Cerca

Under 15

Seregno-Giana Erminio: gli ospiti chiudono la Sala-cinesca agli azzurri, pareggio a reti inviolate tra Re e Villa

Decisivo il portiere ospite con un rigore parato e diversi salvataggi ardui. Padroni di casa dominanti ma poco concreti

Lorenzo Sala, Giana Erminio Under 15

Lorenzo Sala, portiere della Giana e uomo partita grazie alle sue parate decisive

Termina con il risultato di 0-0 l'incontro valevole per la quarta giornata di campionato tra il Seregno e la Giana Erminio: partita dominata nei ritmi di gioco dai padroni di casa, che però nell'arco dei settanta minuti non sono riusciti a battere un sensazionale Sala, sia per meriti del portiere gorgonzolese che per mancanza di concretezza nel reparto offensivo seregnese. Pareggio che lascia con l'amaro in bocca la squadra di Nino Re, che non riesce a tenere in classifica il passo della Pro Sesto ancora a punteggio pieno. Giana Erminio invece mai pericolosa sul fronte offensivo e in balia del centrocampo avversario ma a cui va dato il merito di avere retto per tutta la partita senza concedere reti contro una delle squadre più ostiche del girone.

Primo tempo. Prima frazione che sin dal primo minuto tende verso un dominio seregnese, con i padroni di casa subito vicini alla porta durante la prima azione; salvo poi vertere verso una situazione leggermente più equilibrata nel quarto d'ora successivo, con nessuna delle due squadre che crea particolari insidie alla porta avversaria. Con il passare dei minuti però, il Seregno ingrana e trova sempre più spiragli, anche grazie alla rapidità del tandem Camerlengo-Arcieri, bravi a trovare la profondità per ricevere i frequenti passaggi filtranti dalle retrovie. Una delle occasioni più nitide del primo tempo è quando Belladonna ruba palla al terzino avversario sulla trequarti, per poi dribblare lo stesso giocatore e scaricare per un compagno in area, il quale tenta il tiro all'altezza del dischetto, parato da un reattivo Sala. Seregno vicino al gol qualche minuto dopo, quando Camerlengo elude per vie centrali alcuni avversari e tenta il tiro dal limite, respinto in angolo ancora da Sala. Brianzoli che si avvicinano ancora all'area avversaria ma senza trovare lo specchio della porta per il resto della prima frazione, che si chiude quindi sullo 0-0.

Ripresa. I padroni di casa scendono in campo decisi a sbloccare il risultato in una partita dominata: subito alla prima azione infatti impegnano Sala, bravissimo a neutralizzare Camerlengo lanciato da solo in porta. Seregno che continua sulle note della prima frazione a dettare il gioco e a creare più di un pericolo alla porta ospite: il reparto difensivo però è sempre bravo a murare tiri o disinnescare azioni pericolose. Al 23' della ripresa c'è però l'occasione più nitida della partita, con il centrocampista seregnese Fusco atterrato fallosamente in area da un ingenuo intervento di Zerla Di Gennaro, episodio per il quale il direttore di gara fischia un calcio di rigore: sul dischetto si presenta Camerlengo, il cui rigore però viene neutralizzato da un ineccepibile Sala in tuffo. L'ultimo quarto d'ora di incontro trascorre senza particolari pericoli per la porta ospite, ma con il Seregno sempre in possesso palla alla ricerca del gol del vantaggio. L'incontro però termina senza che gli azzurri brianzoli riescano a capitalizzare, sancendo quindi lo 0-0 finale.

https://www.sprintesport.it/under-15-serie-c/2021/10/17/news/giana-erminio-renate-botta-e-risposta-spettacolare-tra-villa-e-de-monte-termina-con-un-3-3-in-piena-zona-cesarini-514275/

