Cerca

Under 15 Serie C

Pro Sesto-Pro Patria, Leoni e Kamal protagonisti assoluti della vittoria dei padroni di casa: i sestesi iniziano con i tre punti

Partita a senso unico quella tra Pro Sesto e Pro Patria: i ragazzi di Sacco archiviano la pratica nel primo tempo mettendo a segno una manita che non lascia spazio a repliche

Matteo Leoni Ryan Kamal Pro Sesto Under 15

Ryan Kamal e Matteo Leoni, i migliori in campo nel match della Pro Sesto con la Pro Patria

Parte con un grande sorriso l'avventura della Pro Sesto nel campionato nazionale dell'Under 15, perché i ragazzi di Sacco hanno vinto per 5-0 con gli ospiti della Pro Patria. A far la differenza è stata soprattutto la componente fisica, che ha giocato a sfavore della squadra allenata da Massa: i suoi giocatori hanno purtroppo sofferto lo strapotere fisico dei padroni di casa, che dal canto loro hanno sfruttato questa componente per riuscire ad imporsi a centrocampo e vincere i contrasti per la lotta del possesso. Nel match, però, hanno inciso anche i singoli e in attacco per i sestesi Leoni e Kamal sono stati protagonisti di una prova estrosa e di fantasia: il tandem si è infatti cercato con costanza per tutta la durata del match praticamente, trovandosi molto spesso e mettendo a ferro e fuoco la retroguardia della Pro Patria. Tra le fila degli ospiti bene Gentile e Dugnaghi - quest'ultimo entrato nel corso del primo tempo - che hanno perlomeno avuto il merito di crederci fino all'ultimo, nonostante il risultato e nonostante, alla fine, non siano riusciti ad incidere sulla partita.

Solo una squadra in campo. La partita si mette immediatamente in discesa per i padroni di casa, perché sostanzialmente al primo affondo la Pro Sesto passa in vantaggio con Leoni, che approfitta di un'incertezza del portiere e con un tocco a scavalcare supera l'estremo difensore e dopo una manciata di secondi fa 1-0. Dopo due minuti arriva anche il raddoppio: Kamal riceve palla in area, i difensori non gli stanno addosso e lui ha tutto il tempo per girarsi e, con un unico movimento, battere a rete. Il tiro non era irresistibile e Lorusso poteva fare sua la sfera, ma forse il pallone bagnato lo ha tratto in inganno ed è arrivato il 2-0. I padroni di casa sono in pieno controllo e la coppia di attaccanti combina bene tra di loro: al 12' Leoni imbuca per Kamal, che taglia benissimo e gonfia la rete, ma l'arbitro ferma tutto per fuorigioco; qualche minuto dopo si invertono i ruoli ed è il numero 9 a mandare in rete il compagno, ma Leoni, a tu per tu con il portiere, cicca clamorosamente il pallone. Il tris è però nell'aria e arriva al 16', con Galvan che sfrutta un momento di confusione in area di rigore sugli sviluppi di un calcio d'angolo per provare la conclusione: il portiere della Pro Patria smanaccia via, ma il fischietto di Cinisello Balsamo assegna il gol al difensore, perché la palla ha superato tutta la linea di porta. Al 20' battono un colpo anche gli ospiti, con Gentile che si muove bene palla al piede, entra in area e proba la conclusione a giro, non trovando però lo specchio della porta. Tre minuti dopo le proteste della Pro Patria, che reclama un rigore su una ripartenza: il guardalinee segnala il fallo, ma il signor Bonetti non è dello stesso avviso e lascia proseguire il gioco, tra i dubbi generali. La Pro Sesto non si lascia intimorire e mette a segno il poker quando sono 26 sul cronometro: Lorusso tra i pali respinge un tiro, ma la respinta è corta e soprattutto centrale, dove c'è Sironi, pronto ad avventarsi il pallone: l'attaccante supera con il controllo il portiere che aveva ripreso la posizione come meglio poteva e a porta vuota insacca il 4-0. Due minuti dopo, dunque al 28', arriva la doppietta personale di Leoni: l'azione parte dalle retrovie, con un lancio lungo indirizzato proprio per l'attaccante, che brucia tutta la linea di difesa e si ritrova solo davanti al portiere. La conclusione non è perfetta, anzi, il giocatore in maglia bianca svirgola la palla, ma Lorusso rimane immobile ed il tocco è sufficiente a far rotolare la sfera in rete per quello che sarà il definitivo 5-0.

