Cerca

Under 15

Gli élite tra i guantoni di Alves: il portiere salva lo Schiaffino e regala la promozione

Il pareggio nel doppio confronto non basta ai canturini contro la formazione di Calderara

Gli élite tra i guantoni di Alves: il portiere salva lo Schiaffino e regala la promozione

Alves Junior Guilherme Para il rigore a Ledda e mantiene la porta inviolata.

Finisce 0-0 la partita tra Centro Schiaffino e Cantù Sanpaolo, con i padroni di casa che, grazie ad un miglior posizionamento in classifica durante la stagione, vincono la finale dei playoff e ottengono la categoria Under 15 Elite. Il match è equilibrato fin dall'inizio e nessuna delle due squadre vuole subire gol per evitare di dover rincorrere il pareggio. I ragazzi di Buschi cercano di sbloccare la partita tramite i corners mentre gli ospiti tramite le punizioni dalla trequarti. Nella seconda frazione le emozioni si intensificano perché i ragazzi di Friuli hanno più occasioni per trovare la rete. Al 19' Alves para il rigore a Ledda e para anche il secondo tentativo del numero 10 di segnare dopo la ribattuta. 5 minuti più tardi Sottocasa tira una sassata dalla distanza e colpisce in pieno la traversa. Dopo diversi tentativi di trovare la rete, finisce la partita, con il boato dei tifosi del Centro Schiaffino che festeggiano un'importante traguardo.

PARTITA IN TOTALE EQUILIBRIO

Il primo tempo che va in scena a Paderno Dugnano viene giocato alla pari da entrambe le squadre. I primi 45 minuti sono caratterizzati da una fase di studio prolungata, che fa si che nessuna delle compagini si scopra per lasciare spazi agli avversari. I padroni di casa sono ben posizionati in campo e cercano di non scoprirsi, per evitare di subire gol, dato che il pareggio basterebbe per vincere questa finale dei playoff. Lo Schiaffino diventa pericoloso nelle palle inattive. Gibin è molto bravo a battere i corners e spesso cerca Bortignon Simone o Santelia per andare a segno, come è successo in diverse occasioni. I ragazzi di Friuli partono leggermente più forti i primissimi minuti ma hanno pochi spazi per colpire gli avversari e quindi fanno fatica a creare azioni pericolose. Il Cantù si crea le opportunità tramite le punizioni dalla trequarti battute da Sottocasa, che cerca sempre di trovare Donadio o Ledda in mezzo all'area, che non riescono ad andare a segno. Al 25' i padroni di casa hanno l'occasione più importante del primo tempo per sbloccare la partita. Gli ospiti escono male in difesa e perdono il pallone, Marascio prova ad approfittarne e riparte palla al piede in contropiede, serve Gibin al limite dell'area che di destro colpisce male e debolmente la palla e Bonaccorso devia in angolo con facilità. Dopo non aver usufruito di un corner per sbloccare il risultato, i ragazzi di Buschi vanno a riposo con il risultato di 0-0.

ALVES PARA UN RIGORE E SALVA UNA STAGIONE INTERA

Nella seconda frazione il Cantù spinge di più e prova in ogni modo a trovare il gol del vantaggio, ma i padroni di casa sono molto composti e solidi in difesa e concedono poco o nulla. Al 2' I ragazzi di Buschi battono un calcio d'angolo pericoloso e Ruggeri riesce ad arrivare al tiro dopo una serie di impalli in mischia, ma la palla finisce di tanto sopra la traversa. Al 10' sempre il numero 7 approfitta di un passaggio sbagliato dagli ospiti al limite dell'area per arrivare a calciare di prima di destro, ma il pallone finisce di poco a lato. Al 14' Ledda riceve la palla da una rimessa laterale in area di rigore, si gira velocemente e prova la conclusione, che Alves blocca con sicurezza. Al 19' si ha l'azione più pericolosa per gli ospiti. Clemente punta un uomo in area e viene atterrato. Dal dischetto va Ledda, che si fa parare prima il rigore e dopo la ribattuta. In questa fase della partita i padroni di casa sono attenti a non subire gol e aspettano l'errore del Cantù per ripartire in contropiede con le forze fresche entrate nella seconda frazione. Al 23' Ruggeri viene lanciato in profondità dai compagni, arriva sul fondo palla al piede e crossa in area per Mauretto, che si trascina la palla sul fondo e spreca questa occasione importante. Un minuto più tardi si ha la seconda chance per i ragazzi di Friuli di andare in vantaggio. Sottocasa prende la rincorsa e con una cannonata di sinistro prova l'eurogol dalla lunga distanza, ma la palla si infrange sulla traversa e nega il vantaggio agli ospiti. Nei minuti successivi Ruggeri prova più volte a rendersi pericoloso con le sue galoppate sulla fascia, ma non riesce mai a trovare l'assist vincente. Negli ultimi minuti gli ospiti hanno molta foga di segnare e sbagliano parecchie manovre e passaggi per la fretta. La partita finisce 0-0, con i padroni di casa che, grazie ad un miglior posizionamento in classifica durante la stagione, accedono alla categoria Under 15 Elite.