IL TABELLINO

SEREGNO-GIANA ERMINIO 0-0
SEREGNO (4-3-1-2): Giorgetti 6, Irrera 6.5 (8' st Potenza 7), Zogno 7, Sala 6.5, Monopoli 6.5, Fusco 7, Belladonna 7 (24' st Gobbi sv), Quaglio 7 (13' st Bamba 7.5), Camerlengo 6.5 (24' st Morici sv), Angiò 6.5 (1' st Savino 7), Arcieri 7. A disp. Lissoni, Campanella, Tarabbia, Morici. All. Re 7.5.
GIANA ERMINIO (4-4-2): Sala 9, Massini 6.5, Sandre 7 (36' st Passoni sv), Mangiagalli 6.5, Triberti 7, De Nicolo 6.5, Brambilla 7, Zerla Di Gennaro 6, Lucifaro 6, Andreoni 6.5, Pascale 6 (34' st Anice sv). A disp. Gatti, Monella, Cuda, Turdo, Muntoni, Biffi. All. Villa 7.
ARBITRO: Vismara di Lecco 7.
ASSISTENTI: Maresca di Milano e Polignano di Milano

LE PAGELLE

SEREGNO
Giorgetti 6 Mai chiamato in causa dal reparto offensivo ospite, mostra comunque discreti rinvii, anche se dovrebbe essere più sicuro nelle uscite.
Irrera 6.5 Contiene molto bene le incursioni sulla sua fascia e spesso nella prima frazione innesca il tandem di punte con alcuni filtranti, anche se a volte non calibrati molto bene.
8' st Potenza 7 Garantisce una certa solidità difensiva, come il compagno, ed è da elogiare come pressi su ogni pallone con un'intensità ammirabile. Sale spesso e dialoga bene con i compagni sulle fasce.
Zogno 7 Prova molto simile a quella di Irrera, con una commistione notevole di fase difensiva e filtranti pericolosi, che nel suo caso sono più efficaci e meglio dosati. Fa nascere alcune azioni pericolose, specialmente nel primo tempo.
Sala M. 6.5 Le offensive avversarie non arrivano spesso dalle sue parti, ma quando ciò avviene non si fa trovare impreparato ed esegue alcuni interventi notevoli.
Monopoli 6.5 Come per il compagno nel tandem difensivo centrale, non si fa notare molto data la penuria di azioni offensive ospiti, ma se chiamato in causa mostra un'ottimo gioco fisico e compostezza nei contrasti.
Fusco 7 Prova di sostanza per il centrocampista, che neutralizza la stragrande maggioranza delle azioni avversarie prima che possano arrivare alla difesa seregnese; inoltre è lui a guadagnare il calcio di rigore che avrebbe potuto decidere la partita.
Belladonna 7 La prima nitidissima occasione da gol della partita passa per i suoi piedi; per il resto si rivela una costante insidia sulle fasce, con un repertorio invidiabile di tecnica e agilità. (24'st Gobbi sv).
Quaglio 7 Esercita un pressing costante durante tutta la sua partita, guadagnando diversi palloni e facendo partire alcune occasioni da gol, grazie alla sua abilità nel dialogare con i compagni e servirli discretamente.
13' st Bamba 7.5 Pressing asfissiante sul centrocampo e sulla difesa avversaria; quasi tutte le migliori occasioni del secondo tempo passano da un suo recupero o da una sua incursione.
Camerlengo 6.5 Esercita pressing discretamente sui difensori avversari, costringendoli ad imprecisi lanci lunghi. Molto bravo a trovare la profondità sui filtranti dei compagni, ma manca di concretezza, tant'è che è lui a sbagliare il rigore. (24' st Morici sv).
Angiò 6.5 Prova più che sufficiente per lui, che mostra una discreta visione di gioco e un dribbling degno di nota. Alcuni passaggi però andrebbero calibrati meglio.
1' st Savino 7 Partita molto buona, nella quale spicca una buonissima capacità di servire i compagni con palloni alti. Inoltre è dotato di un'ottima visione di gioco e un discreto senso della posizione.
Arcieri 7 Riesce sempre a smarcarsi dai difensori avversari per ricevere passaggi in profondità e mostra una buona capacità di superare l'uomo palla al piede. Discreto lavoro da sponda e abile nel tenere palla.
All. Re 7.5 La sua squadra detta il gioco e non concede spazio agli avversari. Si rivela decisiva però la loro mancanza di concretezza e freddezza sotto porta.

