fortune. Le grandi fortune per La Dominante stanno in un roster dove prevale la tecnica alla fisicità e alla quantità. Spesso si assiste ad organici dove la qualità, purtroppo, viene messa ai margini, preferendo i muscoli che portano a vittorie per inerzia che limitano fortemente la meritocrazia di chi punta sull’estro e la fantasia. Alla fine si torna poi alla solita solfa di chi insegue il gioco “di gusto” a chi invece bada solo al risultato secondo ogni mezzo possibile. Ecco allora che il primo posto figlio di un gioco piacevole, ben architettato in ogni singolo sviluppo è la nota più piacevole per Alessandro Dionisio. Un piacere che prova a metà anche Gentile, lato Leon, per un primo tempo in salita a causa dell’infortunio di Stucchi che regala dopo due minuti un gol facile facile per Montan. I Leoni di Vimercate, nonostante un grande limite tecnico che tocca in primis gli esterni e il reparto difensivo, hanno il pregio di proporre a prescindere il proprio gioco fatto di manovre, spesso poco precise, volte a premiare la densità fatta all’interno del campo. Sforzi che però vengono resi vani dal grande difetto evidenziato sulle situazioni di palla inattiva che portano al raddoppio nero blu con la zuccata decisiva di Maione. Un divario limitato solamente nel finale con un penalty rimediato da Penati, trasformato poi da Germinara, che tiene in vita una gara pare tutt’altro che chiusa.

Conferme. Le sensazioni del finale di primo tempo vengono confermate da subito, con una Domi dormiente dal baricentro basso contro una Leon che prova a ruggire spingendosi bene in avanti alla ricerca del colpo grosso. Ecco allora maturare il secondo episodio di giornata in favore dei ragazzi di Gentile che dopo 6’ minuti ristabiliscono la parità con la complicità dell’ex Vis Nova Mocanu. Palla inattiva dalla lunga distanza della quale s’incarica Cico, traiettoria morbida a scendere che il numero 1 di Dionisio sembra prima trattenere per poi perdere in fase di discesa; si accende cosi una mischia in area dalla quale esce vincitore il guizzo di Brambilla che ha la meglio con il tocco che vale il momentaneo 2-2. Un colpo che solitamente “ammazza” chi lo subisce, ma non nel caso della Domi, già capace di reagire lo scorso weekend in casa della Football Leon sotto di una rete, con una ripresa giocata poi sui soliti ritmi e qualità. Tante le occasioni create dai padroni di casa: prima con Montan che lanciato in campo aperto da Nae si vede murare dal buon intervento di Stucchi, poi con le numerose scorribande sull’out di Pellittieri che però è spesso poco preciso nel rifinire e nell’ultimo passaggio. Il forcing dei nerazzurro viene premiato solamente a pochi minuti dal termine con il solito Nae, che regala l’ennesimo strappo poderoso della sua gara riuscendo ad entrare in area; conclusione respinta dal numero 1 di Gentile e pallone che arriva fuori per il tocco di prima di Liaci che alza la sfera sul secondo palo per il gol vittoria.

IL TABELLINO

LA DOMINANTE-AC LEON 3-2
RETI (2-0, 2-2, 3-2): 2' Montan (L), 16' Maione (L), 27' rig. Germinara (A), 6' st Brambilla (A), 29' st Liaci (L).
LA DOMINANTE (4-2-3-1): Mocanu 6, Parisato 6, Pinciaroli 7, Fino 6, Vertemati 7.5, Maione 6.5, Montan 7 (32' st Moro sv), Venturini 7.5 (27' st Dardes sv), Mustali 6 (14' st Liaci 7.5), Fella 5.5 (6' st Pellitteri 6.5), Nae 8 (34' st Mori sv). A disp. Caiazzo, Bollini. All. Dionisio 7. Dir. Parisato.
AC LEON (4-5-1): Stucchi 6, Sogliaghi 5.5, Nobili 5.5 (34' st Alviggi sv), Deramchi 5.5, Bestetti 6, Brambilla 6 (30' st Ghezzi sv), Penati 7.5, Motta 6.5, Germinara 6 (27' st Del Vecchio sv), Cico 6.5, Ramon 5.5 (32' st Mauri sv). A disp. Marino, Perego, Roccella, Tornaghi, Dalessandro. All. Gentile 6. Dir. Lodi.
ARBITRO: Panarello di Monza 6.5.

