Cerca

Under 15

Academy Brianza Olginatese-Talamonese: Vinci ispira, Spandrio e Simonetta colpiscono, tripudio ospite

Altra prova positiva in trasferta per i valtellinesi, che sbancano casa bianconera!I brianzoli si svegliano troppo tardi

Davide Vinci

Davide Vinci, grande protagonista della partita

Terza vittoria consecutiva per la Talamonese, che mette "al tappeto" con un rotondo 2-4 l'Academy Brianza Olginatese. Un successo maturato nei secondi trentacinque minuti ma meritato già nel primo tempo dove la formazione di Mazzanti è comunque apparsa più pimpante e incisiva di quella di casa. Gli ospiti esondano nella prima parte della ripresa con tre gol in meno di un quarto d’ora; la reazione dell’Academy Brianza Olginatese c’è ma è chiaramente tardiva e non evita uno stop che rimette in discussione le forze in campo di un campionato assai difficile da decifrare. 

Maglie larghe, piedi freddi. L’inizio di match è già col brivido e non solo per il clima rigido nel quale si gioca. Al primo attacco infatti, dopo meno di un minuto, l’Academy con il colpo di testa di Origo alto di poco, si fa notare. La reazione ospite non manca e si basa prevalentemente sull’asse Vinci–Simonetta. I primi due tentativi (al nono con la ribattuta di Simonetta out dopo che Vinci aveva impegnato Feole e all’undicesimo col cross del numero 10 che “pesca” Simonetta impreciso di testa) vanno a vuoto ma al terzo, la Talamonese passa, stavolta su corner. L’assist dalla bandierina di Vinci trova Simonetta libero di colpire e di insaccare di testa per lo 0-1. La rete subita non desta la Brianza che difende un po’ passivamente e patisce le accelerazioni e la maggior intensità ospite. I gialloblù potrebbero subire il raddoppio al 22’ ma Malugani non è freddo davanti al portiere e così, in una rara disattenzione dei centrali di difesa i padroni di casa pareggiano. E’ il bravo Mylytchuk a incunearsi nello spazio centrale e a battere l’incolpevole Ruffoni. Il tiro alto di Volta poco dopo è impreciso ma sarà un monito per una rabbiosa reazione della Talamonese, che si concretizzerà nella seconda frazione.

Senza appello. La ripartenza dei ragazzi di Mazzanti è di quelle che incidono: al terzo una bella azione sulla destra dell’onnipresente Vinci mette in condizione Spandrio di appoggiare in rete col piattone per l’1-2. Non si tratta di un colpo isolato visto che la difesa della Brianza comincia a sbandare notevolmente. Su una distrazione di Saadaoui, Simonetta prende il tempo e si lancia a rete; Feole lo stende nettamente per l’indiscutibile penalty che lo stesso Simonetta trasforma. I padroni di casa sono in “tilt” e subiscono poco dopo il gol dell’1-4, ancora con Spandrio, ancora lasciato troppo solo dalla difesa. Con tre gol di vantaggio, la Talamonese “stacca la spina” e si ritrae. La Brianza trova un po’ di respiro e imbastisce comunque un ultimo quarto d’ora molto buono con tanti attacchi e buona determinazione. Ruffoni però è sempre attento sulle conclusioni dei padroni di casa ma nulla può sulla bella azione che vede Ladraa dalla destra servire un veloce e preciso pallone per Bonfanti che fa 2-4. Non c’è tempo per riaprire il match che dunque termina con la vittoria ospite. Si conferma così l’ottima attitudine esterna della Talamonese, ancora imbattuta in trasferta e soprattutto alla terza vittoria di fila. Stop inatteso nelle proporzioni invece per l'Academy Brianza Olginatese che, visto comunque il bel finale di gara e alcune buone individualità, può certamente riprendersi da un momento altalenante.

IL TABELLINO

ACADEMY BRIANZA OLGINATESE-TALAMONESE 2-4
RETI (0-1, 1-1, 1-4, 2-4): 15' Simonetta (T), 25' Mylytchuk Vadim (A), 3' st Spandrio (T), 11' st rig. Simonetta (T), 14' st Spandrio (T), 30' st Bonfanti (A).
ACADEMY BRIANZA OLGINATESE (4-4-2): Feole 6, Amato 6.5, Saadaoui 5.5 (23' st Ladraa 6.5), Capobianco 6 (7' st Giussani 6.5), Margutti 5.5, Girardi 6.5, Origo 6 (7' st Marasco 7), Suanno 7 (19' st Rossi 6), Mylytchuk Vadim 7 (28' st Gianni sv), Bordoni 6.5 (19' st Bonfanti 7), Lizzano 6.5 (23' st Maggioni 6). A disp. Della Valle, Ouardi. All. Origo 6. Dir. Girardi.
TALAMONESE (4-4-2): Ruffoni 6, Alberti 7, Acquistapace 6.5, Lestini 6.5 (1' st Simonetta 6.5), Gambetta 7, Vaninetti 6.5, Spandrio 7 (25' st Malugani 6), Ciapponi 6.5 (21' Sutti 6.5), Simonetta 7, Vinci 7.5, Malugani 7 (19' st Bassi 7). A disp. Mazzoni. All. Mazzanti 7. Dir. Speziale.
ARBITRO: Darga di Lecco 6.5.
AMMONITO: Malugani (T).

