Cerca

Pagelloni Under 15

Girone C: il Mirafiori non sa perdere, Lucento e Alpignano costrette a inseguire

Anche il Paradiso si vuole aggiungere alla festa

Andrea Chiarello, Mirafiori

Il bomber di Maurizio Molinelli

Nel Girone C il Mirafiori di Maurizio Molinelli si è laureato campione d’inverno e sicuramente proverà ad andare via, ma il Lucento di Sandro Ursoleo, il Paradiso di Andra Bava e l’Alpignano di Ermanno Gigliotti non molleranno e daranno battaglia fino alla fine.

MIRAFIORI 10 E LODE La ciurma di Maurizio Molinelli fin qui è sembrata inarrestabile: su 13 partite i suoi ragazzi non hanno mai perso, hanno ottenuto solo risultati positivi, ovvero 11 vittorie e 2 pareggi; ma quello che sorprende di più è il numero delle reti fatte, 68, il migliore del girone e della categoria. Il tutto è più facile ovviamente se puoi contare su un trio delle meraviglie come quello a disposizione di Molinelli: sulle fasce ci sono Simone Guglielmi (13 gol) e Niccolò Parisi (6 reti ma in 9 giornate, in quanto è stato costretto a saltare le ultime partite per infortunio), che con la loro tecnica e le loro accelerate regalano spettacolo ai propri tifosi e numerosi cioccolatini per il terminale offensivo, Andrea Chiarello, che ha già gonfiato la rete ben 14 volte, ed è lui il capocannoniere della sua squadra. Il leader del Mira è il centrocampista Leonardo Pregnolato, che in questa prima parte di stagione ha lasciato il segno già 8 volte, e inoltre è l’uomo a cui Molinelli non ha mai rinunciato, infatti è l’unico della squadra che ha giocato tutti i minuti a disposizione. Inoltre Leonardo ha avuto da poco l’onore di poter partecipare al raduno delle Rappresentative Nazionali tenutosi al Centro Sportivo “Montichiarello”, insieme al suo compagno di squadra e portiere Alessandro Mattrel, che fin qui ha totalizzato 6 clean sheet.



LUCENTO 8.5 I ragazzi di Sandro Ursoleo stanno disputando un signor campionato, sono secondi a -6 dal Mirafiori, ma loro sicuramente non mollano. I rossoblù possono contare su una difesa molto solida, la migliore del girone insieme a quella della squadra di Molinelli, capace di subire soltanto 8 gol: tra i pali si può sempre contare sulle prodezze di Giorgio Losi, che sta sfoderando delle prestazioni davvero mostruose, mentre poco più avanti ci sono Riccardo Barranca e Roberto Melano (3 reti per lui fin qui), che formano una gran coppia di difesa. A centrocampo Adem Arfaoui è una vera e propria diga, con lui non si passa: recupera tanti palloni, è prezioso sia in fase difensiva, che in quella offensiva, come dimostrano i due gol segnati in questa prima parte di stagione. Ma la vera ciccia è tutta in attacco, dove Ursoleo ha a disposizione tanti giocatori di qualità: Federico Greco, che con la sua tecnica può fare letteralmente quello che vuole, nonostante abbia giocato soltanto 8 partite per un infortunio che lo ha tenuto lontano dal rettangolo di gioco per 5 gare, ha fatto 8 gol ed è il miglior marcatore della sua squadra. Oltre a lui ci sono anche Francesco Francioso e Alessio Esposito, che a suon di gol, si stanno dimostrando degli elementi imprescindibili per Ursoleo: il primo è a quota 2 gol in 13 presenze, il secondo invece è arrivato a 4 reti ma in 9 partite. Dalla panchina poi si è rivelato molto utile anche l’attaccante Nathan Amuzu, che con i suoi 2 centri sta dando un grande contributo alla causa rossoblù.


ALPIGNANO 8 Fino alla decima giornata era in alto a giocarsela alla pari con il Mirafiori, ma poi c’è stato un vero e proprio calo per i ragazzi di Ermanno Gigliotti: dopo la vittoria con il Pozzoamaina targata Fabio Ferlazzo, Loris Decolombi e Daniel Ienopoli, sono arrivate le sconfitte con il Paradiso e con il Cenisia e il pareggio con il Rosta. Queste tre partite comunque rappresentano soltanto una piccola macchia per quanto riguarda il girone d’andata della squadra alpignanese, che rimane buono lo stesso. Il bomber di Gigliotti fino ad ora è stato Jacopo Finetti, che ha siglato ben 8 gol in 12 presenze, e poi seguono a ruota Fabio Ferlazzo con 5, e Daniele Salvatore, Cristian Schieda e Gabriele Zanon con 4. A centrocampo è vitale la presenza del giocatore ex Torino, Cristian Ajmar, che con la sua infinita tecnica è capace di tutto: vede cose che gli altri non sono in grado di vedere, e questo, oltre a dei piedi deliziosi, gli permette di imbucare i suoi compagni con dei passaggi che sono dei veri e propri cioccolatini.