Ritmi più blandi. Nel secondo tempo non ci sono particolari emozioni. La Pro Sesto parte mantenendo il controllo della partita, anche se spingono evidentemente di meno verso la porta avversaria e, in generale, c'è anche meno precisione negli ultimi metri. Al 10' però si sfiora il 6-0 con Sironi che da calcio di punizione, da circa 16/17 metri, prende la traversa, anche se Lorusso aveva dato l'impressione di poter intervenire sulla palla, se la traiettoria fosse destinata nello specchio. Dopo una prima fase della seconda frazione, il tecnico Sacco opera una girandola di cambi, forse andando a toccare eccessivamente gli equilibri, perché la Pro Patria prende più campo e prova ad affacciarsi sulla propria trequarti offensiva, soprattutto con Gentile, che ha il merito di crederci veramente fino all'ultimo e di lottare su ogni pallone come se il risultato fosse ancora in bilico. I padroni di casa e soprattutto la linea difensiva, però, gestiscono nel migliore dei modi tutte quante le situazioni. La Pro Sesto potrebbe ripartire e fare ancora male, ma l'impressione è i ragazzi in campo non vogliano più affondare più di tanto. L'ultima emozione del match arriva al 35', quando la Pro Patria sfiora il gol della bandiera dopo una bella azione manovrata e avvolgente, ma Marelli manca il pallone per una questione di centimetri. Dopo il tempo di recupero arriva il fischio finale: apre bene il campionato la Pro Sesto, che convince su più punti di vista. Da rivedere invece la Pro Patria, anche se in questo primo match ha giocato un ruolo fondamentale l'abisso di costituzione fisica tra le due squadre.

IL TABELLINO

Pro Sesto-Pro Patria 5-0
RETI: 1' Leoni (Pro S), 3' Kamal (Pro S), 16' Galvan (Pro S), 26' Sironi (Pro S), 28' Leoni (Pro S).
PRO SESTO (4-3-3): Acquarone 6.5, Buccino 6.5 (17' st Bottoli 6), Gallo 6.5 (19' st Cortivo sv), Midolo 6.5 (11' st Castagnola 6), Galvan 7 (19' st Necchi Aielli sv), Nenna 6.5, Ripamonti 6.5 (17' st Sculli 6), Santi 6.5 (11' st Murante 6.5), Kamal 8, Sironi 7, Leoni 8.5 (19' st Perversi sv). A disp. Ronchi. All. Sacco 7.
PRO PATRIA (4-3-1-2): Lorusso 5.5, Seratoni 6 (19' st Pansa sv), Boliati 6, Nabigh 5.5, Tursi 5.5 (29' Dugnaghi 6.5), Gadda 6, Casabianca 5.5 (7' st Sotaj 6), Marini 6 (7' st Lapalombella 6), De Luca 6 (19' st Marelli), Gentile 7, Castiglioni 6.5. A disp. Gadda, Manzatto, Grimaldi. All. Massa 5.5.
ARBITRO: Bonetti di Cinisello Balsamo 5.
ASSISTENTI: Youssef di Cinisello Balsamo e Cornacchio di Cinisello Balsamo.