IL TABELLINO

Schiaffino-Cantù 0-0
SCHIAFFINO (4-3-3): Alves Junior Guilherme 8, Modugno 6.5, La Manna 6.5, Baldini 6.5 (28' st Santambrogio sv), Santelia 7, Bortignon Simone 7, Ruggeri 6.5 (33' st Schiarea sv), Bortignon Alessandro 6.5 (8' st Capacyachi 6), Marascio 6.5 (15' st Nastase 6.5), Gibin 7 (17' st Mauretto 6), Campese 6.5 (23' st Lenti sv). A disp. Petriccione, Ruse, Dos Santos. All. Buschi 6.5. Dir. Fusi.
CANTÙ (4-2-3-1): Bonaccorso 6.5, Sciessere 6.5 (32' st Shkodra sv), Barhoumi 7, Camagni 6.5, Donadio 7, Audisio 7, Bonaiuto 6.5 (5' st Rumi 6.5), Sottocasa 6.5, Cariboni 6.5 (17' st D'Autilia 6), Ledda 6, Clemente 6.5. A disp. Fietta, Incalza, Curcio. All. Friuli 6.5. Dir. Bonaiuto.
ARBITRO: Marchetto di Gallarate  6.5.
AMMONITI: Capacyachi (S), Donadio (C).

LE PAGELLE

CENTRO SCHIAFFINO

Alves 8 Si supera parando il rigore che salva il risultato e permette alla sua squadra di vincere la finale dei playoff.
Modugno 6.5 Si limita a fare bene la fase difensiva per evitare delle incursioni nella sua zona. 
La Manna 6.5 In difesa non rischia niente e spesso spazza via il pallone per evitare pericoli. Qualche volta prova a spingersi in avanti palla al piede per trovare degli spazi in modo da servire i compagni.
Baldini 6.5 Cerca sempre di farsi trovare libero a centrocampo per provare a girare palla ma Clemente lo marca stretto e non lo fa giocare facile.
Santelia 7 È ben posizionato in campo e fisicamente è insuperabile. Evita ogni pericolo e aiuta Alves a mantenere la porta inviolata.
Bortignon S. 7 Sulla fascia sinistra è difficile da superare. riesce a fare bene sia la fase difensiva che quella offensiva. È bravissimo a saltare di testa in area e molte volte va vicino al gol.
Ruggeri 6.5  Sulla fascia destra è una spina nel fianco per la difesa ospite. Più volte arriva sul fondo in velocità e crossa di destro in area, ma i compagni non ne approfittano. 
Bortignon A 6.5 In campo riesce bene a far girare la squadra e aiuta spesso i compagni in fase difensiva.
8' st Capacyachi 6 In mezzo al campo non toglie mai la gamba e va ad intercettare qualsiasi passaggio e azione del Cantù.
Marascio 6.5
Fa a sportellate tutta la partita e cerca di vincere più scontri fisici possibili per recuperare i palloni nelle vicinanze dall'area avversaria. Non ha vita facile, Barhoumi e Donadio lo marcano bene.
15' st Nastase 6.5 Entra e prova fin da subito a sbloccare la partita, come quando da fuori area al 16' prova la conlcusione, che Bonaccorso para con facilità.
Gibin 7 È bravissimo a battere i calci d'angolo e più volte mette dei palloni perfetti sulla testa dei compagni, che non riescono a superare Bonaccorso.
17' st Mauretto 6 Entra, pressa ogni giocata dell'avversario dall'inizio alla fine e per poco va vicino al gol su uno dei tanti cross di Ruggeri dalla fascia destra.
Campese 6.5 Si fa vedere spesso ed è bravo a servire i compagni nei pressi dell'area avversaria. Anche lui trova pochi spazi e viene chiuso più volte dai ragazzi di Friuli.
All. Buschi. 6.5 I suoi ragazzi sanno di avere a disposizione due risultati su tre e perciò tengono il baricentro basso per lasciare giocare gli avversari e aspettare di punirli in contropiede. I cambi che fa il tecnico nel secondo tempo sono fondamentali per dare forza alla squadra e per resistere agli assalti finali.

