Cerca

Under 15 Serie C

Sorpasso all'ultima giornata sul campo della prima in classifica: Pantere beffate, passa la Pro

Sorrisi a Vercelli: Caporale e Foti stendono il Renate facendo sfumare l'obiettivo playoff di De Monte

Pro Vercelli Under 15

La festa della Pro Vercelli a fine partita: i ragazzi di Leardi sbancano il Riboldi e si qualificano per gli ottavi di finale

All'ultima curva, in casa della diretta rivale per la qualificazione e al termine di una partita che definire vibrante è dire poco. La Pro Vercelli sbanca il Riboldi, batte 2-1 il Renate e stacca il pass per gli ottavi di finale agganciando proprio le Pantere al secondo posto ma - a parità di scontri diretti dopo il 2-3 all'andata - scavalcandola per la miglior differenza reti. Un trionfo assoluto per i ragazzi del giovanissimo tecnico Riccardo Leardi, che chiude il cerchio magico per il club che aveva già centrato l'obiettivo con i 2005 e i 2006: a mettere la firma sull'impresa dei piemontesi sono Mattia Caporale e Simone Foti, che siglano la vittoria rendendo inutile la reazione nerazzurra con il gol del momentaneo 1-1 a inizio ripresa. Per Alessandro De Monte la delusione è enorme: perché la squadra è mancata proprio sul più bello, ma soprattutto per una direzione arbitrale che ha fatto infuriare il tecnico e tutto lo staff.

NERVI A FIOR DI PELLE

Inutile nascondersi, oggi le due squadre si giocavano tutto il lavoro di una stagione. Ecco la principale spiegazione di una partita che ha stentato a decollare a livello di proposta di gioco ma che ha acceso il cuore e gli animi dei presenti. A patire di più il peso del risultato è il Renate, che di fatto aveva a disposizione due risultati su tre: il 4-2-3-1 "demontiano" con Valerin alle spalle di Del Duca fatica ad accendersi, Longoni prende qualche iniziativa dalla sinistra ma di palle gol non ne arrivano. Sorniona invece la Pro Vercelli, compatta nel suo 3-4-1-2, e brava a colpire alla prima occasione utile: Megna prende una punizione preziosa che calcia Ronzier, sul batti e ribatti che si crea la palla arriva a Caporale che con un mancino rasoterra non perdona Alfieri. La situazione perfetta per i piemontesi, una brutta gatta da pelare invece per un Renate che stenta nella manovra: l'unico che sembra poter accendere la luce è Valerin, ma il suo tiro da lontanissimo al 25' viene addomesticato agevolmente da Ghisleri.

La terna arbitrale della sfida, aspramente criticata dai padroni di casa: al centro Gaetano D'Ambrosio della sezione di Como, a sinistra Aurora Anastasi e a destra Andrea Ricciarini entrambi di Busto Arsizio

RIPRESA AD ALTA TEMPERATURA

De Monte nell'intervallo ridisegna la trequarti: Longoni va a destra, Valerin a sinistra e Ferrari si piazza davanti alla coppia di centrocampisti Gornati-Galimberti dando il cambio a Del Duca. E al 10' il Renate la rimette in equilibrio, anche con un po' di fortuna: punizione da destra di Ferrari, un rimpallo porta la palla sul destro di Pigato che nel tentativo di rinviare insacca invece nella propria porta. L'1-1 qualificherebbe le Pantere, ma la Pro ha qualcosa in più e nel giro di 5 minuti riporta la gara dalla propria parte con i due episodi decisivi: prima il gol del 2-1 con Foti che gira in rete col destro l'assist dalla destra di Pigato, poi il cartellino rosso che il direttore di gara sventola a Tessari per un intervento a metà campo su Ronzier. Con un gol e un uomo in più, la squadra di Leardi avrebbe la qualificazione in cassaforte, ma in questo campionato incredibile (4 squadre che all'ultima giornata avevano la possibilità di occupare i due posti disponibili per gli ottavi) non poteva non esserci il colpo di scena finale: al 35' infatti anche la Pro Vercelli rimane in dieci uomini a causa del secondo giallo comminato a Grillini con ancora tutto il recupero - 6 minuti - da giocare. A portare sulle spalle l'orgoglio renatese è ovviamente Valerin, che sfiora il 2-2 con un bel colpo di testa su una punizione dalla destra nel caldissimo finale: la palla si spegne a lato, come si spengono le speranze di un Renate a cui restano le lacrime per il risultato e la rabbia per come è arrivato. Dall'altra parte, invece, è solo festa: sulle note di «Chi non salta novarese è».

IL TABELLINO

RENATE-PRO VERCELLI 1-2
RETI (0-1, 1-1, 1-2): 22' Caporale (P), 10' st aut. Pigato (P), 18' st Foti (P).
RENATE (4-2-3-1): Alfieri 6, Mariani 6 (1' st Scalzo 6), Oleoni 6.5 (19' st Zaffaroni 6), Gornati 6.5, Aloe 6.5, Stagi 6.5, Longoni 6.5 (19' st Bejenaru 6.5), Galimberti 6.5 (26' st Diana sv), Del Duca 6 (1' st Ferrari 7), Valerin 7, Tessari 6. A disp. Norrito, Porro Lodi, Rigamonti, Mandelli. All. De Monte 6.
PRO VERCELLI (3-4-1-2): Ghisleri 6.5, Baudo 7, Matella 6.5 (11' st Grillini 6), Borghi 7, Demo 7, Megna E. 7 (26' st Di Gioia sv), Savoini 7, Ronzier 7.5, Pigato 7, Foti 8, Caporale 8 (31' st Bassi sv). A disp. Condurache, Bologna, Megna C., Baù, Stacchino, Corsi. All. Leardi 8.
ARBITRO: D'Ambrosio di Como 6.
ASSISTENTI: Anastasi di Busto Arsizio e Ricciarini di Busto Arsizio.
ESPULSI: 23' st Tessari (R), 35' st Grillini (P).
AMMONITI: Ronzier (P), Grillini (P), Mariani (R).

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400