GIANA ERMINIO
Sala L. 9 Prova da incorniciare per l'estremo difensore gorgonzolese, con all'attivo diverse parate salva-risultato, tra cui quella decisiva sul rigore di Camerlengo.
Massini 6.5 Soffre l'uno contro uno, ma d'altra parte è autore di recuperi e anticipazioni ottime in momenti cruciali dell'incontro. Discreto anche in fase di spinta.
Sandre 7 Prova rocciosa del terzino sinistro, che dopo un primo momento di assestamento si rende protagonista nella rete inviolata dei suoi con diversi interventi sui portatori di palla avversari.(36' st Passoni sv).
Mangiagalli 6.5 Dà manforte alla difesa quando c'è bisogno, con un contributo non da poco. Pesa però anche la mole di duelli persi a centrocampo, che hanno permesso un predominio netto del centrocampo della squadra di Re.
Triberti 7 Ottima prova del centrale, sempre sicuro e autore di recuperi, anticipazioni e contrasti degni di nota; da evidenziare la prontezza nel murare tiri e cross avversari nella ripresa.
De Nicolo 6.5 Discreta partita anche per lui, che se da una parte perde alcune volte l'avversario sui filtranti avversari, d'altra parte si fa parzialmente perdonare per la rapidità nei recuperi.
Brambilla 7 Svolge bene entrambe le fasi, risultando il più pericoloso dei suoi in alcuni timidi tentativi di azione nel primo tempo e pressando durante tutto l'arco della partita.
Zerla Di Gennaro 6 Commette un'ingenuità che avrebbe potuto costare caro alla sua squadra e per il resto svolge una partita in balia del centrocampo brianzolo; mostra però buone dote difensive e di dialogo con i compagni.
Lucifaro 6 Riceve pochissimi palloni, per cui è difficile giudicare la sua prova, ma fa intravedere delle buone doti da sponda, con capacità nel tenere palla e discreta visione di gioco. 
Andreoni 6.5 Dà un contributo nella copertura della fascia e aiuta spesso i compagni raddoppiando sul portatore di palla. Dimostra anche una buona attitudine nelle incursioni e nella fase di spinta.
Pascale 6 Riceve una quantità di palloni che rasenta lo zero, per cui si vede davvero poco. Si intravedono però buone caratteristiche di dribbling.(34' st Anice sv).
All. Villa 7 I suoi, nonostante il predominio avversario a centrocampo, sono molto bravi a reggere per tutta la partita senza concedere reti. Ci sono spunti di miglioramento, anche se è la fase offensiva quella che ha più bisogno di essere rivoluzionata. 

ARBITRO
Vismara di Lecco 7 
Concede un rigore sacrosanto e, nonostante qualche chiamata errata, gestisce in modo buono una partita nel complesso molto tranquilla, senza cartellini.

LE INTERVISTE

Amareggiato il tecnico brianzolo Re a fine gara: «La partita è stata a senso unico, il problema è che non concretizziamo mai, abbiamo sbagliato anche il rigore. Creiamo tanto ma segniamo poco, e questo è il rammarico più grande». Il tecnico ospite Villa invece: «Sapevamo che sarebbe stata una partita difficilissima e qualche defezione oggi ci ha costretti a giocare in un modo in cui non siamo abituati. I ragazzi hanno retto e nel complesso sono soddisfatto, anche se chiaramente in fase offensiva bisogna fare molto meglio».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400