Cerca

L'intervista

France Sport Under 15, il tecnico Christian Piazza punta il mirino in alto: «Il Gavirate è l'unica avversaria da battere»

Dopo aver collezionato solo una sconfitta nello scontro diretto, la formazione di Piazza vuole prendersi la rivincita e conquistare il podio

France Sport Under 15

I ragazzi dell'Under 15 del tecnico Christian Piazza in posa

Tra le concorrenti più interessanti del girone A Under 15 della delegazione di Varese, il France Sport del tecnico Christian Piazza occupa un posto d'onore. Su sette partite giocate, solamente lo scontro diretto contro il Gavirate (0-5) ha macchiato la striscia positiva di risultati ottenuti. Il campo parla: il Gavirate è l'avversaria da battere, e i punti che separano le formazioni sono solo quattro. Da otto anni nelle fila della società, il tecnico Piazza aveva raccontato ad inizio stagione come il percorso dei suoi fosse particolare rispetto alle altre annate, avendo saltato due categorie fondamentali, come quella degli Esordienti e dell'Under 14. Ma dopo aver ottenuto questi risultati, si può ancora dire che questi ragazzi abbiano difficoltà? «Sono sicuramente soddisfatto del percorso che i ragazzi hanno fatto fino ad ora, purtroppo sono dispiaciuto che per il covid siamo ancora bloccati. Siamo secondi a pari merito con un’altra squadra che non abbiamo ancora affrontato. Il Gavirate ci ha battuto onestamente e giustamente, forse un po’ esagerato il 5-0 ma meritava ampiamente la vittoria. Ci stiamo impegnando al meglio per fare qualcosa di diverso, per riuscire a strappare una vittoria anche se da loro so che non sarà semplice. Faremo il possibile. L’obiettivo rimane non perdere nessuna partita e rimanere secondi, giocandocela con il Gavirate». Il gruppo ha realizzato 18 punti in sette match, quali sono i punti di forza? «Direi il gruppo - ha proseguito Piazza - sono ragazzi che si aiutano, sono amici anche fuori dal campo e riescono a trasmetterlo mentre giocano». I punti su cui si può migliorare invece? «Come punti deboli: non essendoci tante squadre forti siamo andati un po’ in palla quando abbiamo incontrato squadre un po' più belle».

In questa formazione di alto livello in cui si mischiano 2007/2008, si sono distinti soprattutto due giocatori: il primo, classe 2008, è Xheta Marsild, cecchino indiscusso del gruppo che, a parer del tecnico, «Si è riconfermato gara dopo gara, purtroppo pecca un po' dal punto di vista fisico ma le sue capacità tecniche lo compensano». Altro giocatore da tenere d'occhio è Gioele Pistillo, «È un 2007 - ha raccontato Piazza - in questo momento la sua forza fisica e preparazione lo stanno aiutando, non a caso è stato chiamato più volte in rappresentativa».

In questo momento di stop, la domanda da porre è solo una: come sta avvenendo la preparazione al ritorno in campo? «Stiamo facendo fatica a dare continuità - ha concluso così Piazza - abbiamo ripreso da qualche settimana ma abbiamo ragazzi malati o in quarantena, in questo momento è difficile ma sperando che le cose vadano meglio sicuramente riusciremo a prepararci per toglierci ulteriori soddisfazioni».

Commenta scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Sprint e Sport

Caratteri rimanenti: 400