LE PAGELLE 

LA DOMINANTE

Mocanu 6 La solita personalità, sempre importante, ed una piccola sbavatura non da lui. Resta il dubbio per una possibile carica subita in area in occasione del 2-2.
Parisato 6 Gara tranquilla fin quando non si scatena Penati che gli crea qualche grattacapo. Nel complesso però la sua è una prestazione positiva.
Pinciaroli 7 Fa la differenza, specie nel momento di massima difficoltà dove fa la voce grossa sulle incursioni di Cico e Germinari. Molto preciso anche palla al piede quando esce dalla difesa.
Fino 6 Avvio propositivo che lascia spazio ad una gara meno votata all'attacco e più al contenimento. Cosa che limita fortemente le sue ottime doti tecniche viste solo in parte.
Vertemati 7.5 Intelligenza tattica di altra categoria: vede prima rispetto agli altri cosa succede sul campo e questo gli permette di trovare tante giocate di qualità e sempre utili a premiare i compagni.
Maione 6.5 Determinante sia in positivo che in negativo, prima con il bel colpo di testa che vale il 2-0 dei suoi, poi con il penalty concesso ai danni di Penati.
Montan 7 Apre al meglio la sua gara sfruttando alla perfezione l'uscita a vuoto di Stucchi. Da qui poi una traversa ed una bella palla gol sprecata a causa del poco cinismo (32’ st Mori sv)
Venturini 7.5 Insieme a Vertemati compone un centrocampo strepitoso. Si prende qualche rischio calcolato che però permette ai suoi di avere maggiore forza poi in fase offensiva (27’ st Dardes sv).
Mustali 6 Tanto sacrificio che vuol dire poca presenza poi in area di rigore. Si dà un gran da fare per supportare i compagni creando tanti spazi sempre utili.
14’ st Liaci 7.5 Si ritrova sui piedi il pallone del 3-2 che con un tocco delicato spedisce sul secondo palo. Colpo decisivo in una ripresa dove è poco incisivo.
Fella 5.5 Le qualità sono importanti, oggi però vengono messe in mostra raramente e difatti è il grande assente di giornata. Fatica ad imporsi li in mezzo nella densità creata dalla Leon.
6’ st Pellittieri 6.5 Deve carburare, poi però è decisivo come al solito. Fisicità determinante e strappi incontenibili che lo portano a creare tante palle gol.
Nae 8 Gara semplicemente perfetta: ogni azione pericolosa dei suoi parte dai suoi piedi. Capacità di dribbling impressionanti, cosi come la grande velocità espressa poi palla al piede cosi come la qualità delle sue giocate (34’ st Moro sv).
All. Dionisio 7 Squadra che gioca un calcio piacevole e votato all'attacco. Tolti i due episodi figli di poca lucidità ed attenzione la gara la fanno i suoi come certificano le tante occasioni non sempre sfruttate al meglio.

AC LEON

Stucchi 6 Da subito poco sicuro come certifica il gol evitabile di Montan o i due corner lasciati scorrere e che potevano rappresentare un grande pericolo. Si rifà oerò in parte nella ripresa con il buon intervento sullo stesso numero 7 e la deviazione dalla quale nasce poi il 3-2 dei padroni di casa.
Sogliaghi 5.5 Alterna giocate utili a momenti in cui, specie in termini di marcatura, è poco preciso ed attento. Li in mezzo è spesso chiamato alla corsa in emergenza per neutralizzare prima Montan poi Nae. Prova incolore ma si riscatterà.
Nobili 5.5 Si trova davanti un cliente scomodo come Nae che gli va via come e quando vuole. Fatiche importanti nella lettura preventiva della situazione di gioco dove arriva sempre in ritardo. Può dare di più e lo dimostrerà (34’ st Alviggi sv).
Deramchi 5.5 Lotta in mezzo al campo cercando di recuperare qualche pallone utile per far ripartire i compagni. Dietro però offre un supporto deficitario alla fase difensiva che fa correre parecchi rischi ai suoi.
Bestetti 6 Della linea difensiva di Gentile è quello che commette meno errori. Affronta molto bene Mustali che da subito viene ben neutralizzato.
Brambilla 6 Tolto il gol in mischia la sua è una gara dove manca di mordente. Li largo a destra è chiamato a dare una mano a Sogliaghi ma con scarsi risultati, in avanti sono poche le sue incursioni o effettivi pericoli creati (30’ st Ghezzi sv).
Penati 7.5 Gioca per due ed è precursore della rimonta dei suoi sia per il rigore conquistato sia per il gran carattere con cui va a fare la guerra su ogni pallone che passa dalle sue parti. Tanto cuore che però alla fine non basta.
Motta 6.5 Una buona fisicità che gli permette talvolta di uscire palla al piede da centrocampo per tentare qualche timida conclusione di poco conto. Buono il suo lavoro li in mezzo al campo sia in contenimento che nel palleggio.
Germinara 6 Da premiare l'atteggiamento mai remissivo e i tanti appoggi intelligenti a favore dei compagni. Davanti a lui un'avversario tosto che lo limita facilmente (27’ st Del Vecchio sv).
Cico 6.5 Sacrificato oggi come terzino basso a sinistra offre però una buona risposta. In fase difensiva qualche errore lo commette ma è comprensibile, in avanti però si propone bene e qualche buono spunto lo offre lo stesso.
Ramon 5.5 Tende ad essere poco presente al centro del campo dove tocca pochi palloni e lavora ad una bassa intensità. Un peccato capitale viste le doti tecniche che non riesce a far prevalere nonostante una buona fisicità (32’ st Mauri sv).
All. Gentile 6 Le idee e il cuore dei suoi ci sono e sono base ottima dalle quali ripartire. Manca attenzione continua, specie in difesa, ed una maggiore forza per un attacco davvero troppo leggero.

ARBITRO

Roberto Panarello di Monza 6.5 Gara amministrata da subito con grande polso e senza grandi problemi. Chiamate sempre corrette e zero episodi dubbi, eccezion fatta per il 2-2 di Brambilla sul quale Mocanu chiama a gran voce la carica subita in area.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400