LE PAGELLE

ACADEMY BRIANZA OLGINATESE

Feole 6 Forse sulle uscite poteva fare di più ma tra i pali ha poche colpe anzi, qualche buona parata c’è.
Amato 6.5 Dal suo lato non è facile passare. Attento.
Saadaoui 5.5 Ha in Volta un cliente scomodo e lo patisce un po’. Disattenzione in occasione del rigore.
23’ st Ladraa 6.5 Volitivo; bello l’assist per il gol di Bonfanti.
Capobianco 6 Gestisce, non commette grossi errori.
7’ st Giussani 6.5 Porta corsa e pressione a centrocampo.
Margutti 5.5 Difesa non perfetta; in qualche occasione troppa libertà agli attaccanti.
Girardi 6.5 Non va per “il sottile” e fa bene, dimostrandosi uno dei più efficaci nel suo reparto arretrato.
Origo 6 Avrebbe potuto aiutare di più in copertura; sufficiente in proposizione.
7’ st Marasco 7 Buone serpentine, qualche dribbling c’è; ingresso ok.
Suanno 7 Riesce sia a proporsi che a tamponare.
19’ st Rossi 6 Entra discretamente in campo. Riesce a “far alzare” la squadra.
Mylytchuk Vadim 7 Ci mette fisico, voglia e soprattutto fa gol, in una delle poche occasioni a disposizione. (28’ st Gianni sv).
Bordoni 6.5 Movimenti giusti, forse non premiati dal suo centrocampo.
19’ st Bonfanti Il gol è la prova di un ingresso in campo coraggioso, all’attacco.
Lizzano 6.5 Ci sono degli slalom e delle sgroppate che seppur non portano a palle-gol sono apprezzabili.
23’ st Maggioni 6 Discreto ingresso in campo. Ci prova.
All. Origo 6 Chiamato a sostituire il “titolare” della panchina, i suoi ragazzi soffrono troppo anche se la reazione finale è più che apprezzabile.

TALAMONESE

Ruffoni 6 Non ha responsabilità sui gol; amministra l’amministrabile.
Alberti 7 Spinge parecchio, bravo anche nel gioco aereo.
Acquistapace 6.5 Fatica a trovare i tempi ma cresce alla distanza; combattivo.
Lestini 6.5 Pressa bene, non soffre quasi mai sulla sua corsia.
1’ st Simonetta Cristian 6.5 Ci prova, con coraggio.
Gambetta 7 Classe e stile a difendere.
Vaninetti 6.5 Sicuro, senza affanni.
Spandrio 7 Nel posto giusto al momento giusto (per due volte).
25’ st Malugani 6 Non ha molti palloni a disposizione, comunque sufficiente.
Ciapponi 6.5 Buona spinta; indubbiamente utile alla fase di costruzione.
21’ st Sutti 6.5 Molto coinvolto nel suo quarto d’ora abbondante. Presente.
Simonetta Claudio 7 Il colpo di testa e il rigore sono gol “facili” ma comunque da fare. Ovviamente promosso.
Vinci 7.5 E’ lui il faro e il motore delle trame offensive. Rapido e dai piedi educati.
Malugani 7 Belle le sue discese a sinistra.
19’ st Bassi 7 Innesto che dà freschezza alla squadra.
All. Mazzanti 7 Squadra “sul pezzo” che mette le basi nel primo tempo e colpisce nel secondo. Finale “rilassato” ma la vittoria era già conquistata da parecchi minuti.

ARBITRO

Darga di Lecco 6.5 Fa correre il gioco un po' troppo ma senza commettere poi errori. Fischia giustamente il rigore.

LE INTERVISTE

Ai nostri microfoni, Origo (che sostituiva oggi l'allenatore "titolare") ammette la sconfitta e la spiega sia a livello tattico che di temperamento: «I nostri avversari ci hanno messo più intensità, inoltre non abbiamo trovato il modulo giusto per stare bene in campo». L'Academy Brianza Olginatese ha in effetti lasciato qualche spazio di troppo senza riuscire a replicare ai colpi ospiti eccettuato per un bel finale arrembante: «Noi proviamo sempre ad attaccare e questa volta abbiamo sì sofferto le loro giocate quando eravamo sbilanciati. Sono contento però per la reazione finale che dimostra che le qualità ci sono». Quali dunque le aspettative di classifica in una stagione e in una partita dalle fasi alterne? «L'obiettivo è mantenere la categoria. Non è facile fare graduatorie, si tratta di un campionato equilibrato dove in un paio di partite gli scenari possono cambiare rapidamente».

Soddisfatto e conscio dei propri mezzi invece, l'allenatore ospite, Mazzanti: «Abbiamo meritato ampiamente ma nel finale dovevamo avere un atteggiamento diverso. Giochiamo sempre per vincere e ci sta subire qualche contrattacco ma mai con rilassatezza». Ora la sua squadra, sta risalendo la classifica e secondo il coach, può legittimamente puntare ai playoff: «L'inizio complicato di stagione è stato anche frutto di un calendario ostico. Abbiamo le potenzialità per stare più in alto e ci proveremo». Dopo tre successi consecutivi e con molte luci e poche ombre la sua Talamonese in effetti non può che lasciare un'impressione e una prospettiva più che positiva.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400