LE PAGELLE

PRO SESTO
Acquarone 6.5 Poco impegnato per tutta quanta la partita, riesce a restare concentrato per tutta la partita ed a rispondere presente quando chiamato in causa. Da sottolineare il suo continuo incoraggiare i compagni, nonostante il risultato a favore.
Buccino 6.5 Ottima prova la sua: i compiti difensivi da assolvere sono veramente pochi e quindi riesce a spingere parecchio ed a proporsi più volte come soluzione offensiva aggiuntiva, che si tratti di un inserimento o di far partire traversoni per i compagni.
17' st Bottoli 6 Quando entra gli avversari stanno spingendo in maniera leggermente più convinta, dunque deve dare una mano dietro e ci riesce senza particolari brividi, riuscendo a gestire assieme ai compagni tutte quante le situazioni che si presentano.
Gallo 6.5 Un vero e proprio motorino sulla fascia, è sempre pronto a rendersi disponibile per i centrocampisti e gli attaccanti sulla fascia, dimostrando ottime qualità nei piedi oltre ad una tenuta fisica di tutto rispetto. (19' st Cortivo sv).
Midolo 6.5 Prestazione solida, nella quale sbaglia veramente poco ed è in controllo per tutto il tempo. Ogni tocco permette alla squadra di avanzare e di guadagnare metri e anche in fase di interdizione riesce a rompere le trame degli avversari senza andare mai in difficoltà.
11' st Castagnola 6 Anche lui entra quando gli ospiti fanno un po' più possesso e giro palla. Il suo compito è prevalentemente quello di contenere la manovra avvolgente degli avversari e ci riesce molto bene, perché nonostante un atteggiamento più attendista, la Pro Sesto non soffre mai veramente.
Galvan 7 Statuario in difesa, riesce a contrastare tutti quanti, senza farsi mai superare e senza commettere mai scorrettezze. Una prova da vero leader difensivo. A tutto questo, si aggiunge il gol del 3-0, con il quale ha dimostrato anche di avere degli ottimi riflessi in situazioni di confusione. (19' st Necchi Aielli sv).
Nenna 6.5 Anche lui molto bene nel contenere gli avversari: riesce a sfruttare nel migliore dei modi il suo fisico e lo fa valere contro gli attaccanti ospiti. Mai in affanno, ogni giocata è giusta e sensata.
Ripamonti 6.5 A centrocampo intercetta tantissimi palloni e ciò che colpisce della sua gara è la velocità di pensiero, perché palla al piede sa subito su chi scaricare il pallone e si getta poi subito in avanti per entrare negli spazi e provare a far male agli avversari.
17' st Sculli 6 Non brilla particolarmente, ma fa il suo. Lo si vede più nelle ripartenze della sua squadra, perché gioca in posizione molto avanza, ma all'occorrenza ripiega per dare una mano.
Santi 6.5 Partita di sostanza, in cui mette più quantità che qualità, perché va a sradicare un altissimo numero di palloni dai piedi degli avversari, senza commettere fallo, mettendosi costantemente al servizio della squadra.
11' st Murante 6.5 Il suo obiettivo è quello di dare ulteriore solidità alla retroguardia dei padroni di casa ed effettivamente ci riesce, anche perché con la sua fisicità riesce a gestire tutti gli avversari.
Kamal 8 Partita sontuosa la sua, perché in attacco riesce a fare ciò che vuole, svariando su tutto il fonte offensivo: segna, fa segnare, manda in porta gli avversari e, come se non bastasse, è altissimo anche il pressing che esercita sugli avversari. Veramente difficile chiedere di più.
Sironi 7 Tantissima qualità nella sua performance, ma anche un ottimo apporto nei momenti di non possesso: gioca una partita a due volti ed entrambe le fasi sono assolutamente positive, perché sbaglia poco o niente. Dimostra anche grande freddezza in occasione del gol.
Leoni 8.5 La doppietta non deve far pensare che la sua gara sia da ritrovarsi solo nel tabellino: le combinazioni con Kamal sono fantastiche e lui palla al piede fa praticamente ciò che vuole. Non contento della magistrale prova in attacco, decide di esser protagonista anche nei ripiegamenti difensivi, dove con la sua velocità riesce a fermare le ripartenze degli ospiti. (19' st Perversi sv).
All. Sacco 7 Il tecnico mette in campo una squadra che già alla prima di campionato riesce a macinare gioco come se niente fosse. I suoi ragazzi sanno perfettamente cosa fare e lo fanno nel migliore dei modi. Il lavoro è stato tanto e lo si vede: un ottimo inizio.