Il Centro Schiaffino festeggia l'accesso alla categoria Under 15 elite.

CANTÙ SAN PAOLO
Bonaccorso 6.5 Gioca molto bene tra i pali ed è bravo a trovare i tempi giusti per uscire in modo corretto e anticipare gli avversari.
Sciessere 6.5 Riesce benissimo a fare sia la fase offensiva che quella difensiva e spesso interviene in modo corretto per togliere la palla dai piedi degli avversari.
Barhoumi 7 Ingaggia un duello fisico con Marascio e lo vince. Non si lascia mai far superare dal numero 9 dello Schiaffino e riesce a renderlo innocuo in diverse circostanze.
Camagni 6.5  È il libero del Cantù, riesce a prendere la palla dalla difesa per poi servire i compagni in attacco. È molto bravo a fermare gli avversari che passano dal centrocampo.
Donadio 7 Il capitano gestisce bene il pallone ed è fondamentale nella manovra dal basso della sua squadra. Spesso prova lanci lunghi per ricercare Ledda, anche se difficilmente riesce a trovarlo libero. Sicuramente è uno dei migliori della sua squadra.
Audisio 7 In difesa dà tanta tranquillità a Bonaccorso perchè vince sempre i contransti e spesso usa il fisico per anticipare gli avversari e per evitare che si rendano pericolosi.
Bonaiuto 6.5 Viene cercato spesso dai compagni sulla fascia ma non riesce a muoversi come vuole perchè gli spazi sono pochi e gli avversari sono ben posizionati.
5' st Rumi 6.5 Entra e corre su tutti i palloni lottando in ogni azione. Purtroppo non riesce a trovare il gol per regalare ai compagni la vittoria della finale dei playoff.
Sottocasa 6.5 il gioco a centrocampo passa da lui, anche se spesso per velocizzare la giocata diventa impreciso con i passaggi. Nel secondo tempo tira una sassata che si stampa sulla traversa e va vicinissimo all'eurogol.
Cariboni 6.5 Lotta in mezzo al campo su tutti i palloni e cerca in ogni modo di rubare palloni preziosi per aiutare la squadra a ripartire.
17' st D'Autilia 6 Entra per segnare il gol decisivo ma è costretto a correre dietro agli avversari per recuperare i palloni e non riesce ad incidere come vuole.
Ledda 6 Nel 4-3-2-1 del tecnico Friuli è l'uomo più avanzato. Molte volte è costretto ad abbassarsi per ricevere la palla dai compagni dato che davanti viene marcato in modo stretto dalla difesa dello Schiaffino. Si fa parare sia il rigore che la ribattuta.
Clemente 6.5 Spesso prende la palla e fa delle falcate sulla fascia destra. Si procura sbagliato poi da Ledda.
All. Friuli 6.5 La sua squadra, nel primo tempo, cerca di segnare agli avversari tramite delle punizioni dalla trequarti, senza mai impensierire Alves. Nella seconda frazione provano il tutto per tutto ma mancano l'appuntamento con il gol a causa di un rigore sbagliato da Ledda e una traversa di Sottocasa.

La rosa completa del Cantù.

ARBITRO

Marchetto di Gallarate  6.5 Dirige la partita con maestria e cerca di intervenire il meno possibile per permettere alle due squadre di affrontarsi a viso aperto.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400