PARADISO 8.5 Potenzialmente può piazzarsi al secondo posto a pari merito con i Lucento di Sandro Ursoleo in quanto la squadra di Andrea Bava deve recuperare l’ultima gara di campionato contro il Rosta, e già solo questo dimostra che tipo di stagione stanno facendo i collegnesi. Chi sta facendo molto bene tra le fila del Paradiso sono sicuramente il centrocampista Mattia Pittavino e l’attaccante Paolo Grec: entrambi sono a quota 12 gol, il primo su 11 presenze, mentre il secondo su 12, e insieme stanno trascinando la loro squadra ai piani alti della classifica grazie alle loro prestazioni e alle loro giocate sensazionali. I due tra l’altro sono stati i veri protagonisti nella clamorosa vittoria contro l’Alpignano di Gigliotti: la partita è finita 2-1 per i ragazzi di Bava, e a segno sono andati proprio i due fenomeni, che però sono stati supportati dalle prove importanti di altri ragazzi, come Alberto Romagnoli, Matteo Mazzone, Andrea Dangela e Francesco Zizzo, autori di una gara davvero convincente che ha permesso loro di portare a casa una vittoria memorabile, la più importante della stagione fino a questo punto.


BRUINESE 7.5 I ragazzi di Fabio Tessarin stanno facendo un grandissimo campionato, sono al quinto posto, ma hanno dimostrato di potersela giocare con chiunque, dall’Alpignano fino al Lucento, che ha battuto fuori casa per 0-1 grazie alla rete del capitano Manuel Nucelli. Quella di Tessarin è una vera e propria macchina da gol, non a livello del Mirafiori, ma comunque essere in grado di segnare quasi 40 reti (ne ha fatte 39) non è roba di poco conto, e infatti sotto questo punto di vista, i biancoblù sono al secondo posto nel girone per gol fatti: ne sono una prova i 15 centri fatti dal leader di questa squadra Manuel Nucelli, che questa stagione sta letteralmente incantando ogni singola giornata con le sue giocate fuori dal normale. Oltre a lui si aggiungono alla festa anche l’attaccante Oliver Garrone e l’esterno Cristian Mazzarino, che hanno gonfiato la rete rispettivamente 7 e 5 volte. Un valore aggiunto di questa rosa è sicuramente Cristian Morello, un vero e proprio jolly per Tessarin: il ragazzo infatti sa fare sia il centrocampista che il difensore, posizione in cui attualmente gioca, e ciò che sorprende è la sua capacità nel saper interpretare alla perfezione entrambi i ruoli, un’arma in più per il tecnico biancoblù.


ORBASSANO 7.5 Fino a questo momento la squadra di Roberto Caruso ha navigato in acque più che tranquille, è sesta in classifica con 22 punti, ma le corazzate più avanti non sono neanche così tanto lontane, l’Alpignano per esempio si trova solo a 5 lunghezze di distanza. Proprio con la squadra di Gigliotti è arrivato il risultato più clamoroso del girone d’andata, i ragazzi di Caruso infatti, già alla prima di campionato, sono riusciti a fermare fuori casa gli alpignanesi: 1-1 con Stefano Fossat che risponde a Daniele Salvatore. Oltre a questa rete Fossat, ha gonfiato la rete per altre due volte: la prima nella vittoria casalinga contro il Cenisia, e la seconda nella sconfitta contro il Mirafiori. Così il ragazzo di Caruso occupa la terza posizione nella classifica dei gol fatti dalla sua squadra; gli altri due posti sono occupati da Manuel Lupo e da Giacomo Sacco, che entrambi ha segnato 5 volte in 13 presenze. Sacco tra l’altro è uno dei due ragazzi che per ora ha giocati tutti i minuti possibili, e deve condividere questo primato con il difensore Costantino De Marinis, che ha sfruttato questa possibilità per andare a segno anche una volta, sempre contro il Cenisia, dove oltre a lui e a Fossat, hanno contribuito alla vittoria anche Sacco su rigore e il difensore Daniel Barella.