PRO PATRIA
Lorusso 5.5 Partita difficile la sua, perché costantemente preso di mira dai tiri degli avversari. Non sempre è impeccabile e su alcuni gol poteva far meglio. Tuttavia, giocare la prima di campionato con campo e pallone bagnato per un portiere non è il massimo.
Seratoni 6 Gli avversari dalle sue parti vanno a mille, lui cerca come può di arginare gli avversari e di far sì che non si corrano troppi rischi da quelle parti. Effettivamente, le azioni più pericolose nascono dalle vie centrali, quindi lui il suo lo fa. (19' st Pansa sv).
Boliati 6 Anche lui, come il collega sull'altra fascia, prova a tenere botta alle accelerazioni degli avversari. Cerca di restare concentrato per tutto il tempo e quando la squadra cresce un po' anche lui prova a partecipare alla manovra offensiva.
Nabigh 5.5 Come detto, per vie centrali gli avversari sono devastanti e lui fa abbastanza fatica a trovare un senso nella sua gara, perché costantemente circondato da maglie avversarie. Palla al piede, però, mette in mostra delle qualità geometriche non male.
Tursi 5.5 Gli avversari hanno un passo completamente diverso dal suo, e non riesce assolutamente a mettere un freno alla coppia di attaccanti della squadra avversaria. La sua partita, infatti, finisce dopo appena mezz'ora.
29' Dugnaghi 6.5 Che sia una coincidenza o meno, dal suo ingresso gli avversari non segnano più. Sin dal suo ingresso è palpabile la percezione di una decisamente maggiore solidità difensiva.
Gadda 6 Male male all'inizio, poi col passare dei minuti migliora e riesce a tenere botta alle sortite degli avversari e con l'ingresso di Dugnanghi anche lui ne beneficia.
Casabianca 5.5 Non riesce a giocare una buona partita. Spende tutto fino a quando è in campo e sicuramente ci mette tanta forza di volontà, ma non è in grado di mettere un freno agli avversari.
7' st Sotaj 6 Riesce a districarsi meglio del compagno tra le maglie dei padroni di casa e quando la Pro Patria cerca di avanzare, lui tocca un buon numero di palloni per dare il via alla manovra offensiva.
Marini 6 Partita complicata perché non riesce ad incidere nella partita, però comunque lotta fino a quando ne ha la possibilità e cerca di aiutare come meglio può la linea difensiva.
7' st Lapalombella 6 Nel secondo tempo gli avversari pungono di meno, è vero, ma lui riesce comunque a farsi valere in fase di interdizione e si dimostra una valida alternativa nei momenti di ripartenza, anche se manca un po' di qualità.
De Luca 6 Fisicamente è il più in difficoltà della partita, perché certamente il più minuto in campo. È però intelligente e cerca di sfruttare al meglio il suo fisico, per provare a sgusciare tra gli avversari più piazzati di lui.
19' st Marelli 6 Ha pochi minuti a disposizione, ma ha il merito di lanciarsi spesso in avanti e per poco non segna anche il più classico dei gol della bandiera.
Gentile 7 Degli ospiti è certamente il migliore, perché riesce a fare le sue giocate e cerca in tutti i modi di mettere la sua qualità al servizio della squadra. Purtroppo è poco supportato, ma combatte fino all'ultimo.
Castiglioni 6.5 In attacco si vede poco, perché vista la situazione deve abbassarsi e dare una mano per evitare un tracollo più grave. Mette in campo tanto, tantissimo spirito di sacrificio, e cerca come meglio può di aiutare i compagni più in difficoltà.
All. Massa 5.5 La partita inizia subito male e nonostante l'abisso di fisicità forse qualcosa in più si poteva fare. La strada è lunga e si può sempre correggere il tiro, ma forse qualcosa in più oggi si poteva fare.

ARBITRO
Bonetti di Cinisello Balsamo 5 In una partita relativamente tranquilla, lui perde inspiegabilmente il controllo. Va in confusione poco dopo la metà del primo tempo e sbaglia veramente tanto, ignorando le segnalazioni - invece corrette e puntuali - di uno degli assistenti. Direzione di gara assolutamente da dimenticare.

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400