ROSTA 7.5 In attesa della partita da giocare contro il Paradiso, bisogna fare solo i complimenti alla squadra di Sebastiano Mitola, che nonostante le diverse perdite importanti a causa del mercato, sta affrontando il campionato ottimamente. I biancorossi si sono dimostrati dei veri ossi duri da sfidare, basta chiedere alle prime tre della classe, dove soltanto una di loro è riuscita a ottenere tre punti, ma soffrendo fino alla fine: il Lucento di Sandro Ursoleo e l’Alpignano di Ermanno Gigliotti sono riusciti ad ottenere soltanto un punto , 1-1 in entrambi i casi (per i biancorossi sono andati a segno rispettivamente Alessio Siccardi e Alessandro Aloi), mentre il Mirafiori di Maurizio Molinelli ha vinto 1-0 grazie al gol di Niccolò Parisi al termine di una partite soffertissima e ricca di emozioni. Una delle note più positive della squadra di Mitola è sicuramente il Matteo Genovese, che con 4 clean sheet su 9 partite e diverse prestazioni superlative, si sta dimostrando un super portiere. Oltre a lui un altro ragazzo importante tra le fila di Sebastiano Mitola è l’attaccante Federico Lipartiti, che insieme a Siccardi guida la classifica capocannonieri biancorossa: anche lui è a quota 5 gol, fatti in 12 presenze, e nessuno di questi è arrivato dal dischetto, insomma, un vero e proprio rapace d’area.


CENISIA 7 Se la sta giocando per salvarsi, sta facendo quello che ci aspettava ad inizio stagione. Questa prima parte di stagione la squadra di Secci lo ha conclusa nel migliore dei modi possibili, battendo inaspettatamente l’Alpignano di Gigliotti: la gara è stata decisa dal difensore Giovanni Beatrici che, nel bene e nel male, ha portato tre punti che valgono doppio ai suoi compagni; infatti il ragazzo ha prima segnato un autogol che ha portato in vantaggio la squadra ospite, ma poi si è fatto perdonare con una doppietta pazzesca che ha ribaltato completamente le sorti della gara. Con questi due gol Giovanni ha fatto vedere che oltre a essere bravo a difendere, ha anche un certo feeling con la porta, cosa che però è la caratteristica più importante di altri tre giocatori: vale a dire il centrocampista Andi Dalipi, e gli attaccanti Vittorio Beggi e Simone Di Marzo. Tutti e tre vantano 13 presenze sul rettangolo verde, ma il primo ha 6 gol, il secondo ne ha collezionati ben 7, mentre il terzo ha centrato il bersaglio 5 volte. Con questi numeri il Cenisia può fare delle ottime cose, e la salvezza è ampiamente alla loro portata.

MERCADANTE 6.5 Ha gli stessi punti del Cenisia di Secci, anche per i ragazzi di Sandro Morreale, la salvezza è un obiettivo più che possibile. Con 30 reti fatte è uno dei migliori attacchi del girone, ma tutto lo splendido lavoro fatto in avanti viene poi gettato all’aria da una fase difensiva non perfetta, che ha portato a subire fin qui 33 gol. Si sta caricando tutto il peso della squadra sulle spalle il centrocampista Chafik Joine, che con 7 gol in 13 partite giocate è il leader dal punto di vista realizzativo. Ma i due punti fermi nella scala gerarchica di Morreale sono il difensore Christian Carota (2 gol in 13 partite) e il centrocampista Kevin Vessichelli che hanno giocato tutte le gare dall’inizio alla fine, 910 minuti su 910, delle vere e proprie macchine instancabili. Tra i granata per questa prima parte di stagione è stato protagonista anche Ivan Di Gioia (2 gol in 8 presenze), che per le sue giocate e la sua tecnica è stato notato dalla Pro Vercelli, che ha deciso di prelevarlo in questa finestra di mercato.

VANCHIGLIA 6 Appena sufficiente la prima parte di stagione per la squadra di Marco Olivieri, che ha totalizzato 11 punti, si poteva fare qualcosa in più. I granata hanno un po’ faticato, e per questo si sono già mossi sul mercato con due colpi: dal Lascaris è arrivato il centrocampista Francesco Panaccione, mentre dal Real Orione l’esterno Simone Grosso. Proprio quest’ultimo si è già fatto notare, in quanto al debutto con la squadra di Olivieri è già andato a segno nella vittoria per 5-0 contro il Cit Turin, con la quale i granata hanno chiuso il girone d’andata: hanno fatto gol oltre al capitano ex Orione anche Michele Colaprico, Nicolò Romeo e Daniel Vidili (doppietta). Gli ultimi due sono tra i migliori marcatori della squadra di Olivieri, in quanto hanno centrato la porta rispettivamente 6 e 4 volte: tra i due però c’è un altro ragazzo che li separa nella classifica interna, ovvero il centrocampista Ahmed Shaker che ha la media gol di una rete ogni 2 partite; infatti il ragazzo in 10 presenze ha fatto 5 gol, e tre di questi sono arrivati dagli 11 metri.

SALUZZO 6 Se la sta giocando alla pari con squadre del calibro di Vanchiglia e Pozzomaina, è un ottimo risultato fin qui per i ragazzi di Patrick Depretis. La squadra saluzzese si vuole salvare, e ci sta mettendo anima e corpo per raggiungere questo obiettivo importantissimo. Oltre ad aver ottenuto degli ottimi risultati contro tutte le squadre che sono indietro in classifica, i ragazzi di Depretis sono riusciti a fermare due corazzate come la Bruinese di Fabio Tessarin e l’Orbassano di Roberto Caruso. Con la prima, giocata fuori casa, la partita è finita in pareggio: avevano iniziato bene gli ospiti che hanno trovato la rete che ha sbloccato la gara con Alessio Quaglia, ma un minuto dopo si sono fatti rimontare dai padroni di casa con il rigore realizzato da Cristian Morello, che ha sancito il risultato di 1-1. Stesso risultato anche contro l’Orbassano, dove i ragazzi di Caruso sono andati in vantaggio con Filippo Barberis, ma Pietro Masera ha rovinato la festa con il suo gol, che ha regalato ai suoi uno dei punti più preziosi di questa prima frazione di stagione.

POZZOMAINA 6 Dopo aver faticato tanto nelle prime due uscite, dove sono arrivate due sconfitte (con il Rosta di Sebastiano Mitola e con la Bruinese di Fabio Tessarin) senza nemmeno segnare un gol, sono arrivati i primi punti e le prime reti: 2-2 con il Cenisia (per la squadra di Alfredo Cantone hanno segnato Simone Chiesa e Christian Comoli) e 0-3 contro il Cit Turin (gol di Simone Chiesa, Luca Falzone e Thomas Craciun). Adesso i ragazzi di Cantone sono dodicesimi in classifica, ma rimangono comunque in scia del Vanchiglia di Marco Olivieri e del Saluzzo di Patrick Depretis. Per essere nella parte bassa della classifica la squadra di Cantone non ha subito neanche così tanti gol, ma fa fatica a segnare, c’è bisogno di un attaccante che la butti dentro con più costanza, perché le basi per fare bene ci sono.

BSR GRUGLIASCO 5.5 Di certo non può essere contento per il rendimento della sua squadra Roberto Battaglino, tecnico del Bsr che sta faticando non poco in questo campionato. Pochi gol fatti e tante reti subite, e solo una vittoria, quella contro il Pozzomaina di Alfredo Cantone, che rappresenta di certo il momento migliore per i grugliaschesi: in quell’occasione i padroni di casa hanno vinto 1-0 non solo grazie alla rete di Lorenzo Dal Martello, ma anche a un’ottima prestazione di squadra, dove tutti hanno dato quello che potevano dare, forse anche di più, hanno stretto i denti, e come un vero gruppo hanno portato a casa gli unici 3 punti che sono riusciti a guadagnare.

CIT TURIN 5.5 Anche in questo caso è difficile trovare qualcosa di positivo. La squadra di Tosatto ha collezionato solo una vittoria e lo ha fatto proprio contro il Bsr Gruliasco, rivale numero 1 per quanto riguarda la classifica del girone c: il match è finito 4-1, e i padroni di casa hanno trovato la via del gol ben 4 volte, con Vittorio Dallamolla, Simone Gerbino e Matteo Osoria, autore di una doppietta. Proprio loro tre sono tra l’altro i migliori marcatori del Cit, tutti a quota due gol. Seguono a ruota Alessandro Conte, Alessandro Cau, Federico Sai e Alessandro Crapanzano che, con una rete a testa, stanno dando il loro contributo alla causa in questa stagione complicata.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400